Putin ha ordinato la campagna hacker pro Trump

Screditando Clinton e cercando di influenzare le elezioni Usa. Trump ammette l'intervento del Cremlino ma nega qualsiasi aiuto. L'intelligence pubblica i documenti dell'inchiesta

L'ordine è partito direttamente dal Cremlino. Secondo l'intelligence americana sarebbe stato Vladimir Putin a volere una campagna hacker per screditare Hillary Clinton e portare alla Casa Bianca Donald Trump. A dirlo sono gli 007 americani che ieri hanno presentato al presidente eletto Donald Trump un rapporto - reso poi pubblico - con le informazioni raccolte in mesi di indagini sulla Russia e sul suo coinvolgimento nelle elezioni americane.

Alla fine Trump, dopo giorni in cui ha negato ogni evidenza, ha dovuto cedere. L'attacco hacker c'è stato e Mosca ha provato a colpire gli Stati Uniti ma "l'esito delle elezioni non è stato cambiato", ha detto alla fine dell'incontro "costruttivo" con il capo dell'intelligence Usa, James Clapper, e con il direttore della Cia, John Brennan.

Una dichiarazione importante per Trump che ancora una volta, nel pomeriggio in una intervista al New York Times, aveva sostenuto che le questioni russe fossero in realtà "una caccia alle streghe".

Il documento pubblicato dall'intelligence Usa sostiene che Putin abbia "ordinato personalmente una campagna nel 2016 con lo scopo di influenzare le elezioni presidenziali" americane. Una campagna che si è trasformata da "un tentativo di denigrare" Hillary Clinton a "una chiara preferenza nei confronti di Donald Trump". L'inchiesta è stata ordinata dal presidente Usa Barack Obama che gioved" in anteprima aveva letto le conclusioni.

Sempre secondo i documenti pubblicati dall'intelligence, Putin ha dato il via libera ad una azione su più fronti: da azioni di cyberspionaggio ad attacchi hacker fino a trollare costantemente Clinton e gli oppositori della Russia su internet.

Tuttavia, nonostante ci siano chiari segni di accessi ai comitati elettorali locali, non c'è alcuna prova per dire che Mosca sia riuscita a entrare e compromettere il conteggio dei voti lo scorso 8 novembre, il giorno delle elezioni.

Inoltre il rapporto sostiene che "con molta sicurezza" la divisione d'intelligence dell'esercito russo ha creato il pirata Guccifer 2.0 e il sito DCLeaks.com per pubblicare le mail hackerate al partito democratico e al capo della campagna elettorale, John Podesta.

Ma i documenti non portano a nessuna conclusione definitiva. "Non vogliamo fare una valutazione di quale impatto possano avere avuto queste attività sulle elezioni del 2016", si legge nel rapporto. Infine, scrive il New York Times, l'inchiesta non presenta prove incontestabili, cosa che potrebbe dar forza alla schiera di sostenitori di Trump per continuare a credere chr sia tutta una farsa montata ad arte dall'amministrazione Obama.

Altri Servizi

Wall Street, attesa un'altra giornata record

Dopo la pausa per il Presidents' Day, oggi riaprono i mercati. Atteso il Pmi manifatturiero flash
AP

Sono passati 51anni dalla morte di Malcolm X

L'attivista per i diritti degli afroamericani fu assassinato il 21 febbraio 1965 a New York

Cinquantuno anni fa, il 21 febbraio 1965, moriva uno dei più importanti leader per i diritti degli afroamericani e i diritti umani in genere che il ventesimo secolo ricordi: Malcolm X. L'attivista fu assassinato durante un comizio a Manhattan all'età di 39 anni, con sette colpi di pistola, dai membri dell'associazione della quale era un tempo portavoce: la Nation of Islam.

Trump sceglie McMaster come nuovo consigliere per la sicurezza nazionale

Segue Michael Flynn, dimessosi su richiesta del presidente Usa dopo 24 giorni dall'incarico. Il suo successore è considerato uno stratega di punta dell'esercito

Il presidente americano Donald Trump ha scelto uno stratega militare per diventare il suo nuovo consigliere per la sicurezza nazionale al posto di Michael Flynn, costretto a dimettersi dall'incarico dopo 24 giorni per avere fuorviato il vice Mike Pence sulla natura delle conversazioni avute con l'ambasciatore russo in Usa.

Tiffany: l'italiano Trapani entra nel cda

L'ex Ceo di Bulgari aiuterà nella ricerca del nuovo amministratore delegato della catena americana di gioiellerie

La catena di gioiellerie Tiffany ha siglato un accordo con l'investitore attivista Jana Partners in base al quale aggiungerà tre direttori indipendenti nel suo consiglio di amministrazione, che sarà composto da 13 persone e non più 10. Tra di loro, non più tardi dei sei marzo prossimo ci sarà anche l'italiano Francesco Trapani, ex Ceo di Bulgari.

È realtà la tolleranza zero di Trump per gli immigrati irregolari

Due direttive del dipartimento per la Sicurezza interna implementano il piano del presidente Usa; ora, milioni di persone sono a rischio rimpatrio

Quasi tutti coloro che vivono illegalmente negli Stati Uniti potrebbero essere ora soggetti a rimpatrio e molti più immigrati senza documenti arrivati dal confine meridionale saranno incarcerati o rispediti immediatamente in Messico, in attesa di un'udienza in tribunale, invece di essere rilasciati negli Stati Uniti.

Nel Giorno dei presidenti, previste manifestazioni contro Trump

Originariamente, con il Presidents' Day si commemorava la nascita di George Washington; poi Nixon la trasformò nella festa di tutti i presidenti

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, ha naturalmente usato il suo mezzo preferito, Twitter, per augurare agli americani di passare una bella giornata, ribadendo poi il suo slogan elettorale: "Felice Giorno dei Presidenti. Make America Great Again!".

Accordo Yahoo-Verizon su nuovi termini acquisto asset, sconto 350 milioni, chiusura nel II trimestre

Prezzo scende dai 4,83 miliardi inizialmente previsti. Le società condivideranno alcune passività legali e di regolamentazione che emergeranno a causa delle violazioni dei dati subite da Yahoo.

Dopo le indiscrezioni circolate sui media americani è arrivata la conferma: Verizon Communications e Yahoo hanno trovato un accordo per rivedere i termini dell'intesa che porterà il colosso delle telecomunicazioni a comprare gli asset "core", quelli legati a internet, della società guidata da Marissa Mayer.

McMaster, l'iconoclasta scelto da Trump per la sicurezza nazionale

Generale a tre stelle, è stato una voce critica delle decisioni delle autorità, a scapito della sua carriera. Sarà il consigliere del presidente, al posto del dimissionario Flynn

"Un uomo di incredibile talento ed esperienza". Così il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha descritto Herbert Raymond McMaster, lo stratega militare scelto come consigliere per la sicurezza nazionale, dopo le dimissioni di Michael Flynn.

Donald Trump a ruota libera

La conferenza per l'annuncio del nuovo segretario del lavoro si trasforma in uno scontro tra il presidente e i media americani. Per Trump la stampa non racconta agli americani la reale situazione del paese, e scende in campo per difendere il suo operato

Doveva essere una semplice conferenza stampa per annunciare la nomina del prossimo segretario al lavoro - sarà Alexander Acosta, preside della Facoltà di legge della Florida International University - ma si è trasformata in un incontro-scontro con la stampa e i media americani durato oltre un'ora.

Pence ribadisce il sostegno degli Usa all'Ue. Ma basterà?

Il vicepresidente ha voluto di nuovo rassicurare Bruxelles, ma Trump ha dimostrato di non avere a cuore le sorti dell'Unione europea

L'impegno degli Stati Uniti nei confronti dell'Unione europea "è saldo e duraturo". Lo ha dichiarato il vicepresidente Mike Pence, che anche a Bruxelles ha assicurato che Washington non cambierà direzione con Donald Trump alla Casa Bianca, come già fatto a Monaco di Baviera alla Conferenza sulla sicurezza.