Pyongyang apre agli Usa: "pronti a dialogare alle giuste condizioni"

Lo ha detto Choe Son-hui, direttore generale dell'Ufficio sui rapporti con gli Usa del ministero degli Esteri di Pyongyang

La Corea del Nord apre agli Stati Uniti definendosi pronta ad avere colloqui con l’amministrazione di Donald Trump ma solo "alle giuste condizioni". A riportarlo è l’agenzia di stampa sudcoreana, Yonhap, che ha seguito Choe Son-Hui, direttore della divisione "America del Nord" del ministero degli Esteri di Pyongyang, nel suo viaggio da Oslo a Pechino.

Come riportato da Cnn, la funzionaria nordcoreana ha guidato la delegazione di Pyongyang che ha incontrato proprio nella capitale norvegese un gruppo di esperti americani con a capo Suzanne DiMaggio, direttore del think-tank New America. Del gruppo americano hanno fatto parte anche Thomas Pickering, ex ambasciatore americano all'Onu, e Robert Einhorn, special advisor del Dipartimento di Stato per la non proliferazione e il controllo delle armi.

Choe, di ritorno a Pyongyang, ha confermato di aver "incontrato Pickering" specificando che ne discuterà quando ne avrà "l'occasione in futuro". In merito al nuovo presidente sudcoreano Moon Jae-in e alla richiesta di chiarimenti su eventuali preparativi per il dialogo, Choe ha affermato che  la Corea del Nord "osserverà la situazione".

L’apertura di Pyongyang segue le dichiarazioni di Donald Trump rilasciate qualche settimana fa a Bloomberg News con cui si era detto "pronto a incontrare Kim Yong Un alle giuste condizioni", definendosi addirittura "onorato" da quest’opportunità.

Tornando alle parole di Choe e agli incontri avvenuti ad Oslo, il governo americano, tramite dichiarazioni ufficiali rilasciate dal Dipartimento di Stato a Yonhap, ha detto di non aver dato alcun rilievo o peso particolare agli incontri avvenuti in Norvegia. Secondo Washington si tratta di colloqui noti come "track two" e basati su un modello di confronto tra le delegazioni "fatte a vario titolo da indipendenti e funzionari" collegati all'amministrazione americana.

 

Altri Servizi

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Il caffè migliore? Per illy arriva da Honduras

Consegnato a New York l'annuale Ernesto Illy International Coffee Award, giunto alla seconda edizione

Dopo una serie di degustazioni alle Nazioni Unite fatte da una giuria indipendente di esperti internazionali, illycaffè ha premiato i chicchi di caffè coltivati da José Abelardo Diaz Enamorado dell'Honduras. Sono loro ad essere stati giudicati come “Best of the Best” tra i migliori raccolti della stagione 2016/2017. Per questo al coltivatore è stato consegnato il 2017 Ernesto Illy International Coffee Award, un riconoscimento annuale voluto dal gruppo triestino e giunto alla sua seconda edizione.

Ibm chiude il 22esimo trimestre con ricavi in calo

Bene le attività legate ai cosiddetti "imperativi strategici" tra cui il cloud. Conti sopra le stime degli analisti

E' da oltre cinque anni di fila che International Business Machines (Ibm) registra ricavi in calo su base annuale ma il gruppo - da tempo impegnato in una trasformazione con un focus sui servizi tecnologici e non più sull'hardware soltanto - è ottimista tanto da avere confermato le stime per il 2017. La conferma è arrivata con i conti del terzo trimestre del 2017, pubblicati dopo la chiusura di Wall Street e che hanno battuto le stime degli analisti: gli utili netti sono stati di 2,7 miliardi di dollari, in flessione del 4% su base annuale. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione si sono attestati a quota 3,30 dollari, meglio dei 3,29 dollari per azione previsti dal mercato.

Bannon va in guerra contro l'establishment repubblicano e predice: "Trump trionferà nel 2020"

Per l'ex stratega della Casa Bianca, il presidente "vincerà con 400 voti elettorali". "Faremo la guerra a tutti i repubblicani in carica, tranne Cruz"
AP

Donald Trump vincerà le elezioni del 2020 con "400 voti elettorali". La previsione è dell'ex stratega del presidente degli Stati Uniti, Stephen Bannon, che ha parlato al Values Voter Summit, un evento organizzato dai conservatori sociali a Washington. Si è trattato di una risposta a un articolo di Vanity Fair, secondo cui Bannon avrebbe detto in una conversazione privata che il presidente avrebbe solo "il 30%" di possibilità di finire il primo mandato. Per conquistare la Casa Bianca, servono 270 dei 538 voti elettorali (o 'grandi elettori') e, alle ultime elezioni, Trump ne ha ottenuti 304. Un altro ex componente della squadra di Trump, Sebastian Gorka, si è spinto oltre: gli otto anni di Trump saranno seguiti da "otto anni sotto il presidente [Mike] Pence", l'attuale vicepresidente.

Wall Street, altra giornata di record

Il DJIA ha messo a segno il 50esimo massimo del 2017
AP

Netflix: gli iscritti al di fuori degli Usa spingono i conti

Nel terzo trimestre conquistati 5,3 milioni di nuovi abbonati di cui 85mila in Usa e 4,45 milioni all'estero. Utili +150% a 130 milioni di dollari; ricavi +30,3% a 2,98 miliardi. Anche l'outlook superara le stime degli analisti
AP

Il titolo Netflix nel dopo mercato a Wall Street ha viaggiato a livelli record grazie alla pubblicazione di una trimestrale caratterizzata da un boom di nuovi utenti e da ricavi superiori alle stime. Se gli utili hanno leggermente deluso, colpa di investimenti pesanti, anche le guidance fornite dal sito di video in streaming sono risultate migliori del previsto. E come se non bastasse, il gruppo ha detto che investirà 7-8 miliardi di dollari in contenuti nel 2018 e che ha impegnato 17 miliardi di dollari per i prossimi anni, prova che la programmazione originale è vista da Netflix come un modo per sfidare i rivali - citati esplicitamente - come Amazon, Apple, Facebook e Walt Disney (che lancerà servizi propri in streaming e che metterà fine all'accordo di distribuzione proprio con Netflix).

Ecco la startup di New York che porta nel cloud il guardaroba a noleggio

Con 89 dollari al mese, Rent the Runway permette di scegliere quattro capi. Lanciato il primo spot con cui preannuncia la fine delle cabine armadio
Rent the runway

Già considerata una sorta di airbnb delle passerelle, una startup americana punta a rivoluzionare il mondo della moda. Rent the Runway, questo il suo nome, ha ampliato la sua offerta: tra i capi di abbigliamento che mette a disposizione a noleggio non ci sono più solo quelli dedicati a cerimonie ma anche alla vita di tutti i giorni. E infatti, con la sua prima campagna pubblicitaria appena lanciata, domanda a varie donne cosa faranno con le loro cabine armadio una volta che inizieranno a usare il servizio del gruppo. "A Rent the Runway non pensiamo che [la cabina armadio] esisterà in futuro", ha spiegato a Cnbc Jenn Hyman, Ceo nonché una delle cofondatrici.

Casa Bianca: taglio aliquote aziendali sosterrà i salari. I democratici: matematica fake

I consiglieri economici di Trump sostengono che riducendola al 20% dal 35%, i redditi delle famiglie saliranno almeno di 4mila dollari l'anno
AP

La Casa Bianca torna a difendere la riforma fiscale presentata a grandi linee alla fine di settembre e che Donald trump conta di portare a casa entro la fine del 2017.

Trump, altro colpo all'Obamacare: taglia i fondi per le polizze ai poveri

Annunciato ore dopo la firma di un ordine esecutivo sulla sanità, con cui il presidente ha compiuto il primo passo per smantellare la riforma del predecessore

L'amministrazione Trump, con un annuncio arrivato in serata, ha reso noto di aver deciso di porre fine ai fondi per le compagnie assicurative, che li usavano per poter offrire polizze sanitarie a costi molto ridotti ai più poveri sui mercati creati dall'Obamacare. Ore prima, il presidente Donald Trump aveva firmato un ordine esecutivo con cui apriva la strada a un ritorno ad alcune vecchie regole, compiendo il primo passo verso lo smantellamento della riforma di Obama, vista l'incapacità del Congresso, a maggioranza repubblicana, di riuscirci.

Utile Goldman Sachs sale e batte le stime, nonostante rallentamento trading

L'istituto ha visto salire utile e fatturato, battendo le stime degli analisti, senza risentire troppo del rallentamento delle attività "core", ovvero quelle di trading.

Sale a Wall Street il titolo di Goldman Sachs, ultima delle grandi banche americane a pubblicare i conti del terzo trimestre. L'istituto ha visto salire utile e fatturato, battendo le stime degli analisti, senza risentire troppo del rallentamento delle attività "core", ovvero quelle di trading.