Pyongyang apre agli Usa: "pronti a dialogare alle giuste condizioni"

Lo ha detto Choe Son-hui, direttore generale dell'Ufficio sui rapporti con gli Usa del ministero degli Esteri di Pyongyang

La Corea del Nord apre agli Stati Uniti definendosi pronta ad avere colloqui con l’amministrazione di Donald Trump ma solo "alle giuste condizioni". A riportarlo è l’agenzia di stampa sudcoreana, Yonhap, che ha seguito Choe Son-Hui, direttore della divisione "America del Nord" del ministero degli Esteri di Pyongyang, nel suo viaggio da Oslo a Pechino.

Come riportato da Cnn, la funzionaria nordcoreana ha guidato la delegazione di Pyongyang che ha incontrato proprio nella capitale norvegese un gruppo di esperti americani con a capo Suzanne DiMaggio, direttore del think-tank New America. Del gruppo americano hanno fatto parte anche Thomas Pickering, ex ambasciatore americano all'Onu, e Robert Einhorn, special advisor del Dipartimento di Stato per la non proliferazione e il controllo delle armi.

Choe, di ritorno a Pyongyang, ha confermato di aver "incontrato Pickering" specificando che ne discuterà quando ne avrà "l'occasione in futuro". In merito al nuovo presidente sudcoreano Moon Jae-in e alla richiesta di chiarimenti su eventuali preparativi per il dialogo, Choe ha affermato che  la Corea del Nord "osserverà la situazione".

L’apertura di Pyongyang segue le dichiarazioni di Donald Trump rilasciate qualche settimana fa a Bloomberg News con cui si era detto "pronto a incontrare Kim Yong Un alle giuste condizioni", definendosi addirittura "onorato" da quest’opportunità.

Tornando alle parole di Choe e agli incontri avvenuti ad Oslo, il governo americano, tramite dichiarazioni ufficiali rilasciate dal Dipartimento di Stato a Yonhap, ha detto di non aver dato alcun rilievo o peso particolare agli incontri avvenuti in Norvegia. Secondo Washington si tratta di colloqui noti come "track two" e basati su un modello di confronto tra le delegazioni "fatte a vario titolo da indipendenti e funzionari" collegati all'amministrazione americana.

 

Altri Servizi

Trump: assoluta solidarietà al Regno Unito, i terroristi perdenti malvagi

Il presidente Usa ha commentato da Betlemme l'attentato di Manchester
AP

Donald Trump ha espresso "assoluta solidarietà" al Regno Unito dopo l'attentato a Manchester, costato la vita a 22 persone. Il presidente statunitense, che ha parlato al fianco del presidente palestinese Abu Mazen a Betlemme, ha definito "perdenti malvagi" gli autori di questo ultimo attentato e in generale chi compie atti terroristici: "Non li chiamerò mostri perchè a loro farebbe piacere - ha detto - da ora in poi li chiamerò perdenti malvagi, perchè questo sono, dei perdenti, ricordatelo".

Wall Street, si va verso il quarto giorno di rialzi

Il rialzo di ieri ha riportato in positivo il mese di maggio per S&P e Nasdaq
AP

Ford cambia Ceo: fuori Fields, promosso Hackett

Gruppo messo sotto pressione dagli investitori
Ford Motor

E' ufficiale. Ford Motor ha scelto il suo nuovo amministratore delegato e presidente al posto di Mark Fields (56 anni), messo sotto pressione dagli investitori dopo tre anni alla guida del gruppo durante i quali ha visto il titolo perdere il 40% in borsa. Si tratta di Jim Hackett (62 anni), che risponderà al presidente esecutivo Bill Ford e con cui si concentrerà su tre priorità: "rafforzare la strategia operativa, modernizzare il business attuale e trasformare l'azienda per affrontare le sfide di domani". Lo ha spiegato Ford in una nota.

Il viaggio di Trump in Israele: pace in Medio Oriente e lotta all'Iran

Continua la prima trasferta del presidente americano, che domani vedrà il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas. Più volte attacca Teheran, che definisce una minaccia alla stabilità della regione
AP

Dopo aver iniziato la sua prima visita internazionale da presidente americano in Arabia Saudita, oggi Donald Trump ha continuato il suo viaggio in Israele, dove ha incontrato il presidente, Reuven Rivlin, il primo ministro Benjamin Netanyahu e ha visitato il muro del pianto e il memoriale dell'Olocausto. Domani invece, a Betlemme, Trump avrà un colloquio con il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas. Il presidente ha sin dall'inizio impostato i suoi discorsi su tre punti principali: l'alleanza indissolubile con Israele, lo sforzo per riuscire a giungere alla pace in Medio Oriente e infine un nuovo approccio nei confronti dell'Iran, considerato una seria minaccia alla stabilità nella regione.

Nyt: le informazioni d'intelligence che Trump ha condiviso con i russi arrivavano da Israele

La rivelazione aggiunge potenzialmente ulteriori problemi all'episodio. McMaster difende il presidente con i giornalisti
Ap

Le informazioni d'intelligence che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha condiviso con i russi arrivavano da una fonte israeliana. A dirlo sono stati un ex e un attuale funzionario degli Stati Uniti, che lo hanno riferito al New York Times. Informazioni che, secondo la stampa statunitense, erano classificate, cioè segrete.

Wall Street archivia peggiore seduta del 2017: agenda Trump a rischio?

Il caos che ha travolto la Casa Bianca preoccupa: si teme che il taglio alle tasse ritardi o non si materializzi. Si parla anche di impeachment. Vix in volata. Fuga verso i porti sicuri di Treasury e oro
AP

Wall Street ha messo a segno la seduta peggiore dallo scorso settembre. Il sell-off è stato provocato da Donald Trump, il presidente americano che spesso si è vantato della performance dell'azionario successiva alla sua vittoria alle elezioni presidenziali americane dell'8 novembre scorso ma su cui oggi, come il suo portavoce, ha evitato di commentare. Gli indici hanno registrato cali superiori all'1,6% con il Nasdaq Composite che dopo due sedute record ha ceduto il 2,6%. I guadagni del mese di maggio sono stati annullati

Trump al Muro del Pianto, il presidente Usa cerca l'unità tra le religioni

È la prima visita di un presidente Usa in carica. Una visita privata, senza il premier Netanyahu, per evitare polemiche e non complicare la strada verso un nuovo negoziato di pace
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha lasciato un biglietto tra le fessure del Muro del Pianto, come vuole la tradizione, a termine di una visita che resterà nella Storia, visto che è la prima volta che un presidente statunitense in carica visita il Muro Occidentale.

La guida di Ford passa a Jim Hackett, un esperto di turnaround

Prende il posto di Mark Fields, che esce dal gruppo dopo 28 anni. Dal marzo 2016 si occupava della divisione centrata sulla guida autonoma. Ha rilanciato il produttore di mobili per uffici Steelcase e un team universitario di football
Jim Hackett Ford Motor

Per tracciare il suo futuro all'insegna dell'innovazione, Ford Motor ha deciso di affidarsi all'uomo che ha trasformato gli uffici d'America e che ha rilanciato un team universitario di football dalle scarse performance; un uomo "a suo agio in vari campi", ha detto Bill Ford, il pronipote di colui che 114 anni fa fondò il gruppo automobilistico. Si tratta di Jim Hackett, che ha assunto l'incarico di amministratore delegato ricoperto negli ultimi tre anni da Mark Fields. Che su quest'ultimo ci fossero pressioni, non c'erano dubbi: nell'ultima assemblea i soci si erano lamentati, a cominciare dalla performance del titolo (che ha perso il 40% circa dal 2014). E mentre la Silicon Valley ha accelerato per stare al passo con le nuove frontiere della mobilità, dal car sharing alle auto autonome o elettriche, Ford è vista come un'azienda che è rimasta indietro. Per questo ha deciso di puntare su "un visionario", come lo ha definito Bill Ford, per "rienergizzare il nostro business".

Il prossimo movimento populista? Per Bank of America può essere “Occupy Silicon Valley”

La banca traccia un parallelo con il movimento che nel 2011 voleva ‘occupare’ Wall Street: cresce il divario tra gli americani che si sentono economicamente indietro e la corsa dei giganti tech
iStock

Da “Occupy Wall Street” a “Occupy Silicon Valley”. Sono gli analisti di Bank of America a tracciare un parallelo tra le proteste di un movimento che a New York aveva preso di mira le grandi istituzioni finanziarie viste come responsabili della crisi del 2008 e quelle che potrebbero esplodere contro i grandi gruppi tecnologici che hanno sede in larga parte in California. Perché oggi come nel 2011 “sempre più persone sentono di essere rimaste economicamente indietro nonostante un’espansione enorme delle aziende globali, specialmente di quelle tecnologiche”.

Trump a Gerusalemme. Il presidente Usa vuole risolvere il conflitto tra israeliani e palestinesi e accusa l'Iran

Lasciata l'Arabia Saudita, il capo di Stato prosegue il suo tour tra Medio Oriente ed Europa. "Legame con Israele indistruttibile. Abbiamo l'opportunità di portare stabilità, sicurezza e pace in questa regione e di sconfiggere il terrorismo"

Il viaggio di Donald Trump in Israele ha già fatto Storia, visto che il presidente degli Stati Uniti è arrivato a Tel Aviv con il primo volo diretto dall'Arabia Saudita allo Stato ebraico. Un portavoce dell'Autorità dell'aviazione civile israeliana ha precisato alla France Presse di non essere a conoscenza di nessun altro volo che abbia fatto tale rotta in passato. Israele non ha rapporti diplomatici con Riad, se non relazioni informali a livello di intelligence, soprattutto per quanto riguarda l'Iran e i gruppi che Teheran sostiene nella regione. Non ci sono voli commerciali che collegano Israele all'Arabia Saudita e i voli israeliani non possono neanche volare nello spazio aereo saudita. L'aereo con a bordo la stampa al seguito di Trump ha fatto scalo a Cipro, prima di raggiungere Tel Aviv.