Pyongyang apre agli Usa: "pronti a dialogare alle giuste condizioni"

Lo ha detto Choe Son-hui, direttore generale dell'Ufficio sui rapporti con gli Usa del ministero degli Esteri di Pyongyang

La Corea del Nord apre agli Stati Uniti definendosi pronta ad avere colloqui con l’amministrazione di Donald Trump ma solo "alle giuste condizioni". A riportarlo è l’agenzia di stampa sudcoreana, Yonhap, che ha seguito Choe Son-Hui, direttore della divisione "America del Nord" del ministero degli Esteri di Pyongyang, nel suo viaggio da Oslo a Pechino.

Come riportato da Cnn, la funzionaria nordcoreana ha guidato la delegazione di Pyongyang che ha incontrato proprio nella capitale norvegese un gruppo di esperti americani con a capo Suzanne DiMaggio, direttore del think-tank New America. Del gruppo americano hanno fatto parte anche Thomas Pickering, ex ambasciatore americano all'Onu, e Robert Einhorn, special advisor del Dipartimento di Stato per la non proliferazione e il controllo delle armi.

Choe, di ritorno a Pyongyang, ha confermato di aver "incontrato Pickering" specificando che ne discuterà quando ne avrà "l'occasione in futuro". In merito al nuovo presidente sudcoreano Moon Jae-in e alla richiesta di chiarimenti su eventuali preparativi per il dialogo, Choe ha affermato che  la Corea del Nord "osserverà la situazione".

L’apertura di Pyongyang segue le dichiarazioni di Donald Trump rilasciate qualche settimana fa a Bloomberg News con cui si era detto "pronto a incontrare Kim Yong Un alle giuste condizioni", definendosi addirittura "onorato" da quest’opportunità.

Tornando alle parole di Choe e agli incontri avvenuti ad Oslo, il governo americano, tramite dichiarazioni ufficiali rilasciate dal Dipartimento di Stato a Yonhap, ha detto di non aver dato alcun rilievo o peso particolare agli incontri avvenuti in Norvegia. Secondo Washington si tratta di colloqui noti come "track two" e basati su un modello di confronto tra le delegazioni "fatte a vario titolo da indipendenti e funzionari" collegati all'amministrazione americana.

 

Altri Servizi

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Gli Stati Uniti sono pronti a sviluppare un nuovo missile da crociera capace di trasportare armi convenzionali o testate nucleari, visto che credono che la Russia stia violando l'accordo per l'eliminazione dei missili a raggio corto e intermedio, l'INF, firmato 30 anni fa dal presidente Ronald Reagan e dal segretario generale del Partito comunista sovietico, Mikhail Gorbachev.

NY Times: cambio generazionale al vertice, editore passa il testimone al figlio 37enne

Arthur Ochs Sulzberger Jr cede il suo ruolo a Arthur Gregg Sulzberger

Cambio generazionale al vertice della New York Times Company. Dal primo gennaio 2018 il nuovo editore del gruppo sarà il 37enne Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'attuale numero uno Arthur Ochs Sulzberger Jr e già suo vice.

La riforma fiscale torna a preoccupare Wall Street

Progressi verso l'approvazione di una riforma fiscale; la Federal Reserve ha alzato i tassi, come previsto, di 25 punti base all'1,25-1,5%
AP

La rivincita delle Crocs (anche a Wall Street)

Lo stilista Christopher Kane e Balenciaga hanno portato in passerella le ciabatte che sembravano passate di moda. Gli analisti di Stifel scommettono in un rilancio: comprare il titolo

Le calzature Crocs sono destinate a tornare di moda. Le ciabatte leggere e dai colori sgargianti, un tempo diffuse anche in Italia, sembra stiano tornando ad essere popolari. Per questo gli analisti di Stifel consigliano agli investitori di comprare il titolo e non di tenerlo semplicemente in portafoglio. La raccomandazione ha spinto l'azione sui massimi di oltre due anni a Wall Street, dove venerdì 15 dicembre ha vissuto un rally di oltre il 14% a 12,55 dollari.

Incertezza sulla riforma fiscale, investitori preoccupati

Marco Rubio, senatore repubblicano della Florida, chiede maggiori sgravi fiscali per l'infanzia.
Shutterstock

Si fa nuovamente in salita la strada verso l'approvazione della riforma fiscale, che soltanto ieri sembrava cosa ormai fatta. E gli investitori a Wall Street tornano a preoccuparsi: e infatti il Russell 2000 ha ampliato i cali arrivando a perdere l'1%; l'indice che raggruppa le società a piccola e media capitalizzazione è visto come maggiormente correlato alle prospettive della riforma perché queste aziende tendono a pagare aliquote più alte rispetto alle multinazionali.

Riforma fiscale sempre più vicina, Rubio voterà sì

Il senatore della Florida si aggiunge quello del Tennessee. La settimana prossima verrà messa al voto in Parlamento. Entro Natale, la firma di Trump (salvo sorprese)
AP

Bloomberg a Trump: la riforma fiscale è una "cantonata economicamente indifendibile"

Per l'ex sindaco di NY, dà alle grandi aziende tagli alle tasse di cui non hanno bisogno, abbassa le aliquote dei contribuenti più abbienti e per permette ai più ricchi di proteggere i loro patrimoni
iStock

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Fitch promuove Fiat Chrysler Automobiles

Il rating passa a BB da BB- con outlook positivo. Atteso un flusso di cassa positivo e sostenibile. In vista dell'addio di Marchionne, prevista una riorganizzazione aziendale

Wall Street, Dow e S&P 500 archiviano la quarta settimana di guadagni

Ritorna l'ottimismo sull'approvazione della riforma fiscale
AP