Quella volta in cui Bill Gates predisse il futuro

In un’intervista del 1994 rilasciata a Playboy parlò di tecnologie che avrebbero cambiato il mondo come Facebook e Netflix

Il 1994 fu un anno particolarmente positivo per Bill Gates, magnate americano che negli ultimi anni ha lasciato il business per dedicarsi anima e corpo alla filantropia. Poco dopo aver sposato Melinda French, all’epoca dirigente delle vendite della sua società, venne inserito da Forbes al primo posto nella lista degli uomini più ricchi degli Stati Uniti.

In quello stesso anno Microsoft era sul punto di diventare la super potenza tecnologica che è oggi ma ci fu anche un altro evento che analizzato oggi risulta avere un’altra chiave di lettura. Nel dicembre di quell’anno Gates rilasciò un’intervista al magazine Playboy nella quale ha letteralmente predetto il futuro parlando di servizi che avrebbero rivoluzionato il mondo, molto simili agli odierni Facebook o Netflix.

Nei giorni scorsi quell’intervista è stata ripresa da alcune testate americane che hanno evidenziato come Gates non fosse un pazzo visionario ma un business man attento che già all’epoca aveva intuito le potenzialità di internet e suoi possibili sviluppi. Per chiarezza e per ricostruire il contesto storico in cui il miliardario americano rilasciò quell’intervista bisogna sottolineare che internet era ancora considerata dalla massa una tecnologia misteriosa su cui c’era un entusiastico alone d’interesse.

Pochi mesi prima di quell'interivista, esattamente il 25 luglio, il magazine Time aveva dedicato la copertina allo "strano nuovo mondo di internet". All'interno di quel numero era presente un lungo articolo, caratterizzato da un approfondita introduzione per spiegare in modo quanto più dettagliato possibile di cosa si stesse parlando: "la rete di computer più grande del mondo ma anche la cosa più vicina a un prototipo funzionante di autostrade dell’informazione", fu la definizione data dal magazine. All’epoca internet era utilizzato per lo più da studiosi e da scienziati anche se iniziava ad avere una più consistente presenza nella vita di tutti i giorni. Eppure non si aveva ancora una reale percezione delle potenzialità di quello strumento. Proprio per questo le parole di Gates, lette 23 anni dopo, fanno ancora più effetto.

Il fondatore di Microsoft disse a Playboy che nell’era dell’informazione l’uso dei personal computer si sarebbe spostato dalla semplice creazione di documenti alla loro condivisione e all’accesso sul web dei media elettronici.

Ma la visione più impressionante la diede su come la gente avrebbe usato il web nel futuro. "Diciamo che tu voglia guardare un film. Per scegliere quale vedere vorrai sapere ad esempio quali sono i film piaciuti agli altri, o, in base a quali sono stati i film che sono piaciuti a te, capire se quel determinato film potrebbe piacerti o meno. Saremo in grado di navigare e scegliere in base a queste informazioni, selezionare un film on demand e poi condividere il nostro pensiero su quel film", sosteneva Gates oltre vent’anni fa.

Si tratta di una descrizione che sembra dipingere perfettamente il funzionamento di Netflix, il cui servizio in abbonamento è stato lanciato per la prima volta nel 2007. Ma come se non bastasse ciò che ha aggiunto in quell’intervista è il fatto che internet avrebbe cambiato il modo di trovare informazioni e prendere decisioni, anche se si tratta di semplici scelte come quale film guardare.

E non è tutto qui perché rileggendo quelle pagine c'è anche una parte in cui Gates parla della creazione di una comunità che non avrebbe preso in considerazione i parametri fisici: "Pensate a come trovate persone con i vostri stessi interessi, a come cercate un dottore o a come scegliete un libro da leggere. Attualmente è difficile entrare in contatto con una vasta cerchia di persone, essendo limitati e legati alla comunità fisica vicino a te", dichiarava sempre il magnate. "Nel nuovo ambiente, in relazione a come le informazioni verranno memorizzate e condivise, quella comunità si espanderà, quello strumento diventerà potentissimo, l’infrastruttura verrà costruita in fretta e l’impatto sarà enorme".

Considerando che da quando Mark Zuckerberg ha creato Facebook nel 2004 il social network è cresciuto in modo esponenziale, raggiungendo gli attuali 1,23 miliardi di utenti ogni giorno e assumendo oltre 17mila dipendenti in tutto il mondo, possiamo dire senza dubbio che quanto predetto da Bill Gates si è verificato in pieno.

Altri Servizi

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Wall Street si allontana dai record

Morgan Stanley ha battuto le stime con la sua trimestrale. A mercati chiusi i conti di American Express e Ibm
AP

Usa rischiano lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale potrebbe subire una paralisi

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti potrebbe subire una paralisi. Per trovare una soluzione c'è tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" vede repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che va approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

AmEx chiude trimestre in perdita, prima volta da un quarto di secolo. Pesa riforma fiscale Usa

Colpo da 2,6 miliardi di dollari. Il gruppo si aspetta dal provvedimento benefici nel lungo termine. Nel frattempo però sospenderà il programma di buyback. Salvi i dividendi

Per la prima volta in un quarto di secolo, American Express ha chiuso un trimestre in perdita. Non solo. Il gruppo di carte di credito ha detto che sospenderà il suo programma di riacquisto di azioni proprie nella prima metà del 2018 per ricostituire i propri livelli di capitale, intaccati da oneri per 2,6 miliardi di dollari dovuti alla riforma fiscale Usa approvata prima di Natale. AmEx ha spiegato che i dividendi trimestrali resteranno invece invariati.

Trump: sul muro non è cambiato nulla, lo pagherà il Messico

Il presidente replica a un articolo del New York Times, secondo cui il capo di gabinetto, John Kelly, avrebbe detto a un gruppo di democratici di averlo convinto che la barriera non è necessaria
Ap

"Il muro è il muro, non è mai cambiato dal primo giorno in cui l'ho concepito" e "sarà pagato, direttamente o indirettamente, dal Messico". Lo ha assicurato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornando a parlare, su Twitter, della barriera al confine tra i due Paesi.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

Il Congresso Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza, sconfitta la privacy

Dopo il voto della Camera, è arrivato quello del Senato. La sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act rinnovata per sei anni. Attesa la firma di Trump

Il Senato statunitense ha approvato (con 65 voti a favore e 34 contro) il rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. Si tratta di una sconfitta per le associazioni che si battono per la difesa della privacy. Il provvedimento, approvato dalla Camera la scorsa settimana, dovrebbe essere firmato domani dal presidente Donald Trump.

Il capo, il fidanzato e l'Fbi: Simona Mangiante, l'italiana finita nel Russiagate

L'avvocata di diritto internazionale sta con Papadopoulos, ex consigliere di Trump, e ha lavorato per Mifsud, misterioso professore maltese finito al centro delle indagini di Mueller

C'è un uomo misterioso emerso come figura centrale nelle indagini di Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi: Joseph Mifsud, un professore maltese che avrebbe fatto da intermediario tra George Papadopoulos, ex consigliere di Donald Trump per la politica estera durante la campagna elettorale, e alcuni funzionari russi, promettendo allo statunitense informazioni compromettenti sulla candidata democratica, Hillary Clinton. Per Mifsud ha lavorato Simona Mangiante, fidanzata di Papadopoulos. Su queste tre figure si concentra un articolo del Guardian.