Quella volta in cui Bill Gates predisse il futuro

In un’intervista del 1994 rilasciata a Playboy parlò di tecnologie che avrebbero cambiato il mondo come Facebook e Netflix

Il 1994 fu un anno particolarmente positivo per Bill Gates, magnate americano che negli ultimi anni ha lasciato il business per dedicarsi anima e corpo alla filantropia. Poco dopo aver sposato Melinda French, all’epoca dirigente delle vendite della sua società, venne inserito da Forbes al primo posto nella lista degli uomini più ricchi degli Stati Uniti.

In quello stesso anno Microsoft era sul punto di diventare la super potenza tecnologica che è oggi ma ci fu anche un altro evento che analizzato oggi risulta avere un’altra chiave di lettura. Nel dicembre di quell’anno Gates rilasciò un’intervista al magazine Playboy nella quale ha letteralmente predetto il futuro parlando di servizi che avrebbero rivoluzionato il mondo, molto simili agli odierni Facebook o Netflix.

Nei giorni scorsi quell’intervista è stata ripresa da alcune testate americane che hanno evidenziato come Gates non fosse un pazzo visionario ma un business man attento che già all’epoca aveva intuito le potenzialità di internet e suoi possibili sviluppi. Per chiarezza e per ricostruire il contesto storico in cui il miliardario americano rilasciò quell’intervista bisogna sottolineare che internet era ancora considerata dalla massa una tecnologia misteriosa su cui c’era un entusiastico alone d’interesse.

Pochi mesi prima di quell'interivista, esattamente il 25 luglio, il magazine Time aveva dedicato la copertina allo "strano nuovo mondo di internet". All'interno di quel numero era presente un lungo articolo, caratterizzato da un approfondita introduzione per spiegare in modo quanto più dettagliato possibile di cosa si stesse parlando: "la rete di computer più grande del mondo ma anche la cosa più vicina a un prototipo funzionante di autostrade dell’informazione", fu la definizione data dal magazine. All’epoca internet era utilizzato per lo più da studiosi e da scienziati anche se iniziava ad avere una più consistente presenza nella vita di tutti i giorni. Eppure non si aveva ancora una reale percezione delle potenzialità di quello strumento. Proprio per questo le parole di Gates, lette 23 anni dopo, fanno ancora più effetto.

Il fondatore di Microsoft disse a Playboy che nell’era dell’informazione l’uso dei personal computer si sarebbe spostato dalla semplice creazione di documenti alla loro condivisione e all’accesso sul web dei media elettronici.

Ma la visione più impressionante la diede su come la gente avrebbe usato il web nel futuro. "Diciamo che tu voglia guardare un film. Per scegliere quale vedere vorrai sapere ad esempio quali sono i film piaciuti agli altri, o, in base a quali sono stati i film che sono piaciuti a te, capire se quel determinato film potrebbe piacerti o meno. Saremo in grado di navigare e scegliere in base a queste informazioni, selezionare un film on demand e poi condividere il nostro pensiero su quel film", sosteneva Gates oltre vent’anni fa.

Si tratta di una descrizione che sembra dipingere perfettamente il funzionamento di Netflix, il cui servizio in abbonamento è stato lanciato per la prima volta nel 2007. Ma come se non bastasse ciò che ha aggiunto in quell’intervista è il fatto che internet avrebbe cambiato il modo di trovare informazioni e prendere decisioni, anche se si tratta di semplici scelte come quale film guardare.

E non è tutto qui perché rileggendo quelle pagine c'è anche una parte in cui Gates parla della creazione di una comunità che non avrebbe preso in considerazione i parametri fisici: "Pensate a come trovate persone con i vostri stessi interessi, a come cercate un dottore o a come scegliete un libro da leggere. Attualmente è difficile entrare in contatto con una vasta cerchia di persone, essendo limitati e legati alla comunità fisica vicino a te", dichiarava sempre il magnate. "Nel nuovo ambiente, in relazione a come le informazioni verranno memorizzate e condivise, quella comunità si espanderà, quello strumento diventerà potentissimo, l’infrastruttura verrà costruita in fretta e l’impatto sarà enorme".

Considerando che da quando Mark Zuckerberg ha creato Facebook nel 2004 il social network è cresciuto in modo esponenziale, raggiungendo gli attuali 1,23 miliardi di utenti ogni giorno e assumendo oltre 17mila dipendenti in tutto il mondo, possiamo dire senza dubbio che quanto predetto da Bill Gates si è verificato in pieno.

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock

Come funziona la riforma delle prigioni che Trump promette di approvare?

Migliorerà le condizioni dei detenuti, dovrebbe liberare 4.000 carcerati federali, ma per il Senato non risolve il problema, visto che non diminuisce le pene per i reati minori

Cuba: cade un aereo, oltre 100 morti. Solo tre sopravvissuti

A bordo quasi solo turisti e una donna naturalizzata italiana. Negli anni '90 la compagnia aerea Cubana de Aviacion è stata coinvolta in diversi incidenti con decine di morti