Quella volta in cui Bill Gates predisse il futuro

In un’intervista del 1994 rilasciata a Playboy parlò di tecnologie che avrebbero cambiato il mondo come Facebook e Netflix

Il 1994 fu un anno particolarmente positivo per Bill Gates, magnate americano che negli ultimi anni ha lasciato il business per dedicarsi anima e corpo alla filantropia. Poco dopo aver sposato Melinda French, all’epoca dirigente delle vendite della sua società, venne inserito da Forbes al primo posto nella lista degli uomini più ricchi degli Stati Uniti.

In quello stesso anno Microsoft era sul punto di diventare la super potenza tecnologica che è oggi ma ci fu anche un altro evento che analizzato oggi risulta avere un’altra chiave di lettura. Nel dicembre di quell’anno Gates rilasciò un’intervista al magazine Playboy nella quale ha letteralmente predetto il futuro parlando di servizi che avrebbero rivoluzionato il mondo, molto simili agli odierni Facebook o Netflix.

Nei giorni scorsi quell’intervista è stata ripresa da alcune testate americane che hanno evidenziato come Gates non fosse un pazzo visionario ma un business man attento che già all’epoca aveva intuito le potenzialità di internet e suoi possibili sviluppi. Per chiarezza e per ricostruire il contesto storico in cui il miliardario americano rilasciò quell’intervista bisogna sottolineare che internet era ancora considerata dalla massa una tecnologia misteriosa su cui c’era un entusiastico alone d’interesse.

Pochi mesi prima di quell'interivista, esattamente il 25 luglio, il magazine Time aveva dedicato la copertina allo "strano nuovo mondo di internet". All'interno di quel numero era presente un lungo articolo, caratterizzato da un approfondita introduzione per spiegare in modo quanto più dettagliato possibile di cosa si stesse parlando: "la rete di computer più grande del mondo ma anche la cosa più vicina a un prototipo funzionante di autostrade dell’informazione", fu la definizione data dal magazine. All’epoca internet era utilizzato per lo più da studiosi e da scienziati anche se iniziava ad avere una più consistente presenza nella vita di tutti i giorni. Eppure non si aveva ancora una reale percezione delle potenzialità di quello strumento. Proprio per questo le parole di Gates, lette 23 anni dopo, fanno ancora più effetto.

Il fondatore di Microsoft disse a Playboy che nell’era dell’informazione l’uso dei personal computer si sarebbe spostato dalla semplice creazione di documenti alla loro condivisione e all’accesso sul web dei media elettronici.

Ma la visione più impressionante la diede su come la gente avrebbe usato il web nel futuro. "Diciamo che tu voglia guardare un film. Per scegliere quale vedere vorrai sapere ad esempio quali sono i film piaciuti agli altri, o, in base a quali sono stati i film che sono piaciuti a te, capire se quel determinato film potrebbe piacerti o meno. Saremo in grado di navigare e scegliere in base a queste informazioni, selezionare un film on demand e poi condividere il nostro pensiero su quel film", sosteneva Gates oltre vent’anni fa.

Si tratta di una descrizione che sembra dipingere perfettamente il funzionamento di Netflix, il cui servizio in abbonamento è stato lanciato per la prima volta nel 2007. Ma come se non bastasse ciò che ha aggiunto in quell’intervista è il fatto che internet avrebbe cambiato il modo di trovare informazioni e prendere decisioni, anche se si tratta di semplici scelte come quale film guardare.

E non è tutto qui perché rileggendo quelle pagine c'è anche una parte in cui Gates parla della creazione di una comunità che non avrebbe preso in considerazione i parametri fisici: "Pensate a come trovate persone con i vostri stessi interessi, a come cercate un dottore o a come scegliete un libro da leggere. Attualmente è difficile entrare in contatto con una vasta cerchia di persone, essendo limitati e legati alla comunità fisica vicino a te", dichiarava sempre il magnate. "Nel nuovo ambiente, in relazione a come le informazioni verranno memorizzate e condivise, quella comunità si espanderà, quello strumento diventerà potentissimo, l’infrastruttura verrà costruita in fretta e l’impatto sarà enorme".

Considerando che da quando Mark Zuckerberg ha creato Facebook nel 2004 il social network è cresciuto in modo esponenziale, raggiungendo gli attuali 1,23 miliardi di utenti ogni giorno e assumendo oltre 17mila dipendenti in tutto il mondo, possiamo dire senza dubbio che quanto predetto da Bill Gates si è verificato in pieno.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Questa settimana sono attesi i conti di 70 aziende quotate a Wall Street
AP

Riforma sanitaria, McCain convalescente inguaia i repubblicani

Operato all'occhio, avrà bisogno di almeno una settimana di riposo. Ma il suo voto è necessario in Senato per far andare avanti l'iter per il Trumpcare

L'operazione all'occhio a cui è stato sottoposto il senatore statunitense, John McCain, è stata più delicata del previsto e la sua convalescenza durerà almeno una settimana. Una notizia per niente positiva per il Grand Old Party, che ha bisogno della presenza di McCain in Senato per votare la riforma sanitaria presentata la scorsa settimana, già a rischio di bocciatura. I leader del partito, inoltre, temono che il rinvio della votazione procedurale per portare la discussione in Aula permetta al fronte contrario al testo di rafforzarsi. Più sarà ritardata, più aumenteranno le possibilità di un nuovo fallimento.

La stanza del silenzio di New York

Uno spazio multifede all'interno della New York University. Gli studenti possono pregare, riflettere e meditare

Trump presenta la settimana del "Made in America"

Eventi e conferenze alla Casa Bianca anche se la maggior parte dei suoi marchi producono all'estero

Il presidente americano Donald Trump ha appena presentato la settimana "Made in America" alla Casa Bianca per promuovere prodotti realizzati negli Stati Uniti. Questo anche se la maggior parte della sue aziende producono all'estero. Seguendo le promesse fatte nel corso della campagna elettorale, l'amministrazione metterà in evidenza la produzione americana.

Studente americano condannato a 10 anni di carcere in Iran

Era scomparso l'estate scorsa. Secondo le autorità di Teheran è una spia americana. Lo studente, Xiyue Wang, si trovava in Iran per continuare la sua ricerca scientifica sulla dinastia Qajar

Uno studente americano dell'Università di Princeton è stato arrestato in Iran ed è stato condannato a 10 anni di carcere con l'accusa di essere una spia del governo americano. La mossa potrebbe incrinare ancora di più le relazioni tra i due Paesi, sempre più tese da quando Donald Trump è stato eletto presidente.

La settimana economica negli Stati Uniti

Continua la stagione delle trimestrali, Trump parla di made in America, la riforma sanitaria resta ferma al Senato
AP

Donald Trump è sempre più debole. Gli scandali legati al Russiagate e il coinvolgimento di suo figlio Donald Jr. hanno fatto scendere la popolarità del presidente ai minimi toccando quota 36% rispetto al 42% di aprile, secondo un sondaggio nazionale svolto dal Washington Post e da Abc. Il 48% degli americani sostengono di "disapprovare fortemente" l'azione di Trump come presidente, un livello mai raggiunto dagli ex presidenti Bill Clinton e Barack Obama e toccato solo da George W. Bush nel suo secondo mandato.

Successo del test missilistico, ma non basta a difendere gli Usa dalla Corea del Nord

Il Thaad provato per la prima volta contro un missile intermedio. A preoccupare però è il sistema che dovrebbe difendere dai missili intercontinentali, che non sarebbe ancora affidabile

Gli Stati Uniti hanno condotto con successo un test del loro sistema missilistico di difesa (Thaad) contro un missile balistico a raggio intermedio (Irbm), intercettato vicino a Kodiak, in Alaska; lo ha reso noto la U.S. Missile Defense Agency (Mda). Nonostante il test fosse stato pianificato mesi fa, ha assunto un significato particolare, visto che la Corea del Nord ha lanciato per la prima volta un missile balistico intercontinentale (Icbm) il 4 luglio, proprio nel giorno dell'Indipendenza statunitense, in segno di sfida a Washington. Il Thaad, però, non è in grado di intercettare i missili intercontinentali.

Apple: voci di ritardi, niente iPhone 8 fino a novembre?

Secondo indiscrezioni di stampa, ci sono problemi con i sensori 3D per il riconoscimento del volto

Il tanto atteso iPhone 8 potrebbe non arrivare nei negozi fino almeno a novembre a causa di ritardi nella produzione. È quanto sostiene il quotidiano cinese Economic Daily News, ripreso dal sito taiwanese DigiTimes. Se le indiscrezioni, che ricalcano le preoccupazioni degli analisti a Wall Street, fossero confermate, il nuovo modello dello smartphone realizzato da Apple non verrebbe lanciato a settembre, come successo per tutti i modelli precedenti.

Bnp Paribas: multa Fed da 246 milioni di dollari per pratiche sui cambi

Secondo la banca centrale Usa, il gruppo ha fallito nella supervisione. L'istituto di credito francese si pente. Pagherà con accantonamenti esistenti

Una multa di 246 milioni di dollari. E questo l'ammontare della pena pecuniaria decisa dalla Federal Reserve contro BNP Paribas e alcune sue controllate americane. Secondo la banca centrale Usa, l'istituto di credito francese è reo di "pratiche non sicure e non solide nei mercati dei cambi".

Rally del titolo Netflix: boom degli utenti

Il sito di video in streaming ha registrato ricavi e guidance superiori alle stime
iStock