Quella volta in cui Bill Gates predisse il futuro

In un’intervista del 1994 rilasciata a Playboy parlò di tecnologie che avrebbero cambiato il mondo come Facebook e Netflix

Il 1994 fu un anno particolarmente positivo per Bill Gates, magnate americano che negli ultimi anni ha lasciato il business per dedicarsi anima e corpo alla filantropia. Poco dopo aver sposato Melinda French, all’epoca dirigente delle vendite della sua società, venne inserito da Forbes al primo posto nella lista degli uomini più ricchi degli Stati Uniti.

In quello stesso anno Microsoft era sul punto di diventare la super potenza tecnologica che è oggi ma ci fu anche un altro evento che analizzato oggi risulta avere un’altra chiave di lettura. Nel dicembre di quell’anno Gates rilasciò un’intervista al magazine Playboy nella quale ha letteralmente predetto il futuro parlando di servizi che avrebbero rivoluzionato il mondo, molto simili agli odierni Facebook o Netflix.

Nei giorni scorsi quell’intervista è stata ripresa da alcune testate americane che hanno evidenziato come Gates non fosse un pazzo visionario ma un business man attento che già all’epoca aveva intuito le potenzialità di internet e suoi possibili sviluppi. Per chiarezza e per ricostruire il contesto storico in cui il miliardario americano rilasciò quell’intervista bisogna sottolineare che internet era ancora considerata dalla massa una tecnologia misteriosa su cui c’era un entusiastico alone d’interesse.

Pochi mesi prima di quell'interivista, esattamente il 25 luglio, il magazine Time aveva dedicato la copertina allo "strano nuovo mondo di internet". All'interno di quel numero era presente un lungo articolo, caratterizzato da un approfondita introduzione per spiegare in modo quanto più dettagliato possibile di cosa si stesse parlando: "la rete di computer più grande del mondo ma anche la cosa più vicina a un prototipo funzionante di autostrade dell’informazione", fu la definizione data dal magazine. All’epoca internet era utilizzato per lo più da studiosi e da scienziati anche se iniziava ad avere una più consistente presenza nella vita di tutti i giorni. Eppure non si aveva ancora una reale percezione delle potenzialità di quello strumento. Proprio per questo le parole di Gates, lette 23 anni dopo, fanno ancora più effetto.

Il fondatore di Microsoft disse a Playboy che nell’era dell’informazione l’uso dei personal computer si sarebbe spostato dalla semplice creazione di documenti alla loro condivisione e all’accesso sul web dei media elettronici.

Ma la visione più impressionante la diede su come la gente avrebbe usato il web nel futuro. "Diciamo che tu voglia guardare un film. Per scegliere quale vedere vorrai sapere ad esempio quali sono i film piaciuti agli altri, o, in base a quali sono stati i film che sono piaciuti a te, capire se quel determinato film potrebbe piacerti o meno. Saremo in grado di navigare e scegliere in base a queste informazioni, selezionare un film on demand e poi condividere il nostro pensiero su quel film", sosteneva Gates oltre vent’anni fa.

Si tratta di una descrizione che sembra dipingere perfettamente il funzionamento di Netflix, il cui servizio in abbonamento è stato lanciato per la prima volta nel 2007. Ma come se non bastasse ciò che ha aggiunto in quell’intervista è il fatto che internet avrebbe cambiato il modo di trovare informazioni e prendere decisioni, anche se si tratta di semplici scelte come quale film guardare.

E non è tutto qui perché rileggendo quelle pagine c'è anche una parte in cui Gates parla della creazione di una comunità che non avrebbe preso in considerazione i parametri fisici: "Pensate a come trovate persone con i vostri stessi interessi, a come cercate un dottore o a come scegliete un libro da leggere. Attualmente è difficile entrare in contatto con una vasta cerchia di persone, essendo limitati e legati alla comunità fisica vicino a te", dichiarava sempre il magnate. "Nel nuovo ambiente, in relazione a come le informazioni verranno memorizzate e condivise, quella comunità si espanderà, quello strumento diventerà potentissimo, l’infrastruttura verrà costruita in fretta e l’impatto sarà enorme".

Considerando che da quando Mark Zuckerberg ha creato Facebook nel 2004 il social network è cresciuto in modo esponenziale, raggiungendo gli attuali 1,23 miliardi di utenti ogni giorno e assumendo oltre 17mila dipendenti in tutto il mondo, possiamo dire senza dubbio che quanto predetto da Bill Gates si è verificato in pieno.

Altri Servizi

Trump, Opec e Fed: la settimana economica in arrivo

I principali appuntamenti di questa settimana
AP

Nella settimana in arrivo gli investitori guarderanno con la massima attenzione tre eventi: il viaggio del presidente americano in Medio Oriente e in Europa, le minute della Fed di mercoledì e infine l'incontro di giovedì a Vienna tra i Paesi Opec.

Trump: assoluta solidarietà al Regno Unito, i terroristi perdenti malvagi

Il presidente Usa ha commentato da Betlemme l'attentato di Manchester
AP

Mentre in Usa sono aumentate le misure di sicurezza, Donald Trump ha espresso "assoluta solidarietà" al Regno Unito dopo l'attentato a Manchester, costato la vita a 22 persone. Il presidente statunitense, che ha parlato al fianco del presidente palestinese Abu Mazen a Betlemme, ha definito "perdenti malvagi" gli autori di questo ultimo attentato e in generale chi compie atti terroristici: "Non li chiamerò mostri perchè a loro farebbe piacere - ha detto - da ora in poi li chiamerò perdenti malvagi, perchè questo sono, dei perdenti, ricordatelo".

Trump: "Pace possibile in Medio Oriente, fermare l'Iran"

Il presidente statunitense ha concluso la sua visita in Israele. Non ha parlato né di 'soluzione dei due Stati', sostenuta dai palestinesi, né del riconoscimento di Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico
iStock

"Gli Stati Uniti, con me, saranno sempre dalla parte di Israele". Il presidente Donald Trump ha concluso la sua storica visita nello Stato ebraico riaffermando il legame tra i due Paesi, la volontà di contribuire al raggiungimento della pace tra israeliani e palestinesi e puntando il dito contro il più grande nemico in comune: l'Iran.

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia

I repubblicani hanno preso ancor più le distanze dal presidente Donald Trump, a causa delle prove sempre più schiaccianti che potrebbe aver cercato di interferire nell'indagine federale sui rapporti tra l'intelligence russa e la sua campagna elettorale nelle elezioni del 2016.

Papa Francesco e Donald Trump non potrebbero essere più diversi.

Dopo l'attacco a Manchester allerta ai massimi, soldati in strada. Nelle città Usa aumenta la sicurezza

Sale a "critico" il livello nella nazione britannica. Un altro attacco potrebbe essere "imminente". Il premier May: prevarremo sul terrorismo
AP

Mentre nelle città Usa sono aumentate le misure di sicurezza, per la terza volta, il Regno Unito ha alzato a "critico" da "severo" il livello di allerta terrorismo all'indomani dell'attacco, il peggiore dal 2005 su suolo britannico, che ha colpito Manchester. Stando a una scala dell'MI5 fatta di cinque gradini (gli altri sono basso, moderato, sostanziale), ciò significa che un altro attacco potrebbe essere "imminente" e non più solo "altamente probabile". Solo in altre due occasioni - nel 2006 e nel 2007 - la nazione d'Oltremanica era arrivata ad essere cos" tanto in guardia; il livello di allerta "severo" era in atto dal 2014.

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

Apple: dall’iPhone al glucometro senza ago?

Il Ceo Cook visto testare un dispositivo connesso all’Apple Watch. Il target di riferimento: non solo diabetici ma chi vuole essere in salute
iStock

Apple sta forse pensando a mettere piede nel settore della sanità. Il produttore dell’iPhone sembra stia lavorando allo sviluppo di un apparecchio in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. L’amministratore delegato Tim Cook è stato avvistato nel quartiere generale del gruppo a Cupertino, California, mentre testava il prototipo di un dispositivo connesso all’Apple Watch e in grado di tenere traccia delle variazioni della glicemia nel sangue a seconda di fattori quali cibo ed esercizio fisico.

Violate leggi su emissioni: Usa fanno causa contro Fca, che non è VW

E' accusata di avere usato un 'defeat device', tesi respinta dal gruppo "contrariato". L'azienda continuerà a collaborare con le autorità per risolvere le loro preoccupazioni in modo rapido e amichevole
Fca

E' ufficiale. Gli Stati Uniti hanno fatto causa a Fiat Chrysler Automobiles per avere violato le leggi sulle emissioni Usa e il gruppo si dice "contrariato" promettendosi di difendersi "con forza" soprattutto dall'accusa di avere usato lo stesso software per cui la tedesca Volkswagen ha dovuto fare un mea culpa per 11 milioni di veicoli e chiudere uno scandalo costato oltre 20 miliardi di dollari. C'è però una differenza tra i due gruppi: le autorità americane non hanno detto - diversamente dal caso tedesco - che Fca abbia deliberatamente usato il cosiddetto defeat device per barare nei test di laboratorio. Se VW si era detto colpevole, Fca ha sempre sostenuto di non avere avuto alcuna intenzione di barare. Questa sottile ma significativa differenza implica che le accuse contro il gruppo italo americano sono meno pesanti di quelle mosse contro la rivale tedesca.

Wall Street, si va verso il quarto giorno di rialzi

Il rialzo di ieri ha riportato in positivo il mese di maggio per S&P e Nasdaq
AP