Quella volta in cui Bill Gates predisse il futuro

In un’intervista del 1994 rilasciata a Playboy parlò di tecnologie che avrebbero cambiato il mondo come Facebook e Netflix

Il 1994 fu un anno particolarmente positivo per Bill Gates, magnate americano che negli ultimi anni ha lasciato il business per dedicarsi anima e corpo alla filantropia. Poco dopo aver sposato Melinda French, all’epoca dirigente delle vendite della sua società, venne inserito da Forbes al primo posto nella lista degli uomini più ricchi degli Stati Uniti.

In quello stesso anno Microsoft era sul punto di diventare la super potenza tecnologica che è oggi ma ci fu anche un altro evento che analizzato oggi risulta avere un’altra chiave di lettura. Nel dicembre di quell’anno Gates rilasciò un’intervista al magazine Playboy nella quale ha letteralmente predetto il futuro parlando di servizi che avrebbero rivoluzionato il mondo, molto simili agli odierni Facebook o Netflix.

Nei giorni scorsi quell’intervista è stata ripresa da alcune testate americane che hanno evidenziato come Gates non fosse un pazzo visionario ma un business man attento che già all’epoca aveva intuito le potenzialità di internet e suoi possibili sviluppi. Per chiarezza e per ricostruire il contesto storico in cui il miliardario americano rilasciò quell’intervista bisogna sottolineare che internet era ancora considerata dalla massa una tecnologia misteriosa su cui c’era un entusiastico alone d’interesse.

Pochi mesi prima di quell'interivista, esattamente il 25 luglio, il magazine Time aveva dedicato la copertina allo "strano nuovo mondo di internet". All'interno di quel numero era presente un lungo articolo, caratterizzato da un approfondita introduzione per spiegare in modo quanto più dettagliato possibile di cosa si stesse parlando: "la rete di computer più grande del mondo ma anche la cosa più vicina a un prototipo funzionante di autostrade dell’informazione", fu la definizione data dal magazine. All’epoca internet era utilizzato per lo più da studiosi e da scienziati anche se iniziava ad avere una più consistente presenza nella vita di tutti i giorni. Eppure non si aveva ancora una reale percezione delle potenzialità di quello strumento. Proprio per questo le parole di Gates, lette 23 anni dopo, fanno ancora più effetto.

Il fondatore di Microsoft disse a Playboy che nell’era dell’informazione l’uso dei personal computer si sarebbe spostato dalla semplice creazione di documenti alla loro condivisione e all’accesso sul web dei media elettronici.

Ma la visione più impressionante la diede su come la gente avrebbe usato il web nel futuro. "Diciamo che tu voglia guardare un film. Per scegliere quale vedere vorrai sapere ad esempio quali sono i film piaciuti agli altri, o, in base a quali sono stati i film che sono piaciuti a te, capire se quel determinato film potrebbe piacerti o meno. Saremo in grado di navigare e scegliere in base a queste informazioni, selezionare un film on demand e poi condividere il nostro pensiero su quel film", sosteneva Gates oltre vent’anni fa.

Si tratta di una descrizione che sembra dipingere perfettamente il funzionamento di Netflix, il cui servizio in abbonamento è stato lanciato per la prima volta nel 2007. Ma come se non bastasse ciò che ha aggiunto in quell’intervista è il fatto che internet avrebbe cambiato il modo di trovare informazioni e prendere decisioni, anche se si tratta di semplici scelte come quale film guardare.

E non è tutto qui perché rileggendo quelle pagine c'è anche una parte in cui Gates parla della creazione di una comunità che non avrebbe preso in considerazione i parametri fisici: "Pensate a come trovate persone con i vostri stessi interessi, a come cercate un dottore o a come scegliete un libro da leggere. Attualmente è difficile entrare in contatto con una vasta cerchia di persone, essendo limitati e legati alla comunità fisica vicino a te", dichiarava sempre il magnate. "Nel nuovo ambiente, in relazione a come le informazioni verranno memorizzate e condivise, quella comunità si espanderà, quello strumento diventerà potentissimo, l’infrastruttura verrà costruita in fretta e l’impatto sarà enorme".

Considerando che da quando Mark Zuckerberg ha creato Facebook nel 2004 il social network è cresciuto in modo esponenziale, raggiungendo gli attuali 1,23 miliardi di utenti ogni giorno e assumendo oltre 17mila dipendenti in tutto il mondo, possiamo dire senza dubbio che quanto predetto da Bill Gates si è verificato in pieno.

Altri Servizi

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Wall Street, il Dow Jones ha rialzato la testa dopo otto cali consecutivi

Oggi in programma il numero di compromessi sulle case esistenti per il mese di febbraio
AP

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Trump, oggi l'ordine esecutivo sul clima per 'cancellare' Obama

La firma del presidente avverrà alle 20 (ora italiana); per la Casa Bianca, ci sarà attenzione per l'ambiente e per i posti di lavoro

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, firmerà oggi un ordine esecutivo per cancellare una parte importante delle politiche ambientali del predecessore, Barack Obama, e dare impulso alla produzione di energia. Trump sarà alla Environmental Protection Agency (Epa), l'agenzia federale che si occupa di ambiente, dove alle 14 (le 20 in Italia) firmerà l'Energy Independence Executive Order.

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

La California si prepara alla "guerra ambientale" contro Trump

Lo Stato ha norme all'avanguardia in difesa del clima, prese da esempio da Obama; ma il piano è stato smantellato dal nuovo presidente
AP

Il piano in difesa dell'ambiente voluto da Barack Obama era in parte ispirato alle leggi californiane, le più all'avanguardia negli Stati Uniti. Non sorprende, quindi, che la California abbia reagito all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump annunciando una "guerra ecologica".

Trump: stop alla "guerra al carbone". E smantella leggi sul clima di Obama

Nuovo attacco all'eredità del precedessore, autore dell'atto più importante di un presidente americano per fermare i cambiamenti climatici e il surriscaldamento del pianeta

Con la promessa di "mettere fine alla guerra al carbone", Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo con il quale smantella le regole volute dal suo predecessore Barack Obama. Dalla sede a Washington dell'Energia per la protezione ambientale, il presidente americano tira dritto con la sua volontà di ottenere l'indipendenza energetica degli Stati Uniti e di rilanciare l'occupazione nelle miniere, obiettivi che secondo alcuni osservatori non saranno facilmente raggiungibili.

Internet, il Senato Usa approva l'abrogazione delle norme di Obama a difesa della privacy

I provider non dovranno chiedere il permesso agli utenti per usare i loro dati. Prossimo obiettivo dei repubblicani: colpire la 'net neutrality'
Dell

Il Senato statunitense ha deciso di cancellare le norme a difesa della privacy degli utenti sul web volute dell'amministrazione Obama, che sarebbero entrate in vigore alla fine dell'anno. La misura approvata con 50 voti a favore e 48 contrari prevede l'abolizione delle regole sulla privacy online che avrebbero obbligato i provider di internet a chiedere il consenso agli utenti prima di poter condividerne i loro dati finanziari, la cronologia di navigazione e le informazioni personali; senza la legge di Obama, provider come Verizon, Comcast e AT&T avranno più potere per raccogliere dati personali sugli utenti e venderli alle società interessate.