Quelle pubblicità che fanno arrabbiare: Urban Outfitters nel mirino delle mamme americane

Da Benetton ad Abercrombie & Fitch, molte le aziende che hanno sfidato il comune senso del pudore

Provocanti, blasfeme e spesso contrarie al comune senso del pudore. Da sempre l’obiettivo delle campagne pubblicitarie di moda è far parlare la gente. Questa settimana sta facendo parecchio rumore la pubblicità del marchio americano Urban Outfitters. La foto incriminata è contenuta nel catalogo di aprile del brand e mostra due giovani, affascinanti donne che si scambiano un bacio appassionato. Un’immagine che ha attirato le ire del gruppo conservatore One Million Moms (Un milione di mamme), ramo dell’Associazione famiglie americane. One Million Moms ha subito messo in guardia i suoi sostenitori, consigliando di boicottare la catena d’abbigliamento e di andare a fare spese altrove. “La pubblicità e il catalogo sono rivolti chiaramente ai teenagers - avvisa l’associazione nel messaggio – il contenuto è offensivo e inappropriato per un adolescente”.

In realtà, Urban Outfitters negli Stati Uniti non è considerato esattamente un marchio gay-friendly. “Ogni volta che date loro dei soldi, li aiutate a finanziare una campagna contro i diritti dei gay” scrisse l’anno scorso su Twitter Miley Cirus, per invitare i suoi fan a boicottare il brand. La cantante e attrice statunitense lanciò l’appello dopo aver scoperto che il presidente di Urban Outfitters, Richard Hayne, aveva donato migliaia di dollari per la campagna dell’ultraconservatore Rick Santorum quando quest'ultimo era senatore della Pennsylvania.

Ma non è la prima volta che la catena di abbigliamento statunitense viene presa di mira. La tribù dei Navajo ha di recente avviato una causa nella corte distrettuale del Nuovo Messico, per impedire a Urban Outfitters di vendere prodotti con il brand “Navajo”. “La nostra tradizione ha un valore e legarlo fittiziamente a un oggetto è chiaramente un abuso” hanno spiegato i rappresentanti dei nativi americani, che si sono sentiti offesi dallo sfruttamento del nome della loro tribù. E Urban Outfitters ha fatto infuriare anche gli irlandesi d’America, con la linea di t-shirt messa sul mercato in occasione del St Patrick’s Day. Magliette con slogan come “Kiss me, I’m drunk, or Irish, or whatever” (“Baciami, sono ubriaco, o irlandese, o qualcosa del genere”) e altri messaggi con riferimenti più o meno velati al cliché dell’irlandese che ama l’alcol ed è spesso ubriaco.

Insomma, sembra che per vendere sia necessario far parlare di sé: bene o male, non importa. Quello di Urban Outfitters è solo uno dei casi più recenti. La storia della moda è costellata di campagne pubblicitarie controverse. Uno dei marchi che più ama provocare è di sicuro l’italiano Benetton. Nel 2011 fecero scandalo i manifesti della campagna “Unhate”, che raffiguravano il bacio tra grandi personaggi della contemporaneità. Perfino il Vaticano minacciò querele per la foto di Benedetto XVI che baciava l’Imam del Cairo. Ma “Unhate” fu solo la punta dell’iceberg di una lunga storia di provocazioni. Chi non ricorda le fotografie scattate per il brand da Oliviero Toscani negli anni Ottanta e Novanta? Il prete che bacia la suora, il bambino appena nato ancora attaccato al cordone ombelicale, l’agonia di un malato di Aids, la nave assaltata dagli emigranti e molte altre.

Altra azienda spesso finita nell’occhio del ciclone per le immagini scandalose è l’americana Abercrombie & Fitch, nota per l’uso disinvolto del sesso in campagne pubblicitarie rivolte ad adolescenti e bambini. Una delle foto che più fece discutere fu quella di una ragazza in topless che abbraccia un ragazzo a torso nudo, contenuta nel catalogo del Natale del 2003. Ma ancora più criticata fu la foto raffigurante sesso di gruppo tra teenagers.

Tra i temi ricorrenti e che più fanno scalpore ci sono l’uso di modelle minorenni o addirittura bambine ritratte in pose sexy e atteggiamenti equivoci, i riferimenti alle droghe e l'esaltazione della magrezza o, più spesso, dell’eccessiva magrezza femminile. 

Altri Servizi

Impeachment Trump, i repubblicani studiano l'opzione del processo lampo

Incontro tra funzionari della Casa Bianca e senatori sulla strategia da adottare, dopo due settimane di audizioni pubbliche alla Camera
Ap

Un processo 'lampo' di due settimane, per ottenere un'assoluzione che rilanci l'immagine di Donald Trump senza rischiare di trascinare il presidente statunitense in un lungo e pericoloso procedimento. È una delle opzioni al vaglio di senatori repubblicani e funzionari della Casa Bianca, che ieri si sono incontrati per fare un punto sulla strategia da adottare per il possibile impeachment, secondo quanto riportato dal Washington Post.

Wall Street, i negoziati Usa-Cina nell'incertezza

Non è chiaro se le due potenze arriveranno a un accordo entro la fine dell'anno
AP

Buttigieg balza in avanti tra i democratici in Iowa

Stando a un sondaggio, il sindaco di South Bend ha il 25% delle preferenze. Seguono Warren, Biden e Sanders. Staccati gli altri candidati.
Ap

Continua l’ascesa di Pete Buttigieg in Iowa. Nell’ultimo sondaggio condotto dal The Des Moines Register e Cnn tra coloro che andranno a votare alle primarie democratiche nello stato del Midwest, il 37enne sindaco di South Bend, Indiana, ha superato la senatrice Elizabeth Warren e l’ex vice presidente Joe Biden. Con il 25 per cento delle preferenze, Buttigieg si piazza al primo gradino del podio che viene completato da Warren (16%), Biden e il senatore del Vermont, Bernie Sanders (entrambi con il 15%).

Fed, Trump: incontro "molto buono e cordiale" con Powell

Presidente Usa e governatore Fed hanno parlato alla Casa Bianca
AP

Si è appena concluso, alla Casa Bianca, un incontro tra Donald Trump e il governatore della Fed, Jerome Powell, definito dal presidente degli Stati Uniti "molto buono e cordiale". Su Twitter, Trump ha scritto che al centro del dialogo ci sono stati "i tassi d'interesse, la bassa inflazione, la forza del dollaro, il commercio con la Cina e l'Unione europea".

Usa2020, Obama avvisa i Democratici: "Attenti a non spostarci troppo a sinistra"

Messaggio dell’ex presidente americano ai candidati durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberal
Ap

Barack Obama ha voluto dare un consiglio ai candidati per le primarie democratiche in vista delle presidenziali 2020. "Attenti a non spostarci troppo a sinistra", ha dichiarato l’ex presidente americano durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberali.

Altra sconfitta per Trump: rieletto il governatore democratico della Louisiana

John Bel Edwards batte lo sfidante repubblicano, Eddie Rispone.
AP

Dopo il Kentucky, un altro stato tradizionalmente repubblicano ha voltato le spalle al presidente Usa Donald Trump. Il Louisiana ha infatti preferito rieleggere il governatore democratico John Bel Edwards piuttosto che Eddie Rispone, il candidato sostenuto dall’attuale inquilino della Casa Bianca.

Sondland conferma il 'do ut des' con l'Ucraina: "Trump ordinò di fare pressioni"

L'ambasciatore in audizione davanti alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente Usa. "Tutti erano al corrente", a partire dal vice Pence e dal segretario di Stato, Pompeo

Gordon Sondland, l'ambasciatore statunitense presso l'Unione europea, ha confermato l'esistenza di una richiesta di 'do ut des' del presidente Donald Trump all'omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, durante la sua audizione alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente. E ha messo davanti alle loro responsabilità non solo il presidente Trump e il suo avvocato Rudy Giuliani, che ha guidato la politica 'ombra' in Ucraina, ma tutti gli altri massimi componenti dell'amministrazione, a partire dal vicepresidente Mike Pence e dal segretario di Stato, Mike Pompeo: "Tutti erano al corrente. Non era un segreto". 

Impeachment Trump, telefonata con Zelensky "inopportuna"

Terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera Usa, che indaga sul presidente. Ascoltati due testimoni di 'prima mano': il colonnello Vindman e Williams, consigliera del vicepresidente Pence
Ap

Seconda settimana e terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera statunitense, che indaga per il possibile impeachment del presidente Donald Trump. Dopo una prima settimana di testimonianze di diplomatici che hanno descritto la politica statunitense sull'Ucraina come dominata dagli obiettivi politici personali di Trump, oggi i membri della commissione si sono concentrati sulla telefonata del 25 luglio tra il capo di Stato e il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, da cui è scaturita l'indagine per abuso di potere. Oggi, soprattutto, sono stati ascoltati due testimonianze di 'prima mano', come sottolineato da un deputato democratico per smontare la difesa dei repubblicani, che lamentavano la presenza di soli testimoni di seconda o terza mano per indebolire la sussistenza delle indagini.

Impeachment, Trump sfida i democratici: "Voglio il processo in Senato"

Il presidente all'attacco su Fox News. La Camera potrebbe votare la sua messa in stato d'accusa prima di Natale

"Voglio il processo in Senato". Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha confermato, durante un'intervista a Fox News, di volere l'impeachment e il processo, come dichiarato ieri da un suo portavoce.

Impeachment Trump, in settimana attesa l'udienza di Sondland

Il presidente Usa su Twitter: "Considererò l'ipotesi di testimoniare" presentata dalla speaker Pelosi
Ap

Otto funzionari statunitensi testimonieranno pubblicamente, questa settimana, davanti alla commissione Intelligence della Camera, nell'ambito delle indagini che potrebbero condurre all'impeachment del presidente Donald Trump. La più attesa della seconda settimana di udienza pubbliche è quella di Gordon Sondland, ricco donatore di Trump divenuto ambasciatore statunitense presso l'Unione europea, che risponderà alle domande dei membri della commissione mercoledì 20 novembre.