I quotidiani americani chiedono al Congresso protezione contro Google e Facebook

La News Media Alliance (NMA) - che rappresenta più di 2.000 quotidiani - vuole chiedere a Capitol Hill di fermare il duopolio nella pubblicità digitale dei due colossi. Controllano il 60% del mercato americano

La News Media Alliance (NMA) - una associazione che rappresenta più di 2.000 quotidiani negli Stati Uniti, tra cui il New York Times e il Washington Post - sta chiedendo al Congresso una concessione alla legge antitrust per poter proteggere i giornali americani da Google e Facebook. Lo scrive il quotidiano online Axios. Il gruppo sostiene che le leggi che impediscono ai media di lavorare insieme per contrattare accordi pubblicitari migliori con le piattaforme internet favoriscano i due colossi, che continuano a controllare il mercato della pubblicità digitale e l'economia dell'informazione.

Per gli Stati Uniti, si tratterebbe della prima azione concreta contro il duopolio Google-Facebook. In Europa i due colossi sono già stati presi di mira dalle autorità Ue, mentre il governo Usa ha ignorato il problema permettendo alle due aziende di arrivare a controllare il 60% della pubblicità digitale in America, e il 50% a livello globale. Allo stesso tempo i ricavi da pubblicità dei gruppi media continuano a diminuire.

"Stiamo dolo cercando di iniziare a lavorare con il Congresso", ha detto ad Axios Michael J. Klingensmith, presidente di NMA e editore del Minneapolis Star Tribune Media. Secondo i dati di eMarketer, nel 2017 negli Stati Uniti il 60% dei ricavi da inserzioni andranno a Google e a Facebook, in tutto 73 miliardi dollari. Circa l'80% delle pubblicità legate alle ricerche su internet andranno a Google, mentre circa il 40% delle pubblicità digitali andranno a Facebook sempre secondo eMarketer. Nel frattempo la pubblicità su carta è crollata di due terzi rispetto a 10 anni fa.

Infine NMA sostiene che il dominio di Facebook e Google ha cerato un sistema economico malato nel settore dei media e nella distribuzione di notizie: i benefici vanno tutti ai due colossi, mentre i lettori non arrivano più ad avere un collegamento diretto con i giornali. Per superare questa situazione NMA chiede alcuni cambiamenti: tra questi aumentare la distribuzione dei ricavi da pubblicità. Facebook, ad esempio, ha aggiornato i termini per la spartizione degli introiti con Instant Articles, anche se per NMA non è abbastanza.

Il gruppo chiede anche di creare un maggiore sostegno per un modello che preveda abbonamenti, magari con l'aiuto di Facebook e Google. Ci sono voci che Facebook stia lanciando una funzione mobile che permette di pagare gli articoli. La terza richiesta è legata a una maggiore condivisione dei dati raccolti dai due colossi con i giornali. Infine i quotidiani chiedono ai due colossi tech di dare maggiore visibilità ai marchi dei singoli giornali. Secondo una ricerca di Pew/Knight Foundation il 10% degli intervistati credono che la fonte dell'articolo sia Facebook, anche se è stato prodotto da qualcun'altro.

Altri Servizi

John Kelly renderà la Casa Bianca meno caotica e più disciplinata. Ma durerà?

Il nuovo capo di Gabinetto è chiamato a prendere in mano le redini della West Wing, che negli ultimi sei mesi, da quando Trump si è insediato alla Casa Bianca, è stata travolta da divisioni e disorganizzazione. Ma qualcuno già pensa che non resisterà
AP

Usa pronti a guerra preventiva contro Nord Corea. McMaster: è un'opzione

Il consigliere per la sicurezza nazionale H.R. McMaster ha commentato il fatto che Pyongyang il mese scorso ha condotto due test sul lancio di missili balistici a lungo raggio.

Trump ribadisce il no agli accordi di Parigi sul clima, ma gli Usa sono disposti a negoziare

Gli Stati Uniti hanno confermato alle Nazioni Unite la volontà di abbandonare l'accordo di Parigi, ma si sono detti "aperti a impegnarsi di nuovo".

Per fare cassa, il Governo Trump pensa di eliminare sgravi per proprietari casa

Nonostante la promessa di proteggerli fatta lo scorso aprile dal presidente. A farne le spese sarebbe anche il settore immobiliare a cui Trump, almeno in parte, deve la vittoria alle presidenziali dello scorso anno.
AP

Russiagate, Mueller chiede alla Casa Bianca documenti su Flynn

Si cerca di capire se l'ex generale americano abbia ricevuto di nascosto denaro dalla Turchia, negli ultimi mesi della campagna elettorale.

L'imprenditore pharma più odiato d'America colpevole di frodi

Lo ha deciso una giuria chiudendo un caso seguito su scala internazionale. Il 34enne Martin Shkreli canta vittoria: colpevole di tre degli otto capi di imputazione. Ma rischia 20 anni di carcere

Trump inizia "vacanza di lavoro" in golf club esclusivo

La Casa Bianca giustifica il trasferimento in New Jersey per via di opere di manutenzione nella residenza presidenziale
Trump National Golf Club - Bedminster

L'amministrazione Trump lancia guerra contro la fuga di notizie

Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, avverte gli aspiranti 'leaker': non fatelo. Sicurezza nazionale a rischio. Triplicate le inchieste. Stampa avvertita: la sua libertà "non è illimitata"

Usa: creati più posti di lavoro del previsto, disoccupazione ai minimi di 16 anni

I salari orari sono cresciuti poco più delle attese a luglio; la Fed potrebbe essere ancora più convinta ad alzare i tassi una terza volta nel 2017

WikiLeaks svela Dumbo, come la Cia controlla webcam e microfoni di un pc

L'agente della Cia deve solo infilare una Usb in un computer dotato del sistema operativo Windows di Microsoft
AP