I quotidiani americani chiedono al Congresso protezione contro Google e Facebook

La News Media Alliance (NMA) - che rappresenta più di 2.000 quotidiani - vuole chiedere a Capitol Hill di fermare il duopolio nella pubblicità digitale dei due colossi. Controllano il 60% del mercato americano

La News Media Alliance (NMA) - una associazione che rappresenta più di 2.000 quotidiani negli Stati Uniti, tra cui il New York Times e il Washington Post - sta chiedendo al Congresso una concessione alla legge antitrust per poter proteggere i giornali americani da Google e Facebook. Lo scrive il quotidiano online Axios. Il gruppo sostiene che le leggi che impediscono ai media di lavorare insieme per contrattare accordi pubblicitari migliori con le piattaforme internet favoriscano i due colossi, che continuano a controllare il mercato della pubblicità digitale e l'economia dell'informazione.

Per gli Stati Uniti, si tratterebbe della prima azione concreta contro il duopolio Google-Facebook. In Europa i due colossi sono già stati presi di mira dalle autorità Ue, mentre il governo Usa ha ignorato il problema permettendo alle due aziende di arrivare a controllare il 60% della pubblicità digitale in America, e il 50% a livello globale. Allo stesso tempo i ricavi da pubblicità dei gruppi media continuano a diminuire.

"Stiamo dolo cercando di iniziare a lavorare con il Congresso", ha detto ad Axios Michael J. Klingensmith, presidente di NMA e editore del Minneapolis Star Tribune Media. Secondo i dati di eMarketer, nel 2017 negli Stati Uniti il 60% dei ricavi da inserzioni andranno a Google e a Facebook, in tutto 73 miliardi dollari. Circa l'80% delle pubblicità legate alle ricerche su internet andranno a Google, mentre circa il 40% delle pubblicità digitali andranno a Facebook sempre secondo eMarketer. Nel frattempo la pubblicità su carta è crollata di due terzi rispetto a 10 anni fa.

Infine NMA sostiene che il dominio di Facebook e Google ha cerato un sistema economico malato nel settore dei media e nella distribuzione di notizie: i benefici vanno tutti ai due colossi, mentre i lettori non arrivano più ad avere un collegamento diretto con i giornali. Per superare questa situazione NMA chiede alcuni cambiamenti: tra questi aumentare la distribuzione dei ricavi da pubblicità. Facebook, ad esempio, ha aggiornato i termini per la spartizione degli introiti con Instant Articles, anche se per NMA non è abbastanza.

Il gruppo chiede anche di creare un maggiore sostegno per un modello che preveda abbonamenti, magari con l'aiuto di Facebook e Google. Ci sono voci che Facebook stia lanciando una funzione mobile che permette di pagare gli articoli. La terza richiesta è legata a una maggiore condivisione dei dati raccolti dai due colossi con i giornali. Infine i quotidiani chiedono ai due colossi tech di dare maggiore visibilità ai marchi dei singoli giornali. Secondo una ricerca di Pew/Knight Foundation il 10% degli intervistati credono che la fonte dell'articolo sia Facebook, anche se è stato prodotto da qualcun'altro.

Altri Servizi

Gentiloni: costruire una società aperta, no a barriere e muri

Il presidente del consiglio all'assemblea generale Onu parla di cooperazione e dell'esperienza dell'Europa. E poi di Libia, Siria, terrorismo, clima e del fatto che solo uniti si possono affrontare le sfide. Ma su Trump non va all'attacco diretto

La Fed annuncia storica riduzione del bilancio, rialzo tassi rimandato

La normalizzazione inizierà a ottobre. Terza stretta prevista forse a dicembre nonostante i danni provocati dagli uragani
AP

Clinton spiana la strada a Bloomberg e conia termine per il populismo di destra

E' "tribalismo separatista". Il 42esimo presidente americano promuove un'agenda inclusiva durante un evento che ha preso il posto della sua Clinton Global Initiative
Bloomberg

Franca Sozzani continua a ispirare l'impegno sociale

Lanciato un premio in onore della direttrice di Vogue Italia scomparsa nel dicembre 2016. Naomi Campbell, Iman, Beatrice Borromeo e Afef Jnifen, a New York per ricordarla nella settimana Onu unendo moda e solidarietà

Wall Street non teme la normalizzazione della Fed

Chiusura record per Dow e S&P 500
AP

Gentiloni guarda al futuro. La ripresa c'è, ma attenzione ai populismi

Il presidente del Consiglio a New York per l'apertura dell'assemblea generale dell'Onu. All'Europa chiede politiche comuni per i migranti e alla chiusura di Trump risponde con il multilateralismo. Oggi il suo intervento

Gentiloni: anche l'Italia, non solo gli Usa, tutela i propri interessi nazionali

Il presidente del consiglio sottolinea l'approccio multilaterale del nostro Paese. Con l'America, "rapporto di collaborazione strettissima". Fincantieri-Stx? Ottimista
Palazzo Chigi /T. Barchielli

Migranti, Alfano: investire sui Paesi di origine, rapporto più stretto Europa-Africa

Così il ministro degli Esteri da New York, consapevole che per molti politici è una strategia politicamente scomoda nel breve termine
Farnesina

Trump all'Onu: "Prima gli Usa. Pronti a distruggere la Corea del Nord"

Primo intervento al Palazzo di Vetro del 45esimo presidente degli Stati Uniti, che ha attaccato duramente anche l'Iran, uno Stato "canaglia"