Rapporto Onu, i dettagli contro Assad

Gli ispettori non l'hanno scritto, ma l'hanno fatto capire: i missili sarebbero stati sparati dalle postazioni controllate dalle truppe d'elite del presidente

Gli esperti dell'Onu non l'hanno scritto, ma l'hanno fatto capire, se si leggono i dettagli del loro rapporto sulle armi chimiche in Siria: a usarle sarebbero state le formazioni militari d'elite fedeli al presidente Bashar al-Assad. A notarlo è il New York Times.

Gli ispettori, il cui compito era quello di indagare sull'uso di armi chimiche, senza indicare i presunti responsabili, hanno però determinato la traiettoria di due missili usati nell'attacco che lo scorso 21 agosto ha provocato circa 1.400 morti: i razzi sarebbero partiti dall'avamposto governativo sul monte Qasioun, che svetta su Damasco, da dove i militari della Quarta divisione proteggono il palazzo presidenziale. 
"E' il centro di gravità, il cuore del regime" ha dichiarato Elias Hanna, generale in pensione dell'esercito libanese e docente di strategia e geopolitica all'Università americana di Beirut. I dati presentati dagli ispettori, quindi, avvalorano le indicazioni pubbliche fornite dalle intelligence di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia e mostrano che l'attacco sarebbe stato condotto sfacciatamente dalle forze governative, che avrebbero lanciato l'attacco chimico dalla stessa area da cui usano le armi convenzionali dall'inizio della guerra.

I dati contenuti nel rapporto dell'Onu, nonostante le smentite di Russia e Siria, che pubblicamente hanno accusato i ribelli per l'uso di armi chimiche, cancellerebbero qualsiasi dubbio, se ne fosse confermata l'esattezza: i ribelli siriano non sono mai riusciti ad avvicinarsi al monte Qasioun, fortezza delle elite militari fedeli ad Assad. "Abbiamo unito i puntini forniti da questi numeri (degli ispettori dell'Onu, ndr) per vedere da soli da dove presumibilmente sono stati lanciati i missili e da chi" ha detto Josh Lyons, analista di Human Rights Watch, che ha analizzato i dati degli ispettori, arrivando alla stessa conclusione del New York Times, che a sua volta ha studiato il rapporto: i missili con il gas sarin sarebbero stati lanciati dalla base delle Guardie repubblicane della 104esima Brigata, sul lato ovest della montagna; uno dei due razzi potrebbe invece essere stato lanciato dalla base di Mezzeh, vicino ai piedi del monte, sempre in mano alle forze governative.

Gli esperti delle Nazioni Unite che hanno indagato in Siria hanno riscontrato "prove evidenti e convincenti" dell'uso di armi chimiche; secondo loro, lo scorso 21 agosto sarebbero stati impiegati oltre 350 litri di gas sarin. Nella prima pagina del rapporto, si legge che le armi chimiche sono state usate "su scala relativamente vasta" durante il conflitto siriano. Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, ha spiegato che le Nazioni Unite avevano il compito di indagare sull'uso di armi chimiche, non di trovare i colpevoli. "Starà agli altri decidere se indagare ancora per determinare le responsabilità" ha detto.

Altri Servizi

Wall Street verso un ribasso dopo la migliore tre giorni dal 1931

Gli Usa attendono che la Camera approvi il piano di stimoli economici da 2.000 miliardi di dollari
AP

Coronavirus, in California raddoppia in un giorno il numero di pazienti in terapia intensiva

Sono passati da 200 a 410 in meno di 24 ore, lo ha annunciato il governatore Gavin Newsom
Wikipedia

Il numero di pazienti affetti da coronavirus ricoverati in terapia intensiva in California è raddoppiato in meno di 24 ore, passando dai 200 di venerdì a 410 di sabato. A darne notizia è il governatore californiano Gavin Newsom che ha spiegato che anche il numero di pazienti ospedalizzati, risultati positivi al coronavirus, è aumentato del 38,6%, passando dai 746 di venerdì ai 1.034 di sabato.

È legge lo storico piano di aiuti da 2.000 miliardi, in Usa oltre 100.000 casi di coronavirus

Venerdì, l'approvazione alla Camera e la firma del presidente Trump. Il numero di malati raddoppiato in 3 giorni
Ap

Il presidente Donald Trump ha promulgato lo storico piano di stimoli economici da oltre 2.000 miliardi di dollari per sostenere famiglie e aziende statunitensi, nel giorno in cui i casi confermati di nuovo coronavirus sono raddoppiati nell'arco di 72 ore, superando le 100.000 unità. In precedenza, era arrivata l'approvazione della Camera con un voto a voce.

Coronavirus, oltre 2mila morti negli Stati Uniti. Trump rinuncia alla quarantena per New York

Il presidente americano impone delle limitazioni per provare a contenere i contagi dopo che negli Usa sono più di 120mila i casi
White House /Shealah Craighead

Donald Trump torna sui suoi passi e abbandona l’idea di mettere in quarantena gli stati di New York, New Jersey e Connecticut dopo che nelle ultime ore quest’idea, da lui stesso paventata, aveva riscosso non poche critiche. È lo stesso presidente americano a darne notizia su Twitter: "Su raccomandazione della Task Force Coronavirus della Casa Bianca e dopo essermi consultato con i governatori di New York, New Jersey e Connecticut, ho chiesto di limitare rigorosamente gli spostamenti nell'area, sotto il controllo degli stessi governatori, in consultazione con il Governo federale. Ma non sarà necessaria una quarantena", ha spiegato il tycoon.

Coronavirus, Fauci: "Negli Usa temiamo milioni di casi, potremmo avere tra i 100mila e i 200mila morti"

Il celebre immunologo americano ha parlato alla Cnn dove ha spiegato che la capacità degli Usa di fare test è piuttosto debole
Flickr

Gli Stati Uniti potrebbero, con molta probabilità arrivare ad avere "milioni di casi di coronavirus" mentre il bilancio delle vittime potrebbe addirittura oscillare tra i "100mila e i 200mila morti". A dirlo è Anthony Fauci, l’immunologo americano direttore dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (Niaid) del National Institutes of Health (Nih) nonché uno degli uomini chiave della task force della Casa Bianca contro il coronavirus.

Coronavirus, Wall Street fiduciosa sul piano di aiuti Usa

Tra i dati in programma oggi, le vendite di case nuove
AP

Coronavirus, Cuomo: "Prepararsi alla guerra". Trump pensa a una quarantena per New York

Il governatore dello Stato più colpito ribadisce l'urgenza di posti letto e respiratori e fornisce gli ultimi dati: 7.328 malati in ospedale, 1.755 in terapia intensiva, 728 morti (209 nelle ultime 24 ore). "Quarantena? Non ne so nulla" ha risposto
iStock

Ci sono 7.328 malati di Covid-19 ricoverati in ospedale, con 1.755 in terapia intensiva; i morti sono stati 209 nelle ultime 24 ore, il totale ora è di 728; i test effettuati finora sono stati 155.934, le persone risultate positive 52.318. Sono i numeri elencati in conferenza stampa da Andrew Cuomo, il governatore di New York, lo Stato statunitense più colpito dall'emergenza coronavirus.

Wall Street, attenzione rivolta ai sussidi di disoccupazione

Gli analisti temono un netto rialzo delle nuove richieste
AP

Coronavirus, Trump contro Gm e Ford: "Cominciate a produrre ventilatori, ora!"

Duro attacco del presidente Usa su Twitter, mentre l'emergenza negli Usa si allarga
Ap

Duro attacco del presidente statunitense Donald Trump contro General Motors e Ford, su Twitter, in un momento in cui il Paese cerca risorse e dispositivi per combattere il nuovo coronavirus. "General Motors deve immediatamente aprire la sua fabbrica stupidamente abbandonata di Lordstown in Ohio, o qualche altra fabbrica, e cominciare a produrre ventilatori, ora! Ford, inizia a fare i ventilatori, velocemente!".