Rapporto Onu, i dettagli contro Assad

Gli ispettori non l'hanno scritto, ma l'hanno fatto capire: i missili sarebbero stati sparati dalle postazioni controllate dalle truppe d'elite del presidente

Gli esperti dell'Onu non l'hanno scritto, ma l'hanno fatto capire, se si leggono i dettagli del loro rapporto sulle armi chimiche in Siria: a usarle sarebbero state le formazioni militari d'elite fedeli al presidente Bashar al-Assad. A notarlo è il New York Times.

Gli ispettori, il cui compito era quello di indagare sull'uso di armi chimiche, senza indicare i presunti responsabili, hanno però determinato la traiettoria di due missili usati nell'attacco che lo scorso 21 agosto ha provocato circa 1.400 morti: i razzi sarebbero partiti dall'avamposto governativo sul monte Qasioun, che svetta su Damasco, da dove i militari della Quarta divisione proteggono il palazzo presidenziale. 
"E' il centro di gravità, il cuore del regime" ha dichiarato Elias Hanna, generale in pensione dell'esercito libanese e docente di strategia e geopolitica all'Università americana di Beirut. I dati presentati dagli ispettori, quindi, avvalorano le indicazioni pubbliche fornite dalle intelligence di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia e mostrano che l'attacco sarebbe stato condotto sfacciatamente dalle forze governative, che avrebbero lanciato l'attacco chimico dalla stessa area da cui usano le armi convenzionali dall'inizio della guerra.

I dati contenuti nel rapporto dell'Onu, nonostante le smentite di Russia e Siria, che pubblicamente hanno accusato i ribelli per l'uso di armi chimiche, cancellerebbero qualsiasi dubbio, se ne fosse confermata l'esattezza: i ribelli siriano non sono mai riusciti ad avvicinarsi al monte Qasioun, fortezza delle elite militari fedeli ad Assad. "Abbiamo unito i puntini forniti da questi numeri (degli ispettori dell'Onu, ndr) per vedere da soli da dove presumibilmente sono stati lanciati i missili e da chi" ha detto Josh Lyons, analista di Human Rights Watch, che ha analizzato i dati degli ispettori, arrivando alla stessa conclusione del New York Times, che a sua volta ha studiato il rapporto: i missili con il gas sarin sarebbero stati lanciati dalla base delle Guardie repubblicane della 104esima Brigata, sul lato ovest della montagna; uno dei due razzi potrebbe invece essere stato lanciato dalla base di Mezzeh, vicino ai piedi del monte, sempre in mano alle forze governative.

Gli esperti delle Nazioni Unite che hanno indagato in Siria hanno riscontrato "prove evidenti e convincenti" dell'uso di armi chimiche; secondo loro, lo scorso 21 agosto sarebbero stati impiegati oltre 350 litri di gas sarin. Nella prima pagina del rapporto, si legge che le armi chimiche sono state usate "su scala relativamente vasta" durante il conflitto siriano. Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, ha spiegato che le Nazioni Unite avevano il compito di indagare sull'uso di armi chimiche, non di trovare i colpevoli. "Starà agli altri decidere se indagare ancora per determinare le responsabilità" ha detto.

Altri Servizi

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha incontrato i suoi massimi consiglieri per valutare un possibile accordo con i talebani, che potrebbe permettere agli Stati Uniti di mettere fine alla loro presenza in Afghanistan. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il vicepresidente Mike Pence, il segretario di Stato, Mike Pompeo, la direttrice della Cia, Gina Haspel, e il consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton. In un tweet dopo l'incontro, che si è tenuto nel suo golf club in New Jersey, Trump ha scritto che gli Stati Uniti "stanno cercando di fare un accordo, se possibile".

Suicidio in carcere per il finanziere Epstein

Stava aspettando l'inizio del processo. Era accusato di avere reclutato e sfruttato sessualmente una "rete di vittime" giovanissime. Fbi e Giustizia indagano. Focus sulle procedure di sicurezza nel centro di detenzione

Probabilmente suicidio. Il finanziere newyorchese che per anni ha sfruttato sessualmente minori anche solo di 14 anni è stato trovato morto nella cella del carcere dove si trovava in attesa che iniziasse il processo a suo carico. Se fosse stato giudicato colpevole, avrebbe dovuto trascorrere il resto della sua vita in carcere visto che la pena sarebbe stata di 45 anni.

Cbs e Viacom tornano a sposarsi

Nasce ViacomCBS, un gruppo con rivavi di oltre 28 miliardi di dollari

Cbs e Viacom hanno deciso di tornare a sposarsi creando un colosso dell'intrattenimento con ricavi di oltre 28 miliardi di dollari. Lo hanno annunciato in una nota congiunta le due aziende. Il gruppo che nasce dalla fusione si chiamerà ViacomCBS.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Per il re del "Big Short", proteste Hong Kong una minaccia per economia globale

Steve Eisman teme che possano diventare un "cigno nero"

Le proteste a Hong Kong potrebbero mettere a repentaglio un qualsiasi accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e potrebbero pesare sull'economia globale. Per questo, quelle proteste sono la principale preoccupazione per Steve Eisman, l'investitore reso celebre anche fuori dagli ambienti di Wall Street grazie al film "The Big short".

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.

GE rimbalza: Ceo compra 2 mln $ di azioni dopo accusa di frode in stile Enron

Ieri il tonfo maggiore da 11 anni dopo la diffusione di un rapporto redatto da colui che aveva avvertito sullo schema Ponzi creato da Bernie Madoff