Rapporto sull'occupazione Usa deludente, sempre più probabile un nuovo taglio dei tassi della Fed

Creati 130.000 posti di lavoro, contro attese per 150.000
AP

Ad agosto, le aziende statunitensi hanno continuato ad assumere, ma lo hanno fatto meno del previsto. Negli Stati Uniti il mese scorso sono stati creati 130.000 posti di lavoro, mentre gli analisti ne attendevano 150.000. Il settore privato ha creato 96.000 posti, quello pubblico 34.000. Il dato complessivo dei due mesi precedenti è stato rivisto in ribasso, con una perdita complessiva di 20.000 posti di lavoro. Il rialzo di agosto segna comunque il mese numero 107 di fila in cui i datori di lavoro americani hanno reclutato personale, un nuovo record.

Stando a quanto riferito dal dipartimento al Lavoro, il tasso di disoccupazione è rimasto stabile al 3,7%, come atteso. I salari orari - attentamente monitorati perché indicano l'assenza o meno di pressioni inflative - sono cresciuti dello 0,39% (o di 0,11 dollari) su base mensile a 28,11 dollari; le previsioni erano per un +0,3%. Su base annuale sono saliti del 3,2%, sopra il range tra 1,9 e 2,2% segnato dal 2012 in poi e oltre la media del 2% degli ultimi sei anni; le stime erano per un +3,1%. La durata della settimana media di lavoro è aumentata di 0,1 ore a 34,4 ore.

Nei tre mesi ad agosto, sono stati creati in media 156.000 posti di lavoro al mese, sotto la media di 190.000 da quando l'economia è tornata a crescere dopo l'ultima recessione, otto anni fa. La partecipazione alla forza lavoro è salita di 0,2 punti al 63,2% (era al 66% prima dell'ultima recessione). A livello settoriale, i servizi professionali hanno aggiunto 37.000 posti di lavoro, il settore sanitario 24.000 e le società finanziarie 15.000. La crescita debole dell'occupazione (quello del settore privato è stato il dato peggiore da febbraio) potrebbe spingere la Fed a tagliare i tassi d'interesse di un quarto di punto, al termine della riunione prevista tra meno di due settimane. Alla scorsa riunione, è stato deciso il primo taglio dei tassi da oltre un decennio.

Altri Servizi

La Fed taglia i tassi ma è divisa, Powell tenta di tranquillizzare

Rotta costo del denaro "non è predefinita". Esclude recessione. Pronto a intervenire di nuovo nel mercato monetario dopo due iniezioni di liquidità. Ventilato un QE4? Trump lo attacca: "Non ha fegato"
AP

La rotta dei tassi "non è predefinita". Una recessione è da escludere ma se l'economia Usa dovesse frenare, la Federal Reserve sarebbe pronta ad accelerare il passo con cui ha ripreso a tagliare il costo del denaro. Anche durante una crisi, però, la banca centrale Usa non arriverebbe a portare i tassi in territorio negativo. Se proprio tornerà a comprare bond come fece durante la crisi del 2008. Sono questi i messaggi con cui Jerome Powell ha cercato di rassicurare i mercati, anche sulle iniezioni di liquidità realizzate negli ultimi due giorni per ridare fiato al mercato monetario statunitense.

Wall Street cauta dopo il taglio dei tassi deciso della Fed

Dati in programma: sussidi di disoccupazione, vendite di case esistenti, superindice economico
AP

Ambiente, Trump revoca l'autonomia della California sulle emissioni delle auto

Scontro tra il governo federale e il Golden State, intenzionato a seguire le norme dell'era Obama che l'attuale amministrazione vuole cancellare

"L'amministrazione Trump sta revocando alla California l'esenzione federale sulle emissioni, in modo da produrre auto molto meno costose per i consumatori e allo stesso tempo sostanzialmente più sicure". Lo ha scritto su Twitter il presidente statunitense, Donald Trump, confermando quindi le indiscrezioni del Washington Post. Alla California, infatti, era stata concessa autonomia sui limiti alle emissioni e il Golden State ne aveva approfittato per fissare dei limiti più stringenti rispetto a quelli proposti da Trump. La decisione farà partire senza dubbio una battaglia legale tra governo federale e California, facendo cadere nell'incertezza i produttori e creando tensioni nel mercato automobilistico.

Wall Street attende la decisione della Fed sui tassi

Alle 20 italiane l'annuncio: probabile un nuovo taglio di 25 punti base
AP

Sciopero Gm, interviene Trump (che sta con i lavoratori)

Lo scrive Politico. Il presidente vuole un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown
AP

La Casa Bianca interviene nello scontro tra General Motors e sindacato. Secondo due fonti di Politico, l'amministrazione statunitense sta cercando di portare le due parti a un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown, in Ohio, che Gm ha chiuso a marzo e che il sindacato e il presidente Donald Trump vogliono sia riaperta.

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, che domani comunicherà le sue decisioni sul taglio dei tassi
AP

Wall Street, pesano le tensioni in Medio Oriente

L'aumento del prezzo del petrolio, dopo gli attacchi contro gli impianti sauditi, fa temere il rallentamento dell'economia mondiale
AP

Nuove accuse contro il giudice Kavanaugh, i Dem: "Impeachment"

I candidati alla presidenza contro il giudice della Corte Suprema, la cui nomina è stata confermata lo scorso anno nonostante le accuse di tentato stupro e molestie sessuali
Ap