Ray Allen, da stella Nba a consigliere dello United States Holocaust Memorial Museum

Il campione 41enne si è appassionato alla storia dell’Olocausto nel 1993 diventando negli anni un assiduo frequentatore del museo di Washington cercando di sensibilizzare le persone sugli orrori subiti dal popolo ebreo

Dopo aver detto addio ai cambi da basket lo scorso novembre con una toccante lettera indirizzata a se stesso, l'ex stella Nba Ray Allen ha deciso di dedicarsi anima e corpo a una passione che porta con sé da quasi due decenni: studiare, sensibilizzare e promuovere la storia dell’Olocausto.

Vincitore di due titoli Nba, (il primo con i Boston Celtic e il secondo con i Miami Heat), considerato il miglior tiratore della storia prima dell’avvento di Stephen Curry,  nonché giocatore ad aver realizzato più tiri da tre punti nella storia della lega (2973), Allen ha scoperto questa passione nel 1993. Allora studente alla University of Connecticut, colui che sarebbe poi diventato "He got game" (soprannome dovuto al suo ruolo da protagonista nell’omonimo film di Spike Lee), ha iniziato ad incuriosirsi ad una delle pagine più buie della storia della nostra umanità, diventando successivamente un assiduo frequentatore dell’United States Holocaust Memorial Museum (USHMM). Si tratta del museo americano che dalla sua fondazione - proprio nel 1993 - si è dedicato a prevenire i genocidi, a difendere la dignità umana e a rafforzare la democrazia in tutto il mondo oltre a fornire importanti studi sull’Olocausto.

Una causa a cui l’ex stella Nba si dedica da vent’anni e a cui dalla scorsa settimana potrà dedicarsi attraverso il ruolo istituzionale di membro del consiglio direttivo dello stesso museo. "Sono orgoglioso di questo ruolo e di continuare a condividere i messaggi e le lezioni importanti che tutti noi dobbiamo ricordare dall'Olocausto", ha dichiarato Allen in un’intervista rilasciata al magazine TheUndefeated. "Voglio ispirare la gente a rompere gli stereotipi e trattare gli altri - indipendentemente dalla razza, dalla religione o da qualsiasi altra cosa - come la propria famiglia. È più importante che mai", ha sottolineato Allen.

Il campione 41enne nato a Merced, piccola cittadina dell’omonima contea nella San Joaquin Valley, nella California centrale, ha raccontato dello shock avuto quando ha iniziato a rendersi conto delle atrocità subite dal popolo ebraico durante l’Olocausto. Lo studio di quel periodo storico "ha toccato la mia anima e mi ha spinto ad essere più cosciente dei problemi delle persone attorno a me", ha dichiarato Allen che ha poi raccontato quando nel 1998 ha visitato per la prima volta il museo a Washington. "Giocavo per i Milwaukee Bucks e in estate venni a trovare il proprietario della squadra, fu lui a consigliarmi di visitare il United States Holocaust Memorial Museum durante il mio tempo libero".

Da quel momento Allen ha colto ogni occasione possibile per istruirsi sulla storia dell’Olocausto, "una lezione che tutti dovremmo imparare cosicché non accada più". Addirittura, l’ex stella Nba ha raccontato di come sia riuscito a portare con sé tutti i giocatori con cui ha giocato organizzando dei veri e propri tour di squadra ogni qual volta si trovava a Washington per disputare una partita.

Allen ha poi sottolineato come il suo approccio sia quello di guardare la storia cercando non solo di comprenderla ma anche di "capire come questa abbia influenzato e influenzi" la sua vita. Si tratta di un criterio che il cestista afroamericano applica a 360 gradi e che ovviamente riguarda anche "l’oppressione, il razzismo e l’intolleranza verso i neri d’America" durante gli anni del movimento per i diritti civili degli afroamericani. 

Sottolineando le similitudini tra l’oppressione subita dal popolo ebreo e quella che ha segnato la storia degli afroamericani, Allen ha parlato dell’importanza della costruzione del National Museum of African American History and Culture, il Museo nazionale di storia e cultura afroamericana aperto nel settembre dello scorso anno, grazie al quale "si può finalmente raccontare la nostra storia". Si tratta di un passo importante per Allen secondo cui per anni è stato come se gli Stati Uniti “non volevano accettare le atrocità fatte ai neri".

Proprio per questo entrambi i musei hanno per Ray Allen una funzione fondamentale poiché visitandoli si ha l’opportunità di "imparare che ciascuno di noi è uguale e che non ci sono esseri umani inferiori". Una lezione che "ogni bambino" deve apprendere sin da piccolo per evitare di diventare "un bullo capace poi di trasformarsi in un dittatore".

Altri Servizi

Apple: dall’iPhone al glucometro senza ago?

Il Ceo Cook visto testare un dispositivo connesso all’Apple Watch. Il target di riferimento: non solo diabetici ma chi vuole essere in salute
iStock

Apple sta forse pensando a mettere piede nel settore della sanità. Il produttore dell’iPhone sembra stia lavorando allo sviluppo di un apparecchio in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. L’amministratore delegato Tim Cook è stato avvistato nel quartiere generale del gruppo a Cupertino, California, mentre testava il prototipo di un dispositivo connesso all’Apple Watch e in grado di tenere traccia delle variazioni della glicemia nel sangue a seconda di fattori quali cibo ed esercizio fisico.

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

Fca punta a soluzione "giusta" del caso emissioni in Usa

Secondo Bloomberg, la Giustizia americana potrebbe fare causa al gruppo questa settimana se i negoziati non portassero a una soluzione. L'azienda: "Sarebbe controproducente". Un'analista: sarebbe uno sviluppo inatteso
AP

Una causa legale ancora non è stata depositata dal governo Usa e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che lo sarà a breve nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles. C'è chi interpreta così, ridimensionandole, le indiscrezioni di Bloomberg che ieri hanno provocato un calo del 3,7% del titolo Fca nel dopo mercato a Wall Street, ampliando la flessione registrata nel corso della seduta (-3,11% a 10,59 dollari) in una giornata per altro in cui la Commissione europea aveva annunciato l'apertura di una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa Ue in materia di omologazione dei veicoli. Secondo Bloomberg, il dipartimento di Giustizia Usa già questa settimana potrebbe fare causa al gruppo guidato da Sergio Marchionne se - e solo se - dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla violazione presunta delle leggi americane sulle emissioni. Fca punta a una soluzione "giusta" del caso.

Fca deposita richiesta di certificazione emissioni diesel in Usa

Mossa frutto di "collaborazione" tra Epa e Carb, autorità che a gennaio avevano accusato il gruppo di una possibile violazione delle leggi. Il gruppo conta di risolvere così le loro preoccupazioni e di aggiornare software di 104.000 auto finite nel mirino
Fca Us

Fiat Chrysler Automobiles ha fatto un passo concreto verso quella che spera sia una soluzione per archiviare le accuse di violazione delle leggi sulle emissioni avanzate all'inizio dell'anno dall'Agenzia per la protezione ambientale (Epa) e la California Air Resources Board (Carb) americane e riguardanti circa 104.000. Se ci riuscisse, eviterebbe anche una causa da parte del dipartimento di Giustizia, ipotesi che nei due giorni scorsi aveva pesato sul titolo.

Trump dall'Arabia saudita parla ai musulmani: uniamoci contro il terrorismo

Oggi terrà un discorso sulla religione e sullo sradicamento dello Stato islamico. Ma soprattutto cercherà di dare una nuova immagine a 1,6 miliardi di musulmani, dopo gli attacchi e i commenti razzisti dei mesi scorsi

Il presidente americano Donald Trump nelle prossime ore cercherà di mettere gli Stati Uniti e lui stesso in una nuova posizione con gli 1,6 miliardi di musulmani in tutto il mondo che hanno dovuto ascoltare nel corso della campagna elettorale e poi durante la presidenza i commenti islamofobici del presidente. Ma l'obiettivo principale del discorso di oggi dall'Arabia saudita di Trump sarà quello di spingere il mondo musulmano a combattere l'ideologia radicale islamista di gruppi terroristici come l'ISIS, che Trump ha promesso di distruggere. "Il nostro scopo è quello di creare una coalizione di nazioni che condividono l'obiettivo di fermare l'estremismo e di offrire ai nostri figli un futuro di speranza che faccia onore a Dio ... Ogni volta che un terrorista uccide una persona innocente e invoca il falso nome di Dio, dovrebbe essere un insulto a ogni persona di fede ", dirà Trump, secondo estratti del suo discorso diffusi dalla Casa Bianca.

Cisco annuncia altri 1.100 esuberi

Il gruppo ha chiuso un trimestre migliore del previsto ma l'outlook sui ricavi ha deluso. Tonfo dell'8% del titolo nel dopo mercato

Cisco Systems ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili e ricavi superiori alle stime degli analisti fornendo però un outlook deludente. Inoltre, il gruppo che fornisce soluzioni di rete ha detto che eliminerà altri 1.100 posti di lavoro, che vanno ad aggiungersi ai 5.500 posti già annunciati in un piano di ristrutturazione lo scorso agosto.

I poteri di Mueller, procuratore speciale (ma non indipendente)

Figura più debole del vecchio 'special prosecutor', visto che dipende dal dipartimento di Giustizia. Avrà comunque ampi poteri

La decisione del dipartimento di Giustizia statunitense di affidare all'ex direttore dell'Fbi, Robert Mueller, l'incarico di indagare sui possibili legami tra lo staff del presidente Donald Trump e la Russia è senza dubbio una vittoria per i democratici, un nuovo (grosso) problema per la Casa Bianca e un chiaro segnale che lo scandalo che ha rallentato l'amministrazione non farà altro che ampliarsi nelle prossime settimane. Non è solo la decisione di incaricare un procuratore speciale a preoccupare la Casa Bianca, ma è anche l'uomo scelto per assumere l'incarico: Mueller ha guidato l'Fbi dal 2001 al 2013, è una figura considerata al di sopra delle parti ed è, anche, un grande amico di James Comey, il direttore del Federal Bureau licenziato la scorsa settimana da Trump.

Trump mette in vendita mega tenuta ai Caraibi per 28 milioni di dollari

La proprietà affaccia sulla spiaggia dell’isola di St Martin. Potrebbe garantire al presidente americano una plusvalenza di oltre 8 milioni di dollari
Sotheby’s International Realty

L’enorme e sontuosa tenuta del presidente americano Donald Trump sull’isola caraibica di St Martin è in vendita per 28 milioni di dollari. La tenuta era stata acquistata dal miliardario di New York nel 2013.

Accordo Trump-Riad: Arabia Saudita comprerà armi Usa per 110 miliardi

L'obiettivo è più ambizioso: arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari in dieci anni. La firma è avvenuta nel corso di una imponente cerimonia nel palazzo reale di Riad.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il re dell'Arabia Saudita Salman hanno firmato un accordo in base al quale Riad comprerà armi e sistemi di difesa dagli Usa per 110 miliardi di dollari. L'obiettivo è più ambizioso: arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari in dieci anni. La firma è avvenuta nel corso di una imponente cerimonia nel palazzo reale di Riad.

Il design italiano sbarca in Usa con "Material Immaterial". Focus su creatività e investimenti

Gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura. In questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia.
America24

Celebrare la sinergia tra il mondo del design italiano e gli Stati Uniti: questo l'obiettivo dell’evento "Material Immaterial", organizzato dal periodico italiano di design "Interni" in collaborazione con il Consolato generale d'Italia a New York. Perché se gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura, è anche vero che, in questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia.