Ray Allen, da stella Nba a consigliere dello United States Holocaust Memorial Museum

Il campione 41enne si è appassionato alla storia dell’Olocausto nel 1993 diventando negli anni un assiduo frequentatore del museo di Washington cercando di sensibilizzare le persone sugli orrori subiti dal popolo ebreo

Dopo aver detto addio ai cambi da basket lo scorso novembre con una toccante lettera indirizzata a se stesso, l'ex stella Nba Ray Allen ha deciso di dedicarsi anima e corpo a una passione che porta con sé da quasi due decenni: studiare, sensibilizzare e promuovere la storia dell’Olocausto.

Vincitore di due titoli Nba, (il primo con i Boston Celtic e il secondo con i Miami Heat), considerato il miglior tiratore della storia prima dell’avvento di Stephen Curry,  nonché giocatore ad aver realizzato più tiri da tre punti nella storia della lega (2973), Allen ha scoperto questa passione nel 1993. Allora studente alla University of Connecticut, colui che sarebbe poi diventato "He got game" (soprannome dovuto al suo ruolo da protagonista nell’omonimo film di Spike Lee), ha iniziato ad incuriosirsi ad una delle pagine più buie della storia della nostra umanità, diventando successivamente un assiduo frequentatore dell’United States Holocaust Memorial Museum (USHMM). Si tratta del museo americano che dalla sua fondazione - proprio nel 1993 - si è dedicato a prevenire i genocidi, a difendere la dignità umana e a rafforzare la democrazia in tutto il mondo oltre a fornire importanti studi sull’Olocausto.

Una causa a cui l’ex stella Nba si dedica da vent’anni e a cui dalla scorsa settimana potrà dedicarsi attraverso il ruolo istituzionale di membro del consiglio direttivo dello stesso museo. "Sono orgoglioso di questo ruolo e di continuare a condividere i messaggi e le lezioni importanti che tutti noi dobbiamo ricordare dall'Olocausto", ha dichiarato Allen in un’intervista rilasciata al magazine TheUndefeated. "Voglio ispirare la gente a rompere gli stereotipi e trattare gli altri - indipendentemente dalla razza, dalla religione o da qualsiasi altra cosa - come la propria famiglia. È più importante che mai", ha sottolineato Allen.

Il campione 41enne nato a Merced, piccola cittadina dell’omonima contea nella San Joaquin Valley, nella California centrale, ha raccontato dello shock avuto quando ha iniziato a rendersi conto delle atrocità subite dal popolo ebraico durante l’Olocausto. Lo studio di quel periodo storico "ha toccato la mia anima e mi ha spinto ad essere più cosciente dei problemi delle persone attorno a me", ha dichiarato Allen che ha poi raccontato quando nel 1998 ha visitato per la prima volta il museo a Washington. "Giocavo per i Milwaukee Bucks e in estate venni a trovare il proprietario della squadra, fu lui a consigliarmi di visitare il United States Holocaust Memorial Museum durante il mio tempo libero".

Da quel momento Allen ha colto ogni occasione possibile per istruirsi sulla storia dell’Olocausto, "una lezione che tutti dovremmo imparare cosicché non accada più". Addirittura, l’ex stella Nba ha raccontato di come sia riuscito a portare con sé tutti i giocatori con cui ha giocato organizzando dei veri e propri tour di squadra ogni qual volta si trovava a Washington per disputare una partita.

Allen ha poi sottolineato come il suo approccio sia quello di guardare la storia cercando non solo di comprenderla ma anche di "capire come questa abbia influenzato e influenzi" la sua vita. Si tratta di un criterio che il cestista afroamericano applica a 360 gradi e che ovviamente riguarda anche "l’oppressione, il razzismo e l’intolleranza verso i neri d’America" durante gli anni del movimento per i diritti civili degli afroamericani. 

Sottolineando le similitudini tra l’oppressione subita dal popolo ebreo e quella che ha segnato la storia degli afroamericani, Allen ha parlato dell’importanza della costruzione del National Museum of African American History and Culture, il Museo nazionale di storia e cultura afroamericana aperto nel settembre dello scorso anno, grazie al quale "si può finalmente raccontare la nostra storia". Si tratta di un passo importante per Allen secondo cui per anni è stato come se gli Stati Uniti “non volevano accettare le atrocità fatte ai neri".

Proprio per questo entrambi i musei hanno per Ray Allen una funzione fondamentale poiché visitandoli si ha l’opportunità di "imparare che ciascuno di noi è uguale e che non ci sono esseri umani inferiori". Una lezione che "ogni bambino" deve apprendere sin da piccolo per evitare di diventare "un bullo capace poi di trasformarsi in un dittatore".

Altri Servizi

La guerra commerciale con la Cina spaventa gli agricoltori americani

E sopratutto i candidati repubblicani che potrebbero rischiare di perdere le elezioni di Midterm in aree in cui il presidente Trump ha stravinto
iStock

Arizona e Texas schierano la Guardia nazionale lungo il confine

Sono i primi due stati ad aver accettato la richiesta di Donald Trump. Intanto il Pentagono ha fatto sapere di voler schierare tra i 2.000 e i 4.000 militari al confine
iStock

Robert Lighthizer, l'architetto della guerra commerciale contro la Cina

Crede che dopo decenni di negoziati è il momento di agire contro Pechino. E all'interno della Casa Bianca non ha nessun ostacolo.
AP

Pressing dei democratici (e di Kelly) su Trump: siluri Pruitt

In 64 deputati hanno scritto una lettera. Anche secondo il capo di gabinetto della Casa Bianca, il capo dell'Agenzia per la protezione ambientale dovrebbe dimettersi

Facebook verificherà l'identità di chi vuole fare pubblicità politiche sul social

Zuckerberg annuncia nuove misure all'insegna della trasparenza per prevenire interferenze in stile russo. Conto alla rovesca per la testimonianza del Ceo al Congresso Usa

Sell-off a Wall Street con venti di guerra commerciale tra Usa e Cina

Per Mnuchin, è una possibilità. Casa Bianca: Trump può "assolutamente" vincere lo scontro con Pechino, che ha un'arma da 1.200 miliardi di dollari: i Treasury in portafoglio
AP

Wall Street: sell-off con minacce commerciali di Trump alla Cina

Jerome Powell, governatore della Federal Reserve: le tariffe fanno alzare i prezzi ma presto per dire se cambieranno l'outlook
iStock

La missione segreta di Facebook: ottenere dagli ospedali dati sui pazienti

Sarebbero stati incrociati da quelli a disposizione del social network per capire chi ha bisogno di trattamenti speciali. Progetto sospeso dopo lo scandalo Cambridge Analytica