Ray Allen, da stella Nba a consigliere dello United States Holocaust Memorial Museum

Il campione 41enne si è appassionato alla storia dell’Olocausto nel 1993 diventando negli anni un assiduo frequentatore del museo di Washington cercando di sensibilizzare le persone sugli orrori subiti dal popolo ebreo

Dopo aver detto addio ai cambi da basket lo scorso novembre con una toccante lettera indirizzata a se stesso, l'ex stella Nba Ray Allen ha deciso di dedicarsi anima e corpo a una passione che porta con sé da quasi due decenni: studiare, sensibilizzare e promuovere la storia dell’Olocausto.

Vincitore di due titoli Nba, (il primo con i Boston Celtic e il secondo con i Miami Heat), considerato il miglior tiratore della storia prima dell’avvento di Stephen Curry,  nonché giocatore ad aver realizzato più tiri da tre punti nella storia della lega (2973), Allen ha scoperto questa passione nel 1993. Allora studente alla University of Connecticut, colui che sarebbe poi diventato "He got game" (soprannome dovuto al suo ruolo da protagonista nell’omonimo film di Spike Lee), ha iniziato ad incuriosirsi ad una delle pagine più buie della storia della nostra umanità, diventando successivamente un assiduo frequentatore dell’United States Holocaust Memorial Museum (USHMM). Si tratta del museo americano che dalla sua fondazione - proprio nel 1993 - si è dedicato a prevenire i genocidi, a difendere la dignità umana e a rafforzare la democrazia in tutto il mondo oltre a fornire importanti studi sull’Olocausto.

Una causa a cui l’ex stella Nba si dedica da vent’anni e a cui dalla scorsa settimana potrà dedicarsi attraverso il ruolo istituzionale di membro del consiglio direttivo dello stesso museo. "Sono orgoglioso di questo ruolo e di continuare a condividere i messaggi e le lezioni importanti che tutti noi dobbiamo ricordare dall'Olocausto", ha dichiarato Allen in un’intervista rilasciata al magazine TheUndefeated. "Voglio ispirare la gente a rompere gli stereotipi e trattare gli altri - indipendentemente dalla razza, dalla religione o da qualsiasi altra cosa - come la propria famiglia. È più importante che mai", ha sottolineato Allen.

Il campione 41enne nato a Merced, piccola cittadina dell’omonima contea nella San Joaquin Valley, nella California centrale, ha raccontato dello shock avuto quando ha iniziato a rendersi conto delle atrocità subite dal popolo ebraico durante l’Olocausto. Lo studio di quel periodo storico "ha toccato la mia anima e mi ha spinto ad essere più cosciente dei problemi delle persone attorno a me", ha dichiarato Allen che ha poi raccontato quando nel 1998 ha visitato per la prima volta il museo a Washington. "Giocavo per i Milwaukee Bucks e in estate venni a trovare il proprietario della squadra, fu lui a consigliarmi di visitare il United States Holocaust Memorial Museum durante il mio tempo libero".

Da quel momento Allen ha colto ogni occasione possibile per istruirsi sulla storia dell’Olocausto, "una lezione che tutti dovremmo imparare cosicché non accada più". Addirittura, l’ex stella Nba ha raccontato di come sia riuscito a portare con sé tutti i giocatori con cui ha giocato organizzando dei veri e propri tour di squadra ogni qual volta si trovava a Washington per disputare una partita.

Allen ha poi sottolineato come il suo approccio sia quello di guardare la storia cercando non solo di comprenderla ma anche di "capire come questa abbia influenzato e influenzi" la sua vita. Si tratta di un criterio che il cestista afroamericano applica a 360 gradi e che ovviamente riguarda anche "l’oppressione, il razzismo e l’intolleranza verso i neri d’America" durante gli anni del movimento per i diritti civili degli afroamericani. 

Sottolineando le similitudini tra l’oppressione subita dal popolo ebreo e quella che ha segnato la storia degli afroamericani, Allen ha parlato dell’importanza della costruzione del National Museum of African American History and Culture, il Museo nazionale di storia e cultura afroamericana aperto nel settembre dello scorso anno, grazie al quale "si può finalmente raccontare la nostra storia". Si tratta di un passo importante per Allen secondo cui per anni è stato come se gli Stati Uniti “non volevano accettare le atrocità fatte ai neri".

Proprio per questo entrambi i musei hanno per Ray Allen una funzione fondamentale poiché visitandoli si ha l’opportunità di "imparare che ciascuno di noi è uguale e che non ci sono esseri umani inferiori". Una lezione che "ogni bambino" deve apprendere sin da piccolo per evitare di diventare "un bullo capace poi di trasformarsi in un dittatore".

Altri Servizi

La Corte Suprema sta con Trump, stop (per ora) a ingresso di rifugiati

Terzo intervento ad interim del massimo organo giudiziario americano in vista di una decisone sulla costituzionalità del travel ban. Intanto pressing della Casa Bianca per ridurre sotto 50mila il numero di rifugiati da ammettere nei prossimi 12 mesi
AP

Il massimo organo giudiziario americano si è schierato a favore di Donald Trump, impedendo a molti rifugiati di mettere piede negli Stati Uniti. Il tutto mentre la Casa Bianca, ha rivelato il New York Times, spinge per abbbassare al di sotto di 50mila il numero di rifugiati da accogliere nel corso del prossimo anno fiscale, il minimo da almeno 1980.

Apple presenta iPhone X, ma non convince del tutto il mercato

Nel decennale del suo telefonino celebra Steve Jobs e prova a guardare avanti: elimina il tasto home e apre alla carica wireless e al riconoscimento facciale. Ma i ritardi nelle consegne mettono alla prova Apple e la fiducia dei suoi consumatori
AP

Non ci sono state sorprese e neppure l'appello al "one more thing", che ripeteva sempre Steve Jobs, ha aiutato Apple a stupire. Nel decimo anniversario di iPhone il gruppo ha presentato come atteso da giorni due nuovi modelli: iPhone 8 e iPhone 8 Plus, che sono un aggiornamento di iPhone 7, e - per il decennale - iPhone X, definito dall'amministratore delegato, Tim Cook, "il futuro degli smartphone". Anche le caratteristiche (riconoscimento facciale, carica wireless, assenza del tasto home) erano state anticipate nelle scorse settimane. Insieme ai nuovi iPhone, Apple ha presentato il nuovo Apple Watch, Series 3 che permette anche la connessione alla rete cellulare.

La pizzeria diventa scuola di formazione anche in streaming e sui social

In un momento che si conferma favorevole per i prodotti Made in Italy all'estero, non più solo un simbolo dell'italianità, ma sempre più spunto culturale e turistico. L'esempio di Keste Pizza a New York.
Keste Pizza

In un momento che si conferma favorevole per i prodotti Made in Italy all'estero, non più solo un simbolo dell'italianità, ma sempre più spunto culturale e turistico, si evolve anche la comunicazione dei principi di buona cucina, con una diffusione più allargata ed efficace, utilizzando la rete, i blogger e i social network. Il cibo va gustato, ma anche fotografato e conosciuto, creando una vera e propria "esperienza".

Obama passa all'azione e scommette sui giovani leader

Il predecessore di Donald Trump lancia le prime iniziative di cittadinanza attiva della sua fondazione. "La democrazia è un lavoro per tutti"

Fatevi avanti. Perseverate. E' questo il messaggio lanciato da Barack Obama a centinaia di giovani leader da tutto il mondo in vista di un summit che dal 31 ottobre al primo novembre prossimi li vedrà protagonisti a Chicago (Illinois), la città natale del primo presidente afroamericano degli Stati Uniti.

Il 65% della Florida senza elettricità ma Irma fa meno paura, Dow sopra i 22mila punti

Si stimano costi inferiori legati all'uragano. Per Moody's spaziano dai 150 ai 200 miliardi di dollari includendo anche Harvey
AP

Per la prima volta dal 16 agosto, il Dow Jones Industrial Average ha chiuso una seduta a Wall Street sopra la soglia dei 22mila punti e l'S&P 500 ha messo a segno il suo 31esimo record del 2017. E' successo all'indomani dell'arrivo dell'uragano Irma in Florida, dove oltre 6,5 milioni di persone sono rimaste senza elettrocità; questo significa che il 65% dello Stato è al buio.

Apple testa la fedeltà dei consumatori con un iPhone da mille dollari

E' il costo stimato per il dispostivo con cui il gruppo dovrebbe celebrare il decimo anniversario del lancio dello smartphone. La realtà aumentata verso una svolta

La fedeltà degli appassionati di prodotti Apple sta per essere testata. Martedì 12 settembre infatti il colosso tecnologico dovrebbe presentare il suo primo iPhone con un costo di almeno mille dollari o magari anche di più per i modelli con una memoria maggiore; è quello con cui il gruppo intende celebrare il decimo anniversario del lancio dello smartphone. Si tratta di una versione di alta gamma che - stando a fughe di notizie - dovrebbe chiamarsi iPhone X; va ad aggiungersi agli aggiornamenti dei modelli iPhone 7 e iPhone 7 Plus ossia l'iPhone 8 e 8Plus.

Casa Bianca organizza vertice sul clima a margine dell'assemblea Onu

Nel gruppo ristretto di invitati l'Italia c'è, stando al ministero dell'Ambiente
AP

La Casa Bianca ha organizzato un vertice sul clima a margine dell'assemblea generale dell'Onu, che entrerà nel vivo la settimana prossima. A riunire ministri e funzionari per una colazione di lavoro prevista lunedì 18 settembre a New York sarà Gary Cohn, il consigliere economico del presidente americano Donald Trump.

Usa avvertono la Cina: banche prese di mira se non punisce la Corea del Nord

Due funzionari del Tesoro americano lanciano il monito a Pechino all'indomani di un nuovo round di sanzioni Onu
AP

L'amministrazione Trump ha messo in guardia la Cina, l'unico vero partner commerciale della Corea del Nord: gli Usa prenderanno di mira, come già fatto, le banche cinesi a meno che Pechino opti per misure più dure volte a mettere economicamente in difficoltà Pyongyang. Come? Riducendo le transazioni commerciali e finanziarie con il regime di Kim Jong Un.

Irma tocca terra a Cuba e marcia verso la Florida

Lo stato della Florida ha ordinato l'evacuazione di 5,6 milioni di persone mentre il potente uragano Irma minaccia la zona sudorientale Paese. Allarme anche in South Carolina e in Georgia.
White House

L'uragano Irma oscilla tra la categoria 4 e 5, quella più elevata e potenzialmente pericolosa. L'uragano, come ha fatto sapere il National Hurricane Center (Nhc), ha raggiunto Cuba alle 5 ora italiana di sabato, toccando terra sull'Arcipelago Camaguey, con raffiche di 260 chilometri orari e velocità di spostamento stimata in 20 chilometri orari.

L'America torna a scontrarsi sulla sanità: Sanders propone copertura per tutti

La proposta del senatore democratico contrasta nettamente con quella di due colleghi repubblicani che puntano a indebolire piuttosto che ad ampliare la portata dell'Obamacare
AP

L'America torna a scontrarsi sul settore della sanità. Nello stesso giorno al Congresso sono andate in scena due proposte radicalmente opposte: una, promossa da Bernie Sanders, punta ad ampliare a tutti gli americani nell'arco di quattro anni l'accesso al Medicare ossia il programma federale che attualmente offre una copertura medica a chi ha almeno 65 anni o è disabile; l'altra, di stampo conservatore, punta a indebolire l'Obamacare. Anche se per ragioni diverse, tutte e due le proposte puntano ad andare oltre l'Affordable Care Act, la riforma sanitaria entrata in vigore nel 2010 e tanto caldeggiata dall'allora presidente Barack Obama. L'ala liberal a Capitol Hill punta ad allargarne la portata, quella opposta è intenzionata a smantellarla. C'è tuttavia un comune denominatore ai due approcci: nessuno verrà messo presto in pratica.