Rcs: la battaglia legale con Blackstone su via Solferino da NY si sposta in Italia

Lo ha deciso un giudice di New York, dove il fondo di private equity aveva lanciato una causa legale contro il gruppo di Urbano Cairo. Le autorità italiane chiamate a decidere se ci sono le condizioni per un arbitrato. Il private equity: non patteggiamo
A24

Uno a zero per Urbano Cairo nella sua battaglia legale con Blackstone riguardante la controversa vendita della sede storica del Corriere della Sera in via Solferino a Milano, avvenuta nel 2013 per 120 milioni di euro.

Saliann Scarpulla, la giudice di origini italo-americane chiamata a decidere su un caso che lo scorso novembre aveva portato il colosso finanziario guidato da Stephen Schwarzman ha lanciare a New York una causa contro RCS (di cui Cairo è presidente e principale azionista e che possiede il quotidiano), ha deciso di sospendere il caso stesso lasciando a un panel arbitrale italiano di decidere se ci sono le condizioni per un arbitrato tra le parti in Italia. L'attenzione si sposta dunque da New York a Milano, dove lo scorso novembre il gruppo editoriale aveva presentato una mozione arbitrale contro Blackstone.

"Se il panel arbitrale decide che non ci sono le condizioni per un arbitrato, allora deciderò sulla giurisdizione del caso", ha spiegato Scarpulla.

Cairo ha sempre sostenuto che la vendita è nulla perché la legge italiana impedisce a un acquirente di approfittare della debolezza di chi sta vendendo asset. Blackstone era pronto a cedere gli immobili comprati da RCS - in cui ha fatto migliorie per 20 milioni di euro - al gruppo assicurativo tedesco Allianz per una cifra doppia di quanto sborsato per comprarli. Allianz ha deciso di sospendere la transazione fino a quando la battaglia legale sarà terminata.

Aaron Marks, l'avvocato dello studio legale Kirkland & Ellis che rappresenta Blackstone, ha commentato dicendo: "Siamo totalmente fiduciosi sulla validità legale del nostro caso e non abbiamo alcuna intenzione di patteggiare". Secondo il legale, il fondo di private equity non intende cedere e porterà avanti la sua causa "fino alla fine, a New York o in Italia".

La giudice statunitense ha posto domande incalzanti proprio a Marks nel corso dell'udienza durata poco più di un'ora. "Siete state contattati a New York [per la vendita degli immobili]?", ha chiesto Scarpulla. Marks ha risposto "no". "Ci sono stati incontri a New York" tra le parti interessate?, ha domandato la giudice. L'avvocato di Blackstone ha risposto negativamente. "Ci sono state transazioni a New York?", ha domandato Scarpulla, sentendosi nuovamente dire no. "Non avete nulla", ha replicato il magistrato facendo notare che Blackstone può essere contattata ovunque nel mondo essendo un'azienda attiva su scala globale.

"Non ci sono stati contatti a New York. Perché dovrei occuparmene io?", ha aggiunto la giudice di origini italo-americane. La stessa osservazione è stata da lei fatta quando Marks ha cercato di difendere la sua tesi (che il caso va risolto a New York e non in Italia) sostenendo che Rcs aveva contattato otto istituzioni finanziarie newyorchesi tra cui JP Morgan, Morgan Stanley, Goldman Sachs. "Voglio sapere cosa precisamente è avvenuto a New York. Non voglio sentire parlare di aziende newyorchesi che sono attive su scala globale", ha tuonato la giudice chiedendo: "Questi gruppi sono stati contatti a New York?". Il legale di Blackstone ha risposto: "Non lo so". E lei ha replicato: "La sua risposta non è sufficiente". Scarpulla ha aggiunto: "Mi state chiedendo di spingermi troppo oltre" nell'occuparmi del caso a New York. Io non ho paura di esercitare il mio potere ma voglio evitare incoerenze" con la legislazione italiana, a cui ha affidato il caso. Anche quando il legale di Blackstone ha tentato di difendere la tesi che New York sia la giurisdizione giusta per il caso citando una battaglia legale del 2009, la giudice si è messa a ridere e ha detto: "Sappiamo tutti che l'interpretazione della giurisdizione è cambiata drasticamente da allora". Scarpulla si è poi rivolta al legale di Blackstone dicendo: "L'immobile è italiano, la transazione è italiana. I documenti sono stati firmati in Italia nell'ambito della legge italiana. Non capisco perché dopo tutti questi anni volete che me ne occupi io".

Altri Servizi

Wall Street, timori per la crescita cinese

L'economia di Pechino cresciuta del 6,2% nel secondo trimestre rispetto a un anno prima, il passo più lento in almeno 27 anni
AP


Migranti, Corte costituzionale del Guatemala blocca il possibile accordo con gli Usa

Washington vuole lasciare ai centroamericani i richiedenti asilo provenienti da El Salvador e Honduras
AP

La Corte costituzionale del Guatemala ha emesso un'ordinanza per impedire al presidente Jimmy Morales di firmare un controverso accordo sull'immigrazione con il presidente statunitense Donald Trump. L'accordo, se firmato, costringerebbe i migranti provenienti da El Salvador e Honduras a chiedere asilo in Guatemala, invece che negli Stati Uniti, il Paese dove vorrebbero dirigersi.

Blackout a New York, città al buio per tre ore

Colpita una parte di Manhattan, oltre 70 mila senza corrente elettrica. Traffico impazzito e diversi problemi ma nessun danno né feriti
Ap

Caos a New York per un blackout che sabato sera ha paralizzato una parte della città per almeno tre ore. Il problema, dovuto a un guasto alla rete elettrica, ha lasciato al buio oltre 70mila persone secondo quanto dichiarato da Con Edison, la società che gestisce i servizi di gas ed elettricità della città. La zona maggiormente colpita è stata quella del West Side, la parte di Manhattan a ovest di Central Park, dove il blackout è iniziato attorno alle sette di sabato sera.

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Scontro Usa-Francia sulla web tax: Trump minaccia dazi

La misura colpisce 30 aziende tra cui le americane Alphabet, Apple Amazon e Facebook ma anche gruppi cinesi, tedeschi, spagnoli e britannici
Ap

Gli Stati Uniti hanno aperto un'inchiesta sulla web tax approvata oggi dal Senato francese, che ha ignorato l'avvertimento arrivato ieri da Washington. Nel mirino c'è l'imposta pari al 3% per le aziende digitali con un fatturato globale di oltre 750 milioni di euro e uno di 25 milioni generato in Francia.

Caso Epstein: si dimette Acosta, segretario al Lavoro Usa

Lo ha annunciato il presidente Trump, che aveva sempre difeso il suo ministro

Il segretario al Lavoro statunitense, Alexander Acosta, si è dimesso. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump, lasciando questa mattina la Casa Bianca, sottolineando che è stata una decisione di Acosta, che gli ha telefonato per annunciargli la sua decisione. "È un brav'uomo e ci mancherà" ha detto Trump. Le dimissioni sono il frutto delle polemiche sul rinvio a giudizio per sfruttamento sessuale di minorenni del miliardario Jeffrey Epstein, che un decennio fa aveva ottenuto un patteggiamento molto favorevole per le stesse accuse grazie ad Acosta, allora procuratore federale.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Netflix perde "Friends", la celebre serie TV passa sul nuovo servizio Hbo Max

L'annuncio di WarnerMedia. Accordo quinquennale a partire dal 2020

Dopo "The Office", Netflix perde i diritti a trasmettere un'altra celebre serie Tv americana: "Friends". WarnerMedia (l'ex Time Warner rilevata da AT&T in una transazione da oltre 80 miliardi di dollari) ha comunicato che le avventure di Jennifer Aniston nei panni di Rachel Green e quelle degli altri cinque suoi amici verranno trasmesse su un nuovo servizio in streaming che verrà lanciato la prossima primavera e che si chiamerà HBO Max.