Regling (Esm) difende gli sforzi dell'Italia sugli Npl: da primavera -15%

Nel nostro Paese, situazione debitoria gestibile. Europa meglio posizionata per una crisi. Sistema bancario "più sicuro e meglio capitalizzato"

Washington - Dopo Carlo Cottarelli, anche Klaus Regling, direttore del Meccanismo europeo di stabilità, riconosce i passi avanti fatti dall'Italia nel ridurre lo stock di non performing loan (Npl) nel suo sistema bancario. E si dice convinto che il nostro Paese possa gestire il suo debito anche se questo "dipende da chi c'è in carica". Parlando di Europa, condivide il pressing del Fondo monetario internazionale affinché si riduca il livello "alto" di crediti deteriorati ma difende i passi avanti fatti su questo e altri fronti e che hanno reso il sistema bancario e la Regione "più forti" e meglio posizionati per affrontare una crisi.

Italia: dalla primavera Npl -15%
Parlando al pubblico del Peterson Institute for International Economics a Washington, Regling ha fatto notare che nel nostro Paese "dalla scorsa primavera a oggi c'è stata una riduzione del 15%" dei crediti deteriorati. E questo grazie alla gestione della crisi che ha travolto "banche piccole del Nord" (Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza). "I problemi sono cos" diminuiti". I suoi commenti arrivato dopo quelli del Fondo, secondo cui dal nostro Paese arriva il 30% del totale di Npl dell'Eurozona e che in Italia quest'anno si arriverà a un calo di 65 miliardi di euro di Npl.

Situazione debitoria gestibile
In quello che per il presidente dell'istituto di ricerca Adam S. Posen è stato forse il discorso più dettagliato sullo stato dell'Europa del numero uno del Mes, quest'ultimo ha spiegato che "l'Italia sta avendo successo nel gestire l'eredità della crisi". Il direttore del Meccanismo europeo di stabilità si è detto poi d'accordo con un'analisi fatta da Jeromin Zettelmeyer, Senior Fellow al Peterson secondo cui difficilmente un rialzo dei tassi di interesse renderà insostenibile il debito italiano. Zettelmeyer ha offerto due ragioni a sostegno della sua tesi. La prima: i tassi saliranno se la crescita nell'Eurozona migliorerà, cosa che aiuterà anche l'Italia a crescere e dunque a rafforzare la sua tenuta creditiza. La seconda: un rialzo ciclico dei tassi non condiziona la sostenibilità del debito italiano, che dipende dal costo di finanziamento e dalla crescita di lungo termine. "Sono sostanzialmente d'accordo", ha commentato Regling. "L'Italia può gestire la situazione. Non è una garanzia. Dipende da chi c'è in carica e da chi sarà al governo" dopo le elezioni del prossimo anno. "Errori possono essere fatti ma viste le cose positive [che stanno succedendo], è fattibile".

Sistema bancario Uer "più sicuro"
Parlando in generale del sistema bancario europeo, Regling ha detto che "è più sicuro" e meglio capitalizzato; "la redditività è salita ma resta al di sotto dei livelli Usa". Nel suo discorso il direttore del Mes ha condiviso il pressing dell'Fmi per la riduzione di Npl: "Sono ancora troppo alti, specialmente in alcuni Paesi, ma stanno scendendo dal picco del 2013 e sono ben coperti da accantonamenti". La loro riduzione è comunque "una priorità non solo per il settore ma anche per il funzionamento dell'economia". Perché la gestione di crediti deteriorati "consuma capitali che altrimenti potrebbero essere usati per fornire credito". E perché il management delle banche "dedica a questo problema una quantità di tempo preziosa che potrebbe essere usata per sviluppare modelli di business o acquisizioni strategiche internazionali". D'altra parte, ha concluso, "c'è spazio per il consolidamento.

Europa più forte, nel 2018 meglio posizionata per affrontare una crisi
Regling è poi convinto che "l'Europa abbia lavorato sodo per affrontare le sue mancanze" e che si trovi "in una posizione più forte, sia economicamente sia da un punto di vista istituzionale, rispetto a prima della crisi". Secondo lui nel 2018 potrebbero crearsi le condizioni per rendere il Vecchio Continente ancor più pronto per fare i conti con un'altra crisi. Regling ha usato il suo intervento per cercare di rispondere alla domanda se l'Europa sia pronta per la prossima crisi. "La risposta non è facile perché non sappiamo quando una crisi si verificherà", ha detto sostenendo che la caratteristica di una crisi finanziaria è che "balza dal nulla e si può diffondere rapidamente".

Ma lui è ottimista: pur invitanto ad essere "vigili" così come ha fatto il Fondo monetario internazionale nel suo Global Financial Stability Report, Regling ha spiegato che il 2018 "sarà un buon anno per giungere a buone decisioni"; il riferimento è al potenziamento del Mes che la Germania vorrebbe trasformare in un Fondo monetario europeo, al rafforzamento dell'Unione economica e monetaria senza dimenticare il completamento dell'Unione bancaria. "Quando questo succederà, l'Europa sarà meglio posizionata per affrontare la prossima crisi". E questo chiama in causa anche la figura di un ministro Ue delle Finanze, di cui "va prima definito il mandato, poi la persona giusta" per ricoprire quell'incarico, "cosa che dunque non è imminente".

Di crisi, lui, ha detto di "averne viste molte" nella sua vita professionale "perché sto invecchiando". Ricordando quella del 1994-95 - "l'ultima volta che abbiamo avuto una turbolenza valutaria intra-europea incredibile" - Regling ha lanciato un messaggio agli euroscettici: "Molti si dimendicano che la vita prima dell'euro non era cos" facile". E facendo notare il calo del rapporto debito/Pil, il direttore del Mes ha spiegato che in Europa "è stato creato più spazio fiscale di altre economie grandi, cosa che ci rende molto più pronti di altri dal punto di vista fiscale".

Altri Servizi

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

È stata una settimana straordinaria, quella appena terminata al Congresso statunitense: dopo essere stati accusati di molestie sessuali, tre membri del parlamento si sono dimessi. Per trovare un momento simile, nella storia degli Stati Uniti, bisogna tornare alla Guerra civile e alla schiavitù.

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Apple sta per acquistare Shazam, la app per riconoscere le canzoni. A sostenerlo è il sito TechCrunch: citando fonti anonime, il sito specializzato in tecnologia riferisce che il produttore dell'iPhone potrebbe pagare centinaia di migliaia di dollari per l'applicazione; se cos" fosse, Apple verserebbe meno del miliardo di dollari circa a cui Shazam fu valutata nel suo ultimo round di raccolta fondi risalente al 2015. Un'intesa potrebbe essere annunciata luned" 11 dicembre.

Ge: 12mila esuberi nella divisione Power

Obiettivo: tagliare i costi di un miliardo di dollari nel 2018

La divisione di General Electric dedicata alle attività energetiche intende tagliare 12.000 posti di lavoro, di cui 1.100 nel Regno Unito, con l'intento di ridurre i costi di un miliardo di dollari nel 2018. La decisione della conglomerata americana, che secondo gli analisti era da tempo necessaria, colpirà professionisti e addetti alla produzione. Il numero di esuberi corrisponde al 20% circa della forza lavoro della divisione che produce turbine per impianti energetici a carbone e a gas.

Lo spettro di molestie sessuali arriva anche a Wall Street

Morgan Stanley licenzia un advisor, ex deputato a Washington, per "condotta inopportuna" nei confronti di una donna. Si tratta di Harold Ford Jr
iStock

Dopo Hollywood, Capitol Hill e la Silicon Valley, anche a Wall Street si solleva lo spettro di molestie sessuali. Morgan Stanley ha subito licenziato un advisor di alto livello dopo che una donna si è lamentata di una sua condotta inappropriata e giudicata dalla banca come "non in linea ai nostri valori e in violazione delle nostre politiche.

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto

A novembre le aziende americane hanno continuato ad assumere continuando la tendenza vista il mese precedente. Il rialzo del mese scorso segna l'86esimo mese di fila in cui i datori di lavoro hanno reclutato personale negli Stati Uniti.

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

Una divisione di Caterpillar ha ammesso di avere truffato clienti facendo manutenzione inutile sui loro vagoni ferroviari.

Trump Jr. chiese a un'avvocata russa le prove contro la fondazione Clinton

La legale, Natalia Veselnitskaya, lo ha detto alla commissione Giustizia del Senato. Negli Stati Uniti, sono in corso le indagini sulle interferenze russe nelle scorse elezioni presidenziali e sui possibili legami tra Mosca e lo staff di Donald Trump

L'avvocata russa presente all'incontro alla Trump Tower, il 9 giugno 2016, con i massimi responsabili della campagna elettorale del candidato repubblicano ha dichiarato che il figlio dell'attuale presidente statunitense, Donald Trump Jr., le chiese se avesse le prove di donazioni illegali alla Clinton Foundation. L'avvocata, riporta Nbc News, ha risposto alle domande che la commissione Giustizia del Senato le ha presentato per iscritto.

Trump Jr. agli investigatori: "Non parlo della conversazione con mio padre"

In commissione Intelligence della Camera, ha invocato il diritto alla riservatezza garantito nel rapporto tra cliente e avvocato, visto che parteciparono, oltre a padre e figlio, anche i rispettivi legali
AP

Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente statunitense Donald Trump, si è rifiutato di discutere con gli investigatori del Congresso di una conversazione con il padre, a proposito delle rivelazioni sul suo incontro con un'avvocata russa durante la scorsa campagna elettorale. Lo hanno riferito alcune fonti al Wall Street Journal.

Da gennaio Trump tornerà a promuovere piano infrastrutturale

Prevede 200 miliardi di dollari di fondi federali e 800 miliardi di investimenti privati su scala statale e municipale
iStock

Non ha ancora portato a casa la riforma fiscale, che già Donald Trump pensa a rilanciare un piano infrastrutturale promesso ancora prima della sua vittoria alle elezioni presidenziali del novembre 2016. Lo riferisce la stampa americana citando funzionari della Casa Bianca; la proposta dovrebbe prevedere spese federali per 200 miliardi di dollari, pensate per innescare investimenti da parte del settore privato a livello statale e municipale per altri 800 miliardi di dollari. Il valore complessivo da mille miliardi di dollari è quello che Trump, già da candidato, disse che avrebbe realizzato nei suoi primi 100 giorni alla Casa Bianca. Così non è stato, visto che poi il Gop si è concentrato (inutilmente) sull'abrograzione della riforma sanitaria voluta da Barack Obama e ora è alle prese con una riforma fiscale che spera di realizzare entro Natale.