I regolatori Usa danno retta a Fca, indagano sul 'clone' della prima Jeep

Si tratta di Roxor, dell'indiana Mahindra & Mahindra. Il gruppo italo-americano aveva fatto reclamo presso la International Trade Commission americana

La International Trade Commission americana ha deciso di seguire la richiesta fatta da Fiat Chrysler Automobiles e di aprire un'inchiesta sul gruppo indiano Mahindra & Mahindra in merito a certi "veicoli e componentistica".

L'azienda automobilistica italo-americana punta a impedire al gruppo indiano la vendita in Usa di un veicolo praticamente identico a una sua vettura a marchio Jeep. Per questo lo scorso primo agosto l'azienda italo-americana aveva depositato un reclamo presso l'International Trade Commission americana.

La tesi dell'azienda è che la vettura Mahindra Roxor ha praticamente copiato caratteristiche chiave del modello di Fca. Il gruppo guidato dallo scorso 21 luglio da Mike Manley - il responsabile dei marchi Jeep e Ram promosso alla luce delle gravi condizioni di salute di Sergio Marchionne, il cui decesso shock è stato annunciato il 25 luglio - aveva spiegato nel documento che la vettura indiana è "una copia quasi identica del design iconico di Jeep". Presentando immagini che mettono a confronto i veicoli delle due case automobilistiche, Fca aveva sostenuto che "il prodotto accusato è stato formato dopo l'originale Willys Jeep", che debuttò nel 1941 come veicolo dell'esercito americano, ben prima del lancio dei modelli Cherokee, Grand Cherokee, Compass e Renegade.

Inoltre, secondo Fca l'importazione di vetture Roxor rischia di ledere l'azienda dal momento che Mahindra intende sfruttare la produzione del veicolo controverso in India per poi importarne le componenti in Usa, dove viene riassemblato. Mahindra, con sede a Mumbai, nel 2017 ha aperto nella parte meridionale del Michigan il quartier generale della sua divisione nordamericana. A novembre ha annunciato investimenti di 600 milioni di dollari nella fabbrica dedicata al Roxor dove la forza lavoro si è triplicata ed entro il 2020 dovrebbe arrivare a 670 operai. Il reclamo presentato da Fca citava "una notevole capacità manifatturiera estera combinata all'intenzione provata di penetrare il mercato Usa e ledere le attività e le buone intenzioni di Fca". 

Altri Servizi

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Nel mondo, la gente ricomincia ad avere la fiducia che aveva nell'economia nazionale prima della grande recessione di dieci anni fa; notevoli, soprattutto, i miglioramenti registrati in Germania, Giappone, Russia e Stati Uniti, secondo l'ultimo studio del Pew Research Center. Nel complesso, però, non si può non sottolineare che continua a regnare un forte pessimismo per il futuro e che è molto diffusa la nostalgia per il passato, soprattutto in Europa.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap