Repubblicani al voto nel regno di Obama

Oggi ennesima tappa del braccio di ferro tra Romney e Santorum. Il frontrunner favorito perché Illinois vuol dire Chicago

Una cosa è certa: se oggi Rick Santorum vincesse la primaria dell'Illinois, questa votazione passerebbe alla storia come una debacle epocale per i sondaggisti. I sondaggi degli ultimi giorni danno infatti Mitt Romney in vantaggio di almeno una decina abbondante di punti percentuali (9 secondo Rasmussen, 15 secondo PPP, 14 secondo ARG).

Nate Silver, il giovane prodigio dei sondaggi del New York Times, ha un vantaggio: è di Chicago. Basandosi sulla sua esperienza oltre che sui dati, spiega  che l'Illinois è uno Stato molto anomalo rispetto al resto del MidWest, perché l'elettorato è concentrato per ben due terzi nella città di Obama e nelle circostanti gigantesche aree metropolitane, dove come al solito prevale un orientamento politico meno conservatore; mentre il resto dello Stato è molto più conservatore, come è tipico delle zone rurali, ma è anche molto meno popolato. “Quelli di Chicago” spiega “abita in Illinois solo sulla carta; in realtà non avvertono alcuna appartenenza con lo Stato, sono di Chicago e basta”.

Stiamo quindi parlando di uno Stato che, sul piano elettorale, si riduce più che altro a una (immensa) città; e a una città dove lam politica è da anni saldamente in mano ai Democratici (il direttore del New Yorker David Remnick, non certo un antipatizzante, paragonò sardonicamente questo predominio al monopartitismo cinese), mentre i repubblicani lì contano zero e la fazione più conservatrice in particolare conta zero virgola zero.

Anche per questo Rick Santorum, nonostante la vittoria della settimana scorsa nelle votazioni del profondo Sud Alabama-Mississippi, in illinois nonm è riuscito a recuperare su Romney.
Soprattutto pesa il fatto che al distacco nella conta dei delegati (Romney è arrivato a quota 521, Santorum è a 253; Gingrich segue in lontananza a 136 e qualcuno comincia a sospettare che punti tutto sul caos di una convention nazionale senza maggioranza assoluta) si dovrebbe oggi aggiungere la mancata conquista, da parte del candidato conservatore, dell'elettorato diverso da quello puramente rurale, di quella minoranza della quale Joel Kotkin invitava il Partito Repubblicano a non rimanere “ostaggio” nel suo corsivo su Forbes la settimana scorsa.

A meno che il voto di oggi non riservi una clamorosa sorpresa.

Altri Servizi

Usa: il segretario al Tesoro brinda al dollaro forte

Per Mnuchin, intervistato dal Wall Street Journal, è il segno della fiducia nell'economia americana. Il presidente Trump aveva detto che il biglietto verde è "troppo forte"
Wikimedia Commons

Nella sua prima intervista da quando è diventato segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin ha detto che un dollaro forte è il segno della fiducia nell'economia Usa. Le sue parole contrastano con quelle del presidente Donald Trump, che aveva detto che la divisa Usa è "troppo forte".

La Fed segnala un rialzo dei tassi "relativamente presto"

Una stretta a marzo resta possibile. Incertezza legata ai cambiamenti della politica fiscale di Trump. Lanciato un avvertimento: gli stimoli e i tagli alle tasse promessi "potrebbero non materializzarsi"

Forse un rialzo dei tassi nella riunione di marzo non ci sarà ma di sicuro verrà preso in considerazione. E' questo il messaggio che emerge dai verbali pubblicati oggi dalla Federal Reserve e relativi al meeting del 31 gennaio e primo febbraio scorsi. Allora molti membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale americano dissero che potrebbe essere "appropriato" aumentare di nuovo il costo del denaro "relativamente presto". Cosa ciò significhi non è dato sapere ma chiaramente la Fed vuole preparare il mercato una possibile stretta futura.

Scoperti sette pianeti simili alla Terra

Ruotano introno alla stella TRAPPIST-1 e sono abbastanza vicini al nostro sistema solare. Potrebbero ospitare acqua allo stato liquido e forse anche la vita

La scoperta di oggi della NASA non solo ci dà la possibilità di sognare, ma potrebbe essere l'inizio di uno studio per capire se esiste la vita all'esterno della Terra. L'agenzia spaziale americana ha annunciato che un team internazionale di scienziati ha scoperto un sistema di sette pianeti rocciosi, di dimensioni simili alla Terra che ruotano attorno a una stella nana, TRAPPIST-1.

Amministrazione Trump "molto delusa" per l'estradizione di de Sousa

L'ex agente della Cia condannata per il rapimento di Abu Omar sarà consegnata dal Portogallo all'Italia, dove deve scontare una pena di 4 anni. Sarebbe la prima a 'pagare' per il programma delle 'extraordinary renditions' degli Stati Uniti

L'amministrazione Trump è "profondamente delusa" per l'imminente estradizione di Sabrina de Sousa, l'ex agente della Cia condannata dal Tribunale di Milano per il rapimento di Abu Omar, che sarà consegnata dal Portogallo alle autorità italiane nei prossimi giorni.

Tiffany: l'italiano Trapani entra nel cda

L'ex Ceo di Bulgari aiuterà nella ricerca del nuovo amministratore delegato della catena americana di gioiellerie

La catena di gioiellerie Tiffany ha siglato un accordo con l'investitore attivista Jana Partners in base al quale aggiungerà tre direttori indipendenti nel suo consiglio di amministrazione, che sarà composto da 13 persone e non più 10. Tra di loro, non più tardi dei sei marzo prossimo ci sarà anche l'italiano Francesco Trapani, ex Ceo di Bulgari.

Wall Street digerisce le minute della Fed

La Federal Reserve ha pubblicato i verbali della riunione del 31 gennaio e del primo febbraio. Atteso un rialzo dei tassi "relativamente presto"
AP

Sono passati 51anni dalla morte di Malcolm X

L'attivista per i diritti degli afroamericani fu assassinato il 21 febbraio 1965 a New York

Cinquantuno anni fa, il 21 febbraio 1965, moriva uno dei più importanti leader per i diritti degli afroamericani e i diritti umani in genere che il ventesimo secolo ricordi: Malcolm X. L'attivista fu assassinato durante un comizio a Manhattan all'età di 39 anni, con sette colpi di pistola, dai membri dell'associazione della quale era un tempo portavoce: la Nation of Islam.

Washington Post, nuovo slogan anti-Trump sul sito: "La democrazia muore nell'oscurità"

La scritta è apparsa sotto il nome della testata. Per Steve Bannon, il superconsigliere del presidente, invece, "l'oscurità è una cosa buona"
AP

"La democrazia muore nell'oscurità". Da ieri sera, questa scritta appare, in corsivo, sotto il nome della testata della versione online del Washington Post, che porta a un ulteriore livello lo scontro con Donald Trump. Per Steve Bannon, il superconsigliere del presidente degli Stati Uniti, invece, "l'oscurità è una cosa buona".

Nel Giorno dei presidenti, previste manifestazioni contro Trump

Originariamente, con il Presidents' Day si commemorava la nascita di George Washington; poi Nixon la trasformò nella festa di tutti i presidenti

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, ha naturalmente usato il suo mezzo preferito, Twitter, per augurare agli americani di passare una bella giornata, ribadendo poi il suo slogan elettorale: "Felice Giorno dei Presidenti. Make America Great Again!".

La star dell'alt-right lascia Breitbart News dopo commenti su pedofilia

Milo Yiannopoulos, 33 anni, era stato assunto nel 2014 da Stephen K. Bannon, diventato stratega del presidente Donald Trump
AP

Breitbart News - il sito ultra conservatore un tempo diretto dall'attuale stratega di Donald Trump, Stephen K. Bannon - ha perso il suo giornalista più famoso e controverso. Si tratta di Milo Yiannopoulos, 33 anni, noto per essere un provocatore all'ennesima potenza. Sono proprio le sue provocazioni ad averlo spinto a dimettersi: nel fine settimana è circolato un video in cui pareva che il ragazzo tollerasse il sesso tra uomini adulti e ragazzini con un'età massima di 13 anni.