Repubblicani nel caos: chiedono rinuncia dopo nuove interviste. Trump non molla: quanti ipocriti nel Gop

Cnn ha gettato ulteriore benzina sul fuoco, pubblicando un'intervista radiofonica del 2006, dai contenuti a dir poco imbarazzanti per il magnate. Sempre più repubblicani gli voltano le spalle, ma lui resta in sella. Stasera il dibattito con Clinton.

Manca un mese esatto alle elezioni presidenziali americani dell'8 novembre. A questo punto della campagna, solitamente, i candidati si sfidano a colpi di programmi elettorali, sfide in punta di fioretto, attacchi più o meno duri su tematiche ormai note. Non è così quest'anno: a tenere banco, con uno scandalo che sta gettando il partito repubblicano nel caos, sono le parole sessiste, volgari e offensive nei confronti delle donne pronunciate da Donald Trump, che sfida la democratica Hillary Clinton nella corsa alla Casa Bianca. E dopo il video, risalente al 2005, pubblicato dal Washington Post venerdì, la tempesta non è destinata a placarsi, anzi. Cnn ha gettato ulteriore benzina sul fuoco, pubblicando un'intervista radiofonica del 2006, dai contenuti a dir poco imbarazzanti per il magnate.

Tutto questo sta convincendo molti esponenti del Gop, anche influenti come lo speaker della Camera Paul Ryan o il senatore ed ex candidato alla presidenza John McCain, a voltargli le spalle, cosa che alimenta le voci di un ritiro shock dalla campagna elettorale. Ipotesi quest'ultima seccamente smentita ed esclusa dallo stesso Trump: "Le possibilità che mi ritiri sono pari a zero", ha detto, anzi passando all'attacco, anziché cospargersi il capo di cenere. "Quanti ipocriti benpensanti" ci sono tra i repubblicani, ha scritto in un tweet.

L'ultima colpo alla già traballante reputazione del repubblicano nei suoi rapporti con le donne è appunto l'intervista rilasciata nel 2006 ad Howard Stern: in quell'occasione aveva spiegato che una donna va lasciata dopo i 35 anni, cosa che poteva valere anche per la figlia Ivanka, che all'epoca aveva 24 anni: "Va bene se la chiamano pezzo di f...", aveva detto, colorendo il suo racconto con storie di sesso a tre e con le donne durante il ciclo mestruale.

Queste, così come quelle contenute nel video del 2005 in cui usava parole volgari e spiegava di potersi permettere comportamenti al limite dell'aggressione sessuale per il fatto di essere una celebrità, sono dichiarazioni fondamentalmente indifendibili, dal partito e dagli alleati, anche quelli più stretti, compreso il candidato repubblicano alla vicepresidenza, Mike Pence, che si è detto "scandalizzato" dalle parole usate dal suo running mate. "Non posso giustificare le sue parole e non posso difenderle", ha detto Pence, aggiungendo che il dibattito di questa sera con la rivale Hillary Clinton sarà un'opportunità per "mostrare cosa c'è davvero nel suo cuore".

"In quanto marito e padre, mi sono scandalizzato per le parole e i gesti descritti da Donald Trump in quel video, che risale a 11 anni fa", ha detto il candidato repubblicano alla vicepresidenza. "Non condivido quelle dichiarazioni e non posso difenderle", ha aggiunto, dicendosi lieto che Trump abbia poi presentato le sue scuse.

Ma Pence è stato solo uno dei tanti che hanno deciso di ritirare il loro sostegno a Trump. Numerosi repubblicani hanno detto che non voteranno per lui. Tra questi, come detto anche l'ex candidato alle presidenziali John McCain, che aveva dato il suo "endorsement" in nome dell'unità del partito pur non condividendo del tutto le posizioni di Trump e lo ha poi ritirato. Il senatore dell'Arizona, che pure non voterà per Hillary Clinton, ma vorrebbe un terzo candidato, ha spiegato che i commenti di Trump "rendono impossibile continuare a offrire il supporto anche condizionato alla sua candidatura".

Stesso discorso anche per l'ex segretario di Stato americano, Condoleeza Rice: "Basta! Donald Trump non dovrebbe essere presidente. Dovrebbe ritirarsi". Della stessa opinione la senatrice del New Hampshire, Kelly Ayotte: "Non posso e non voglio sostenere un candidato alla prsidenza che si vanta di denigrare e aggredire le donne".

Anche la moglie di Donald Trump si è affrettata a condannare le parole "inaccettabili ed offensive" del marito, ma ha invitato gli americani ad accettare le sue scuse. "Le parole di mio marito sono inaccettabili ed offensive. Non rappresentano l'uomo che conosco", ha detto Melania Trump, aggiungendo subito: "Lui ha il cuore e la mente di un leader. Spero che la gente accetti le sue scuse, come ho fatto io, e si concentri sulla questioni importanti che il nostro Paese e il mondo si trovano ad affrontare".

Altri Servizi

Wall Street, cala l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Le trattative riprenderanno il 10 ottobre
AP

Wall Street attende i negoziati Usa-Cina

Le trattative ad alto livello riprenderanno giovedì a Washington
AP

Wall Street, si guarda ai negoziati Usa-Cina

Indizi contrastanti sul possibile esito delle trattative, che ripartono oggi a Washington
AP

Siria, il presidente Trump: "Ora di tornare a casa, basta guerra senza fine"

Gli Usa danno il via libera all'attacco turco contro i curdi. "Ora ci pensi l'Europa" ha aggiunto il capo di Stato Usa

"Gli Stati Uniti dovevano restare in Siria per 30 giorni, questo molti anni fa. Siamo rimasti e siamo andati sempre più a fondo a una battaglia senza obiettivi all'orizzonte. Quando sono arrivato a Washington, l'Isis dilagava incontrollato nell'area. Abbiamo sconfitto rapidamente il 100% del califfato dell'Isis [...] I curdi hanno combattuto con noi, ma sono stati pagati con soldi e armi per farlo. Combattono i turchi da decenni. Mi sono tenuto a distanza da questa battaglia per quasi 3 anni, ma è ora per noi di uscire da queste ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali, e di riportare a casa i nostri soldati". Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per spiegare la decisione di lasciare il Nord della Siria, dove la Turchia ha intenzione di attaccare i curdi.

Sparatoria in un bar di Kansas City, quattro morti e cinque feriti

Nei primi nove mesi dell'anno, 21 sparatorie negli Stati Uniti e 124 morti
Ap

Quattro persone sono state uccise in un bar di Kansas City, negli Stati Uniti, dove la scorsa notte un uomo è entrato e ha cominciato a sparare, secondo quanto confermato dalla polizia alla Cnn. 

Nuove nomine per il GEI: Platero presidente e l'Ambasciatore Varricchio presidente onorario

Il gruppo provera' ad allargare la base di soci e aprira' un junior committee per i giovani italiani in Usa
A24

É Mario Platero il nuovo presidente del Gruppo Esponenti Italiani (GEI). L’ex corrispondente de IlSole24Ore a New York è stato eletto all’unanimità dall’assemblea del gruppo, fondato 45 anni fa a New York. Sempre con voto unanime, l'assemblea ha votato per nominare l’Ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti presidente onorario del gruppo che raduna i rappresentanti delle maggiori aziende, organizzazioni e istituzioni italiane attive negli Usa. L’attuale Ambasciatore Armando Varricchio ha accettato la nomina e sarà il primo a ricoprire l’incarico. Infine, l’assemblea ha deciso di assegnare a Giovanni Pellerito, il Ceo di GP Communications North America, l’incarico di seguire l’attività di comunicazione.

Caso Ucraina, arrestati due soci di Giuliani per fondi elettorali illegali

Avrebbero violato le leggi contro l'influenza straniera nelle elezioni

Due persone vicine a Rudy Giuliani, l'avvocato personale del presidente Donald Trump, sono state arrestate ieri sera in Virginia, con l'accusa di aver violato le leggi sui finanziamenti delle campagne elettorali. Lo scrive il Washington Post.

Warren: "Se vinco le primarie, sfido Trump senza i grandi donatori"

La senatrice è salita in testa alla media dei sondaggi nazionali di Real Clear Politics: è lei la preferita dei democratici per sfidare Trump
AP

La senatrice statunitense Elizabeth Warren, che sta affrontando la campagna elettorale per le primarie senza l'aiuto dei grandi donatori, ha detto che se otterrà la nomination democratica continuerà a rinunciare alle somme dei grandi finanziatori; si tratta di un cambio di strategia, visto che in passato aveva detto di voler rinunciare alle grandi donazioni solo per le primarie. A febbraio, alla Msnbc, aveva detto: "Non credo al disarmo unilaterale", riferendosi alle grandi donazioni di cui potrà disporre il presidente Donald Trump per le presidenziali del prossimo anno.

Montgomery (Alabama) elegge il suo primo sindaco afroamericano

Si tratta del giudice Steven Reed, 45 anni

Montgomery, capitale dell'Alabama (Stati Uniti), ha eletto il suo primo sindaco afroamericano in 200 anni di storia. Il giudice Steven Reed, 45 anni, ha vinto il ballottaggio contro l'uomo d'affari David Woods con un ampio margine, avendo ottenuto circa il 67% dei voti.

Media: la Cina pronta a discutere un "accordo parziale" con gli Usa

Per Bloomberg e Ft, Pechino offre l'acquisto di più prodotti agricoli
Ap

La Cina è pronta a discutere "un accordo parziale" con gli Stati Uniti. Secondo Bloomberg, che cita una fonte con conoscenze dirette dei negoziati, Pechino è pronta a un possibile accordo, a condizione che il presidente Donald Trump non imponga più dazi sui prodotti cinesi, nemmeno quelli già programmati per questo mese e per dicembre. Secondo la stessa fonte, Pechino ha intenzione di offrire alcune concessioni, come l'aumento dell'acquisto di prodotti agricoli statunitensi, che però non riguardano il fulcro della contesa tra le due maggiori potenze mondiali.