Repubblicani nel caos: chiedono rinuncia dopo nuove interviste. Trump non molla: quanti ipocriti nel Gop

Cnn ha gettato ulteriore benzina sul fuoco, pubblicando un'intervista radiofonica del 2006, dai contenuti a dir poco imbarazzanti per il magnate. Sempre più repubblicani gli voltano le spalle, ma lui resta in sella. Stasera il dibattito con Clinton.

Manca un mese esatto alle elezioni presidenziali americani dell'8 novembre. A questo punto della campagna, solitamente, i candidati si sfidano a colpi di programmi elettorali, sfide in punta di fioretto, attacchi più o meno duri su tematiche ormai note. Non è così quest'anno: a tenere banco, con uno scandalo che sta gettando il partito repubblicano nel caos, sono le parole sessiste, volgari e offensive nei confronti delle donne pronunciate da Donald Trump, che sfida la democratica Hillary Clinton nella corsa alla Casa Bianca. E dopo il video, risalente al 2005, pubblicato dal Washington Post venerdì, la tempesta non è destinata a placarsi, anzi. Cnn ha gettato ulteriore benzina sul fuoco, pubblicando un'intervista radiofonica del 2006, dai contenuti a dir poco imbarazzanti per il magnate.

Tutto questo sta convincendo molti esponenti del Gop, anche influenti come lo speaker della Camera Paul Ryan o il senatore ed ex candidato alla presidenza John McCain, a voltargli le spalle, cosa che alimenta le voci di un ritiro shock dalla campagna elettorale. Ipotesi quest'ultima seccamente smentita ed esclusa dallo stesso Trump: "Le possibilità che mi ritiri sono pari a zero", ha detto, anzi passando all'attacco, anziché cospargersi il capo di cenere. "Quanti ipocriti benpensanti" ci sono tra i repubblicani, ha scritto in un tweet.

L'ultima colpo alla già traballante reputazione del repubblicano nei suoi rapporti con le donne è appunto l'intervista rilasciata nel 2006 ad Howard Stern: in quell'occasione aveva spiegato che una donna va lasciata dopo i 35 anni, cosa che poteva valere anche per la figlia Ivanka, che all'epoca aveva 24 anni: "Va bene se la chiamano pezzo di f...", aveva detto, colorendo il suo racconto con storie di sesso a tre e con le donne durante il ciclo mestruale.

Queste, così come quelle contenute nel video del 2005 in cui usava parole volgari e spiegava di potersi permettere comportamenti al limite dell'aggressione sessuale per il fatto di essere una celebrità, sono dichiarazioni fondamentalmente indifendibili, dal partito e dagli alleati, anche quelli più stretti, compreso il candidato repubblicano alla vicepresidenza, Mike Pence, che si è detto "scandalizzato" dalle parole usate dal suo running mate. "Non posso giustificare le sue parole e non posso difenderle", ha detto Pence, aggiungendo che il dibattito di questa sera con la rivale Hillary Clinton sarà un'opportunità per "mostrare cosa c'è davvero nel suo cuore".

"In quanto marito e padre, mi sono scandalizzato per le parole e i gesti descritti da Donald Trump in quel video, che risale a 11 anni fa", ha detto il candidato repubblicano alla vicepresidenza. "Non condivido quelle dichiarazioni e non posso difenderle", ha aggiunto, dicendosi lieto che Trump abbia poi presentato le sue scuse.

Ma Pence è stato solo uno dei tanti che hanno deciso di ritirare il loro sostegno a Trump. Numerosi repubblicani hanno detto che non voteranno per lui. Tra questi, come detto anche l'ex candidato alle presidenziali John McCain, che aveva dato il suo "endorsement" in nome dell'unità del partito pur non condividendo del tutto le posizioni di Trump e lo ha poi ritirato. Il senatore dell'Arizona, che pure non voterà per Hillary Clinton, ma vorrebbe un terzo candidato, ha spiegato che i commenti di Trump "rendono impossibile continuare a offrire il supporto anche condizionato alla sua candidatura".

Stesso discorso anche per l'ex segretario di Stato americano, Condoleeza Rice: "Basta! Donald Trump non dovrebbe essere presidente. Dovrebbe ritirarsi". Della stessa opinione la senatrice del New Hampshire, Kelly Ayotte: "Non posso e non voglio sostenere un candidato alla prsidenza che si vanta di denigrare e aggredire le donne".

Anche la moglie di Donald Trump si è affrettata a condannare le parole "inaccettabili ed offensive" del marito, ma ha invitato gli americani ad accettare le sue scuse. "Le parole di mio marito sono inaccettabili ed offensive. Non rappresentano l'uomo che conosco", ha detto Melania Trump, aggiungendo subito: "Lui ha il cuore e la mente di un leader. Spero che la gente accetti le sue scuse, come ho fatto io, e si concentri sulla questioni importanti che il nostro Paese e il mondo si trovano ad affrontare".

Altri Servizi

Libra pericolosa "più dell'11 settembre": l'attacco di un deputato Usa

Il responsabile del progetto di Facebook, David Marcus, messo sotto torchio al Congresso per il secondo giorno di fila
Ap

La criptovaluta che Facebook vorrebbe lanciare nel 2020 continua ad alimentare dubbi tra i legislatori americani. Nella seconda giornata consecutiva di audizioni al Congresso Usa, un democratico della California ha sostenuto che Libra può fare danni maggiori degli attacchi terroristici che colpirono l'America l'11 settembre del 2001. Brad Sherman, membro della commissione Servizi finanziari della Camera, ha affermato: "Ci viene detto che l'innovazione è sempre positiva. La cosa più innovativa che è successa nel secolo in corso è stata quando [l'ex leader di al-Qaeda] Osama bin Laden ebbe l'idea innovativa di fare schiantare due aerei" contro le Torri Gemelle di New York. "Quella è stata l'innovazione più significativa, anche se questa [Libra] potrebbe mettere in pericolo l'America ancora di più".

Elon Musk vuole controllare uno smartphone con il pensiero

La sua start-up Neuralink punta a iniziare test sugli esseri umani mettendo sensori nel cranio
AP

Dopo avere cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal, dopo avere fatto da apripista nel settore dell'elettrificazione delle auto con Tesla e dopo avere gettato le basi per portare turisti nello spazio con SpaceX, adesso Elon Musk punta sull'interazione uomo-macchina con Neuralink.

Wall Street, altra giornata di trimestrali

Analisti preoccupati dalle nuove accuse di Trump alla Cina
AP

Incidenti 737 Max: per Boing ogni vittima vale meno di 150mila dollari

Il gruppo destina la metà dei 100 milioni di dollari promessi a famiglie e comunitià di chi ha perso la vita in due incidenti. A gestire i risarcimenti, reclutato lo stesso avvocato degli attacchi terroristici dell'11 settembre
iStock

Il 3 luglio scorso Boeing aveva sorpreso annunciando la creazione di un fondo da 100 milioni di dollari per le famiglie e per le comunità delle vittime dei due incidenti aerei che hanno messo a repentaglio la reputazione del gruppo e che da marzo hanno costretto gli esemplari del suo 737 Max a restare a terra.

Fmi: la relazione economica della Cina con il mondo è diventata equilibrata

Quasi azzerato l'avando delle partite correnti: nel 2019 allo 0,4% del Pil. Era oltre il 10% nel 2007. L'istituto avverte: dispute commerciali con Usa colpiscono tutti. Si rischia "notevoli" perdite di posti di lavoro

Il Fondo monetario internazionale crede che la relazione economica della Cina con il resto del mondo sia abbastanza equilibrata, cosa che fa venire meno uno dei rischi per l'economia globale. E' la dimostrazione di come negli ultimi anni la nazione asiatica sia diventata più dipendente dalla domanda interna e meno dalle esportazioni e dagli investimenti stranieri.

Tutti gli occhi su Libra: chi dovrà regolarla?

La Sec sta studiando la criptovaluta di Facebook per capire se debba essere trattata come un Etf. Intanto Trump chiede regole per evitare che le valute virtuali facilitino attività illegali

La Securities and Exchange Commission (Sec), l'ente statunitense che equivale all'italiana Consob, sta valutando la possibilità che Libra, la criptovaluta che Facebook vorrebbe lanciare, debba ricadere sotto la sua supervisione, una possibilità che renderebbe più complicato il progetto di Mark Zuckerberg, già criticato dal presidente Donald Trump e da molti deputati.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Wall Street, attesa per le trimestrali

Trimestrali di JP Morgan, Goldman Sachs e Wells Fargo
AP

Wall Street, timori su negoziati Usa-Cina

Dati in programma: richieste di sussidi di disoccupazione e superindice
AP

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.