Repubblicani su tutte le furie dopo accordo Trump-democratici

Le probabilità di una riforma fiscale entro fine anno calano. Lo speaker alla Camera, Paul Ryan, getta dubbi sull'aliquota al 15% delle aziende promossa dal presidente

"Ci ha fottuto". Questo commento dà l'idea dell'aria che tira dentro il partito repubblicano all'indomani dell'accordo siglato tra Donald Trump e l'opposizione democratica. E' la dimostrazione di come l'ostilità tra il Gop al Congresso e il presidente americano abbia raggiunto nuovi livelli. E c'è chi insinua che ora l'approvazione entro fine anno di una riforma fiscale tanto cara al leader Usa sembri meno probabile. Non solo: non manca chi a Washington si aspetta che nelle elezioni di metà mandato del 2018 i democratici riprendano il controllo della Camera (perso nel 2010). Così facendo Capitol Hill non sarebbe più interamente rosso come lo è dal 2014 ma anche blu (il colore del partito democratico).

Il vantaggio dei democratici
Il punto del contendere è l'intesa siglata da Trump con la leadership democratica al Congresso per estendere di tre mesi il tetto al debito e il finanziamento del governo Usa in un pacchetto che prevede aiuti per le vittime dell'uragano Harvey. Così facendo Trump evita una battaglia politica a fine mese, momento entro cui per evitare un default e una paralisi del governo della prima economia al mondo bisognava approvare due provvedimenti: l'innalzamento del limite oltre il quale Washington non può emettere nuovo debito per finanziare le proprie attività e onorare i propri impegni con i creditori e le voci di spesa per il nuovo anno fiscale, che inizierà il primo ottobre. Il rischio però è che uno scontro politico ancora più forte si preannunci a dicembre. Quando l'accordo "bipartisan" scadrà il 15 dicembre, i democratici potranno fare leva su una serie di priorità come la sanità e l'immigrazione se da loro i repubblicani vorranno voti per alzare il tetto al debito a lungo termine e per approvare il budget.

"Chuck e Nancy" - come Trump ha chiamato il senatore Schumer e la deputata Pelosi, a capo della minoranza democratica al Senato e alla Camera - hanno saputo dimostrare di sapere convincere l'autore di "The Art of the Deal". Un funzionario del Gop ha detto ad Axios che "i democratici hanno ottenuto in una sola visita allo Studio Ovale più di quanto fatto in anni dai repubblicani".

Lo scontro tacito tra Trump e la leadership Gop al Congresso
Mitch McConnell e Paul Ryan, i leader della maggioranza repubblicana al Senato e alla Camera, sembrano su tutte le furie. Non a caso Cnn scrive che Trump è stato fortunato per avere lasciato ieri la Casa Bianca con i suoi capelli intatti. Ma se loro sebrano non sopportare il presidente, lui condivide lo stesso sentimento nei loro confronti. Trump ha pesantemente e pubblicamente criticato McConnell per non essere riuscito a portare a casa nemmeno la sola abrogazione dell'Obamacare, la riforma sanitaria entrata in vigore nel 2010 quando alla presidenza c'era Barack Obama. Quanto a Ryan, il Commander in chief non si è certo dimenticato di quanto detto privatamente dallo speaker alla Camera - non difenderò Trump - quando lo scorso ottobre il Washington Post portò a galla commenti sessisti fatti nel 2005 dal miliardario di New York (si vantò di potere fare di tutto con le donne, anche "prenderle per i genitali").

Dubbi sulla riforma fiscale
Ancora prima che arrivasse la notizia di un accordo tra Trump e democratici, Ryan aveva bocciato la proposta di questi ultimi come "ridicola". Oggi lo speaker alla Camera ha spiegato che nel mezzo di due disastri naturali - gli uragani Harvey e Irma - il presidente voleva creare un "momento bipartisan". In una intervista in streaming al New York Times, Ryan ha (almeno all'apparenza) detto di comprendere il ragionamento alla base della decisione di Trump ma ha anche messo in dubbio uno degli obiettivi chiave della riforma fiscale allo studio della Casa Bianca: un taglio dell'aliquota al 15% dal 35% versata dalle aziende nelle casse dello Zio Sam. "Alla fine, i numeri devono funzionare" e secondo lui lo potrebbero fare con un'aliquota tra il 20 e il 25%. Va ricordato che la proposta di riforma presentata nel 2016 da Ryan prevedeva un'aliquota al 20% con un gettito di mille miliardi di dollari in 10 anni derivante da tasse sulle importazioni, un'idea ventilata anche dall'amministrazione Trump ma definitivamente accantonata. Ryan è d'accordo con Trump su una cosa: la tempistica della riforma, da attuare entro fine anno. Un tale scenario sembra però difficile visto che a dicembre si ritornerà a combattere su budget e tetto al debito. Non a caso lui ha detto che "per il bene dei mercati dei capitali", ieri sarebbe stato meglio concordare un'estensione più lunga di quel limite.

Altri Servizi

Trump trasforma lo sport in uno scontro politico

Il presidente fa pressing sulla Nfl: licenzi gli atleti che non cantano l'inno. La lega di football: commenti che dividono e che mancano di rispetto. Le star del basket LeBron James e Kobe Bryant in difesa di Stephen Curry

Già protagonista di un ridicolo duello a parole con il leader nordcoreano, Donald Trump sta alimentando non solo tensioni a livello geopolitiche ma anche nel mondo dello sport. Nel giro di 12 ore ha attaccato atleti professionisti afroamericani suoi critici. Il risultato? La lega professionistica del football americano, i suoi giocatori e due campioni mondiali di basket sono stati costretti a fare sentire la loro voce.

Google tratta con editori per migliorare gli abbonamenti

News Corp, New York Times e Financial Times discutono strumenti di intelligenza artificiale
iStock

Google è in trattativa con tre gruppi editoriali con l'intento di aiutarli a migliorare i ricavi da loro generati dalle attività giornalistiche. New York Times, Financial Times e News Corp starebbero lavorando a strumenti che, sfruttando i dati degli utenti Google e l'intelligenza artificiale (AI), permettano loro di affinare la vendita di abbonamenti rendendoli "su misura". A rivelarlo sono i giornalisti del Financial Times, che in quanto gruppo non ha voluto commentare l'indiscrezione.

Scade il 'travel ban', Trump imporrà nuove restrizioni a 8-9 Paesi

L'annuncio è previsto domenica; le anticipazioni sono del Wsj. L'amministrazione punta a divieti più ampi, ma mirati, in modo che siano più efficaci e meno attaccabili
AP

L'amministrazione Trump ha deciso di sostituire il controverso 'travel ban', già rivisto dopo la bocciatura in tribunale e poi di nuovo, e più volte, attaccato dal punto di vista legale, con nuove restrizioni, più mirate, che riguarderanno però un numero di Paesi maggiore, rispetto ai sei colpiti dal divieto di viaggio che scade alla fine di questa settimana. A riportarlo è il Wall Street Journal.

Sanità, Trump ai Rep: dissidenti ricordati come salva-Obamacare

Il presidente lancia un monito ai senatori, in vista del nuovo tentativo di cancellare e sostituire la riforma sanitaria del predecessore. Secondo il Brookings, ci sarebbero 21 milioni di persone in più senza assicurazione

"Rand Paul, o chiunque altro voti contro la proposta di legge sulla sanità, sarà per sempre conosciuto (nelle future campagne politiche) come 'il repubblicano che ha salvato l'Obamacare'". Con questo tweet, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha lanciato un monito ai repubblicani che siedono in Congresso, visti i potenziali 'no' al nuovo tentativo di far approvare una legge che cancelli e sostituisca l'Obamacare, la riforma sanitaria del predecessore.

Russiagate: Facebook consegnerà al Congresso Usa le pubblicità sospette

Il Ceo Zuckerberg: renderemo più trasparenti le inserzioni politiche e più difficili da realizzare le interferenze nelle elezioni. Il social network monitora quelle in Germania: per ora nulla di strano
Facebook

Facebook consegnerà al Congresso Usa le inserzioni pubblicitarie finite sulla sua piattaforma e che "probabilmente" sono legate alla Russia. Della loro esistenza fu data notizia il sei settembre scorso, quando, il social network annunciò di avere scoperto circa 470 account non autentici gestiti "probabilmente" da Mosca e associati a inserzioni da 100.000 dollari che avevano l'intento di creare scompiglio durante la campagna elettorale. Allo stesso tempo il gruppo ha detto di non avere riscontrato alcuna interferenza nelle elezioni tedesche di domenica 24 settembre.

Franca Sozzani continua a ispirare l'impegno sociale

Lanciato un premio in onore della direttrice di Vogue Italia scomparsa nel dicembre 2016. Naomi Campbell, Iman, Beatrice Borromeo e Afef Jnifen, a New York per ricordarla nella settimana Onu unendo moda e solidarietà
Franca Sozzani

Impegno sociale e bellezza. Nella settimana che vede i leader mondiali riuniti alle Nazioni Unite per l'Assemblea Generale, al Pierre Hotel di Manhattan si è svolto il settimo First Ladies Luncheon di Fashion4Development, l'organizzazione fondata da Evie Angelou in seno all'Onu per promuovere e sostenere progetti legati alla moda nei Paesi in via di sviluppo.

Corea del Nord: un attacco contro gli Usa sta diventando "inevitabile". L'esercito di Trump mostra la sua forza

Il ministro degli Esteri di Pyongyang ha parlato all'Onu: secondo lui, è il presidente americano, non Kim, ad essere protagonista di una "missione suicida". Bombardieri statunitensi in mostra vicino alla nazione più isolata al mondo

Mentre all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il ministro nordcoreano degli Esteri tornava a dare del "mentalmente instabile" al "cattivo" Donald Trump e a dire che con lui un attacco missilistico su suolo americano sta diventando sempre più "inevitabile", il Pentagono è tornato a mostrare la sua forza a Pyongyang. E' successo nel giorno in cui la nazione più isolata al mondo ha vissuto un sisma, apparentemente di origine naturale, che ha riacceso i timori di un altro test nucleare: il giorno precedente la Corea del Nord aveva ventilato l'ipotesi di fare detonare una bomba all'idrogeno nel Pacifico.

Silurato da Apple, fornitore di chip si vende ai cinesi bloccati da Trump

Il gruppo britannico Imagination Technlogies ha siglato un accordo da 550 milioni di sterline con Canyon Bridge, fondo di private equity appoggiato da Pechino che tentò di acquisire l'americana Lattice Semiconductor

Una settimana dopo essersi sentito dire dagli Stati Uniti che non poteva acquisire un produttore americano di semiconduttori per motivi di sicurezza nazionale, un fondo di private equity appoggiato da Pechino ha siglato un accordo per comprare un'azienda britannica specializzata in processori grafici: si tratta di Imagination Technologies; a giugno si mise in vendita perché Apple, il suo cliente più grande nonché uno dei suoi principali soci, comunicò l'intenzione di usare sempre di meno la sua tecnologia in prodotti come l'iPhone. 

Fca corteggiata da Hyundai? Per gli analisti, un acquirente cinese ha più senso

Il titolo continua a correre con le nuove indiscrezioni in arrivo dalla Corea del Sud. Per DBRS, il Ceo Marchionne ha ancora tempo per siglare un accordo ma un'intesa preliminare ci deve essere nella prima metà del 2018

La corsa di Fiat Chrysler Automobiles in Borsa non si arresta. Intensificatasi da agosto, quando sono emerse le prime voci di interesse per il gruppo da parte di aziende cinesi, l'avanzata del titolo è alimenata da indiscrezioni secondo cui Hyundai starebbe pensando a un takeover.

I produttori Usa di pannelli solari sperano nel pugno duro di Trump

Vogliono limiti alle importazioni dei rivali. La ITC permette la loro protezione da parte del governo prevista in una legge poco usata. Una decisione sull'imposizione di tariffe spetta al presidente americano

I produttore americani di pannelli solari possono cantare vittoria nel loro tentativo di ottenere protezione a scapito di rivali stranieri i cui prodotti arrivano in Usa.