Repubblicani su tutte le furie dopo accordo Trump-democratici

Le probabilità di una riforma fiscale entro fine anno calano. Lo speaker alla Camera, Paul Ryan, getta dubbi sull'aliquota al 15% delle aziende promossa dal presidente

"Ci ha fottuto". Questo commento dà l'idea dell'aria che tira dentro il partito repubblicano all'indomani dell'accordo siglato tra Donald Trump e l'opposizione democratica. E' la dimostrazione di come l'ostilità tra il Gop al Congresso e il presidente americano abbia raggiunto nuovi livelli. E c'è chi insinua che ora l'approvazione entro fine anno di una riforma fiscale tanto cara al leader Usa sembri meno probabile. Non solo: non manca chi a Washington si aspetta che nelle elezioni di metà mandato del 2018 i democratici riprendano il controllo della Camera (perso nel 2010). Così facendo Capitol Hill non sarebbe più interamente rosso come lo è dal 2014 ma anche blu (il colore del partito democratico).

Il vantaggio dei democratici
Il punto del contendere è l'intesa siglata da Trump con la leadership democratica al Congresso per estendere di tre mesi il tetto al debito e il finanziamento del governo Usa in un pacchetto che prevede aiuti per le vittime dell'uragano Harvey. Così facendo Trump evita una battaglia politica a fine mese, momento entro cui per evitare un default e una paralisi del governo della prima economia al mondo bisognava approvare due provvedimenti: l'innalzamento del limite oltre il quale Washington non può emettere nuovo debito per finanziare le proprie attività e onorare i propri impegni con i creditori e le voci di spesa per il nuovo anno fiscale, che inizierà il primo ottobre. Il rischio però è che uno scontro politico ancora più forte si preannunci a dicembre. Quando l'accordo "bipartisan" scadrà il 15 dicembre, i democratici potranno fare leva su una serie di priorità come la sanità e l'immigrazione se da loro i repubblicani vorranno voti per alzare il tetto al debito a lungo termine e per approvare il budget.

"Chuck e Nancy" - come Trump ha chiamato il senatore Schumer e la deputata Pelosi, a capo della minoranza democratica al Senato e alla Camera - hanno saputo dimostrare di sapere convincere l'autore di "The Art of the Deal". Un funzionario del Gop ha detto ad Axios che "i democratici hanno ottenuto in una sola visita allo Studio Ovale più di quanto fatto in anni dai repubblicani".

Lo scontro tacito tra Trump e la leadership Gop al Congresso
Mitch McConnell e Paul Ryan, i leader della maggioranza repubblicana al Senato e alla Camera, sembrano su tutte le furie. Non a caso Cnn scrive che Trump è stato fortunato per avere lasciato ieri la Casa Bianca con i suoi capelli intatti. Ma se loro sebrano non sopportare il presidente, lui condivide lo stesso sentimento nei loro confronti. Trump ha pesantemente e pubblicamente criticato McConnell per non essere riuscito a portare a casa nemmeno la sola abrogazione dell'Obamacare, la riforma sanitaria entrata in vigore nel 2010 quando alla presidenza c'era Barack Obama. Quanto a Ryan, il Commander in chief non si è certo dimenticato di quanto detto privatamente dallo speaker alla Camera - non difenderò Trump - quando lo scorso ottobre il Washington Post portò a galla commenti sessisti fatti nel 2005 dal miliardario di New York (si vantò di potere fare di tutto con le donne, anche "prenderle per i genitali").

Dubbi sulla riforma fiscale
Ancora prima che arrivasse la notizia di un accordo tra Trump e democratici, Ryan aveva bocciato la proposta di questi ultimi come "ridicola". Oggi lo speaker alla Camera ha spiegato che nel mezzo di due disastri naturali - gli uragani Harvey e Irma - il presidente voleva creare un "momento bipartisan". In una intervista in streaming al New York Times, Ryan ha (almeno all'apparenza) detto di comprendere il ragionamento alla base della decisione di Trump ma ha anche messo in dubbio uno degli obiettivi chiave della riforma fiscale allo studio della Casa Bianca: un taglio dell'aliquota al 15% dal 35% versata dalle aziende nelle casse dello Zio Sam. "Alla fine, i numeri devono funzionare" e secondo lui lo potrebbero fare con un'aliquota tra il 20 e il 25%. Va ricordato che la proposta di riforma presentata nel 2016 da Ryan prevedeva un'aliquota al 20% con un gettito di mille miliardi di dollari in 10 anni derivante da tasse sulle importazioni, un'idea ventilata anche dall'amministrazione Trump ma definitivamente accantonata. Ryan è d'accordo con Trump su una cosa: la tempistica della riforma, da attuare entro fine anno. Un tale scenario sembra però difficile visto che a dicembre si ritornerà a combattere su budget e tetto al debito. Non a caso lui ha detto che "per il bene dei mercati dei capitali", ieri sarebbe stato meglio concordare un'estensione più lunga di quel limite.

Altri Servizi

Usa, Francia e Regno Unito colpiscono la Siria

Trump: azione una tantum per impedire altri presunti attacchi chimici. Assad un "dittatore". Mattis: l'obiettivo non era colpire Assad. La Russia: l'azione coordinata avrà conseguenze
AP

Per la seconda volta nel giro di un anno quasi esatto, Donald Trump ha ordinato un'azione militare in Siria. Con lo stesso obiettivo dichiarato di ostacolare l'uso di armi chimiche contro la popolazione civile, nella notte italiana gli Stati Uniti, la Francia e il Regno Unito hanno lanciato attacchi aerei contro la nazione mediorientale. I raid sono stati fatti in risposta al presunto uso di armi chimiche di sabato scorso a Douma, nella parte orientale di Ghouta, l'ultimo territorio vicino a Damasco che ancora era nelle mani dei ribelli estremisti.

Usa, Regno Unito e Francia attaccano la Siria. Putin condanna e chiede l'intervento dell'Onu

Operazione mirata per mandare un segnale ad Assad, senza scatenare la reazione militare di Russia e Iran. Trump al Cremlino: "Che razza di Paese vuole essere associato con l'assassinio di massa di uomini, donne e bambini innocenti?"
AP

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno lanciato nella notte degli attacchi contro obiettivi mirati in Siria, per punire il presidente Bashar al-Assad per il presunto uso di armi chimiche contro la popolazione di Douma. L'operazione statunitense in Siria, ha riferito un alto funzionario della Casa Bianca alla Cnn, "non è finita"; anche altri due responsabili dell'amministrazione hanno riferito alla tv americana che la reazione militare agli attacchi chimici non è terminata. "Nel piano sono stati inseriti molti elementi di flessibilità per consentire ulteriori attacchi, basati su quello che è stato colpito stanotte" ha aggiunto il funzionario.

Cannabis? Trump disposto a permettere agli Stati Usa di regolarla come vogliono

Intanto l'ex speaker repubblicano alla Camera Boehner, un tempo contrario alla marijuana, diventa consigliere di un'azienda che la produce

Donald Trump è disposto a permettere agli Stati americani di decidere come regolare la marijuana, una buona notizia per i produttori della sostanza stupefacente che infatti hanno corso a Wall Street. L'apertura del leader Usa segue l'inversione a U dell'ex speaker repubblicano alla Camera, John Boehner, che è entrato a far parte del comitato consultivo di Acreage Holdings, produttore americano di cannabis. 

Miliardario russo Prokhorov cede il 49% dei Brooklyn Nets

A comprare personalmente la quota è il miliardario Joe Tsai, vicepresidente esecutivo e cofondatore di Alibaba

Il miliardario russo Mikhail Prokhorov ha venduto una quota del 49% nella squadra americana di basketball Brooklyn Nets. A comprarla personalmente è il miliardario Joe Tsai, vicepresidente esecutivo e cofondatore di Alibaba. Lo ha detto il team parte della National Basketball Association (Nba), la lega professionistica nordamericana di basket. Secondo il New York Post, la compravendita vale 2,35 miliardi di dollari, un record per la Nba.

Tesla: il Ceo Musk, non servono capitali, dal III trimestre sarà redditizio

Il 46enne ha risposto a un articolo del "noioso" Economist
AP

Tesla sta accelerando al Nasdaq. A mettere il turbo al titolo è stato l'amministratore delegato del produttore di auto elettriche, Elon Musk, che ha scritto un tweet in risposta a un articolo dell'Economist: il settimanale britannico cita gli analisti di Jefferies, convinti che Tesla quest'anno debba raccogliere 2,5-3 miliardi di dollari. Si tratta di una tesi condivisa da Moody's, che recentemente ha tagliato il rating (sempre più 'spazzatura') dell'azienda, e da Goldman Sachs, che ha consigliato di "vendere" il titolo.

Wall Street: le trimestrali delle banche superano le stime ma non convincono

Jpm, Citi e Wells Fargo hanno perso terreno nonostante utili sopra le previsioni
iStock

Trump alza le tariffe di spedizione alle Poste? Per Amazon 1,8 mld di dollari di spese annue in più

Il presidente chiede un'analisi delle finanze delle Poste americane. Credit Suisse calcola gli effetti per il gruppo da lui tanto attaccato.
Ap

Dopo avere attaccato Amazon a colpi di tweet, il presidente americano ha firmato un ordine esecutivo chiedendo un'analisi delle finanze delle Poste americane. Emesso nella notte italiana, l'ordine voluto da Donald Trump segue le accuse lanciate da lui al colosso americano del commercio elettronico guidato da Jeff Bezos, che personalmente controlla il Washington Post (a sua volta criticato dal leader Usa per la sua copertura giornalistica dell'amministrazione Trump).

Trump: "Comey dovrebbe essere perseguito,è una talpa e un bugiardo"

Il presidente reagisce alle anticipazioni del libro dell'ex capo dell'Fbi, che lo paragona a un boss mafioso

"James Comey è UNA TALPA E UN BUGIARDO riconosciuto. Virtualmente tutti a Washington pensavano dovesse essere licenziato per il terribile lavoro fatto, finché infatti è stato licenziato. Ha fatto uscire informazioni CLASSIFICATE, per le quali dovrebbe essere perseguito. Ha mentito al Congresso sotto GIURAMENTO. È un debole, un viscido e bugiardo che è stato, come si è dimostrato, un terribile direttore dell'Fbi". Questa la reazione su Twitter del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, alle anticipazioni sul libro in uscita di Comey, il direttore dell'Fbi da lui licenziato.

Trump vuole aumentare il pressing sulla Cina con i dazi

Secondo il Wsj, l'amministrazione Usa è convinta che la linea dura stia funzionando. Pechino prende tempo sui dossier Qualcomm-NXP e Bain Capital-Toshiba

Convinto che la sua strategia a colpi di minacce di dazi stia funzionando, l'amministrazione Trump intende aumentare la pressione sulla Cina in ambito commerciale. Come? Concentrandosi sulle nuove tariffe doganali ventilate la settimana scorsa per 100 miliardi di dollari e minacciando di bloccare investimenti tecnologici cinesi negli Stati Uniti attraverso acquisizioni, joint venture, licenze o altre tipologie di accordo. Lo scrive il Wall Street Journal citando funzionari americani.

Attacchi aerei in Siria, Usa nega di averli ordinati. Trump: Assad "animale"

Tweet del presidente Usa dopo un attacco chimico in Siria. Damasco, accusata di esserne il responsabile, nega. Mosca la difende. Obama criticato per non avere reagito al superamento della "linea rossa"

Nella sua raffica di tweet della domenica mattina, il presidente Usa ha criticato "l'irragionevole attacco CHIMICO" - l'ennesimo su suolo siriano - in cui sabato notte, secondo la Syrian American Medical Society almeno 48 persone sono morte e più di 500 sono rimastre ferite a Douma, nella parte orientale di Ghouta, l'ultimo territorio vicino a Damasco nelle mani dei ribelli estremisti.