Alcuni ricercatori di Harvard a di Maio (M5S): Italia senza Europa non ha futuro

Evento alla celebre università con il leader del Movimento 5 Stelle. L'organizzatore, Yes Europe Lab: referendum su uscita Italia dall'Euro mette a rischio Ue. Serve una regione più coesa
AP

E' un gruppo di ricercatori e studenti europei della Harvard Kennedy School (HKS), prestigiosa scuola di pubblica amministrazione parte dell'omonima università di Cambridge (Massachusetts), ad avere voluto e organizzato la conversazione in calendario domani con Luigi di Maio.

Riuniti nel 'Yes Europe Lab', un laboratorio di azione civica paneuropeo che non è parte del framework istituzionale di Harvard ma che è stato creato da europei che frequentano l'ateneo, quei ricercatori e studenti hanno voluto mettersi in contatto con il leader del Movimento 5 Stelle nonché vicepresidente della Camera per due motivi: "Perché siamo interessati agli esperimenti e la piattaforma del M5S, con tutti i limiti che ha, è un esperimento interessante per la democrazia ma soprattutto perché abbiamo molto a cuore l'Europa e siamo molto preoccupati del suo futuro", ha spiegato ad America24 Nicolas Miailhe, un francese parte di 'Yes Europe Lab'.

Con l'intento di "mostrare coraggio nel coinvolgere chi ha punti di vista molto diversi dai nostri, altrimenti siamo destinati a fallire," e di avviare una conversazione sul futuro dell'Europa, 'Yes Europe Lab' non crede semplicemente al progetto europeo: "Ne siamo appassionati e facciamo di tutto per una coesione europea più profonda", ha continuato Miailhe. Perché per questo spin-off di Harvard, hanno aggiunto gli italiani Gianfranco Gianfrate e Valerio Riavez, "l'Europa si trova a un bivio". E nonostante non manchino le fonti di preoccupazione, dalle conseguenze della Brexit a un'eventuale vittoria alle elezioni presidenziali francesi della candidata anti-euro Marine Le Pen, "nell'era Trump l'Europa dovrebbe trovare la forza per essere ancora più unita e potente".

Secondo Miailhe, "se il M5S porta avanti il piano di un referendum per uscire dall'Euro, l'Ue rischia di sfaldarsi". E "l'effetto domino di un'uscita dell'Italia probabilmente sarebbe la fine dell'Ue nella sua forma attuale". Il ricercatore della Harvard Kennedy School è convinto, come i suoi colleghi parte di 'Yes Europe Lab', che "non ci sia un futuro per l'Italia fuori dall'Europa e non ci sia un futuro dell'Europa senza Italia".

Di questo e altro si parlerà domani, quando in Italia sarà mezzanotte, all'evento intitolato: "Capire il Movimento 5 Stelle e il ruolo della democrazia diretta in Italia". All'appuntamento, per il quale HKS fornisce supporto amministrativo e logistico agli organizzatori, non si discuterà solo di come la rivoluzione digitale stia condizionando il modo in cui la democrazia funziona e si manifesta; o di come i nuovi media condizionano l'interazione tra politici, tecnocrati, esperti e cittadini. 'Yes Europe Lab' trasmetterà gli sforzi per "aiutare a sviluppare la prossima generazione di leader paneuropei che, senza arroganza, possano fare le mosse necessarie per una coesione a livello continentale. Non sarà facile, sarà un processo a tratti lento ma è una questione generazionale". 'Yes Europe Lab' preme per uno "sforzo collettivo volto a fare in modo che questo sia il secolo dell'Europa, specialmente dopo l'amministrazione Trump".

Altri Servizi

Usa: nuovi dazi da 200 miliardi di dollari contro la Cina, Apple Watch e Airpods salvi (per ora)

Entrano in vigore dal 24 settembre al 10%. Dal primo gennaio saliranno al 25%. Trump: se Pechino reagisce con ritorsioni, pronte altre tariffe doganali per 267 miliardi

Le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina sembrano destinate ad aumentare. Dal prossimo 24 settembre l'America di Donald Trump farà scattare dazi del 10% su importazioni cinesi aventi un valore di 200 miliardi di dollari. Dal primo gennaio 2019, le tariffe doganali saliranno al 25%. E se Pechino adotterà ritorsioni, Washington reagirà passando alla "fase tre" della sua strategia imponendo altri dazi su 267 miliardi di dollari di importazioni cinesi dopo una prima fase corrispondente all'entrata in vigore di dazi del 25% per 50 miliardi.

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

Wall Street torna a sperare nei negoziati commerciali

Ottimismo del Canada su negoziati con gli Usa. La Cina rassicura le aziende americane
iStock

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Wall Street spera nei negoziati Usa-Cina

L'inflazione rallenta. Sussidi di disoccupazione ai minimi del 1969
iStock

L'uragano Florence sarà "devastante". Trump a chi si trova nelle Caroline, "andatevene"

I governatori chiedono alla popolazione di fuggire, ma non tutti lo faranno. La tempesta arriverà sulla costa giovedì notte
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, e il leader della protezione civile americana hanno lanciato dalla Casa Bianca un messaggio alle persone, oltre un milione, a cui è stato ordinato di lasciare il North e il South Carolina in vista dell'arrivo dell'uragano Florence, atteso giovedì notte: "Andatevene, se ve lo hanno chiesto" perché sarà un evento "devastante". Molti, però, sceglieranno di restare, scrive Usa Today, che ricorda che solo tre Stati, ovvero California, New York e North Carolina, hanno delle leggi sull'evacuazione obbligatoria, con multe fino a mille dollari e una pena carceraria fino a 6 mesi.

Coca-Cola sta "osservando attentamente" il mercato delle bevande alla cannabis, consapevole che "si sta evolvendo rapidamente". Anche il colosso americano delle bibite si sta dunque concentrando su un settore a rapida crescita che potrebbe offrire l'opportunità di sfruttare la legalizzazione della marijuana in Nord America ed Europa per controbilanciare i consumi in calo delle bevande tradizionali.

Wall Street: i salari sono tornati al massimi del 2008

Nel 2017 +13% a 422.500 dollari. Profitti settore finanziario +11% a 13,7 miliardi nei primi sei mesi del 2018. Verso terzo anno di fila di bonus in aumento
iStock

Nel 2017 i salari medi a Wall Street sono tornati ai massimi del 2008, l'anno in cui Lehman Brothers fallì diventando simbolo della peggiore crisi economico-finanziaria dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso.

Trattative Cina-Usa a rischio dopo l'ultima minaccia di Trump

Già oggi potrebbero essere annunciati dazi per 200 miliardi di dollari. Pechino: non negozieremo "con la pistola alla tempia"
iStock

La Cina potrebbe decidere di non partecipare a un quinto round di negoziati commerciali con gli Stati Uniti alla luce dell'ultima minaccia di Donald Trump, quella di fare scattare nuovi dazi contro importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari. Pechino non è pronta a trattare "con la pistola puntata alla tempia". Ad anticipare che i negoziati sono a rischio è stato il Wall Street Journal, secondo cui già lunedì 17 settembre il presidente americano potrebbe introdurre le tariffe doganali.

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.