Riforma fiscale verso il voto al Congresso: critiche sui repubblicani

Il provvedimento agevola i contribuenti più ricchi e le imprese immobiliari

Con la riforma fiscale quasi in tasca, i legislatori repubblicani devono fare i conti con le critiche arrivate da chi sostiene che il provvedimento dà benefici ai contribuenti più ricchi e alle imprese immobiliari anche grazie ad aggiunte dell'ultimo minuto di provvedimenti pensati per agevolare personalmente alcuni politici.

Alla vigilia della messa al voto della riforma alla Camera, il senatore del Gop Bob Corker ha chiesto chiarimenti al suo partito negando di avere saputo in anticipo che la legislazione avrebbe favorito le sue proprietà immobiliari commerciali. Orrin Hatch, tra i repubblicani che hanno contribuito alla stesura della legislazione, ha negato notizie di stampa secondo cui sono stati introdotti improvvisamente i provvedimenti controversi.

L'ultima polemica non dovrebbe rappresentare un'ostacolo all'approvazione della riforma. Al Senato, dove si voterà mercoledì, il via libera arriverà con voti risicati: in quell'aula, i repubblicani hanno una maggioranza di 52 seggi e si possono permettere solo due defezioni. Il vicepresidente Mike Pence può salvare la situazione con il suo voto.

Gli indicisi sembrano Susan Collins del Maine, che vorrebbe che la riforma stabilizzasse il mercato sanitario, e Jeff Flake di Arizona, che desidera una soluzione per i cosiddetti Dreamers (le persone che risiedono in Usa senza permesso di soggiorno e che furono portate nella nazione quando erano bambini).

A ridurre la maggioranza del Gop al Senato è la salute di John McCain, che ha lasciato l'ospedale (dove è stato curato per via di effetti collaterali dovuto alla cura contro il suo tumore al cervello) ed è tornato nella sua casa in Arizona; non sarà quindi a Washington per votare. Salvo sorprese, il presidente americano Donald Trump dovrebbe firmare la riforma trasformandola in legge prima di Natale. Così manterrebbe, almeno a parole, la promessa di dare in dono agli americani quella che oggi ha detto essere la più grande riforma fiscale della storia Usa. Il leader Usa dovrà comunque convincere gli scettici, tra cui ci sono analisti ed economisti, secondo cui la riforma non è affatto pensata per la classe media come lui invece sostiene.

Altri Servizi

Democratici Usa rassicurati sui Dreamers, ecco perché finisce lo shutdown

"Tra poche ore, il governo riaprirà" ha detto il leader della minoranza democratica, Chuck Schumer

Il Senato statunitense ha votato a larga maggioranza (81-18) per porre fine allo shutdown, grazie a un accordo tra repubblicani e democratici raggiunto al terzo giorno di chiusura del governo. Poco fa, in Aula, durante il voto procedurale, sono arrivati più dei 60 'sì"' necessari per porre fine al dibattito e votare la proposta di legge per finanziare il governo fino all'8 febbraio, per cui servirà solo la maggioranza semplice.

La settimana negli Stati Uniti: shutdown, Davos e gli Oscar

Lo shutdown continua, sempre che lunedì il Senato non trovi un accordo. Trump dovrebbe andare a Davos, in Svizzera, dove parlerà venerdì. Martedì invece ci sono le nomination degli Oscar
AP

Donald Trump ha appena superato il primo anno di presidenza degli Stati Uniti e i regali che ha ricevuto sono poco edificanti: da una parte il Paese è entrato nel secondo giorno di shutdown, la paralisi delle attività del governo per mancanza di fondi, dall'altra milioni di donne (e uomini) hanno manifestato contro la sua presidenza, nel corso di un fine settimana di marce. È stato soprattutto lo shutdown a rovinanrgli la festa, visto che ha rimandato il party che sabato avrebbe dovuto tenere a Mar-a-Lago, dove i biglietti, si dice, partissero da 100.000 dollari a coppia.

A San Francisco, il Winter Fancy Food torna a parlare italiano

Cinquantaquattro aziende e oltre 900 metri quadrati di superficie. Sono queste le dimensioni del Padiglione Italia all'evento commerciale dedicato alle specialità alimentari nella costa occidentale statunitense

Cinquantaquattro aziende e oltre 900 metri quadrati di superficie. Sono queste le dimensioni del Padiglione Italia all’interno Winter Fancy Food 2018 in pieno svolgimento al Moscone Center di San Francisco (California). Da ieri fino a domani, nell'ambito del più grande evento commerciale dedicato alle specialità alimentari della costa occidentale statunitense il mondo della distribuzione di qualità si è dato appuntamento là per il suo annuale incontro con gli operatori del settore.

Fmi alza le stime di crescita mondiale, grazie anche a riforma fiscale Usa

Migliorate anche le previsioni su Eurozona e Italia, dove però c'è incertezza politica per via delle prossime elezioni. Obstfeld avverte: prossima recessione potrebbe essere più vicina di quel che si pensi

Il Fondo monetario internazionale ha rivisto al rialzo le stime della crescita globale per questo e il prossimo anno, grazie alle economie avanzate in generale e alle "sorprese particolarmente pronunciate nella crescita in Europa e Asia". L'istituto di Washington ha citato anche la riforma fiscale approvata prima di Natale in Usa, i cui "effetti sugli Stati Uniti e sui suoi partner commerciali - specialmente Canada e Messico - contribuiscono per circa la metà della revisione complessiva della crescita globale nel prossimo biennio". Il Fondo ha migliorato anche le prevesioni dell'Eurozona e dell'Italia.

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di finanziamento provvisorio per 4 settimane. Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi a settimana. Trump: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". E chiede di usare la nuclear option

Gli Stati Uniti sono in shutdown. Il Senato non ha trovato un accordo per approvare il finanziamento provvisorio del governo federale, necessario entro la fine del 19 gennaio. La prima conseguenza è che migliaia di lavoratori federali saranno in congedo non retribuito e che circa 1,3 milioni di militari resteranno senza stipendio finché non si troverà una soluzione a questo stallo. Secondo un rapporto di S&P Global Ratings, lo shutdown potrebbe far scendere il Pil degli Stati Uniti dello 0,2% ogni settimana, ovvero 6,5 miliardi di dollari.

Amazon apre il negozio senza casse

Da domani a Seattle apre Amazon Go, permette di entrare nel negozio, prendere ciò che vogliamo e uscire senza pagare. Lo fanno in automatico una app del colosso e centinaia di telecamere

Con un anno di ritardo lunedì a Seattle apre Amazon Go, il primo negozio in cui è possibile entrare, prendere i prodotti che vogliamo e uscire senza dover passare da una cassa o dover passare sotto uno scanner il codice a barre del nostro articolo.

Pence in Medio Oriente, focus su sicurezza e terrorismo

Le tensioni su Gerusalemme capitale peseranno sul viaggio del vicepresidente Usa tra Egitto, Giordania e Israele. Parlerà alla Knesset, il parlamento israeliano: primo leader statunitense a farlo dal 2008

Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, è al Cairo, in Egitto, prima tappa di un delicato tour in Medio Oriente, iniziato nonostante lo 'shutdown' in patria, ovvero la paralisi delle attività dell'amministrazione federale, causata dal mancato accordo tra repubblicani e democratici. "Gli incontri del vicepresidente con i dirigenti di Egitto, Giordania e Israele fanno parte integrante della sicurezza nazionale dell'America" ha commentato Alyssa Farah, portavoce del vicepresidente, per spiegare i motivi che hanno spinto Pence a non cambiare i suoi piani, almeno questa volta.

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Per la prima volta nei suoi 136 anni di storia, al "Los Angeles Times" entrano i sindacati. Il quotidiano controllato dal gruppo editoriale Tronc fa cos" storia e si prepara a vivere tensioni crescenti non solo con la proprietà del giornale ma anche con il suo management. I due fronti si sono già scontrati su licenziamenti, cambi di vertice e priorità di un gruppo che punta sul giornalismo digitale.

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.