Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

La proposta si chiama “Fair Repair Act”, ed è volta a “modificare la legge generale sulla vendita di informazioni di diagnostica e riparazione di parti e dispositivi elettronici digitali”. Nello specifico, la nuova legislazione si rivolge a tutti i produttori “che operino e vendano nello Stato di New York, perché rendano disponibili” tali informazioni a chiunque le richieda.

Il motivo per cui Apple è contraria a un simile provvedimento è semplice: minerebbe l’Apple Care+, l’assicurazione venduta ai clienti al momento dell’acquisto di un prodotto e che garantisce loro la possibilità di recarsi in un punto vendita del gruppo per far riparare eventuali danni dal personale specializzato. Se il cliente decide invece di far riparare il proprio dispositivo in un negozio diverso da quello ufficiale, vedrebbe annullata la garanzia del prodotto. D’altro canto, il rischio è che le parti terze possano usare pezzi di ricambio di qualità inferiore a quelli offerti dal produttore originale. Mantenendo internamente le riparazioni e il sistema di garanzia, Apple e altre aziende possono invece garantire una maggiore qualità ma anche un certo livello di segretezza.

La Digital Right to Repair Coalition sta dalla parte della proposta legislativa ma le sue risorse finanziarie sono briciole rispetto a quelle a disposizione dei colossi tecnologici: insieme, ad oggi hanno investito oltre 366 mila dollari in campagne e tentativi di ostruzionismo alla proposta di legge contro i 5 mila circa della coalizione.

Altri Servizi

Trump parla ai Paesi musulmani: uniamoci contro l'estremismo islamico

Il presidente americano dall'Arabia saudita pronuncia un discorso di speranza e di collaborazione tra gli Stati Uniti e il mondo islamico. Ma chiede maggiore azione per combattere l'estremismo e attacca l'Iran
AP

Donald Trump parla con grande lentezza, scandisce ogni singola parola. E inizia il suo discorso in Arabia Saudita ringraziando il padre di re Salman, Aziz, visto che grazie a lui è iniziato il rapporto di alleanza tra Washington e Riyadh. "Il nostro scopo è quello di creare una coalizione di nazioni che condividono l'obiettivo di fermare l'estremismo e di offrire ai nostri figli un futuro di speranza che faccia onore a Dio ... Ogni volta che un terrorista uccide una persona innocente e invoca il falso nome di Dio, dovrebbe essere un insulto a ogni persona di fede ", ha detto il presidente americano, parlando ai leader dei Paesi a maggioranza musulmana. 

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia

I repubblicani hanno preso ancor più le distanze dal presidente Donald Trump, a causa delle prove sempre più schiaccianti che potrebbe aver cercato di interferire nell'indagine federale sui rapporti tra l'intelligence russa e la sua campagna elettorale nelle elezioni del 2016.

Wall Street, attenzione rivolta al primo viaggio all'estero di Trump

Il presidente degli Stati Uniti è arrivato in Israele, dopo la tappa in Arabia Saudita
AP

Le pmi toscane fanno sistema nel Consorzio Vasari per conquistare gli Usa

Una strategia a lungo termine che ha debuttato con la fiera Florence in New York

Far conoscere le piccole e medie aziende della Toscana sul mercato statunitense, dove da sole potrebbero non avere i mezzi per farsi strada. E' questo l'obiettivo di Consorzio Vasari, nato proprio per sostenere l'internazionalizzazione delle pmi locali che dalla loro hanno la sapienza e l'esperienza nella creazione di prodotti di qualità che vogliono portare Oltreoceano. Sostenuto dal bando "Porfesr 2014-2020" della Regione, il consorzio ha fatto il suo debutto con Florence in New York, una fiera di tre giorni che si è conclusa a Manhattan e che di questo viaggio rappresenta soltanto l'inizio.

Il prossimo movimento populista? Per Bank of America può essere “Occupy Silicon Valley”

La banca traccia un parallelo con il movimento che nel 2011 voleva ‘occupare’ Wall Street: cresce il divario tra gli americani che si sentono economicamente indietro e la corsa dei giganti tech
iStock

Il viaggio di Trump in Israele: pace in Medio Oriente e lotta all'Iran

Continua la prima trasferta del presidente americano, che domani vedrà il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas. Più volte attacca Teheran, che definisce una minaccia alla stabilità della regione
AP

Trump: "La pace in Medio Oriente è tra gli accordi più duri, ma sento che ci arriveremo"

Il presidente Usa in Israele, seconda tappa del suo primo tour all'estero. Prosegue il suo sforzo per isolare l'Iran

La guida di Ford passa a Jim Hackett, un esperto di turnaround

Prende il posto di Mark Fields, che esce dal gruppo dopo 28 anni. Dal marzo 2016 si occupava della divisione centrata sulla guida autonoma. Ha rilanciato il produttore di mobili per uffici Steelcase e un team universitario di football
Jim Hackett Ford Motor

Trump al Muro del Pianto, il presidente Usa cerca l'unità tra le religioni

È la prima visita di un presidente Usa in carica. Una visita privata, senza il premier Netanyahu, per evitare polemiche e non complicare la strada verso un nuovo negoziato di pace
AP