Robert Kagan insiste: "Un mondo post-americano? Dobbiamo batterci perché non accada"

L'intellettuale neoconservatore che ora piace anche ad Obama spiega perché il declino non è nè inevitabile nè desiderabile

Non si placa il dibattito sul declino della potenza statunitense e sulla prospettiva di un mondo “post-americano”, che continua a ruotare sul nuovo saggio di Robert Kagan, l'intellettuale neoconservatore che improvvisamente Barack Obama dice di apprezzare nonostante sia tra i consiglieri di Mitt Romney. Il libro, dal titolo “The World America Made” (“Il mondo che l'America ha costruito”), esce fra due giorni ma sta già facendo discutere da settimane; sabato ne è uscita una nuova anticipazione stavolta sul sul Wall Street Journal, e sul web si è scatenato un altro giro di giostra di commenti e recensioni. 

Contro l'idea che non si debba aver paura del “declino” e che ci si debba serenamente adattare ridimensionando la potenza americana e facendo spazio ad altre potenze emergenti, sostenuta dagli intellettuali che parevano ispirare la visione del mondo dell'attuale Presidente ma dai quali in vista della campagna elettorale Obama sembra voler prendere le distanze (fra i quali Fareed Zakaria e Charles Kupchan), Kagan afferma la necessità di preoccuparsi e rimboccarsi le maniche, perché la transizione verso un mondo “post-americano” non è né inevitabile, né desiderabile:

“Agli americani piace credere che che l'ordine mondiale a noi più gradito sopravviva perché è buono e giusto, non solo per noi ma per tutti. Diamo per scontato che il trionfo della democrazia è il trionfo di una buona idea, e che la vittoria del capitalismo di mercato è la vittoria di un sistema migliore, e che entrambi sono irreversibili. E' per questo che la teoria di Francis Fukuyama sulla "fine della storia" era così attraente alla fine della Guerra Fredda e mantiene il suo fascino anche adesso, dopo che è stata smentita dagli eventi. L'idea di una “evoluzione invenitabile” significa che non vi è alcun bisogno di imporre un ordine mondiale giusto: accadrà e basta.
Ma l'ordine internazionale non è un'evoluzione: è un'imposizione. E 'il dominio di una visione sulle altre - nel caso dell'America, il dominio dei principi del libero mercato e della democrazia, insieme ad un sistema internazionale che li sostiene. L'ordine attuale durerà solo fino a quando coloro che lo favoriscono e ne traggono beneficio manterranno la volontà e la capacità di difenderlo”.

Sempre sabato, l'appello anti-declinista di Kagan è arrivato anche qui da noi grazie ad una lunga intervista firmata da Mattia Ferraresi su Il Foglio. E visto che Obama Il Foglio si presume non lo legga, ci scappa qualche frecciata in più contro la Casa Bianca: “Il taglio del budget del Pentagono è un grave errore, e non c’è nessuna ragione economica che possa giustificarlo. Gli effetti li vediamo: l’Iran e la Cina approfittano della percezione della debolezza per fare mosse che non avrebbero fatto, come minacciare di chiudere lo Stretto di Hormuz”.

Eccolo uno dei punti critici: il taglio del budget del Pentagono. Nonostante il presidente abbia voluto mostrarsi in linea di principio d'accordo con Kagan, questa questione è tutt'altro che incontroversa. Nel suo ultimo discorso sullo Stato dell'Unione, Obama ha proposto di mettre in campo "una nuova strategia di difesa che garantisca che noi continuiamo ad avere il miglior esercito del mondo, risparmiando però quasi tre miliardi di dollari nel bilancio federale".  

Kagan non sembra d'accordo sulla fattibilità di questa operazione "al risparmio", e lo ha evidenziato nel suo ultimo corsivo mensile sul Wahington Post, dieci giorni fa: "A qualcuno pare assurdo che gli Stati Uniti debbano avere un apparato militare più grande di quelli delle altre dieci prime potenze militari messi assieme. Ma probabilmente è proprio quel divario nella potenza militare che ha giocato un ruolo decisivo nel mentenere un sistema internazionale che storicamente unico - ed in modo unico benefico per gli americani".

Doveva essere un anno elettorale dedicato quasi unicamente all'economia; pare invece che nei prossimi mesi si parlerà anche d'altro.

Altri Servizi

Pearl Jam, nel Pantheon del rock difendendo l'ambiente

La band americana di Seattle è entrata nella Rock and Roll Hall of Fame esibendosi al Barclays Center di Brooklyn dal cui palco hanno lanciato un messaggio contro Trump

Un quarto di secolo dopo la pubblicazione di Ten, loro primo album che ha venduto oltre 10milioni di copie, i Pearl Jam sono entrati nella Rock and Roll Hall of Fame, il Pantheon del Rock. A introdurre la band di Seattle sul palco del Barclays Center di Brooklyn, dove si è tenuto l’evento, doveva inizialmente essere Neil Young. Un malanno ha però impedito al cantautore canadese di presenziare e il suo posto è stato prontamente preso dall'icona televisiva americana, ormai in pensione dal piccolo schermo, David Letterman il cui discorso ha introdotto Vedder e compagni.

Tensione Usa-Corea del Nord alle stelle. Pyongyang pronta a rispondere a guerra totale

Ma dopo l'intensa attività diplomatica delle ultime ore il test nucleare nordcoreano ipotizzato per oggi, proprio in occasione dell'anniversario della nascita di Kim il-Sung, non c'è stato.

La Corea de Nord è pronta a rispondere a qualsiasi attacco nucleare statunitense con le stesse armi. "Risponderemo alla guerra totale con la guerra totale. Risponderemo a un attacco nucleare con un nostro attacco nucleare", ha detto il numero due del regime di Pyongyang, Choe Ryong-Hae, durante la parata militare svoltasi nella capitale nordcoreana.

Wells Fargo verso il faccia a faccia con gli azionisti: traballa poltrona vari membri Cda

Gli investitori alla società un deciso cambio di rotta dopo lo scandalo dei 2,1 milioni di conti fantasma creati ad arte per centrare gli obiettivi sulle vendite e costato una multa da 185 milioni di dollari.
Wells Fargo

Wells Fargo, che ha chiuso il primo trimestre con profitti piatti, seppur superiori alle previsioni, deve fare i conti con una situazione che altre grandi banche hanno già sperimentato dopo la crisi finanziaria, ovvero forti pressioni interne per un rimpasto radicale del consiglio di amministrazione.

Amazon investirà 1 miliardo all'anno nello spazio

L'amministratore delegato Jeff Bezos ha promesso che in questo modo finanzierà Blue Origin, il suo gruppo aerospaziale con cui vuole portare i primi turisti in orbita
Blue Origin

In un periodo in cui i fondi pubblici continuano a diminuire, sembra che nei prossimi decenni le esplorazioni spaziali dipenderanno dagli investimenti dei privati. Cos" l’annuncio di Jeff Bezos sembra un nuovo passo lungo questa strada: Bezos ha infatti promesso che ogni anno finanzierà la sua Blue Origin con un miliardo di dollari, attraverso le azioni di Amazon, azienda di cui è fondatore e amministratore delegato.

La Cina teme l'escalation Usa-Nord Corea: tempesta all'orizzonte, stop a minacce reciproche

Pechino teme che la situazione possa finire fuori controllo dopo che Pyongyang ha fatto sapere di essere pronta a effettuare test nucleari e Washington pensa a un raid preventivo
AP

L'escalation delle tensioni tra Corea del Nord e Stati Uniti preoccupa la Cina, che teme che la situazione possa finire fuori controllo dopo che Pyongyang ha fatto sapere di essere pronta a effettuare test nucleari quando Kim Jong-un dovesse dare il via libea e mentre le forze navali americane si avvicinano alla penisola Coreana.

Fmi: riforma fiscale per sostenere la produttività

L'istituto di Washington preme per un uso migliore dei capitali e del lavoro esistenti. E promuove l'Italia in merito alla deduzione per capitale investito proprio

Quella fiscale è una delle riforme cruciali per spingere al rialzo la produttività, considerata "il fattore trainante degli standard di vita nel lungo termine". Lo sostiene il Fondo monetario internazionale chiede ai governi di agire ricordando che nelle economie avanzate la crescita della produttività stava scendendo "ben prima" dello scoppio della crisi finanziaria globale del 2008 e che quel trend al ribasso è peggiorato successivamente. 

Trump, un piano contro i migranti irregolari per mantenere le promesse

Molto costoso, potrebbe non essere mai realizzato. Il muro comincerà a essere costruito nella Valle del Rio Grande
Ap

L'amministrazione statunitense sta velocemente percorrendo i passi per costruire una forza nazionale che si occupi del rimpatrio degli immigrati illegali, come promesso in campagna elettorale e delineato dai due ordini esecutivi firmati dal presidente Donald Trump a gennaio. Il Washington Post ha ottenuto un documento del dipartimento della Sicurezza interna, che mostra che l'agenzia ha già trovato 33.000 posti in più per detenere gli immigrati senza documenti e ha aperto le trattative con decine di forze di polizia locali, che potrebbero essere dotate, sull'immigrazione, del potere di quelle federali; inoltre, dal documento emerge che sarebbe stato identificato il luogo dove dare inizio alla costruzione del muro con il Messico voluto dal presidente Trump. L'agenzia, inoltre, sta valutando il modo per accelerare il processo di assunzione di centinaia di nuovi agenti del Customs and Border Patrol, responsabile dei controlli alle frontiere.

Afghanistan, Usa hanno lanciato la più grande bomba non nucleare. Trump: un'altra missione di successo

La MOAB è stata usata per la prima volta sul campo di battaglia. Usata contro tunnel dello Stato islamico

Le forze statunitensi hanno lanciato in Afghanistan la più grande bomba non nucleare. Dopo che fonti militari avevano rivelato la notizia a Cnn, la conferma è poi arrivata dalla Casa Bianca: per il presidente Donald Trump si tratta di "un'altra missione di successo". Una GBU-43 Massive Ordnance Air Blast Bomb (MOAB), definita informalmente la "madre di tutte le bombe" (Mother Of All Bombs) è stata sganciata oggi intorno alle 19:30, ora locale. Per la prima volta una MOAB è stata usata sul campo di battaglia. Si tratta di un ordigno sviluppato durante la guerra in Iraq, dal peso di 21.600 libre e dalla lunghezza di 30 piedi guidato con sistema satellitare.

La guerra ad Amazon dei piccoli rivenditori passa dalla competizione tra corrieri

Le compagnie specializzate nel trasporto merci sono la chiave di volta per salvare i piccoli rivenditori dal colosso dell’e-commerce
AP

Le compagnie specializzate nel trasporto merci, siano esse startup o punti di riferimento del settore delle consegne, sono in lotta per aiutare i piccoli rivenditori a competere con Amazon, il gigante dell'e-commerce che fa del trasporto gratuito entro due giorni uno dei suoi migliori servizi. Come riporta il Wall Street Journal infatti le compagnie che si occupano di logistica e trasporto hanno registrato negli ultimi anni un forte incremento di domande da parte di tutti quei rivenditori la cui sopravvivenza è messa a rischio da Amazon Prime, servizio che fa della consegna gratuita dei prodotti entro 48 ore dall’ordine il suo punto di forza.

Apple lancia la sfida sulle vetture autonome, ottiene via libera ai test in California

Entra nella lista di società che hanno ricevuto le autorizzazioni dal California Department of Motor Vehicles, che già aveva dato il via libera a colossi come Tesla, Uber, Nvidia e Alphabet

Apple entra ufficialmente nella competizione per lo sviluppo di vetture senza conducente. Il colosso di Cupertino ha ricevuto dallo stato della California i permessi necessari per cominciare i test sui veicoli autonomi.