Rupert Murdoch torna al suo primo amore: l'informazione

La sua 21st Century Fox pronta a cedere asset a Walt Disney. Il figlio più giovane, James, favorevole. Lachlan scettico
AP

Per decenni è stato soprattutto un compratore ma ora Rupert Murdoch ha deciso di cambiare marcia preparandosi a vendere asset e a ridisegnare il suo impero mediatico tornando a quello che il Financial Times definisce il "suo primo amore": il mondo dell'informazione.

E' da settimane che circolano indiscrezioni di una possibile intesa tra 21st Century Fox e Walt Disney che, se andrà in porto, avrebbe un enterprise value di 60 miliardi di dollari. Un annuncio, atteso la settimana prossima, sulla cessione di asset internazionali e dell'intrattenimento lascerebbe a Fox le reti tv, i canali via cavo come Fox News (tanto caro a Donald Trump), Fox Business e Fox Sports 1 oltre a quasi una trentina di stazioni televisive sparse negli Stati Uniti.

Concentrandosi su notizie, sport e business, Murdoch potrebbe fare convolare a nozze quel rimarrebbe di 21st Century Fox con News Corp, il gruppo editoriale che controlla tra gli altri il Wall Street Journal; le due aziende sono nate dallo scorporo della vecchia News Corp, avvenuto nel 2013. Una operazione simile - sostengono gli analisti sentiti dall'FT - sarebbe facilitata dalle nuove regole della Federal Communications Commission. Non solo. Con le sue attività sotto un unico tetto, l'86enne miliardario potrebbe ridarsi allo shopping, magari di giornali come il Los Angeles Times e il Chicago Tribune (di proprietà del gruppo editoriale Tronc).

Stando al Wall Street Journal, è il cambiamento del mondo mediatico ad avere spinto Murdoch a ripensare alla sua strategia. Con l'avanzata di servizi di video in streaming come Netflix e Amazon e con il peso crescente di Google e Facebook nel mondo pubblicitario, colui che venne definito lo "squalo dei media" pare si stia domandando se la sua 21st Century Fox sarà grande abbastanza in futuro per far fronte a queste sfide. E questo anche alla luce degli ostacoli incontrati nel Regno Unito per prendere il controllo di Sky. Una cessione di asset a Walt Disney potrebbe, infine, chiarire i piani di successione della famiglia Murdoch, che controlla il 39% dei diritti di voto del gruppo.

Il figlio James Murdoch, 44 anni, è il Ceo di 21st Century Fox. Lachlan Murdoch, 46 anni, condivide con il padre il ruolo di presidente esecutivo del colosso dell'intrattenimento. Il più giovane dei Murdoch è favorevole alla cessione con cui il padre vorrebbe monetizzare quando costruito nella sua vita. Lachlan invece pare scettico, preferendo tenere così come è il gruppo di famiglia. Intanto si ragiona già su quale sarà il futuro dei due. Già ieri si ipotizzava una ascesa di James in Disney, magari al posto del Ceo Bob Iger (che se ne andrà nel 2019). Lachlan resterebbe invece alla guida di 21st Century Fox.

Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

Attenzione rivolta soprattutto ai dati delle grandi aziende tech, a partire da Alphabet (Google) e Facebook
iStock

Usa "impazienti" di lavorare con il nuovo governo italiano

Il nostro è un Paese "libero" e capace di scegliere autonomamente la sua strada futura

Per gli Stati Uniti di Donald Trump, come quelli di Barack Obama, l'Italia resta "uno dei nostri alleati più stretti". E nel giorno in cui il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha affidato al presidente della Camera, Roberto Fico, il compito di verificare entro giovedì l'esistenza di una maggioranza di governo tra il Movimento 5 Stelle e il Partito Democratico, il dipartimento americano di Stato si è detto "impaziente di continuare a lavorare e a consultarci con il nuovo governo dopo la sua formazione". E' un portavoce del dipartimento stesso ad averlo detto ad America24.

Cia, 109 ex leader militari protestano contro la nomina di Haspel

La veterana dell'agenzia, scelta dal presidente Trump come nuovo direttore, in passato ha guidato il centro di torture sui presunti terroristi in Thailandia
AP

Prima dell'inizio, al Senato statunitense, del processo di conferma di Gina Haspel a capo della Cia, 109 alti ufficiali in pensione di Esercito, Marina, Aeronautica, Corpo dei Marine e Guardia Costiera hanno firmato una lettera in cui esprimono le loro preoccupazioni sulla sua nomina.

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

Russiagate: Giuliani, ex sindaco di NY, si unisce al team di legali di Trump

Il presidente: "è fantastico", amici da tanto tempo. Lui: "un onore"
AP

L'ex sindaco di New York City, Rudy Giuliani, entra a fare parte del team di avvocati personali di Donald Trump. Da sempre un sostenitore di colui che è diventato il 45esimo presidente americano, l'ex primo cittadino newyorchese si unirà alla squadra di legali che rappresenta l'inquilino della Casa Bianca nell'inchiesta sul cosiddetto Russiagate.

Volkswagen verso il ritorno al mercato obbligazionario Usa, prima volta da scoppio dieselgate

Secondo una fonte del Wsj, potrebbe vendere titoli a debito per 1,5-2 miliardi di dollari nel 2018

Per la prima volta dallo scoppio dello scandalo emissioni, nel settembre 2015, Volkswagen sta valutando un ritorno al mercato obbligazionario americano. Per il gruppo automobilistico tedesco quel ritorno sarebbe simbolo del suo rilancio di successo. Ma come scrive il Wall Street Journal, l'azienda ha ancora lavoro da fare per riconquistare la fiducia degli investitori.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Furgone sulla folla a Toronto, 9 morti e 16 feriti

Lo ha confermato la polizia. Arrestato il sospetto. Fonti americane a CNN: "Si tratta di un atto volontario"
AP

Si è trattato di un atto volontario in cui sono state uccise 9 persone e ne sono rimaste ferite 16. Un uomo alla guida di un furgone bianco preso a noleggio ha investito diverse persone, entrando in due aree pedonali di Toronto in Canada. I testimoni oculari sostengono che l'uomo ha cercato di colpire i pedoni uno a uno, mentre secondo le prime ricostruzioni l'autore viaggiava a 50 chilometri orari ed ha percorso quasi due chilometri.

Sì di Manchin, Pompeo verso la conferma a segretario di Stato

Per ora, l'attuale capo della Cia ha il voto di due democratici in Senato: probabilmente è sufficiente per ottenere l'incarico
Ap

Joe Manchin ha dichiarato che voterà a favore della nomina di Mike Pompeo a segretario di Stato statunitense, diventando il secondo senatore democratico a schierarsi in favore dell'attuale capo della Cia. Il suo annuncio è di particolare importanza, perché sembra garantire la capacità di Pompeo di ottenere la conferma del Senato, necessaria per ottenere l'incarico.

Visco: avanti con la crescita, ma senza dimenticare i vincoli

Il governatore di Banca d'Italia "fiducioso" nel senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni. Spagnoli più ricchi degli italiani? Padoan usa una metafora calcistica: le rimonte sono possibili.

Washington - E' essenziale che la crescita in Italia non subisca una battuta d'arresto. E che non si dimentichino i vincoli "formali e sostanziali" che vanno rispettati in termini di conti pubblici. E' questo il messaggio lanciato dal governatore di Banca d'Italia al futuro governo del nostro Paese, che non potrà non tenere conto del debito pubblico. Da Washington, dove si sono conclusi i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, Ignazio Visco si è detto "fiducioso" che nella futura classe dirigente italiana "ci sarà un grande senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni". La speranza è che chiunque sarà al governo prenda atto dei vincoli che "non si possono dimenticare" e di un debito che resta alto, anche se il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si aspetta che scenda maggiormente tra il 2018 e il 2020 passando al 123,9% dal 131,8% del 2017.