Russiagate: arriva il procuratore speciale chiesto dai democratici

Robert Mueller, il predecessore del capo dell'Fbi silurato dal presidente Usa, guiderà l'inchiesta sull'interferenza di Mosca nelle elezioni Usa. Trump: avanti con l'indagine, nessuna collusione tra mia campagna e "soggetti stranieri"
Fbi

Dopo tante polemiche, i democratici hanno ottenuto quello che volevano ma che la Casa Bianca reputava non necessario: il dipartimento americano di Giustizia ha scelto un procuratore speciale a cui affidare la guida delle indagini sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna di Trump e funzionari russi.

La decisione è stata annunciata dal vice segretario alla Giustizia Rod Rosenstein, colui che aveva espresso al presidente Usa un giudizio negativo su James Comey, il direttore dell'Fbi silurato a sorpresa il 9 maggio scorso formalmente per la sua gestione dell'emailgate legato a Hillary Clinton. E' tuttavia il Russiagate su cui restano i riflettori.

Quello che Rosenstein chiama "consulente speciale" è Robert Mueller, capo dell'Fbi dal 2001 al 2013. Secondo il vice del ministro alla Giustizia Jeff Sessions - che si è astenuto dall'inchiesta sul Russiagate - quella figura "è necessaria affinché il popolo americano abbia piena fiducia nell'esito" dell'inchiesta. "La nostra nazione si basa sullo stato di diritto e il pubblico deve avere la garanzia che i funzionari pubblici applichino la legge in modo giusto".

In una nota Rosenstein ha spiegato che "alla luce delle circostanze uniche, l'interesse pubblico mi richiede di portare questa indagine sotto l'autorità di una persona che eserciti un grado di indipendenza rispetto alla normale catena di comando".

Trump ha subito commentanto: "Come detto tante volte, una indagine completa confermerà quello che già sappiamo: che non c'è stata collusione tra la mia campagna e alcun soggetto straniero. Sono impaziente che questa faccenda si chiuda rapidamente. Allo stesso tempo, non smetterò mai di lottare per le persone e per le cause che contano di più per il futuro del nostro Paese".

Non è chiaro cosa abbia spinto il vice ministro alla Giustizia a compiere una tale mossa, specialmente all'indomani delle indiscrezioni del New York Times secondo cui lo scorso febbraio Trump aveva chiesto a Comey di chiudere l'indagine su Michael Flynn, l'ex generale che ha giocato un ruolo chiave nella campagna del miliardario di New York e che fu scelto come consigliere alla Sicurezza nazionale; fu tuttavia costretto a dimettersi dopo nemmeno un mese in tale incarico perché aveva fuorviato il vicepresidente Mike Pence sulle sue conversazioni con l'ambasciatore russo in Usa. Secondo nuove indiscrezioni del NY Times, Flynn aveva comunicato al transition team di essere sotto inchiesta per le sue attività di lobby condotte per conto della Turchia ma l'amministrazione Trump lo scelse comunque.

Rosenstein ha voluto precisare che "la decisione non sta a significare che crimini siano stati commessi o che incriminazioni siano necessarie".

Mueller ha accettato l'incarico: ha dato le dimissioni nello studio legale Wilmer Hale di cui è partner per evitare conflitti di interesse.

 

Altri Servizi
Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock