Russiagate, Bannon si rifiuta di testimoniare alla Camera

L'ex stratega del presidente Trump 'guidato' dalla Casa Bianca, che non ha trovato un accordo con la commissione Intelligence sui temi da toccare durante l'interrogatorio
AP

L'ex stratega capo della Casa Bianca, Steve Bannon, non testimonierà oggi davanti alla commissione Intelligence della Camera statunitense, sfidando il mandato di comparizione spiccato lo scorso mese. Lo riportano le fonti del Guardian. La commissione vuole ascoltare Bannon nell'ambito dell'inchiesta sulle interferenze russe nelle presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff dell'attuale presidente, Donald Trump, durante la campagna elettorale. La commissione non è rimasta soddisfatta dalla testimonianza rilasciata da Bannon lo scorso 16 gennaio.

Una persona vicina a Bannon, sentita dal Guardian, ha detto che non c'è stato accordo tra la commissione e la Casa Bianca sugli argomenti da trattare durante la testimonianza, sottolineando comunque la disponibilità dell'ex consigliere di Trump a incontrare, prima o poi, gli investigatori della Camera. Nel frattempo, ha detto la fonte, Bannon sarà ascoltato dal procuratore speciale, Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe; si tratta di un'altra indagine, indipendente da quella della commissione della Camera. Altre due fonti del Guardian hanno confermato che Bannon non si presenterà oggi a Capitol Hill; una di queste ha spiegato che la Casa Bianca non ha autorizzato Bannon a rispondere alle domande della commissione.

Gli avvocati della Casa Bianca hanno imposto a Bannon di non rispondere alle domande sul suo lavoro durante la transizione presidenziale e sui mesi al servizio della nuova amministrazione davanti alla commissione Intelligence della Camera, che lo ha interrogato il 16 gennaio a porte chiuse. Una decisione che ha creato tensioni tra la Casa Bianca e la commissione, insoddisfatta della testimonianza di Bannon, durata 11 ore, molte delle quali passate a discutere del 'privilegio esecutivo', quello a cui si sono appellati gli avvocati della Casa Bianca per impedire a Bannon di parlare dei mesi alla Casa Bianca.

L'ex stratega, per la Casa Bianca, deve rispondere solo alle domande sulla campagna elettorale, finché non avranno un accordo con la commissione. Commissione che, per una volta, ha mostrato uno spirito bipartisan nel criticare la mancata collaborazione: "Ci sono domande a cui non ha risposto" aveva detto il repubblicano Michael Conaway, che guida le indagini, aggiungendo che "otterremo quelle risposte da Bannon". Oggi, però, non otterranno nulla. Il cosiddetto 'privilegio esecutivo' non sarà invece usato per il colloquio tra Bannon e Mueller, visto che il procuratore fa parte del ramo esecutivo.

Nei prossimi giorni, Bannon sarà ascoltato da Mueller, con cui avrebbe raggiunto un accordo per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito dal procuratore speciale. Risponderà, quindi, alle domande di Mueller, evitando il più formale contesto del gran giurì, che lo avrebbe anche obbligato a rispondere a tutte le domande. Il procuratore speciale, secondo la Cnn, avrebbe intenzione di interrogare Bannon sulle decisioni del presidente di licenziare il consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn, e il direttore dell'Fbi, James Comey.

Bannon "intende cooperare totalmente con Mueller", ha detto una fonte di Axios vicina all'ex stratega del presidente Trump, nei giorni scorsi. Mueller ha spiccato il mandato dopo che sono state rese pubbliche le affermazioni di Bannon contenute in un libro da poco uscito, "Fire and Fury", incentrato sulla Casa Bianca nell'era Trump. Un libro in cui Bannon ha definito "sovversivo" e "antipatriottico" l'incontro con una delegazione russa alla Trump Tower, in piena campagna elettorale, a cui parteciparono il figlio del presidente, Don Jr., il genero Jared Kushner e il direttore della campagna Paul Manafort.

Inoltre, secondo le parole di Bannon contenute nel libro, le indagini sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Trump si concentreranno sul riciclaggio di denaro sporco. Le dichiarazioni hanno portato a una spaccatura insanabile tra Trump e Bannon, costretto a lasciare Breitbart, sito dell'ultradestra dove era tornato da pochi mesi e con cui aveva sostenuto la candidatura dell'attuale presidente.

Altri Servizi

Gli Usa accusano cittadina russa di volere interferire nelle elezioni

Elena Alekseevna Khusyaynova, 44 anni, accusata di essere a capo di "Project Lakhta". L'intelligence americana "preoccupata" dalle azioni di Cina, Russia e Iran
Bigstock

I procuratori federali statunitensi hanno accusato una cittadina russa di volere influenzare le elezioni di metà mandato previste in Usa il prossimo sei novembre. E' quanto emerge dai documenti relativi al rinvio a giudizio che vede protagonista Elena Alekseevna Khusyaynova, 44 anni di San Pietroburgo.

Facebook recluta politico britannico per riparare la sua immagine

Nick Clegg, 51 anni, ex vice premier, da gennaio si trasferirà nella Silicon Valley

Facebook ha affidato a Nick Clegg, ex vice primo ministro britannico, il compito di gestire il team dedicato agli affari globali e alla comunicazione.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android

Google cambia modello di business in Europa, dove lo scorso 18 luglio la controllata di Alphabet è stata colpita dalla Commissione europea con una multa di 4,34 miliardi di euro per abuso di posizione dominante con Android (il suo sistema operativo per dispositivi mobili).

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Il presidente americano, Donald Trump, ha minacciato il ricorso all'esercito per chiudere il confine meridionale degli Stati Uniti se il Messico non metterà fine al flusso di migranti che attraversano quel Paese per mettere piede in America.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.

Trump contro Mattis: "È una sorta di democratico, potrebbe andarsene presto"

Il presidente americano in un’intervista alla Cbs ha parlato del rapporto con il segretario alla Difesa

Donald Trump continua a lanciare messaggi ai membri della sua amministrazione. Ultimo in ordine di tempo è il segretario alla Difesa, il generale Jim Mattis, sul quale il tycoon si è espresso durante un’intervista a "60 Minutes" sulla Cbs. "È una sorta di democratico" ha detto il tycoon che ha ammesso di non sapere se Mattis lascerà o meno il suo incarico.

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.