Russiagate: bloccato il contro-memo. Trump: la colpa è dei democratici

No a sorpresa alla pubblicazione del documento con cui l'opposizione difende l'operato del dipartimento di Giustizia e dell'Fbi. Autori al lavoro per modificarlo

A sorpresa, Donald Trump ha detto no. Il memo con cui la minoranza democratica al Congresso vuole rispondere a un altro memo, quello da quattro pagine diffuso il 2 febbraio dai repubblicani, non va pubblicato. E per il presidente, la colpa è semplicemente dei suoi autori.

I documenti in questioni simboleggiano due schieramenti, non solo politici. Da un lato il Gop e il presidente Usa, convinti che l'Fbi e il dipartimento di Giustizia abbiano abusato della loro autorità sin dall'inizio dell'inchiesta volta a gettare luce sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e Mosca. Dall'altro i democratici (ma anche alcuni conservatori) che puntano a smontare quella tesi e evitare una "crisi istituzionale e costituzionale senza precedenti".

Lo stop imposto da Trump al memo di stampo democratico è stato giustificato con preoccupazioni per la sicurezza nazionale. Per questo, ha sostenuto l'inquilino della Casa Bianca, il memo è stato rispedito al mittente affinché siano fatte revisioni. 

"Sebbene il presidente sia incline a togliere il segreto al memorandum del 5 febbraio, siccome il memorandum contiene molti passaggi top secret e sensibili, non è nelle condizioni di farlo in questo momento", ha fatto sapere il legale della Casa Bianca, Donald McGahn. Nel comunciare la decisione dell'amministrazione alla commissione Intelligence della Camera - quella che aveva pubblicato il memo del Gop e che aveva votato per la difussione di quello democratico - McGahn ha spiegato che il dipartimento di Giustizia era pronto a lavorare con i membri democratici della commissione per modificare il memo visto "l'interesse pubblico alla trasparenza".

Di sabato mattina, Trump ha scritto il seguente Tweet: "I democratici hanno inviato un memo molto politicizzato e lungo che sapevano, per via delle fonti, dei metodi (e di molto altro), sarebbe stato pesantemente modificato. A quel punto [sapevano] che avrebbero accusato la Casa Bianca di mancanza di trasparenza. Ho detto loro di riscriverlo e di rispedirmelo nella forma adeguata".

I democratici che siedono nella commissione Intelligence del Senato hanno espresso frustrazione per la decisione di Trump ma si sono detti disposti a rivedere il documento per mettere fine alle preoccupazioni sollevate dall'amministrazione e dalle agenzie d'intelligence. 

Adam Schiff, il democratico numero uno nella commissione, ha risposto dicendo: "Rivedremo le modifiche proposte dalla Giustizia e dall'Fbi, che sono state condivise da loro con la Casa Bianca, e siamo impazienti di lavorare con le agenzie per determinare come informare in modo corretto il popolo americano sull'attacco fuorviante alle forze dell'ordine fatto dal Gop e come affrontare le preoccupazioni su fonti e metodi".

Altri Servizi

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

Google non ha violato le leggi sul lavoro licenziando l'ingegnere sessista

Il National Labor Relations Board ha dato torto a James Damore, che ora punta tutto su una class action contro il colosso tech: "Discrimina gli uomini bianchi e conservatori come me"
iStock

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Strage in Florida, l'Fbi: "Avvertiti sul killer, ma non abbiamo agito"

Il Federal Bureau aveva ricevuto una segnalazione da una persona vicina a Cruz sul suo "desiderio di uccidere"

Il dip.Commercio a Trump: imponiamo dazi e quote su alluminio e acciaio

La Casa Bianca ha tempo fino ad aprile per prendere una decisione

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Black Panther come Star Wars, stime da record per incassi

Uscito oggi negli Stati Uniti (il 14 febbraio in Italia), potrebbe diventare un altro dei grandi successi di Walt Disney. Il titolo del film è stato il più twittato del 2018, ha superato tutte le prevendite sulle piattaforme americane Imax e Amc.
AP