Russiagate: bloccato il contro-memo. Trump: la colpa è dei democratici

No a sorpresa alla pubblicazione del documento con cui l'opposizione difende l'operato del dipartimento di Giustizia e dell'Fbi. Autori al lavoro per modificarlo

A sorpresa, Donald Trump ha detto no. Il memo con cui la minoranza democratica al Congresso vuole rispondere a un altro memo, quello da quattro pagine diffuso il 2 febbraio dai repubblicani, non va pubblicato. E per il presidente, la colpa è semplicemente dei suoi autori.

I documenti in questioni simboleggiano due schieramenti, non solo politici. Da un lato il Gop e il presidente Usa, convinti che l'Fbi e il dipartimento di Giustizia abbiano abusato della loro autorità sin dall'inizio dell'inchiesta volta a gettare luce sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e Mosca. Dall'altro i democratici (ma anche alcuni conservatori) che puntano a smontare quella tesi e evitare una "crisi istituzionale e costituzionale senza precedenti".

Lo stop imposto da Trump al memo di stampo democratico è stato giustificato con preoccupazioni per la sicurezza nazionale. Per questo, ha sostenuto l'inquilino della Casa Bianca, il memo è stato rispedito al mittente affinché siano fatte revisioni. 

"Sebbene il presidente sia incline a togliere il segreto al memorandum del 5 febbraio, siccome il memorandum contiene molti passaggi top secret e sensibili, non è nelle condizioni di farlo in questo momento", ha fatto sapere il legale della Casa Bianca, Donald McGahn. Nel comunciare la decisione dell'amministrazione alla commissione Intelligence della Camera - quella che aveva pubblicato il memo del Gop e che aveva votato per la difussione di quello democratico - McGahn ha spiegato che il dipartimento di Giustizia era pronto a lavorare con i membri democratici della commissione per modificare il memo visto "l'interesse pubblico alla trasparenza".

Di sabato mattina, Trump ha scritto il seguente Tweet: "I democratici hanno inviato un memo molto politicizzato e lungo che sapevano, per via delle fonti, dei metodi (e di molto altro), sarebbe stato pesantemente modificato. A quel punto [sapevano] che avrebbero accusato la Casa Bianca di mancanza di trasparenza. Ho detto loro di riscriverlo e di rispedirmelo nella forma adeguata".

I democratici che siedono nella commissione Intelligence del Senato hanno espresso frustrazione per la decisione di Trump ma si sono detti disposti a rivedere il documento per mettere fine alle preoccupazioni sollevate dall'amministrazione e dalle agenzie d'intelligence. 

Adam Schiff, il democratico numero uno nella commissione, ha risposto dicendo: "Rivedremo le modifiche proposte dalla Giustizia e dall'Fbi, che sono state condivise da loro con la Casa Bianca, e siamo impazienti di lavorare con le agenzie per determinare come informare in modo corretto il popolo americano sull'attacco fuorviante alle forze dell'ordine fatto dal Gop e come affrontare le preoccupazioni su fonti e metodi".

Altri Servizi

La Ue gioca d'anticipo sugli Usa, le aziende potranno fare business con l'Iran

Mogherini da New York: verrà creato un 'veicolo speciale' per continuare ad avere a che fare con una nazione che Trump si prepara a punire con nuove sanzioni. Obiettivo: salvare lo storico accordo sul nucleare da cui l'America si è ritirata

L'Unione europea ha preso ulteriormente le distanze da Donald Trump, che lo scorso maggio aveva annunciato il ritiro "unilaterale" degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare italiano siglato nell'estate 2015 e che il novembre prossimo imporrà un secondo round di sanzioni contro il settore energetico di Teheran.

Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap