Russiagate, dall'ammissione di Trump alle divisioni tra i democratici: i fatti salienti della settimana

Giorni intensi sul versante delle indagini e del lavoro della stampa sulla presunta collusione tra l'attuale amministrazione statunitense e Mosca

Il Washington Post ha riferito (mercoledì 14 giugno) che il procuratore speciale, Robert Mueller, sta indagando sulla possibilità che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, abbia cercato di ostacolare la giustizia, nel caso sulle ingerenze russe nelle elezioni di novembre e i possibili legami tra il suo staff e il Cremlino. Si è trattato, comunque, solo di un evento di una settimana densa di novità su quello che in Italia è stato ormai ribattezzato Russiagate.

Le indagini, occorre ricordarlo, sono salite di livello, dopo che l'8 giugno l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, ha pubblicamente testimoniato davanti alla commissione Intelligence del Senato, dichiarando il suo disagio nel ricevere la richiesta di Trump di 'lasciar cadere' le indagini sull'ex consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Comey ha confermato che Trump non era indagato, ma ora lo è, come ammesso dallo stesso Trump su Twitter, venerdì 16 giugno. Con quel tweet, ha accusato - senza citarlo - il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, di guidare una 'caccia alle streghe'.

 

La testimonianza di Sessions

Martedì 13 giugno, davanti alla commissione Intelligence del Senato si è presentato il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, che ha negato di aver avuto qualsiasi rapporto improprio con i funzionari russi nel corso della campagna elettorale di Donald Trump. Il segretario si è rifiutato di rispondere ad alcune domande, perché il presidente potrebbe invocare il cosiddetto executive privilege, il potere che permette al presidente e ai membri dell'esecutivo di impedire la difussione di determinate informazioni, come le discussioni tra loro, al Congresso o in tribunale. Sessions ha spiegato di essersi fatto da parte nel Russiagate non per colpe commesse, ma nel rispetto delle regole del dipartimento di Giustizia.

 

Le indagini di Mueller

Lunedì 12, i media statunitensi hanno affermato che Trump stava prendendo in considerazione l'ipotesi di licenziare Mueller. Dopo l'articolo del WaPo, però, la strada del licenziamento è diventata impercorribile. Il presidente ha accusato il quotidiano su Twitter:  "Hanno inventato una falsa collusione con la storia dei russi, hanno trovato zero prove, così ora si gettano sull'ostruzione alla giustizia su una storia falsa. Bene". Mueller ha inoltre cominciato a indagare sulle attività finanziarie di Jared Kushner, genero e consigliere di Trump.


I democratici si scoprono divisi

Chiedere l'impeachment oppure no? I democratici alla Camera statunitense si sono scoperti spaccati, di fronte alla scelta su come combattere il presidente Donald Trump. Il disaccordo è emerso con forza martedì 13, durante l'incontro settimanale del gruppo a porte chiuse.

Il deputato Michael Capuano si è scagliato contro il collega Brad Sherman, che è favorevole alla linea dura e, di conseguenza, a spingere per chiedere pubblicamente l'impeachment. Per Capuano, una battaglia per l'impeachment potrebbe avere conseguenze negative per i candidati democratici a livello statale e locale e i fatti non sostengono sufficientemente una tale mossa, al momento.

 

L'ordine allo staff di Trump

I membri dello staff che ha gestito per Donald Trump il periodo di transizione, quello tra la vittoria alle presidenziali, a novembre, e l'entrata in carica più di due mesi dopo, hanno ricevuto l'ordine di conservare documenti e qualsiasi altro materiale che possa essere utile alle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni. Lo ha riferito il New York Times il 15 giugno, citando un documento ottenuto. Il documento è l'ultima prova che le indagini del procuratore speciale sono ormai ad ampio raggio per scoprire le eventuali collusioni tra lo staff del presidente e il Cremlino.


Rosenstein

Il vicesegretario alla Giustizia statunitense, Rod Rosenstein, ha diffuso giovedì sera (15 giugno) un comunicato in cui avvertiva gli americani di "essere cauti prima di accettare come vere le notizie attribuite a 'funzionari' anonimi", il giorno dopo le indiscrezioni sulle indagini di Mueller su Trump.

Rosenstein è una figura centrale nel 'caso Russia', visto che è a lui che l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, riferiva, dato che il segretario Jeff Sessions si era dovuto fare da parte, a causa dei suoi incontri con l'ambasciatore russo in campagna elettorale.

Trump si è fatto scudo di Rosenstein, definendolo un uomo "universalmente rispettato" e una figura apolitica, da tempo funzionario del dipartimento di Giustizia, per licenziare Comey, affermando di aver agito su raccomandazione del vicesegretario. Poi, è stato proprio Rosenstein ad affidare le indagini a un procuratore speciale, Robert Mueller III, capo dell'Fbi dal 2001 al 2013. Le indagini di Mueller ricadono sotto l'ombrello del dipartimento di Giustizia e, con Sessions escluso dal caso, l'ex direttore dell'Fbi riferirà proprio a Rosenstein.

La questione potrebbe, però, passare ancora di mano: Rosenstein starebbe valutando l'ipotesi di lasciare la guida. Secondo fonti di Abc News, il vicesegretario lo avrebbe ammesso con i suoi colleghi, tra cui colei che eventualmente prenderebbe il suo posto: a Rachel Brand passerebbe il potere di decidere su risorse, personale ed eventuali accuse da lanciare. Evidentemente Rosenstein sa che potrebbe diventare un testimone, avendo firmato un memo in cui consigliava al presidente di licenziare Comey.





Altri Servizi
Cbs

Grazie al sequel di "Twin Peaks", la celebre serie tv degli anni '90 centrata su un'agente dell'Fbi impegnato a capire chi ha ucciso Laura Palmer, e ai tornei maschili di basket della National Collegiate Athletic Association, il gruppo media Cbs ha chiuso un trimestre con conti superiori alle stime degli analisti.

Termine "climate change" censurato al dipartimento dell'Agricoltura Usa

Il Guardian ha ottenuto email che dimostrano il cambiamento di linguaggio

Dopo che Donald Trump ha annunciato il ritiro degli Stati Uniti dallo storico accordo di Parigi sul cambiamento climatico, allo staff del dipartimento americano dell'Agricoltura è stato chiesto di "evitare" di usare il termine "climate change"; al suo posto è meglio che si usi "clima estremo". E' quanto emerso da una serie di email ottenute dal Guardian e scambiate dai dipendenti del Natural Resources Conservation Service, una divisione del dipartimento dell'Agricoltura preposta a preservare terreni agricoli.

In Afghanistan potrebbero tornare i mercenari di Blackwater

Erik Prince - che ora guida una nuova società dopo aver venduto Blackwater - è pronto a presentare il suo piano alla Casa Bianca. Cinquemila uomini e 100 aerei per 10 miliardi di dollari l'anno.
AP

Erik Prince, il più noto fornitore di mercenari del mondo, vuole portare i suoi militari anche in Afghanistan, dopo l'avventura molto contestata dell'Iraq. In un documento a cui il Financial Times ha avuto accesso Prince propone che la sua azienda - ora si chiama Academi, ma è stato per anni proprietario di Blackwater - fornisca in due anni 5.000 uomini e 100 aerei per il costo di 10 miliardi di dollari l'anno.

Netflix: la sua prima acquisizione è un editore di fumetti

Il fumettista Millar, a capo di Millarworld, considerato come "la cosa più vicina allo Stan Lee moderno"
millarworld

Per la prima volta nei suoi 20 anni, Netflix ha annunciato un'acquisizione. Si tratta di Millarworld, editore di fumetti fondato e guidato dallo scozzese Mark Millar, definito dal sito di video in streming come il "creatore leggendario" di personaggi che hanno ispirato film di successo come "The Avengers" e "Logan".

Wall Street punta a nuovi record

Wall Street punta a nuovi record. Giornata senza dati macro di rilievo. Si guarda alle notizie finanziarie e alle trimestrali.
Shutterstock

Usa: Corea del Nord trasferisce missili antinave su pattugliatore

E' quanto avrebbero rilevato satelliti americani, secondo Fox News (il canale amico di Trump secondo cui bisogna essere "duri e risoluti"). Pyongyang rafforza le difese? Prepara un nuovo test ignorando il pressing internazionale?
AP

Satelliti americani hanno individuato il trasferimento da parte della Corea del Nord di missili antinave a bordo di un pattugliatore lungo la costa orientale della nazione. Lo ha riferito Fox News, emittente amica del presidente Usa che questa mattina ha re-twittato un 'cinguettio' del canale e che ha invitato a un approccio "duro e risoluto" contro il regime di Kim Jong-un.

Eredità crisi pesa ancora, multe totali banche toccano 150 miliardi

Per quanto riguarda gli Usa, la mano delle autorità di regolamentazione è stata più leggera nei confronti delle grandi banche rispetto allo stesso periodo del 2016, quando c'era ancora in carica Barack Obama.
Shutterstock

Gli istituti finanziari internazionali hanno pagato multe complessive per oltre 150 miliardi di dollari negli Stati Uniti come conseguenza della crisi finanziara del 2008. Come ricorda il Financial Times, dieci anni fa, proprio questa settimana, ovvero il 9 agosto 2007, la francese Bnp Paribas ha vietato agli investitri di accedere a denaro detenuto in fondi con esposizione ai mutui subrime, parlando di "una completa evaporazione della liquidità".

L'imprenditore pharma più odiato d'America colpevole di frodi

Lo ha deciso una giuria chiudendo un caso seguito su scala internazionale. Il 34enne Martin Shkreli canta vittoria: colpevole di tre degli otto capi di imputazione. Ma rischia 20 anni di carcere

Martin Shkreli, l'imprenditore farmaceutico considerato come il più odiato d'America, è stato giudicato colpevole di tre degli otto capi di imputazione che pendevano su di lui. E' finito così, dopo un mese di dibattimento e cinque giorni di riunione della giuria, un processo seguito a livello internazionale e che ha visto come protagonista un trentenne irriverente, capace di trasmettere su YouTube per ore la sua vita e diventato tristemente famoso per avere gonfiato i prezzi di medicinali salva-vita.

Google sviluppa tecnologia per contenuti media simili a Snapchat

Secondo il WSJ, tratta con Vox, Cnn, Washington Post e Time

Google sta sviluppando una tecnologica per permettere agli editori di creare contenuti visuali simili a quelli che compaiono su Snapchat. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui la controllata di Alphabet sta premendo l'acceleratore per controllare la diffusione di notizie su smartphone.

Google difende diversità di genere dopo circolazione memo contro le donne

Il documento scritto da un dipendente sembra insinuare che la ragione per cui nel gruppo ci sono più uomini che donne come ingegneri è che i primi sono più adatti per quella funzione
Danielle Brown

Il nuovo vice presidente della diversità e dell’inclusione di Google, Danielle Brown, ha risposto alle critiche ricevute per quello che è già stato soprannominato "il manifesto anti diversità", un documento scritto da un ingegnere senior di Mountain View che critica le iniziative della società finalizzate ad aumentare la diversità di genere e razza.