Russiagate, dall'ammissione di Trump alle divisioni tra i democratici: i fatti salienti della settimana

Giorni intensi sul versante delle indagini e del lavoro della stampa sulla presunta collusione tra l'attuale amministrazione statunitense e Mosca

Il Washington Post ha riferito (mercoledì 14 giugno) che il procuratore speciale, Robert Mueller, sta indagando sulla possibilità che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, abbia cercato di ostacolare la giustizia, nel caso sulle ingerenze russe nelle elezioni di novembre e i possibili legami tra il suo staff e il Cremlino. Si è trattato, comunque, solo di un evento di una settimana densa di novità su quello che in Italia è stato ormai ribattezzato Russiagate.

Le indagini, occorre ricordarlo, sono salite di livello, dopo che l'8 giugno l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, ha pubblicamente testimoniato davanti alla commissione Intelligence del Senato, dichiarando il suo disagio nel ricevere la richiesta di Trump di 'lasciar cadere' le indagini sull'ex consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Comey ha confermato che Trump non era indagato, ma ora lo è, come ammesso dallo stesso Trump su Twitter, venerdì 16 giugno. Con quel tweet, ha accusato - senza citarlo - il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, di guidare una 'caccia alle streghe'.

 

La testimonianza di Sessions

Martedì 13 giugno, davanti alla commissione Intelligence del Senato si è presentato il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, che ha negato di aver avuto qualsiasi rapporto improprio con i funzionari russi nel corso della campagna elettorale di Donald Trump. Il segretario si è rifiutato di rispondere ad alcune domande, perché il presidente potrebbe invocare il cosiddetto executive privilege, il potere che permette al presidente e ai membri dell'esecutivo di impedire la difussione di determinate informazioni, come le discussioni tra loro, al Congresso o in tribunale. Sessions ha spiegato di essersi fatto da parte nel Russiagate non per colpe commesse, ma nel rispetto delle regole del dipartimento di Giustizia.

 

Le indagini di Mueller

Lunedì 12, i media statunitensi hanno affermato che Trump stava prendendo in considerazione l'ipotesi di licenziare Mueller. Dopo l'articolo del WaPo, però, la strada del licenziamento è diventata impercorribile. Il presidente ha accusato il quotidiano su Twitter:  "Hanno inventato una falsa collusione con la storia dei russi, hanno trovato zero prove, così ora si gettano sull'ostruzione alla giustizia su una storia falsa. Bene". Mueller ha inoltre cominciato a indagare sulle attività finanziarie di Jared Kushner, genero e consigliere di Trump.


I democratici si scoprono divisi

Chiedere l'impeachment oppure no? I democratici alla Camera statunitense si sono scoperti spaccati, di fronte alla scelta su come combattere il presidente Donald Trump. Il disaccordo è emerso con forza martedì 13, durante l'incontro settimanale del gruppo a porte chiuse.

Il deputato Michael Capuano si è scagliato contro il collega Brad Sherman, che è favorevole alla linea dura e, di conseguenza, a spingere per chiedere pubblicamente l'impeachment. Per Capuano, una battaglia per l'impeachment potrebbe avere conseguenze negative per i candidati democratici a livello statale e locale e i fatti non sostengono sufficientemente una tale mossa, al momento.

 

L'ordine allo staff di Trump

I membri dello staff che ha gestito per Donald Trump il periodo di transizione, quello tra la vittoria alle presidenziali, a novembre, e l'entrata in carica più di due mesi dopo, hanno ricevuto l'ordine di conservare documenti e qualsiasi altro materiale che possa essere utile alle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni. Lo ha riferito il New York Times il 15 giugno, citando un documento ottenuto. Il documento è l'ultima prova che le indagini del procuratore speciale sono ormai ad ampio raggio per scoprire le eventuali collusioni tra lo staff del presidente e il Cremlino.


Rosenstein

Il vicesegretario alla Giustizia statunitense, Rod Rosenstein, ha diffuso giovedì sera (15 giugno) un comunicato in cui avvertiva gli americani di "essere cauti prima di accettare come vere le notizie attribuite a 'funzionari' anonimi", il giorno dopo le indiscrezioni sulle indagini di Mueller su Trump.

Rosenstein è una figura centrale nel 'caso Russia', visto che è a lui che l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, riferiva, dato che il segretario Jeff Sessions si era dovuto fare da parte, a causa dei suoi incontri con l'ambasciatore russo in campagna elettorale.

Trump si è fatto scudo di Rosenstein, definendolo un uomo "universalmente rispettato" e una figura apolitica, da tempo funzionario del dipartimento di Giustizia, per licenziare Comey, affermando di aver agito su raccomandazione del vicesegretario. Poi, è stato proprio Rosenstein ad affidare le indagini a un procuratore speciale, Robert Mueller III, capo dell'Fbi dal 2001 al 2013. Le indagini di Mueller ricadono sotto l'ombrello del dipartimento di Giustizia e, con Sessions escluso dal caso, l'ex direttore dell'Fbi riferirà proprio a Rosenstein.

La questione potrebbe, però, passare ancora di mano: Rosenstein starebbe valutando l'ipotesi di lasciare la guida. Secondo fonti di Abc News, il vicesegretario lo avrebbe ammesso con i suoi colleghi, tra cui colei che eventualmente prenderebbe il suo posto: a Rachel Brand passerebbe il potere di decidere su risorse, personale ed eventuali accuse da lanciare. Evidentemente Rosenstein sa che potrebbe diventare un testimone, avendo firmato un memo in cui consigliava al presidente di licenziare Comey.





Altri Servizi

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Donald Trump chiede l'apertura di un'inchiesta sull'Fbi

Il tycoon domanderà al Dipartimento di Giustizia di accertare eventuali infiltrazioni durante la sua campagna del 2016

Donald Trump ha chiesto al Dipartimento di Giustizia americano di aprire un'indagine per verificare se l’Fbi, o lo stesso Dipartimento, si siano infiltrati nella sua campagna nel 2016. Il presidente americano lo ha scritto su Twitter dopo altri cinguetii domenicali in cui ha attaccato nuovamente la stampa e Hillary Clinton.

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Tom Wolfe, autore de "Il falò della vanità", è morto a 88 anni

A lui si deve l'espressione "radical chic" e il New Journalism
AP

Tom Wolfe, il celebre scrittore de "Il falò delle vanità", è morto all'età di 88 anni in un ospedale di Manhattan, New York. La notizia del decesso, avvenuto il 14 maggio, è stata data dal suo agente Lynn Nesbit, secondo cui l'autore era stato ricoverato per polmonite.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Sparatoria in Texas: tra le vittime anche la ragazza che disse "no" al killer

Emergono nuovi dettagli sulla strage avvenuta nella scuola di Santa Fe venerdì mattina

C'è anche la ragazza che lo ha rifiutato, umiliandolo davanti alla classe, tra le vittime di Dimitrios Pagourtzis, il 17enne autore della strage nella scuola superiore di Santa Fe, in Texas, dove venerdì mattina hanno perso la vita dieci persone. A rivelare questi dettagli, poi riportati dal Los Angeles Times, è Sadie Rodriguez la madre della 16enne Shana Fisher che "per quattro mesi ha avuto problemi con questo ragazzo".

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Tesla, Elon Musk svela nuovi dettagli della Model 3

Il visionario Ceo annuncia su Twitter le caratteristiche della versione top della gamma: "Costerà 78mila dollari con tutti gli optional e sarà più veloce di una Bmw"
Tesla