Russiagate: un terzo membro della campagna elettorale Trump si dichiara colpevole

Si tratta di Richard Gates, braccio destro dell'ex direttore della campagna Paul Manafort
AP

Sul tema del Russiagate, il cerchio si stringe sempre di più attorno al presidente americano Donald Trump. Il vice direttore della sua campagna elettorale, Richard Gates, si è dichiarato colpevole di complotto contro gli Stati Uniti e di aver mentito sotto interrogatorio. 

L'ammissione di colpa è avvenuta nel corso dell'udienza che si è tenuta presso un tribunale federale di Washington, il giorno successivo del lancio di nuovi capi d'imputazione contro Gates e il suo partner d'affari nonché direttore della campagna di Trump, Paul Manafort (nella foto). A lanciarli è stato il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze della Russia nelle elezioni presidenziali del 2016 e sul potenziale complotto tra la campagna Trump e Mosca. Secondo le nuove accuse, Gates avrebbe nascosto e riciclato decine di milioni di dollari ricevuti per il lavoro di consulenza politica svolto in Ucraina nell'arco di dieci anni. 

Non si è fatto attendere a lungo il commento di Manafort che subito dopo l'udienza, attraverso un suo portavoce, ha dichiarato: "Speravo e mi aspettavo che il mio collega avrebbe avuto la forza di continuare la battaglia per dimostrare la nostra innocenza. Per ragioni ancora da chiarire, ha scelto di fare diversamente. Ciò non cambia il mio impegno a difendermi dalle false accuse accumulate contro di me".

Gates è il terzo membro della campagna elettorale di Trump a dichiararsi colpevole.  Lo ha fatto il dicembre scorso Michael Flynn, l'ex consigliere per la sicurezza nazionale che si è detto disponibile a collaborare nelle indagini. Come Flynn, anche George Papadopoulos, altro ex consigliere della campagna di Trump, ha fatto mea culpa e ha cominciato a collaborare con il procuratore speciale Mueller. 

Venerdì 16 febbraio Mueller aveva incriminato 13 russi e tre entità legate a Mosca con l'accusa di avere usato illecitamente i social network per seminare, sin dal 2014, il disaccordo nell'elettorato americano.

 

 

Altri Servizi

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

Amazon, via libera dalla contea di Arlington agli incentivi diretti da 23 milioni di dollari per la nuova sede

Le autorità li hanno approvati all'unanimità. Proteste di molti residenti. Amazon riceverà 481 milioni di incentivi dalla contea e 750 milioni dallo Stato
AP

Lo staff di Sanders è il primo sindacalizzato nella storia delle presidenziali

"Ci aspettiamo che questo significhi parità di salario e trasparenza durante la campagna, trattamento equo per ogni lavoratore, che sia a Washington D.C. o in Iowa, senza differenze di genere" ha commentato il presidente dello UFCW Local 400
Ap

Due voti in Congresso contro Trump, ma non c'è una rivolta dei repubblicani

Approvate due risoluzioni contro la dichiarazione d'emergenza e il sostegno alla guerra saudita in Yemen, ma i ribelli sono solo il 10%. Il presidente costretto al primo veto (e presto al secondo)

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Riconquistare la Casa Bianca: i soldi dei donatori democratici in quattro Stati decisivi

Wisconsin, Michigan, Pennsylvania e Florida: qui si sono decise le elezioni del 2016, qui si decideranno, probabilmente, quelle del 2020

Vino italiano: export in Usa al top di cinque anni nel 2018

Rialzo del 6,8% a quasi due miliardi di dollari. Francia in testa per secondo anno di fila grazie al vantaggio nei rosati. Il nostro Paese resta primo fornitore di rossi e bianchi. Forte (Agenzia ICE NY): serve migliorare nostro posizionamento