Russiagate: Facebook consegnerà al Congresso Usa le pubblicità sospette

Il Ceo Zuckerberg: renderemo più trasparenti le inserzioni politiche e più difficili da realizzare le interferenze nelle elezioni. Il social network monitora quelle in Germania: per ora nulla di strano
Facebook

Facebook consegnerà al Congresso Usa le inserzioni pubblicitarie finite sulla sua piattaforma e che "probabilmente" sono legate alla Russia. Della loro esistenza fu data notizia il sei settembre scorso, quando, il social network annunciò di avere scoperto circa 470 account non autentici gestiti "probabilmente" da Mosca e associati a inserzioni da 100.000 dollari che avevano l'intento di creare scompiglio durante la campagna elettorale. Allo stesso tempo il gruppo ha detto di non avere riscontrato alcuna interferenza nelle elezioni tedesche di domenica 24 settembre.

L'azienda di Menlo Park, California, aveva già annunciato che le avrebbe recapitate al procuratore speciale Robert Mueller, colui che continua a indagare sulla interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali Usa del 2016 ma aveva resistito nel farle arrivare anche a Capitol Hill. L'opinione pubblica invece non ne avrà accesso. "Il Congresso è il luogo migliore per usare le informazioni che noi o altri forniscono per informare il pubblico in modo completo", ha detto in una nota Colin Stretch, l'avvocato numero uno del social network che ha parlato di una "decisione difficile" perché svelare contenuti "non è qualcosa che facciamo con leggerezza in nessuna circostanza".

Ribadendo che Facebook punta a "salvaguardare i contenuti dei suoi utenti, a prescindere dalla loro nazionalità", l'esperto ha aggiunto: "Crediamo che il pubblico meriti una ricostruzione di quanto successo nelle elezioni 2016 e abbiamo concluso che condividere le inserzioni che abbiamo scoperto, in un modo che è in linea ai nostri obblighi di proteggere le informazioni degli utenti, possa aiutare".

In un video, il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg ha spiegato che gli sta a cuore "il processo democratico e la protezione della sua integrità". Al primo giorno di lavoro dopo una pausa legata alla nascita della seconda figlia, ha aggiunto: "Non voglio che nessuno usi i nostri strumenti per mettere a repentaglio la democrazia".

L'integrità delle elezioni Usa è per il Ceo di Facebook "cruciale" anche per il resto del mondo ma ha ammesso: "Mi piacerebbe potervi dire che siamo in grado di fermare tutte le interferenze ma non sarebbe realistico farlo. Ci saranno sempre attori cattivi nel mondo e non possiamo impedire ai governi di interferire. Però possiamo fare in modo che sia molto più complitato farlo. Su questo ci concentreremo".

Quanto alle elezioni tedesche, Facebook sta lavorando alacremente per assicurarsi che si svolgano nella più totale integrità. Zuckerberg ha spiegato che sono stati presi tutti i provvedimenti necessari ad arginare ogni possibile anomalia, dalla chiusura di "migliaia di profili falsi alla collaborazione con le autorità pubbliche come il Federal Office for Information Security e alla condivisione delle pratiche di sicurezza con candidati e partiti". Zuckerberg ha aggiunto: "Stiamo inoltre esaminando l'attività degli account che abbiamo rimosso e non abbiamo ancora trovato nulla di simile in Germania. Questo è molto importante e ci ne siamo occupati da un bel po'"; il riferimento è a quanto invece è successo negli Stati Uniti e in altri Paesi come la Francia.

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft