Russiagate, Google avvia un'indagine interna per fare chiarezza

Il gigante tecnologico si prepara anche a testimoniare davanti alla commissione Intelligence del Senato
iStock

Il Russiagate ha toccato anche Google che si sta muovendo su due fronti per cercare di capire se e come possa essere coinvolto. Come riportato dal Wall Street Journal, il gigante della Silicon Valley, controllato da Alphabet, sta conducendo da un lato un’indagine interna finalizzata a verificare se entità vicine al Cremlino hanno usato i suoi spazi pubblicitari o alcuni suoi servizi per manipolare le elezioni americane del 2016.

Dall’altro lato è invece in contatto con le commissioni del Congresso che indagano sul caso, come dichiarato da alcuni suoi dirigenti. Google, che come riporta invece il New York Times è stato invitato a testimoniare davanti alla commissione intelligence del Senato il 1 novembre si unisce cos" agli altri due colossi Facebook e Twitter che nelle scorse settimane sono stati passati al setaccio dagli investigatori americani il cui lavoro è cercare di capire come gli hacker russi hanno abusato delle loro piattaforme per influenzare il voto.

Come sottolineano diversi giornali americani, si tratta di un passo obbligato tanto da parte di Google quanto da parte degli investigatori americani, considerando che il motore di ricerca è l’unica compagnia che vende più spazi pubblicitari di Facebook e YouTube rappresenta il canale principale dove poter caricare video su internet.

Per quanto riguarda i due social coinvolti nelle indagini, è notizia di qualche giorno fa la scoperta di Twitter di circa 200 profili connessi con gli stessi conti russi che hanno comprato i 3000 spazi pubblicitari sul social di Mark Zuckerberg per un totale di 100mila dollari. Poco dopo la consegna alle autorità da parte di Twitter del dossier contenente tutte le informazioni raccolte, c’è stato il commento del senatore della Virginia, il democratico Mark Warner che presiede la commissione intelligence, che ha definito il lavoro di Twitter "inadeguato".

Recode, sito specializzato in notizie tecnologiche, ha invece raccontato un’episodio unico. Pare infatti che ci sia stata una collaborazione tra Menlo Park e Mountain View con i primi che hanno condiviso con i secondi alcuni importanti dettagli sui profili russi creati ad hoc sul social con lo scopo di influenzare gli umori degli elettori americani.

Secondo lo stesso sito americano però, l’indagine di Google andrà molto più a fondo di un semplice controllo incrociato con i dati di Facebook. Non è però chiaro quale direzione prenderà considerando la portata di informazioni che Google può aver acquisito in relazione alla sua grandezza. Ciò che è chiaro, come la stessa compagnia ha dichiarato nei giorni scorsi, è che "ci sarà una cooperazione con gli inquirenti" finalizzata a dare una mano alle indagini con "ogni tipo di informazione possibile".

C’è però un aspetto molto più importante da prendere in considerazione in tutta questa storia sul Russiagate o, più in generale, sull’utilizzo dei social e dei canali di informazione online per diffondere fake news e influenzare gli umori degli utenti. A metterlo in evidenza è Politco secondo cui le indagini sul ruolo della Russia nelle elezioni del 2016 stanno minacciando di mettere in pericolo il possesso del bene più prezioso per le aziende tecnologiche come Facebook, Twitter o Google: il funzionamento segreto delle loro piattaforme online o, in altre parole, il funzionamento dei loro algoritmi. I timori nascono dal fatto che condividendo informazioni circa l’utilizzo di questi ultimi (che in molti casi rappresentano la chiave delle loro fortune) rischierebbe di trasformarsi in una catastrofe dal punto di vista commerciale dando vantaggi ai rispettivi competitors. Uno scenario quest’ultimo che Zuckerberg &Co cercheranno in tutti i modi di evitare.

 

Altri Servizi

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento