Russiagate, il Dipartimento di Giustizia ha chiesto i documenti bancari a Manafort

Ne mirino degli investigatori l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump per via dei controversi rapporti di consulenza con politici e oligarchi russi e ucraini

Il Dipartimento di Giustizia americano ha chiesto, il mese scorso, i documenti bancari di Paul Manafort, l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump, finito sotto i riflettori per via dei suoi controversi rapporti di consulenza con politici e oligarchi russi e ucraini filorussi.

Nonostante il licenziamento in tronco del direttore del Fbi, James Comey, e il caos che la decisione di Trump ha creato e sta creando, continua su più fronti l’indagine sul Russiagate. Scopo degli investigatori è quello di accertare se ci sono state collusioni per influenzare le presidenziali tra l'entourage del tycoon, all’epoca solo candidato, e il governo russo. Nello specifico, come riporta il Wall Street Journal che cita una fonte vicina alla vicenda, il Dipartimento di Giustizia avrebbe interpellato il Citizen Financial Group chiedendo tutti i documenti relativi ad un prestito di 2,7 milioni di dollari che lo stesso istituto avrebbe concesso a Manafort per rifinanziare un debito legato ad un palazzo a Manhattan ottenendo, in aggiunta, altro denaro.

Lo stesso articolo specifica poi che in un’altra indagine portata avanti dal procuratore generale di New York, Eric Schneiderman e dal procuratore di Manhattan, Cyrus Vance Jr., ad essere esaminate sono altre transazioni immobiliari di Manafort. Sembra infatti che il consulente politico 68enne, nell’ultimo decennio, abbia speso e ottenuto prestiti per decine di milioni di dollari legati a diversi immobili in America.

Per il momento non c’è alcuna accusa formale nei confronti di Manafort il quale ha più volte ribadito che ogni sospetto o insinuazione, circa una sua collusione con la Russia per alterare la corsa elettorale, sono privi di fondamento. Interpellato dal quotidiano finanziario di New York, Jason Maloni, portavoce di Manafort, ha dichiarato: "Non so nulla riguardo ad una citazione in giudizio, ma se qualcuno sta facendo trapelare dettagli su un’inchiesta riservata sta commettendo un grave crimine".

Queste ultime rivelazioni fanno il seguito al mandato di comparizione davanti al Senato inviato dalla commissione intelligence, all’ex consigliere per la Sicurezza Nazionale di Donald Trump, Michael Flynn. Obiettivo di tale provvedimento, come sottolinea un altro articolo del New York Post, è quello di costringere Flynn a presentare una serie di documenti sui suoi contatti con funzionari russi. Flynn era infatti stato costretto alle dimissioni dopo soli 24 giorni dall'inizio del suo ufficio a causa dei presunti rapporti segreti che aveva intrattenuto con l'ambasciatore russo a Washington, Sergey Kislyak.

Altri Servizi

Goldman Sachs batte le stime nonostante rallentamento del trading

Nei tre mesi a giugno Goldman Sachs ha riportato profitti netti sostanzialmente invariati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre l'utile per azione è aumentato del 6%.

Nei tre mesi a giugno Goldman Sachs ha riportato profitti netti sostanzialmente invariati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre l'utile per azione è aumentato del 6%. Il dato è stato superiore alle previsioni, nonostante le difficoltà nelle attività di trading. Goldman si inserisce dunque nel solco delle rivali, come JPMorgan Chase e Citigroup, che hanno visto rallentre il trading. 

Apple: voci di ritardi, niente iPhone 8 fino a novembre?

Secondo indiscrezioni di stampa, ci sono problemi con i sensori 3D per il riconoscimento del volto

Il tanto atteso iPhone 8 potrebbe non arrivare nei negozi fino almeno a novembre a causa di ritardi nella produzione. È quanto sostiene il quotidiano cinese Economic Daily News, ripreso dal sito taiwanese DigiTimes. Se le indiscrezioni, che ricalcano le preoccupazioni degli analisti a Wall Street, fossero confermate, il nuovo modello dello smartphone realizzato da Apple non verrebbe lanciato a settembre, come successo per tutti i modelli precedenti.

Rally del titolo Netflix: boom degli utenti

Il sito di video in streaming ha registrato ricavi e guidance superiori alle stime
iStock

Il titolo Netflix nel dopo mercato a Wall Street ha viaggiato a livelli record grazie alla pubblicazione di una trimestrale caratterizzata da un boom di nuovi utenti e ricavi superiori alle stime. Anche le guidance sono risultate migliori del previsto.

Amazon vuole trasformarci in chef. Blue Apron a picco a Wall Street

Depositato uno slogan di otto parole che fa capire come il colosso voglia vendere kit per preparare un pasto, come quelli distribuiti dalla piccola azienda

Dai supermercati ai kit per preparare un pasto completo. Dopo aver annunciato di voler acquistare il gruppo Whole Foods, operazione su cui il governo Usa ha acceso un faro, Amazon si avventura in un mercato nuovo: in pratica, il colosso americano del commercio elettronico punta a trasformare i suoi consumatori in chef.

KKR indica i successori dei suoi fondatori

Mossa storica per il settore di riferimento. A Scott Nuttall e Joseph Bae la gestione quotidiana del gruppo. Henry Kravis e George Roberts restano co-Ceo

Per la prima volta nella sua storia, la società di private equity KKR ha indicato i successori ai suoi fondatori. La mossa rappresenta una novità per il settore di riferimento, dove prevale la segretezza sui piani di successione.

Trump: "Lasciamo fallire l'Obamacare". I democratici pronti a una riforma bipartisan

Il presidente Usa, amareggiato per l'ennesimo fallimento in Congresso sulla riforma sanitaria, prova a scaricare la responsabilità sugli avversari. Che rilanciano: "Porta aperta, lavoriamo insieme per migliorarla"

"Il mio piano ora è lasciar fallire l'Obamacare". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, nel primo commento davanti ai giornalisti dal fallimento in Senato della proposta di legge per abrogare l'Obamacare e approvare una nuova riforma sanitaria. Trump, come già scritto su Twitter, punta inoltre a fare di tutto per conquistare più seggi in Congresso alle elezioni di metà mandato, in modo da rafforzare la maggioranza e avere i voti per le sue riforme; il presidente, come su Twitter, ha accusato i democratici di fare solo ostruzionismo. "Credo che siamo nella posizione di lasciare che l'Obamacare fallisca. Non sarà responsabilità mia o dei repubblicani. Lasciamo che l'Obamacare fallisca e i democratici verranno da noi" ha aggiunto.

Riforma sanitaria, McCain convalescente inguaia i repubblicani

Operato all'occhio, avrà bisogno di almeno una settimana di riposo. Ma il suo voto è necessario in Senato per far andare avanti l'iter per il Trumpcare

L'operazione all'occhio a cui è stato sottoposto il senatore statunitense, John McCain, è stata più delicata del previsto e la sua convalescenza durerà almeno una settimana. Una notizia per niente positiva per il Grand Old Party, che ha bisogno della presenza di McCain in Senato per votare la riforma sanitaria presentata la scorsa settimana, già a rischio di bocciatura. I leader del partito, inoltre, temono che il rinvio della votazione procedurale per portare la discussione in Aula permetta al fronte contrario al testo di rafforzarsi. Più sarà ritardata, più aumenteranno le possibilità di un nuovo fallimento.

Sconfitta per Trump su Obamacare, Senato non ha voti per abrogare e sostituire la riforma

I repubblicani, che hanno ammesso la sconfitta, pensano ora alla possibilità di mettere a punto un testo che cancelli solamente l'Affordable Care Act, senza sostituirlo.

Per il momento l'Obamacare resta, in quella che ha tutto il sapore della sconfitta per il presidente Donald Trump. I leader repubblicani al Senato hanno gettato la spugna e abbandonato gli sforzi per abrogare e contemporaneamente sostituire ampie parti dell'Affordable Care Act, la riforma della sanità voluta da Barack Obama.

Bnp Paribas: multa Fed da 246 milioni di dollari per pratiche sui cambi

Secondo la banca centrale Usa, il gruppo ha fallito nella supervisione. L'istituto di credito francese si pente. Pagherà con accantonamenti esistenti

Una multa di 246 milioni di dollari. E questo l'ammontare della pena pecuniaria decisa dalla Federal Reserve contro BNP Paribas e alcune sue controllate americane. Secondo la banca centrale Usa, l'istituto di credito francese è reo di "pratiche non sicure e non solide nei mercati dei cambi".