Russiagate: il memo che divide gli Usa

Cosa è, chi lo ha scritto e con che obiettivo. Protagonisti e reazioni. Quello che c'è da sapere su un documento destinato a intensificare ulteriormente le tensioni tra la Casa Bianca e l'Fbi

I repubblicani alla Camera Usa ieri hanno pubblicato un memo controverso, destinato a intensificare ulteriormente le tensioni tra la Casa Bianca e l'Fbi.

Che cos'è il memo?
Si tratta di un rapporto di quattro pagine stilato dal presidente della commissione Intelligence della Camera, Devin Nunes. L'accusa principale che emerge dal documento è la seguente: il mandato per spiare Carter Page, un consigliere della campagna elettorale di Donald Trump, sarebbe stato ottenuto dall'Fbi e successivamente rinnovato in base soprattutto ad accuse contenute nel controverso dossier stilato da Christopher Steele, un'ex spia britannica, pagato dai democratici.

Nelle intenzioni del partito repubblicano, quel memo dovrebbe dimostrare che l'Fbi e il dipartimento di Giustizia abusarono della loro autorità in materia di sorveglianza sul finire della campagna elettorale del 2016 a danno di persone vicine all'allora candidato repubblicano Trump. Quell'abuso si sarebbe verificato nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta interferenza russa nelle elezioni presidenziali americane e sulla possibile collusione tra il Cremlino e lo staff di Trump. Per il 45esimo presidente Usa e per i repubblicani, l'indagine sul cosiddetto Russiagate, insomma, è viziata sin dall'inizio da un pregiudizio contro il leader Usa e il partito che controlla la Casa Bianca e il Congresso.

Qual è la posta in gioco?
La posta in gioco è alta. I repubblicani al Congresso e la Casa Bianca stanno usando il memo per mettere in dubbio l'integrità dei funzionari della Giustizia e della polizia federale. Questo significa che gettano cattiva luce anche su Robert Mueller, il procuratore speciale a cui nel maggio 2017 fu affidata l'inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Mueller ha già interrogato decine di testimoni, inclusi funzionari passati e presenti della Casa Bianca.

Come spiegato ieri dalla portavoce della Casa Bianca, il memo "solleva preoccupazioni serie sull'integrità delle decisioni prese ai più alti livelli del dipartimento di Giustizia e dell'Fbi nell'uso degli strumenti di sorveglianza più intrusivi contro i cittadini Usa".

Dal canto suo il segretario americano alla Giustizia, Jeff Sessions, ha difeso il suo ministero. L'ex senatore dell'Alabama - che lavorò nella campagna Trump ma che non sempre ha avuto un buon rapporto con il presidente - ha detto di nutrire "grande fiducia" nei dipendenti del dipartimento e si è detto "determinato a verificare pienamente e giustamente la verità".

Chi è Carter Page?
Page è stato un consigliere della campagna elettorale di Trump. Ex investment banker di Merrill Lynch da Mosca per tre anni, adesso dirige Global Energy Capital, azienda specializzata nel settore energetico nei mercati emergenti. Stando al suo sito, ha fatto consulenza su accordi per conto delle russe Gazprom e RAO UES. Stando ai media americani, Page è l'unico dipendente di Global Energy Capital, il cui quartier generale era uno "spazio di lavoro aziendale condiviso" senza finestre che affitava all'ora. Il suo interesse per la Russia sarebbe sorto quando ha studiato a Mosca mentre all'inizio degli anni '90 era una guardiamarina; poi ha lavorato là per vari anni. Brevemente, Page ha lavorato anche per Eurasia Group.

Page è finito nel radar dell'intelligence Usa dal 2013, quando spie russe hanno presumibilmente cercato di reclutarlo; non è stato accusato di nulla e ha sempre criticato l'inchiesta come "politicamente motivata". Ad avere destato il sospetto che stesse agendo come un'agente russo sono stati i suoi frequenti viaggi in Russia durante la campagna elettorale. Nell'autunno nel 2016, dopo che Page lasciò la campagna Trump sulla scia delle indiscrezioni sui suoi legami russi, i procuratori chiesero - e ottennero - un mandato per spiarlo.

Cos'è il dossier?
E' un documento di 35 pagine pieno di informazioni personali e finanziarie altamente compromettenti - ma mai confermate da nessuno - che travolsero Trump nella notte in cui Barack Obama teneva a Chicago il suo discorso d'addio da presidente americano strappando le lacrime all'America. Era il gennaio 2017. Fu scritto dall'ex spia britannica Steele, su cui alcuni legislatori americani hanno chiesto tempo fa al dipartimento di Giustizia l'apertura di un'inchiesta. Steele fu assunto nel 2016 dalla società di ricerca Fusion GPS, pagata da un'organizzazione conservatrice e poi dalla campagna di Hillary Clinton (la sfidante democratica di Trump nelle presidenziali) per trovare informazioni imbarazzanti sul magnate del mattone.

Quali sono le obiezioni?
L'Fbi era contrario alla diffusione del memo. Il timore è che si crei un precedente pericoloso, scoraggiando le fonti a parlare con la polizia federale.

I democratici sostengono che il memo sia fuorviante e basato su intelligence che solo pochi legislatori hanno visto. Secondo loro, è un tentativo di distrarre l'opinione pubblica dall'inchiesta di Mueller, che per altro vuole interrogare anche Trump.

Quali sono le conseguenze per il numero due al dipartimento di Giustizia
Secondo il Wsj, Trump crede che il memo metta a repentaglio la credibilità di Rod Rosenstein, il vice di Sessions che ha scelto Mueller. Il segretario alla Giustizia, infatti, scelse di astenersi da qualsiasi inchiesta riguardante il Russiagate perché durante la sua audizione alla commissione Giustizia del Senato per la conferma della sua nomina, il senatore dell'Alabama non disse che durante la campagna 2016 aveva incontrato due volte l'ambasciatore russo in Usa Sergey Kislyak. Lo scorso luglio, in una intervista al New York Times, Trump disse che non lo avrebbe reclutato se avesse saputo che il ministro si sarebbe astenuto.

Altri Servizi

Netflix vende 2 miliardi di dollari di bond "spazzatura"

Saranno denominati in valuta Usa e in euro. Ricavato usato per finanziare nuovi contenuti
AP

Dopo Uber, anche Netflix si dà al mercato obbligazionario ad alti rendimenti. Il gruppo che offre un servizio di video in streaming intende rastrellare 2 miliardi di dollari attraverso il collocamento di bond "spazzatura" denominati sia in dollari sia in euro per investitori istituzionali qualificati. Netflix - famosa per le serie come "House of cards" e "Orange is the new black" ha spiegato che i rendimenti offerti e le scadenze delle obbligazioni saranno decisi più avanti, dopo i negoziati con gli acquirenti iniziali.

Trump pronto a fare pressione su Netanyahu sul piano di pace in Medio Oriente

Lo scorso mese, per la prima volta, il presidente Usa ha appoggiato pubblicamente la soluzione a due Stati. Il piano statunitense sarà presentato a breve
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe detto all'omologo francese, Emmanuel Macron, di essere pronto a fare pressione sul primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, affinché accetti il piano di pace per il Medio Oriente che presenterà a breve. Lo hanno riferito quattro diplomatici - al corrente del colloquio tra Trump e Macron dello scorso mese - a Barak Ravid, giornalista dell'israeliana Channel 10 e del sito statunitense Axios.

Al via in Canada il road show del vino italiano

Inizia “A TASTING OF WINES FROM ITALY” con tappe a Vancouver, Calgary, Toronto e Montréal

Parte oggi “A TASTING OF WINES FROM ITALY”, il roadshow del vino italiano in Canada. Giunto alla 23esima edizione, il tour farà tappa come ogni anno a Vancouver, Calgary, Toronto e terminerà a Montréal. L’iniziativa - organizzata dall’ICE Canada - è divenuta con gli anni l’appuntamento commerciale di riferimento per il trade canadese e rappresenta oggi l’evento più atteso e accreditato dedicato al vino italiano in Canada. Sono 100 i produttori italiani che parteciperanno ai 'walk around tasting' e che prenderanno contatti con oltre 3.500 operatori tra agenti del vino, rappresentanti dei monopoli provinciali canadesi (che sono tra i principali importatori di vini e liquori al mondo), HoReCa, giornalisti specializzati, opinion leader, wine lover e altri interlocutori specializzati che prenderanno parte agli eventi previsti nelle quattro città.

Carovana di migranti verso gli Usa, 5.000 persone sfidano Trump

Nonostante il presidente abbia minacciato l'intervento dell'esercito, cresce il numero di persone in marcia verso il confine. Washington accusa i democratici e minaccia i Paesi di provenienza dei migranti
AP

Una carovana di almeno 5.000 persone, in gran parte provenienti dall'Honduras, continua ad attraversare il Messico per arrivare al confine con gli Stati Uniti, nonostante il presidente Donald Trump abbia minacciato di usare l'esercito per fermarli.

Wall Street, ottimismo dall'Asia

Il balzo a Shanghai, grazie alle buone notizie dal dato del Pil cinese, trascina le altre borse del continente
iStock

Donald Trump prepara una stretta sui diritti dei transgender: "Non esistono"

Secondo il New York Times il governo americano è a lavoro su una norma per stabilire che il sesso di una persona venga determinato dagli organi genitali che si hanno alla nascita
AP

L’amministrazione Trump sta lavorando a una norma per stabilire che il sesso di una persona venga determinato solo da "elementi biologici chiari e oggettivi". Lo sostiene il New York Times in un lungo articolo che spiega come si tratti di una nuova stretta, dopo la revoca della norma sull’uso dei bagni, sui diritti e sulle tutele acquisiti dalla persone transgender sotto la presidenza di Barack Obama.

Trump vuole ritirare gli Stati Uniti dal trattato sulle armi nucleari con la Russia

Il presidente americano accusa Mosca di violarlo. Il Cremlino nega e protesta: "È un passo molto pericoloso"
Ap

Il presidente americano Donald Trump ha annunciato di voler ritirare gli Stati Uniti dal trattato sulle armi nucleari Inf (Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty) firmato con la Russia nel 1987, sostenendo che Mosca ha "violato l’accordo per molti anni". Si tratta di un trattato firmato dai presidenti Reagan e Mikhail Gorbaciov 31 anni fa che regola lo sviluppo e il possesso delle armi nucleari a raggio intermedio e che, nello specifico, ha abolito l'uso di tutta una serie di missili la cui capacità di gittata copre distanze da 500 a 5.500 km.

Nella sua battaglia contro la Federal Reserve, 'rea' secondo lui di volere stringere troppo la cinghia, Donald Trump sembra da solo. Persino Randal Quarles, il primo uomo a essere stato nominato da lui nella banca centrale Usa, ha difeso la politica monetaria fatta di rialzi graduali dei tassi. L'uomo, un repubblicano moderato, non è stato l'unico nella giornata odierna a difendere la Fed. Secondo Alan Greenspan, a capo della Fed dal 1987 e il 2006, l'istituto centrale guidato da Jerome Powell dovrebbe mettersi un "paraorecchi e non ascoltare" quello che dice il 45esimo presidente americano. Per Gary Cohn, ex presidente di Goldman Sachs ed ex consigliere economico di Trump, l'inquilino della Casa Bianca "non dovrebbe fare commenti su alcuna agenzia indipendente" tanto più che la Fed, secondo lui, "sta facendo il suo lavoro".

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.