Russiagate: il memo che divide gli Usa

Cosa è, chi lo ha scritto e con che obiettivo. Protagonisti e reazioni. Quello che c'è da sapere su un documento destinato a intensificare ulteriormente le tensioni tra la Casa Bianca e l'Fbi

I repubblicani alla Camera Usa ieri hanno pubblicato un memo controverso, destinato a intensificare ulteriormente le tensioni tra la Casa Bianca e l'Fbi.

Che cos'è il memo?
Si tratta di un rapporto di quattro pagine stilato dal presidente della commissione Intelligence della Camera, Devin Nunes. L'accusa principale che emerge dal documento è la seguente: il mandato per spiare Carter Page, un consigliere della campagna elettorale di Donald Trump, sarebbe stato ottenuto dall'Fbi e successivamente rinnovato in base soprattutto ad accuse contenute nel controverso dossier stilato da Christopher Steele, un'ex spia britannica, pagato dai democratici.

Nelle intenzioni del partito repubblicano, quel memo dovrebbe dimostrare che l'Fbi e il dipartimento di Giustizia abusarono della loro autorità in materia di sorveglianza sul finire della campagna elettorale del 2016 a danno di persone vicine all'allora candidato repubblicano Trump. Quell'abuso si sarebbe verificato nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta interferenza russa nelle elezioni presidenziali americane e sulla possibile collusione tra il Cremlino e lo staff di Trump. Per il 45esimo presidente Usa e per i repubblicani, l'indagine sul cosiddetto Russiagate, insomma, è viziata sin dall'inizio da un pregiudizio contro il leader Usa e il partito che controlla la Casa Bianca e il Congresso.

Qual è la posta in gioco?
La posta in gioco è alta. I repubblicani al Congresso e la Casa Bianca stanno usando il memo per mettere in dubbio l'integrità dei funzionari della Giustizia e della polizia federale. Questo significa che gettano cattiva luce anche su Robert Mueller, il procuratore speciale a cui nel maggio 2017 fu affidata l'inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Mueller ha già interrogato decine di testimoni, inclusi funzionari passati e presenti della Casa Bianca.

Come spiegato ieri dalla portavoce della Casa Bianca, il memo "solleva preoccupazioni serie sull'integrità delle decisioni prese ai più alti livelli del dipartimento di Giustizia e dell'Fbi nell'uso degli strumenti di sorveglianza più intrusivi contro i cittadini Usa".

Dal canto suo il segretario americano alla Giustizia, Jeff Sessions, ha difeso il suo ministero. L'ex senatore dell'Alabama - che lavorò nella campagna Trump ma che non sempre ha avuto un buon rapporto con il presidente - ha detto di nutrire "grande fiducia" nei dipendenti del dipartimento e si è detto "determinato a verificare pienamente e giustamente la verità".

Chi è Carter Page?
Page è stato un consigliere della campagna elettorale di Trump. Ex investment banker di Merrill Lynch da Mosca per tre anni, adesso dirige Global Energy Capital, azienda specializzata nel settore energetico nei mercati emergenti. Stando al suo sito, ha fatto consulenza su accordi per conto delle russe Gazprom e RAO UES. Stando ai media americani, Page è l'unico dipendente di Global Energy Capital, il cui quartier generale era uno "spazio di lavoro aziendale condiviso" senza finestre che affitava all'ora. Il suo interesse per la Russia sarebbe sorto quando ha studiato a Mosca mentre all'inizio degli anni '90 era una guardiamarina; poi ha lavorato là per vari anni. Brevemente, Page ha lavorato anche per Eurasia Group.

Page è finito nel radar dell'intelligence Usa dal 2013, quando spie russe hanno presumibilmente cercato di reclutarlo; non è stato accusato di nulla e ha sempre criticato l'inchiesta come "politicamente motivata". Ad avere destato il sospetto che stesse agendo come un'agente russo sono stati i suoi frequenti viaggi in Russia durante la campagna elettorale. Nell'autunno nel 2016, dopo che Page lasciò la campagna Trump sulla scia delle indiscrezioni sui suoi legami russi, i procuratori chiesero - e ottennero - un mandato per spiarlo.

Cos'è il dossier?
E' un documento di 35 pagine pieno di informazioni personali e finanziarie altamente compromettenti - ma mai confermate da nessuno - che travolsero Trump nella notte in cui Barack Obama teneva a Chicago il suo discorso d'addio da presidente americano strappando le lacrime all'America. Era il gennaio 2017. Fu scritto dall'ex spia britannica Steele, su cui alcuni legislatori americani hanno chiesto tempo fa al dipartimento di Giustizia l'apertura di un'inchiesta. Steele fu assunto nel 2016 dalla società di ricerca Fusion GPS, pagata da un'organizzazione conservatrice e poi dalla campagna di Hillary Clinton (la sfidante democratica di Trump nelle presidenziali) per trovare informazioni imbarazzanti sul magnate del mattone.

Quali sono le obiezioni?
L'Fbi era contrario alla diffusione del memo. Il timore è che si crei un precedente pericoloso, scoraggiando le fonti a parlare con la polizia federale.

I democratici sostengono che il memo sia fuorviante e basato su intelligence che solo pochi legislatori hanno visto. Secondo loro, è un tentativo di distrarre l'opinione pubblica dall'inchiesta di Mueller, che per altro vuole interrogare anche Trump.

Quali sono le conseguenze per il numero due al dipartimento di Giustizia
Secondo il Wsj, Trump crede che il memo metta a repentaglio la credibilità di Rod Rosenstein, il vice di Sessions che ha scelto Mueller. Il segretario alla Giustizia, infatti, scelse di astenersi da qualsiasi inchiesta riguardante il Russiagate perché durante la sua audizione alla commissione Giustizia del Senato per la conferma della sua nomina, il senatore dell'Alabama non disse che durante la campagna 2016 aveva incontrato due volte l'ambasciatore russo in Usa Sergey Kislyak. Lo scorso luglio, in una intervista al New York Times, Trump disse che non lo avrebbe reclutato se avesse saputo che il ministro si sarebbe astenuto.

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Ford riprende la produzione di pickup F-Series, lo stop peserà su utili Q2

Il gruppo ha confermato le guidance per l'intero esercizio

Ford sta per riprendere prima del previsto la produzione di uno dei suoi veicoli più popolari e redditizi parte della famiglia di pick-up truck F-Series. Lo stop c'era stato dopo un incendio che il 2 maggio aveva colpito un suo fornitore, Meridian Magnesium Products of America con sede in Michigan, causando una carenza di componentistica.

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock