Russiagate, Manafort collaborerà con Mueller

L'ex presidente della campagna elettorale di Trump eviterà il secondo processo, dopo aver già subito una condanna. La Casa Bianca si affretta a dire che "questo caso non ha nulla a che fare" con il presidente
AP

Paul Manafort, ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump, si è dichiarato colpevole in tribunale, oggi, come parte di un accordo con il procuratore speciale Robert Mueller. Accordo che prevede la collaborazione di Manafort nelle indagini sulla presunta collusione tra la campagna di Trump e la Russia per influenzare il voto delle presidenziali 2016.

Davanti al tribunale distrettuale di Washington, Manafort si è dichiarato colpevole di due capi d'accusa: complotto per intralciare la giustizia e complotto. In cambio, i procuratori hanno fatto cadere le altre cinque accuse, che riguardavano il riciclaggio di denaro e la violazione della legge sulle attività di lobbying. Manafort, dichiarato colpevole lo scorso mese di frode fiscale e bancaria, avrebbe dovuto affrontare un secondo processo per sette capi d'accusa, relativi al suo lavoro di consulente politico in Ucraina.

L'accordo rappresenta un colpo preoccupante per il presidente Donald Trump, che finora aveva lodato la volontà di Manafort, al contrario di altri, di non dichiararsi colpevole e, parlando con i suoi avvocati, il presidente aveva anche ipotizzato di concedergli la grazia. Naturalmente, non è chiaro quali informazioni possa fornire, risultando utili per le indagini di Mueller, ma Manafort ha ricoperto diversi ruoli nella campagna elettorale di Trump ed era presente al famoso incontro alla Trump Tower con un'avvocata russa, da cui gli uomini dell'attuale presidente si aspettavano di ricevere informazioni compromettenti sulla rivale per le presidenziali, la democratica Hillary Clinton.

Manafort è così diventato il quinto membro dello staff di Trump a dichiararsi colpevole, in relazione alle indagini di Mueller. Manafort già rischia una condanna tra gli 8 e i 10 anni e il secondo processo avrebbe probabilmente appesantito la sua pena detentiva. L'accordo prevede anche la confisca di quattro case dal valore multimilionario e dei fondi di diversi conti bancari. Prima di lui, si sono dichiarati colpevoli, accettando di collaborare: l'ex avvocato personale di Trump, Michael Cohen; l'ex consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn; l'ex vicepresidente della campagna elettorale, Rick Gates; George Papadopoulos, ex consigliere per gli esteri. Manafort aveva ripetutamente dichiarato che non avrebbe collaborato, ma deve aver rivisto la sua posizione dopo la prima condanna.

Il caso Manafort "non ha assolutamente nulla a che vedere" con il presidente Donald Trump. Questo il primo commento della Casa Bianca all'accordo raggiunto tra Manafort e Mueller. Un caso "totalmente non legato" al presidente, ha aggiunto la Casa Bianca.

Altri Servizi

Usa: nuovi dazi da 200 miliardi di dollari contro la Cina, Apple Watch e Airpods salvi (per ora)

Entrano in vigore dal 24 settembre al 10%. Dal primo gennaio saliranno al 25%. Trump: se Pechino reagisce con ritorsioni, pronte altre tariffe doganali per 267 miliardi

Le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina sembrano destinate ad aumentare. Dal prossimo 24 settembre l'America di Donald Trump farà scattare dazi del 10% su importazioni cinesi aventi un valore di 200 miliardi di dollari. Dal primo gennaio 2019, le tariffe doganali saliranno al 25%. E se Pechino adotterà ritorsioni, Washington reagirà passando alla "fase tre" della sua strategia imponendo altri dazi su 267 miliardi di dollari di importazioni cinesi dopo una prima fase corrispondente all'entrata in vigore di dazi del 25% per 50 miliardi.

Wall Street torna a sperare nei negoziati commerciali

Ottimismo del Canada su negoziati con gli Usa. La Cina rassicura le aziende americane
iStock

Wall Street spera nei negoziati Usa-Cina

L'inflazione rallenta. Sussidi di disoccupazione ai minimi del 1969
iStock

L'uragano Florence sarà "devastante". Trump a chi si trova nelle Caroline, "andatevene"

I governatori chiedono alla popolazione di fuggire, ma non tutti lo faranno. La tempesta arriverà sulla costa giovedì notte
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, e il leader della protezione civile americana hanno lanciato dalla Casa Bianca un messaggio alle persone, oltre un milione, a cui è stato ordinato di lasciare il North e il South Carolina in vista dell'arrivo dell'uragano Florence, atteso giovedì notte: "Andatevene, se ve lo hanno chiesto" perché sarà un evento "devastante". Molti, però, sceglieranno di restare, scrive Usa Today, che ricorda che solo tre Stati, ovvero California, New York e North Carolina, hanno delle leggi sull'evacuazione obbligatoria, con multe fino a mille dollari e una pena carceraria fino a 6 mesi.

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Coca-Cola sta "osservando attentamente" il mercato delle bevande alla cannabis, consapevole che "si sta evolvendo rapidamente". Anche il colosso americano delle bibite si sta dunque concentrando su un settore a rapida crescita che potrebbe offrire l'opportunità di sfruttare la legalizzazione della marijuana in Nord America ed Europa per controbilanciare i consumi in calo delle bevande tradizionali.

Wall Street: i salari sono tornati al massimi del 2008

Nel 2017 +13% a 422.500 dollari. Profitti settore finanziario +11% a 13,7 miliardi nei primi sei mesi del 2018. Verso terzo anno di fila di bonus in aumento
iStock

Nel 2017 i salari medi a Wall Street sono tornati ai massimi del 2008, l'anno in cui Lehman Brothers fallì diventando simbolo della peggiore crisi economico-finanziaria dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso.

Trattative Cina-Usa a rischio dopo l'ultima minaccia di Trump

Già oggi potrebbero essere annunciati dazi per 200 miliardi di dollari. Pechino: non negozieremo "con la pistola alla tempia"
iStock

La Cina potrebbe decidere di non partecipare a un quinto round di negoziati commerciali con gli Stati Uniti alla luce dell'ultima minaccia di Donald Trump, quella di fare scattare nuovi dazi contro importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari. Pechino non è pronta a trattare "con la pistola puntata alla tempia". Ad anticipare che i negoziati sono a rischio è stato il Wall Street Journal, secondo cui già lunedì 17 settembre il presidente americano potrebbe introdurre le tariffe doganali.

Usa trattano con Francia e Regno Unito un nuovo attacco in Siria

Le potenze occidentali vogliono punire un eventuale uso di armi chimiche nella provincia di Idlib, dove Assad vuole espellere i ribelli terroristi che secondo Mosca stanno filmando un falso ricorso a gas
AP

Gli Stati Uniti stanno trattando con Francia e Regno Unito per coordinare un attacco militare in Siria nel caso in cui il governo di Bashar al-Assad - intenzionato con l'aiuto della Russia a liberare dai ribelli terroristi la loro ultima roccaforte nella provincia di Idlib - usi armi chimiche. Lo ha detto John Bolton, il consigliere del presidente americano Donald Trump con competenze nella sicurezza nazionale.

Popolazione Usa nata all'estero a livelli record dal 1910

Primato in termini percentuali: ora è il 13,7%; negli ultimi anni, in forte aumento l'arrivo di asiatici, dopo decenni di grandi flussi migratori dall'America Latina; cento anni fa, invece, arrivavano soprattutto europei (tanti italiani)
AP

La popolazione statunitense nata all'estero ha raggiunto il suo massimo livello percentuale dal 1910, secondo i dati governativi resi pubblici oggi. Rispetto al recente passato, le persone vengono di più dall'Asia e hanno una laurea. La popolazione nata all'estero, nel 2017, era il 13,7%, ovvero 44,5 milioni di persone, contro il 13,5% del 2016.