Russiagate, Papadopoulos avrebbe mentito per proteggere Trump

Lo rivela una fonte di Abc News. Intanto, ha un nome la "nipote di Putin" (che non lo è) citata dall'ex consigliere in alcune e-email

George Papadopoulos, l'ex consigliere di Donald Trump che si è dichiarato colpevole di aver mentito all'Fbi, avrebbe detto di non aver raccontato la verità sui suoi contatti russi per proteggere l'attuale presidente degli Stati Uniti. A sostenerlo è una fonte di Abc News, che ha dichiarato che Papadopoulos non voleva contraddire la Casa Bianca sui presunti rapporti tra lo staff di Trump ed esponenti del governo russo.

Papadopoulos è stato arrestato a luglio, nell'ambito dell'inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle possibili collusioni tra lo staff di Trump e il Cremlino durante la scorsa campagna elettorale presidenziale, e ora collabora all'inchiesta.

Intanto, ha un nome la donna che si sarebbe offerta, nei primi mesi del 2016, come intermediaria tra Papadopoulos e i funzionari del Cremlino. Lo riporta Politico.

Si chiama Olga Vinogradova ed era stata erroneamente definita da Papadopoulos “nipote di Putin” nelle e-mail inviate ad altri membri dello staff dell'allora candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti; poi, l'ex consigliere aveva scoperto di essersi sbagliato e che Vinogradova non è parente del presidente russo. Al di là del nome, si sa poco della donna, scrive Politico.


Altri Servizi

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Hewlett Packard Enterprise (HPE) si prepara a cambiare Ceo. Il gruppo che offre servizi IT ha annunciato che Meg Whitman lascerà l'incarico dal febbraio 2018. La donna arrivata nel settembre 2011 al vertice della vecchia HP - che sotto la sua guida si è scorporata in due nel novembre del 2015, la nuova HP (produce pc e stampanti) e appunto HPE - cederà il ruolo all'attuale presidente dell'azienda, il cinquantenne Antonio Neri; da 23 anni nella galassia HP, avrà un salario base di un milione di dollari a cui potrà aggiungere bonus addizionali fino a 1,5 milioni. Whitman resterà nel consiglio di amministrazione del gruppo.

Wall Street attende i verbali del Fomc

Il Federal Open Market Committee della Federal Reserve pubblica alle 14 (le 20 in Italia) i verbali della riunione degli scorsi 31 ottobre e 1 novembre
AP

Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny

Dice di non avere inventato nulla di nuovo, ma promuovendo in giro per il mondo il concetto di "giustezza" Oscar di Montigny vuole dare il suo "umile contributo" per alzare il livello di consapevolezza su certi temi. E vuole ispirare affinché gli "eroi" che altro non siamo riscoprano la loro dimensione più intima, ancorata a una innata bontà, per promuovere un'economia basata sul capitale creativo culturale, su trasparenza, gratitudine e responsabilità. E soprattutto sull'amore, che lui definisce "l'atto economico per eccellenza".

Disney: la mente creativa di Pixar si prende sei mesi, commessi "passi falsi"

John Lasseter chiede scusa. Donne costrette a voltare la faccia e a ricorrere a stratagemmi per evitare baci e palpeggiamenti
AP

Le molestie sessuali sembrano essere sempre di più una caratteristica dell'ambieti di lavoro in Usa. Da Hollywood a Capitol Hill passando per la Silicon Valley, un altro uomo è stato travolto dalle polemiche dovuto al suo comportamento inappropriato nei confronti delle donne.

Hacker contro Uber: rubati dati di 57 milioni di utenti

Per Bloomberg il gruppo avrebbe pagato riscatto da 100.000 dollari per far cancellare i dati ai pirati

Uber è stato colpito da un attacco hacker, in cui sono stati rubati i dati di 57 milioni di utenti in tutto il mondo e di 600.000 autisti. Lo ha comunicato Dara Khosrowshahi, amministratore delegato della società di servizi auto: l'attacco risale alla fine del 2016 e comprende i nomi, le email e i numeri di telefono degli utenti, ma anche le patenti degli autisti.

HP perde quota dopo i conti ma le vendite di PC vanno bene

Deludono gli utili annuali, calati a 2,5 miliardi di dollari. Il gruppo ha alzato le stime per l'esercizio 2018

HP ha chiuso il suo quarto trimestre fiscale con utili in linea alle stime degli analisti e ricavi migliori delle attese. Il titolo del produttore di pc e stampanti ha tuttavia perso vistosamente quota ieri nel dopo mercato, quasi il 6% sulla scia di utili annuali calati.

Apple: fornitore Foxconn sfrutta studenti in fabbrica cinese (FT)

Lavorano fino a 11 ore al giorno, oltre il limite previsto dalla legge per i stagisti

Messo sotto pressione dai ritardi nella produzione, per assemblare l'iPhone X in una sua fabbrica in Cina il fornitore taiwanese di Apple (Foxconn) ha arruolato studenti facendo fare loro gli straordinari; si tratta di una mossa illecita in base alle leggi cinesi. Lo scrive il Finacial Times, che ha parlato con sei di quei studenti, parte di un gruppo di 3.000 inviati nello stabilimento dalla loro scuola, la Zhengzhou Urban Rail Transit School.

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

Gli Stati Uniti bloccano la fusione tra At&t e Time Warner

Il dipartimento di Giustizia sostiene che avrebbe eliminato l'innovazione e avrebbe fatto alzare i costi per i consumatori. Adesso i due colossi si preparano a ricorrere. Dubbi sulle pressioni di Trump per vendicarsi con CNN

Il dipartimento di Giustizia americano dice no alla fusione tra At&t e Time Warner, che avrebbe avuto un valore di 85 miliardi di dollari e dato vita a un colosso verticale dei media e delle telecomunicazioni. La decisione delle autorità americane è stata fortemente criticata da At&t, che si prepara a fare ricorso, aprendo una delle più grandi cause antitrust della storia degli Stati Uniti. La decisione raggiunta ieri nel pomeriggio dal dipartimento di Giustizia è stata definita come "inspiegabile" rispetto ai precedenti casi, che in passato non erano stati bloccati.

Wall Street in cerca di direzione nel finale di ottava

Attenzione alle trimestrali di Foot Locker e A&F, sul fronte macroeconomico notizie dal fronte immobiliare e manifatturiero.
AP