Russiagate, pubblico il dossier repubblicano che accusa gli investigatori

L'Fbi e il dipartimento di Giustizia avrebbero abusato del loro potere per sorvegliare un consigliere della campagna elettorale di Trump. Per i democratici, si tratta solo di un tentativo di screditare le indagini

Il mandato per spiare Carter Page, un consigliere della campagna elettorale di Donald Trump, sarebbe stato ottenuto dall'Fbi e successivamente rinnovato in base soprattutto alle accuse contenute nel controverso dossier stilato da Christopher Steele, un'ex spia britannica, pagato dai democratici. Questa è l'accusa principale contenuta nel dossier Nunes, un rapporto segreto stilato dal presidente della commissione Intelligence della Camera, il repubblicano Devin Nunes, appena reso pubblico su pressioni del partito repubblicano e con l'approvazione del presidente statunitense.

Si tratta di un dossier che dovrebbe, nelle intenzioni del partito repubblicano, dimostrare che l'Fbi e il dipartimento di Giustizia hanno abusato della loro autorità nell'ambito dell'inchiesta sulle interferenze russe nelle ultime elezioni e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Trump. Per Trump e i repubblicani, insomma, si tratterebbe di un'inchiesta viziata sin dal principio da un pregiudizio contro il presidente e il Grand Old Party, tesa a favorire i democratici. L'Fbi si era fermamente opposto alla pubblicazione del dossier.

Secondo il dossier, i vertici del dipartimento di Giustizia e Fbi conoscevano "l'origine politica" del dossier di Steele, ma non la menzionarono nella richiesta al tribunale segreto per ottenere il mandato di sorveglianza durante la scorsa campagna elettorale. Per corroborare le notizie contenute nel dossier Steele, poi, l'Fbi e il dipartimento di Giustizia menzionarono un articolo pubblicato su Yahoo News, che in realtà, si legge nel rapporto Nunes, sarebbe ssolo il frutto delle rivelazioni fatte al giornalista dallo stesso Steele.

L'Fbi poi decise di interrompere la collaborazione con Steele, che restò però in contatto con il dipartimento di Giustizia. Nel rapporto di Nunes si legge che Steele ammise con Bruce Ohr, un altro funzionario della Giustizia, di voler a tutti i costi evitare la vittoria di Trump alle presidenziali.

"Molte persone dovrebbero vergognarsi" ha detto Trump, dopo aver declassificato il dossier Nunes, senza modifiche. Poche ore prima, Trump aveva preparato il terreno, scrivendo su Twitter: "I massimi dirigenti e gli investigatori dell'Fbi e il dipartimento di Giustizia hanno politicizzato il sacro processo investigativo in favore dei democratici e contro i repubblicani. Una cosa che sarebbe stata impensabile fino a poco tempo fa.

Trump non ha quindi ascoltato il parere dell'Fbi, che si era detto contrario alla pubblicazione del dossier. "L'Fbi ha avuto una possibilità limitata di analizzare questo rapporto il giorno prima del voto della commissione [Intelligence della Camera, avvenuto luned", ndr] a favore della sua pubblicazione" aveva comunicato il Bureau, con una nota. "Come detto nella nostra analisi iniziale, abbiamo serie preoccupazioni sulle omissioni materiali di fatti che hanno un impatto essenziale sull'accuratezza" del dossier. In precedenza, il direttore dell'Fbi, Christopher Wray, aveva espresso privatamente alla Casa Bianca la propria contrarietà alla pubblicazione del dossier.

Per i democratici, il dossier è solo un tentativo dei repubblicani di screditare le indagini federali sulle interferenze russe e i possibili legami tra il Cremlino e lo staff di Trump.

Il segretario americano alla Giustizia, Jeff Session, ha difeso il dipartimento di Giustizia. L'ex senatore dell'Alabama ha detto di nutrire "grande fiducia" nei dipendenti del dipartimento e si è detto "determinato a verificare pienamente e giustamente la verità".

Le sue dichiarazioni sono arrivate dopo la pubblicazione del memo. "Nessun dipartimento è perfetto", ha commentato Sessions, che si era schierato contro la pubblicazione del documento. Com'è noto, i rapporti tra Sessions e il presidente non sono sempre stati dei migliori. Scelto da Trump per guidare la Giustizia Usa, Sessions scelse di astenersi da qualsiasi inchiesta riguardante il Russiagate perché durante la sua audizione alla commissione Giustizia del Senato per la conferma della sua nomina, il senatore dell'Alabama non disse che durante la campagna 2016 aveva incontrato due volte l'ambasciatore russo in Usa Sergey Kislyak. Lo scorso luglio, in una intervista al New York Times, Trump disse che non lo avrebbe reclutato se avesse saputo che il ministro si sarebbe astenuto.

Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock


Trump condanna razzismo e invita all'unità un anno dopo Charlottesville

Al via a Washington manifestazione di suprematisti bianchi. Prevista contro-manifestazione. Nella città della Virginia dichiarato lo stato di emergenza
AP

Charlottesville. Un anno dopo. Mentre la capitale americana si prepara a ospitare una manifestazione di suprematisti bianchi - gli stessi che l'11 agosto del 2017 crearono caos e violenze mortali nella città della Virginia - Donald Trump invita una nazione forse mai così divisa "all'unità". Il 45esimo presidente americano ha fatto di nuovo ricorso al suo megafono - Twitter - per "condannare tutti i tipi di razzismo e atti di violenza". E per augurare "pace a TUTTI gli americani". Peccato che grand parte dei cittadini Usa creda che da quando Trump è stato eletto le relazioni razziali siano peggiorate.

Abituato ad attaccare i suoi più feroci critici, il Ceo di Tesla ne ha combinata un'altra delle sue. Il tutto mentre il mondo della finanza continua a interrogarsi se e come Elon Musk realizzerà il delisting del gruppo, ipotizzato martedì 7 agosto in una serie di tweet controversi su cui la Sec ha acceso un faro. Intanto il cda di Tesla si prepara a incontrare gli advisor finanziari per discutere dell'operazione.

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

Facebook ha smentito quando riportato da un sito australiano, secondo cui al Ceo Mark Zuckerberg "non importa" nulla degli editori e che il social network li lascerebbe morire se non cooperano con il gigante tecnologico. Stando alle indiscrezioni del The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch - il manager responsabile delle partnership nel campo dell'informazione (Campbell Brown) avrebbe messo in guardia i gruppi editoriali che non vogliono lavorare con l'azienda californiana. Lo avrebbe fatto la settimana scorsa durante un incontro a Sidney: "Vi terrò per mano mentre il vostro business muore, come si fa in un hospice". Facebook ha reagito dicendo che i commenti "sono stati decontestualizzati".

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite a New York, l'ambasciatrice Mariangela Zappia, ha presentato oggi le lettere credenziali al segretario generale Antonio Guterres. Durante l’incontro con Guterres, Zappia ha evidenziato la priorità assegnata dall’Italia a un multilateralismo efficace, al ruolo del Palazzo di vetro per la pace e la sicurezza internazionali e quale pilastro di un sistema internazionale fondato sul diritto e sul rispetto della persona.

Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa

Non ci sono solo la Cina o l'Unione europea nel mirino (commerciale) degli Stati Uniti. Da quando Donald Trump è diventato presidente americano, era il gennaio 2017, Washington sta analizzando gli accordi commerciali grazie ai quali nazioni più piccole e meno sviluppate da 30 anni esportano in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Dazi Usa per 16 miliardi di dollari su import cinese scattano il 23 agosto

Si aggiungono a quelli del 25% su 34 miliardi entrati in vigore il 6 luglio

Preannunciati il 15 luglio, i dazi americani su prodotti cinesi per 16 miliardi di dollari entreranno in vigore il 23 agosto prossimo. Le tariffe doganali si aggiungeranno a quelle del 25% scattate il 6 luglio scorso per 34 miliardi su 818 articoli Made in China.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.