Russiagate: Sessions non ricorda il colloquio con Papadopoulos, ma "ho bocciato l'incontro con Putin"

Il segretario alla Giustizia Usa, davanti a una commissione della Camera, ha parlato anche di Hillary Clinton e Roy Moore
Ap

Il segretario alla Giustizia statunitense, Jeff Sessions, ha detto che il "caos" della campagna elettorale di Donald Trump gli aveva fatto dimenticare il colloquio con il consigliere che gli aveva parlato di aprire un canale di comunicazione con i russi, ma che sicuramente ha "bocciato un incontro con Putin". Nel discorso preparato, letto davanti alla commissione Giustizia della Camera, che indaga sui possibili rapporti tra il Cremlino e lo staff di Trump, Sessions ha detto che era molto difficile, per lui, ricordare tutti i dettagli su chi, tra i membri della campagna elettorale, aveva cercato di parlare con il governo russo di informazioni che avrebbero potuto danneggiare la candidatura della rivale democratica, Hillary Clinton. "È stata una campagna brillante, credo, da molti punti di vista, ma c'era una forma di caos, ogni giorno, dal primo giorno" ha detto Sessions. "Certe volte andavamo in molti posti in un giorno. Si dormiva poco ed ero ancora un senatore a tempo pieno, con un'agenda molto piena".

Sessions ha riconosciuto di essere stato presente all'incontro, nel 2016, durante il quale l'allora consigliere George Papadopoulos parlò di creare un contatto diretto tra Trump e il presidente russo, Vladimir Putin. "Ora ricordo l'incontro del marzo 2016 a cui partecipò Papadopoulos, ma non ho un ricordo chiaro di quello che disse. Non ricordavo questo evento quando ho testimoniato alcune settimane fa, non lo ricordavo finché non ne ha parlato la stampa". Sessions ha quindi negato di aver mentito a ottobre, quando dichiarò che nessuno della campagna elettorale, per quanto ne sapesse lui, aveva contatti con i russi. Sessions ha detto di non ricordare i dettagli, ma ha dichiarato di aver sicuramente bocciato l'idea di Papadopoulos di un incontro tra Trump e Putin. Papadopoulos si è dichiarato colpevole di aver mentito all'Fbi e ora collabora con le aurorità; l'ex consigliere di Trump parlò con alcuni membri dello staff dell'attuale presidente della possibilità di incontrare funzionari russi.

Sessions e i russi

"Confermo la mia testimonianza di fronte alla commissione Intelligence del Senato, a giugno: non ho mai incontrato e non ho mai avuto conversazioni con funzionari russi o di altri Paesi a proposito di interferenze straniere nella campagna elettorale o nelle elezioni negli Stati Uniti". Lo ha detto il segretario alla Giustizia statunitense, Jeff Sessions, davanti alla commissione Giustizia della Camera, che indaga sui possibili legami tra lo staff di Trump e il Cremlino durante la scorsa campagna elettorale presidenziale. "Inoltre - ha aggiunto Sessions - non sono al corrente di conversazioni di questo tipo da parte di persone collegate alla campagna di Trump".

Un procuratore speciale su Clinton?

Sessions vuole arrivare a una decisione veloce sulla possibilità di assegnare a un procuratore speciale le indagini sulla fondazione di Hillary Clinton e sull'accordo sull'uranio statunitense dell'era Obama, su cui si concentrano gli attacchi dei repubblicani, in un momento in cui un procuratore speciale, Robert Mueller, indaga sul cosiddetto Russiagate, che riguarda l'attuale presidente, Donald Trump. Sessions ha assicurato che un'indagine sarebbe "portata avanti senza influenze politiche e fatta con correttezza e appropriatezza". Ha poi assicurato di non subire pressioni dal presidente Donald Trump e che "il dipartimento di Giustizia non può mai essere usato contro gli avversari politici". 

Sul caso Moore

"Non ho ragioni di dubitare" delle accusatrici di Roy Moore. Questo il commento del segretario alla Giustizia sul caso riguardante il candidato repubblicano alle prossime elezioni speciali in Alabama, il prossimo 12 dicembre, per il seggio in Senato da lui lasciato libero al momento di accettare l'incarico governativo. Moore è stato accusato da cinque donne di aggressione sessuale. Molti repubblicani stanno chiedendo a Moore di farsi da parte, a partire dallo speaker della Camera, Paul Ryan, e dal leader della maggioranza in Senato, Mitch McConnell.

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Fed: le banche Usa superano il primo round di stress test

35 istituti di credito subirebbero perdite per 578 miliardi di dollari nello scenario più avverso in cui l'azionario crollerebbe del 65%, il tasso di disoccupazione balzerebbe al 10% e i prezzi delle case scenderebbero del 30%

Le 35 principali banche americane a cui fa capo l'80% degli asset di tutti gli istituti di credito attivi in Usa hanno superato il primo round degli stress test che la Federal Reserve conduce ogni anno.

Usa: fare shopping online costerà di più. Ecco perché

La Corte Suprema dà ragione al South Dakota: gli Stati possono richiedere ai gruppi retail che non hanno una presenza fisica sul loro territorio di riscuotere e pagare la cosiddetta Sales Tax

Fare shopping online costerà di più in Usa. La Corte Suprema, il massimo organo giudiziario degli Stati Uniti, ha deciso che gli Stati americani possono richiedere ai gruppi retail che non hanno una presenza fisica sul loro territorio di riscuotere e pagare la cosiddetta Sales Tax, l'equivalente dell'italiana Imposta generale sulle entrate (quella che ha preceduto l'Imposta sul valore aggiunto). Essa ha come oggetto le transazioni riguardanti prodotti e servizi acquistati dal consumatore finale.