Russiagate: Trump, è Comey il bugiardo

Il presidente Usa attacca l'ex direttore dell'Fbi da lui silurato. Mistero sull'esistenza delle registrazioni delle conversazioni tra i due. E sul Qatar manda messaggi contrastanti

La parola di Donald Trump contro quella di James Comey. Si inquadra così il botta e risposta indiretto tra il presidente americano e l'ex direttore dell'Fbi da lui silurato il 9 maggio scorso. All'indomani della prima testimonianza pubblica da allora del capo della polizia federale voluto da Barack Obama nel 2013, il leader americano è tornato ad attaccare. Prima su Twitter, dove ieri era rimasto sorprendentemente in silenzio sul tema, e poi durante la conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca con il presidente della Romania.

"Nonostante così tante affermazioni false e bugie, discolpa totale e completa...e WOW, Comey è un informatore (leaker)!". Con questo 'cinguettio' mattutino, il presidente americano si è vendicato di quanto affermato da quello che ormai è diventato il suo rivale ufficiale, un rivale che il giorno precedente lo aveva accusato di avere mentito agli americani e di avere screditato lui e l'Fbi sostenendo che l'Fbi stesso con Comey era nel caos. In pratica i due si accusano vicendevolmente di essere bugiardi.

Dal Rose Garden della Casa Bianca, Trump si è difeso: "Molte delle cose che [Comey] ha detto non sono vere. E in gran parte ha confermato quello che avevo detto io", ossia che il 45esimo presidente americano non era personalmente sotto inchiesta nell'ambito del Russiagate. Peccato che i dettagli forniti da Comey dimostrino come Trump abbia cercato di influenzare la gestione di quell'informazione (il presidente voleva che fosse annunciata pubblicamente in modo da rimuovere "la nuvola" dell'indagine). "Nessuna collusione" con la Russia, ha continuato. "Nessuna ostruzione della giustizia", che potrebbe comunque avere tentato di ostacolare con la richiesta di chiudere l'indagine sul suo ex consigliere alla Sicurezza nazionale, "il brav'uomo" Michael Flynn. Per Trump si tratta di "scuse da parte dei democratici, che hanno perso un'elezione che non volevano perdere". Anche perché, a suo parere, "non ho detto" di chiudere un'occhio sul caso Flynn "e anche se l'avessi fatto non ci sarebbe nulla di sbagliato". Posizione certamente opinabile.

In attesa di capire se ci sono registrazioni delle conversazioni tra i due ("ve lo dirò presto e ne sarete delusi"), la linea di difesa del magnate del mattone è l'attacco: Comey "è un informatore", motivo per cui sembra che l'avvocato personale di Trump voglia denunciare all'ispettore generale del dipartimento di Giustizia e alla commissione Giustizia del Senato un tale comportamento. Il riferimento è a quanto detto ieri dall'ex direttore dell'Fbi di fronte ai membri della commissione Intelligence del Senato, che sta indagando sul Russiagate, ossia che dopo essere stato licenziato aveva consegnato un memo su un incontro con il presidente a un amico affinché lo desse alla stampa nella speranza (poi diventata realtà) che l'inchiesta sulla Russia fosse affidata a un procuratore speciale. Comey ha però già pronta la sua linea difensiva: quei memo erano appunti personali, dunque non top secret, che si è sentito di condividere. Punto e basta. Tanto più che quei memo rappresentano una pratica a cui non aveva mai fatto ricorso prima, segno dell'urgenza sentita di mettere nero su bianco ogni sfumatura (linguaggio non verbale incluso) dei suoi incontri con il presidente. Un presidente che sempre oggi ha inviato messaggi contrastanti al Medio Oriente sul Qatar.

"Sfortunatamente è un Paese che storicamente ha finanziato il terrorismo a livelli alti", ha detto dal Rose Garden, da dove ha lodato per l'ennesima volta l'Arabia Saudita che ha capitanato luned" scorso l'isolamento diplomatico ed economico della nazione leader nell'esportazione di gas naturale. Poi però ha invitato tutti i Paesi arabi a fermare "immediatamente" il finanziamento al terrorismo "senza fare nomi". E il dipartimento di Stato, che poco prima aveva invitato al dialogo le nazioni arabe sostenendo che l'isolamento del Qatar ostacola le attività Usa di controterrorismo, si ritrova di nuovo a fare i conti con un leader imprevedibile.

Altri Servizi

"Hawaii sotto attacco missilistico. Cercate riparo". Il falso allarme scatena il caos nelle isole

Le "Hawaii sono sotto attacco missilistico. Cercate riparo immediato. Questa non è un'esercitazione". Questo messaggio è comparso sui cellulari degli americani, facendo immediatamente scattare l'allarme. Era un falso allarme

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Trump gode di una salute eccellente (ma fa poco sport)

Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.
AP

Troppi estremisti sui social: Facebook e Google al Senato Usa per spiegare cosa faranno

Nonostante le promesse e gli sforzi degli ultimi anni, sembra infatti che i colossi non riescano a eliminare queste posizioni radicali e radicalizzate dai loro siti.
iStock

Italia, Dbrs avverte: stabilità prossimo governo a rischio, non escluse nuove elezioni

L'agenzia canadese conferma il rating BBB (High) e l'outlook stabile. La ripresa continua. Debito pubblico e Npl ancora alti. Dalla chiamata alle urne del 4 marzo non si aspetta un vincitore. Ipotizza coalizione guidata da M5S

Usa: inflazione rafforzata a fine 2017, Fed verso rialzo tassi a marzo

Il rendimento del Treausry a due anni sopra il 2%, prima volta dal 2008. La banca centrale americana sarà più "falco" che "colomba"?

Trump lascia intatto (per ora) l'accordo sul nucleare, ultimatum ai partner Ue

Il presidente ha mantenuto il congelamento di sanzioni legate alla storica intesa raggiunta nel 2015 da Teheran e le principali potenze mondiali. Bruxelles ha 120 giorni per modificarla. Sanzionato capo magistratura iraniana

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

Facebook annuncia cambiamenti al News Feed. Titolo giù del 5%

Più storie di amici e meno aziende e notizie. E si teme per la macchina pubblicitaria del colosso