Russiagate: Trump, è Comey il bugiardo

Il presidente Usa attacca l'ex direttore dell'Fbi da lui silurato. Mistero sull'esistenza delle registrazioni delle conversazioni tra i due. E sul Qatar manda messaggi contrastanti

La parola di Donald Trump contro quella di James Comey. Si inquadra così il botta e risposta indiretto tra il presidente americano e l'ex direttore dell'Fbi da lui silurato il 9 maggio scorso. All'indomani della prima testimonianza pubblica da allora del capo della polizia federale voluto da Barack Obama nel 2013, il leader americano è tornato ad attaccare. Prima su Twitter, dove ieri era rimasto sorprendentemente in silenzio sul tema, e poi durante la conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca con il presidente della Romania.

"Nonostante così tante affermazioni false e bugie, discolpa totale e completa...e WOW, Comey è un informatore (leaker)!". Con questo 'cinguettio' mattutino, il presidente americano si è vendicato di quanto affermato da quello che ormai è diventato il suo rivale ufficiale, un rivale che il giorno precedente lo aveva accusato di avere mentito agli americani e di avere screditato lui e l'Fbi sostenendo che l'Fbi stesso con Comey era nel caos. In pratica i due si accusano vicendevolmente di essere bugiardi.

Dal Rose Garden della Casa Bianca, Trump si è difeso: "Molte delle cose che [Comey] ha detto non sono vere. E in gran parte ha confermato quello che avevo detto io", ossia che il 45esimo presidente americano non era personalmente sotto inchiesta nell'ambito del Russiagate. Peccato che i dettagli forniti da Comey dimostrino come Trump abbia cercato di influenzare la gestione di quell'informazione (il presidente voleva che fosse annunciata pubblicamente in modo da rimuovere "la nuvola" dell'indagine). "Nessuna collusione" con la Russia, ha continuato. "Nessuna ostruzione della giustizia", che potrebbe comunque avere tentato di ostacolare con la richiesta di chiudere l'indagine sul suo ex consigliere alla Sicurezza nazionale, "il brav'uomo" Michael Flynn. Per Trump si tratta di "scuse da parte dei democratici, che hanno perso un'elezione che non volevano perdere". Anche perché, a suo parere, "non ho detto" di chiudere un'occhio sul caso Flynn "e anche se l'avessi fatto non ci sarebbe nulla di sbagliato". Posizione certamente opinabile.

In attesa di capire se ci sono registrazioni delle conversazioni tra i due ("ve lo dirò presto e ne sarete delusi"), la linea di difesa del magnate del mattone è l'attacco: Comey "è un informatore", motivo per cui sembra che l'avvocato personale di Trump voglia denunciare all'ispettore generale del dipartimento di Giustizia e alla commissione Giustizia del Senato un tale comportamento. Il riferimento è a quanto detto ieri dall'ex direttore dell'Fbi di fronte ai membri della commissione Intelligence del Senato, che sta indagando sul Russiagate, ossia che dopo essere stato licenziato aveva consegnato un memo su un incontro con il presidente a un amico affinché lo desse alla stampa nella speranza (poi diventata realtà) che l'inchiesta sulla Russia fosse affidata a un procuratore speciale. Comey ha però già pronta la sua linea difensiva: quei memo erano appunti personali, dunque non top secret, che si è sentito di condividere. Punto e basta. Tanto più che quei memo rappresentano una pratica a cui non aveva mai fatto ricorso prima, segno dell'urgenza sentita di mettere nero su bianco ogni sfumatura (linguaggio non verbale incluso) dei suoi incontri con il presidente. Un presidente che sempre oggi ha inviato messaggi contrastanti al Medio Oriente sul Qatar.

"Sfortunatamente è un Paese che storicamente ha finanziato il terrorismo a livelli alti", ha detto dal Rose Garden, da dove ha lodato per l'ennesima volta l'Arabia Saudita che ha capitanato luned" scorso l'isolamento diplomatico ed economico della nazione leader nell'esportazione di gas naturale. Poi però ha invitato tutti i Paesi arabi a fermare "immediatamente" il finanziamento al terrorismo "senza fare nomi". E il dipartimento di Stato, che poco prima aveva invitato al dialogo le nazioni arabe sostenendo che l'isolamento del Qatar ostacola le attività Usa di controterrorismo, si ritrova di nuovo a fare i conti con un leader imprevedibile.

Altri Servizi

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Dan Coats, il direttore dell'intelligence nazionale (Dni) degli Stati Uniti, ha detto che avrebbe preferito che il presidente Donald Trump non avesse incontrato, da solo, l'omologo russo, Vladimir Putin, come avvenuto luned" al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il capo dello spionaggio statunitense ha poi detto di non avere idea di cosa si siano detti i due leader. "Se mi avesse chiesto come fare, gli avrei suggerito un modo diverso" ha detto, intervistato all'Aspen Security Forum, ieri. "Ma non è il mio ruolo, non è il mio lavoro".

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Michael Cohen, ex avvocato di Donald Trump, ha segretamente registrato l'attuale presidente prima delle elezioni del 2016, mentre parlavano del pagamento a un'ex modella di Playboy, Karen McDougal, che sosteneva pubblicamente di aver avuto una relazione con lui. Lo rivela una fonte al New York Times, secondo cui la registrazione sarebbe stata sequestrata dall'Fbi nel raid compiuto recentemente nell'ufficio di Cohen.

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Due settimane prima del suo insediamento alla Casa Bianca, il presidente Donald Trump ha avuto accesso a informazioni segrete dell'intelligence che provavano il coinvolgimento in prima persona di Vladimir Putin nelle ingerenze russe nelle scorse elezioni presidenziali. Lo scrive il New York Times, secondo cui dai documenti emergeva che il presidente russo "ordinò personalmente gli attacchi informatici per influenzare le elezioni americane". Trump si sarebbe "convinto con riluttanza", vedendo i documenti il 6 gennaio dello scorso anno, due settimane prima del giuramento, secondo le fonti presenti all'incontro alla Trump Tower tra l'allora presidente eletto e l'intelligence. Tra le prove mostrate a Trump, c'erano messaggi e e-mail di funzionari dell'intelligence militare russa. Inoltre, c'erano anche informazioni ottenute da una fonte top-secret vicina a Putin, da cui emergeva il piano del Cremlino per influenzare le elezioni.

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.