Russiagate: Trump, è Comey il bugiardo

Il presidente Usa attacca l'ex direttore dell'Fbi da lui silurato. Mistero sull'esistenza delle registrazioni delle conversazioni tra i due. E sul Qatar manda messaggi contrastanti

La parola di Donald Trump contro quella di James Comey. Si inquadra così il botta e risposta indiretto tra il presidente americano e l'ex direttore dell'Fbi da lui silurato il 9 maggio scorso. All'indomani della prima testimonianza pubblica da allora del capo della polizia federale voluto da Barack Obama nel 2013, il leader americano è tornato ad attaccare. Prima su Twitter, dove ieri era rimasto sorprendentemente in silenzio sul tema, e poi durante la conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca con il presidente della Romania.

"Nonostante così tante affermazioni false e bugie, discolpa totale e completa...e WOW, Comey è un informatore (leaker)!". Con questo 'cinguettio' mattutino, il presidente americano si è vendicato di quanto affermato da quello che ormai è diventato il suo rivale ufficiale, un rivale che il giorno precedente lo aveva accusato di avere mentito agli americani e di avere screditato lui e l'Fbi sostenendo che l'Fbi stesso con Comey era nel caos. In pratica i due si accusano vicendevolmente di essere bugiardi.

Dal Rose Garden della Casa Bianca, Trump si è difeso: "Molte delle cose che [Comey] ha detto non sono vere. E in gran parte ha confermato quello che avevo detto io", ossia che il 45esimo presidente americano non era personalmente sotto inchiesta nell'ambito del Russiagate. Peccato che i dettagli forniti da Comey dimostrino come Trump abbia cercato di influenzare la gestione di quell'informazione (il presidente voleva che fosse annunciata pubblicamente in modo da rimuovere "la nuvola" dell'indagine). "Nessuna collusione" con la Russia, ha continuato. "Nessuna ostruzione della giustizia", che potrebbe comunque avere tentato di ostacolare con la richiesta di chiudere l'indagine sul suo ex consigliere alla Sicurezza nazionale, "il brav'uomo" Michael Flynn. Per Trump si tratta di "scuse da parte dei democratici, che hanno perso un'elezione che non volevano perdere". Anche perché, a suo parere, "non ho detto" di chiudere un'occhio sul caso Flynn "e anche se l'avessi fatto non ci sarebbe nulla di sbagliato". Posizione certamente opinabile.

In attesa di capire se ci sono registrazioni delle conversazioni tra i due ("ve lo dirò presto e ne sarete delusi"), la linea di difesa del magnate del mattone è l'attacco: Comey "è un informatore", motivo per cui sembra che l'avvocato personale di Trump voglia denunciare all'ispettore generale del dipartimento di Giustizia e alla commissione Giustizia del Senato un tale comportamento. Il riferimento è a quanto detto ieri dall'ex direttore dell'Fbi di fronte ai membri della commissione Intelligence del Senato, che sta indagando sul Russiagate, ossia che dopo essere stato licenziato aveva consegnato un memo su un incontro con il presidente a un amico affinché lo desse alla stampa nella speranza (poi diventata realtà) che l'inchiesta sulla Russia fosse affidata a un procuratore speciale. Comey ha però già pronta la sua linea difensiva: quei memo erano appunti personali, dunque non top secret, che si è sentito di condividere. Punto e basta. Tanto più che quei memo rappresentano una pratica a cui non aveva mai fatto ricorso prima, segno dell'urgenza sentita di mettere nero su bianco ogni sfumatura (linguaggio non verbale incluso) dei suoi incontri con il presidente. Un presidente che sempre oggi ha inviato messaggi contrastanti al Medio Oriente sul Qatar.

"Sfortunatamente è un Paese che storicamente ha finanziato il terrorismo a livelli alti", ha detto dal Rose Garden, da dove ha lodato per l'ennesima volta l'Arabia Saudita che ha capitanato luned" scorso l'isolamento diplomatico ed economico della nazione leader nell'esportazione di gas naturale. Poi però ha invitato tutti i Paesi arabi a fermare "immediatamente" il finanziamento al terrorismo "senza fare nomi". E il dipartimento di Stato, che poco prima aveva invitato al dialogo le nazioni arabe sostenendo che l'isolamento del Qatar ostacola le attività Usa di controterrorismo, si ritrova di nuovo a fare i conti con un leader imprevedibile.

Altri Servizi

Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"
World Bank

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Cinema, morto Verne Troyer, il "Mini me" di Austin Powers

L’annuncio sul suo profilo Facebook. Aveva 49 anni. Per Mike Myers era "un faro di positività"

Verne Troyer, l’attore americano conosciuto soprattutto per aver interpretato il ruolo di "Mini-Me" nella serie Austin Powers è morto sabato a Los Angeles all’età di 49 anni. Troyer, alto solo 81 centimetri, era affetto da nanismo e aveva raggiunto il successo sul grande schermo grazie al ruolo del perfido clone "tascabile" del cattivissimo Dottor Male, prima in 'Austin Powers: La spia che ci provava' e poi nel sequel del 2002 'Austin Powers in Goldmember'.

Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Padoan al prossimo governo: la strada delle riforme è quella giusta

Lagarde (Fmi): sfruttare la finestra ancora aperta, nuvole all'orizzone. Conteno (Eurogruppo): ottomista sull'Eurozona. Scholtz (finanze tedesche): contro gli euroscettici, avanti con riforme
AP

Da Washington, Pier Carlo Padoan ha rivendicato il lavoro fatto al ministero delle Finanze dal febbraio 2014 a oggi. E preparandosi a dire addio al suo incarico, ha lanciato un messaggio al prossimo governo (che fatica a prendere forma): "Non ci sono scorciatoie, la strada intrapresa [delle riforme] è quella giusta". Su questo è d'accordo il Fondo monetario internazionale, che ci chiede un piano "credibile e ambizioso" per portare avanti un consolidamento fiscale. Perché è vero che l'istituto guidato da Christine Lagarde ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita dell'Italia. Ed è vero che il debito sta migliorando, ma resta alto mettendo l'Italia tra i Paesi che - come ha avvertito il d.g. del Fondo Christine Lagarde - "potrebbero essere colpiti di più se le condizioni di mercato", ora favoravoli, "cambiano".

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

Visco: avanti con la crescita, ma senza dimenticare i vincoli

Il governatore di Banca d'Italia "fiducioso" nel senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni. Spagnoli più ricchi degli italiani? Padoan usa una metafora calcistica: le rimonte sono possibili.

Washington - E' essenziale che la crescita in Italia non subisca una battuta d'arresto. E che non si dimentichino i vincoli "formali e sostanziali" che vanno rispettati in termini di conti pubblici. E' questo il messaggio lanciato dal governatore di Banca d'Italia al futuro governo del nostro Paese, che non potrà non tenere conto del debito pubblico. Da Washington, dove si sono conclusi i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, Ignazio Visco si è detto "fiducioso" che nella futura classe dirigente italiana "ci sarà un grande senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni". La speranza è che chiunque sarà al governo prenda atto dei vincoli che "non si possono dimenticare" e di un debito che resta alto, anche se il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si aspetta che scenda maggiormente tra il 2018 e il 2020 passando al 123,9% dal 131,8% del 2017.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.