Russiagate, tutto quello che sappiamo sui rapporti con Mosca

Flynn, Comey e l'Fbi, i segreti di Israele sull'Isis. Trump rischia l'impeachment?

Potrebbe diventare uno dei più grandi scandali americani dal Watergate e portare Donald Trump verso la procedura di impeachment, proprio come Richard Nixon nel 1974. Ogni giorno si aggiungono nuovi dettagli nella lunga lista di contatti, errori, bugie e cambi di direzione nella questione dei rapporti tra il presidente americano e Mosca, il Russiagate. Ecco quello che sappiamo finora.

L'inizio Nell'estate del 2016 l'Fbi ha aperto una indagine sui rapporti tra alcuni membri della campagna elettorale di Donald Trump e l'intelligence russa, per capire se hanno influenzato l'andamento delle elezioni americane. L'ex direttore dell'Fbi ha confermato l'esistenza dell'inchiesta a marzo parlando davanti al Congresso. Tra le persone coinvolge ci sono l'ex consigliere di Trump, Carter Page, l'ex capo della campagna di Trump, Paul Manafort, e ancora l'ex consigliere per la sicurezza nazionale del presidente, Michael T. Flynn. Ma figurano anche gli incontri tra l'ambasciatore russo in America, Sergey Kislyak, e l'attuale segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, e il consigliere di Trump (e marito della figlia Ivanka) Jared Kushner.

Il caso Flynn Barack Obama in un incontro a dicembre con Trump aveva avvisato il futuro presidente sui rapporti di Flynn con il governo russo. Trump aveva deciso di nominarlo ugualmente a consigliere nazionale alla sicurezza. Tuttavia Flynn è stato obbligato alle dimissioni, il 14 febbraio scorso, dopo che ha mentito al vicepresidente Mike Pence sui suoi incontri con l'ambasciatore russo Kislyak. In questo momento continua a essere in corso una indagine.

Il licenziamento di Comey Ma la questione è peggiorata due settimane fa, il 9 maggio, quando a sorpresa Donald Trump ha licenziato il direttore dell'Fbi, James Comey. Ci sono state diverse versioni, la Casa Bianca si è più volte corretta e Trump ha sostenuto che essendo particolarmente impegnato non può controllare la precisione delle comunicazioni dei suoi portavoce. Trump ha ammesso di aver licenziato Comey per la questione russa, ma anche perché aveva perso credibilità all'interno dell'Fbi, notizia poi smentita dalla polizia federale. Inoltre Trump prima ha detto di aver licenziato Comey seguendo i consigli del dipartimento della Giustizia, poi ha detto di aver deciso prima e in autonomia.

La rivelazione di segreti alla Russia Nel frattempo un articolo del Washington Post di luned" sostiene che Donald Trump abbia rivelato segreti di intelligence nel corso dell'incontro con il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov. I segreti classificati fanno riferimento a informazioni fornite agli Stati Uniti da Israele sull'Isis. E potrebbero mettere in pericolo gli informatori infiltrati da Israele nell'Isis e allo stesso tempo rompere la fiducia all'interno della coalizione che combatte lo Stato islamico, soprattutto da parte dei Paesi europei.

La minaccia delle registrazioni Trump su Twitter ha inoltre minacciato Comey, sostenendo di avere delle registrazioni (non è chiaro se ci siano o meno) di una loro conversazione. Il presidente ha detto a Comey di stare attento a fare rivelazioni ai media visto che c'erano delle prove del loro colloquio. Il Congresso ha chiesto a Trump di consegnare queste registrazioni, sempre che esistano. Per ora non c'è stata alcuna risposta. 

Il memo di Comey Intanto il New York Times sostiene che in un memo Comey dice che Trump gli abbia chiesto di chiudere l'indagine su Flynn. "Mi auguro che tu la faccia andare", ha detto Trump a Comey, facendo riferimento all'inchiesta. La Casa Bianca ha negato, mentre alcuni repubblicani al Congresso hanno fatto sapere che se il memo fosse vero, potrebbero esserci gli estremi per la richiesta di impeachment. Ma un importante elemento da monitorare sono i movimenti delle prossime settimane: quanti consiglieri, collaboratori e politici repubblicani al Congresso continueranno o meno ad essere fedeli a Trump. Per ora un editoriale sul New York Times avvisa: tiratevi fuori prima che sia troppo tardi. 

Altri Servizi

Irma rallenta e vira verso Tampa, ma Miami in pericolo. Il governatore Scott: rischio potenzialmente mortale

Complessivamente, secondo gli esperti, Irma potrebbe lasciarsi alle spalle danni per oltre 200 miliardi di dollari, di cui 135 miliardi solo in Florida. Circa 9 milioni di persone potrebbero restare senza energia elettrica. Coprifuoco a Miami.
Ap

Ray Dalio punta sulla Cina: Bridgewater studia creazione maxi fondo

Bridgewater già gestisce miliardi di dollari investiti fuori dal Paese della Muraglia da istituzioni cinesi e dal Governo di Pechino.

La pizzeria diventa scuola di formazione anche in streaming e sui social

In un momento che si conferma favorevole per i prodotti Made in Italy all'estero, non più solo un simbolo dell'italianità, ma sempre più spunto culturale e turistico. L'esempio di Keste Pizza a New York.
Keste Pizza

Sale bilancio vittime terremoto in Messico, prosegue ricerca superstiti

Il presidente Enrique Pena Nieto, che ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale, si è recato nelle zone terremotate dello stato di Oaxaca.
AP

Irma tocca terra a Cuba e marcia verso la Florida

Lo stato della Florida ha ordinato l'evacuazione di 5,6 milioni di persone mentre il potente uragano Irma minaccia la zona sudorientale Paese. Allarme anche in South Carolina e in Georgia.
White House

I resort di Trump sulla rotta dell'uragano Irma

Mar-a-Lago, la "Casa Bianca d'inverno", dovrebbe resistere ai forti venti grazie anche all'uso di pietra italiana nella sua costruzione. Altri tre club a rischio in Florida. Se subirà danni, il presidente potrà accedere a fondi federali

Florida, curatore della casa-museo di Hemingway si rifiuta di lasciare le Key West

Si trova sulle isole a sud di Miami dove l'uragano Irma dovrebbe arrivare entro domenica. la casa fu residenza dello scrittore dal 1931 al 1939

I nazionalisti bianchi d'America amano Bashar al Assad

Ha la stessa visione di società "in salute" e "omogenea" che hanno i nazisti negli Stati Uniti
iStock

Equifax: oltre la metà degli americani colpita dal mega attacco hacker

Sono 143 milioni. Lo Stato di New York avvia un'inchiesta sull'intrusione dei pirati informatici nell'agenzia di controllo dei crediti. Verso audizione in commissione parlamentare. Titolo soffre seduta peggiore da 18 anni
Shutterstock

Uragano Irma, il governatore della Florida: "Il tempo per scappare sta per finire"

Ripetuti appelli delle autorità a lasciare le zone a rischio. La Fema: "In Florida mai vista una tempesta così". Sarà il quinto uragano a colpire la Florida con venti oltre 241 km/h
Ap