Salute mentale: Trump si paragona a Reagan (sbagliando)

The Ronald Reagan Presidential Foundation

Donald Trump ha iniziato la sua prima domenica del 2018 tornando ad attaccare, a colpi di tweet, il libro controverso sulla 'sua Casa Bianca', quello che lo ha portato a scomunicare una volta per tutte il suo ex stratega nonché direttore della fase finale della sua campagna elettorale del 2016. Lo ha fatto paragonando ancora una volta il trattamento ricevuto dai media a quello del 40esimo presidente americano Ronald Reagan.

Mentra il suo staff si preparava a presentarsi ai microfoni delle trasmissioni tv domenicali per screditare Steve Bannon, reo di avere rilasciato dichiarazioni poco lusinghiere all'autore del libro "Fire and Fury: Insiede the Trump White House", il 45esimo presidente americano ha scritto: "Ho dovuto fare i conti con le Fake News sin dal primo giorno in cui ho annunciato che avrei corso per la presidenza. Ora devo vedermela con un Fake Book, scritto da un autore totalmente screditato. Ronald Reagan ha avuto lo stesso problema e lo ha gestito bene. Lo farò anche io!".

La strategia della Casa Bianca, chiaramente, è continuare a ripetere che il libro è "pura fantasia" e pieno di falsità. Non a caso durante la trasmissione di Cnn "State of the Union", il consigliere presidenziale Stephen Miller ha attaccato Bannon definendolo "una persona arrabbiata e vendicativa" e dando del "grottesco" ai suoi commenti contenuti nel libro di Michael Wolff. Tralasciando il fatto che l'intervista di Miller si sia trasformata in un match con il giornalista Jake Tapper - cosa che ha portato Trump ad accusare nuovamente Cnn di diffondere "Fake News"  - è il paragone che Trump ha fatto di sé stesso con Reagan a sollevare altre polemiche.

Il miliardario di New York diventato leader Usa da sempre è un ammiratore del 40esimo inquilino della Casa Bianca. Quando, durante la campagna elettorale, promuoveva il motto "Make America Great Agaian", Trump disse che l'ultima volta in cui l'America era stata grandiosa  era durante la presidenza Reagan. L'attore diventato presidente americano è stato citato da Trump anche in merito alla riforma fiscale: quella approvata prima del Natale 2017 è stata la più grande da quella del 1986 voluta proprio da Reagan. Ma quando sabato 6 gennaio Trump è tornato a paragonarsi a Reagan, avrebbe forse dovuto pensarci due volte prima di farlo. Perché in quel caso lo ha fatto facendo riferimento a intelligenza e salute mentale. Secondo il 45esimo presidente, la cui adeguatezza mentale è messa in dubbio nel libro "Fire and Fury", i media stanno riutilizzando la loro strategia usata negli anni '80 (quando Reagan era presidente) per "gridare" mettendo in discussione la stabilità mentale dello stesso Trump.

E' vero che i media si sono interrogati sulla salute mentale del 40esimo presidente ma i loro dubbi risultarono poi giustificati dalla diagnosi di Alzheimer fatta nel 1994 e da dichiarazioni del figlio di Reagan del 2011, secondo cui il padre aveva mostrato sintomi della malattia mentre era nello Studio Ovale. Ecco perché per Trump, Reagan non è il paragone migliore a cui fare riferimento. Inoltre, i media non si interrogarono tanto sulla "stabilità e l'intelligenza" di Reagan quanto piuttosto sui suoi vuoti di memoria, spesso ovvii in pubblico. Quei lapsus portarono la rivista New Republic a chiedere all'America, attraverso la sua copertina, se Reagan soffrisse di demenza senile. E' il Washington Post stesso a ricordare che all'epoca il giornale si domandò in un articolo "cosa il presidente Reagan ha dimenticato e quando lo ha dimenticato?" in merito a scandali passati che travolsero Washington come la vendita di armi all'Iran nonostante un embargo in atto. Nel 1997 il New York Times tornò sull'argomento citando i medici della Casa Bianca, secondo cui la "competenza mentale" di Reagan durante la sua presidenza "non è mai stata messa in dubbio".

Sono parole che escono ripetutamente anche dalla Casa Bianca di Trump. Nel giorno dell'uscita anticipata del libro di Wolff, il segretario di Stato, Rex Tillerson, ha detto di non avere "alcuna ragione per mettere in dubbio la salute mentale" di Trump. Il giorno successivo il 45esimo Commander in chief si è vantato di essere un "genio", affermazione senza precedenti per un presidente Usa. Ventiquattro ore dopo il premier britannico Theresa May ha detto di non essere preoccupata dallo stato mentale di Trump; intervistata dalla Bbc, May ha detto che "quando ha a che fare con il presidente Trump, quello che vedo è qualcuno che è impegnato a garantire che le sue decisioni siano nel migliore interesse degli Stati Uniti". E' tutto da dimostrare quali siano i vantaggi di una valanga di tweet facilmente criticabili e che mettono a rischio la credibilità della prima economia e potenza al mondo.

Mentre May ha confermato che Trump nel 2018 andrà nel Regno Unito, non si è capito ancora se per una visita di stato e per una di rango più basso, la macchina da guerra anti-Bannon della Casa Bianca va avanti. E se Trump continua, stando ad Axios, a fare telefonate agli alleati chiedendo esplicitamente di scegliere tra lui e Bannon (i Mercer hanno scelto il primo), il presidente stesso e il suo staff dovrebbero studiare meglio il caso Reagan. Trump ha rubato a Reagan (per pochi mesi) il titolo di presidente eletto più anziano della storia americana. Per lui, usare il suo mito potrebbe essergli utile per dimostrare che anche se ha 71 anni, può essere un presidente capace di intendere e volere. Il paragone con Reagan tuttavia non aiuta a screditare la stampa interessata a capire se Trump sia mentalmente stabile.

 

Altri Servizi

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

L'amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha deciso di donare 33 milioni di dollari in mille borse di studio destinate ai cosiddetti Dreamers, le persone entrate quando erano bambine negli Stati Uniti e che tutt'ora sono prive di un permesso di soggiorno.

Golden Globe: Oprah Winfrey invoca un "nuovo giorno"

"Tre manifesti a Ebbing, Missouri" vince quattro premi, tanti quanti "Big Little Lies". Guillermo del Toro migliore regista con "La forma dell’acqua". Italiani a bocca asciutta
AP

L'edizione 2018 dei Golden Globe verrà forse ricordata per il suo tono moderato, per nulla entusiasmante e insolitamente piatto. In una Hollywood ancora sconvolta dallo scandalo di molestie sessuali, esploso a ottobre con le accuse di molestie che hanno travolto il produttore Harvey Weinstein e che hanno poi travolto altri pesi massimi del settore, il mondo del cinema si è riunito al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles all'insegna della pacatezza. Persino Seth Meyers, non proprio a suo agio nei panni di presentatore di un evento simile, è stato misurato nelle sue comparse centellinate durante la cerimonia ma il comico ha toccato con la sua tipica ironia da precisione il tema dominante della serata, un tema che grazie a Oprah Winfrey ha raggiunto l'apice dando una maggiore autorevolezza al neo nato "Time's Up", fondo per il sostegno legale a donne che sono state vittime di molestie sul posto di lavoro. L'accessorio politico della serata sono state spille a tema.

Con Trump, ingressi di rifugiati in Usa verso i minimi del 1980

Tra ottobre e dicembre a circa 5.000 è stato consentito mettere piede su suolo americano; si tratta di una cifra decisamente inferiore a quella registrata nello stesso periodo negli ultimi anni
AP

Le regole più severe imposte da Donald Trump dallo scorso ottobre rischiano di portare ai minimi del 1980 il numero di rifugiati ammessi negli Stati Uniti. Nel primo trimestre dell'anno fiscale 2018, iniziato il primo ottobre 2017, a circa 5.000 rifugiati è stato consentito mettere piede su suolo americano; si tratta di una cifra decisamente inferiore a quella registrata nello stesso periodo negli ultimi anni. A meno che ci sia un'accelerazione nei mesi a venire, il numero di rifugiati che potrà arrivare in Usa sarà inferiore al tetto da 45.000 imposto dal 45esimo presidente americano nell'autunno scorso. Quel tetto è il più basso da quando il programma di rifugiati fu avviato 38 anni fa.

"Hawaii sotto attacco missilistico. Cercate riparo". Il falso allarme scatena il caos nelle isole

Le "Hawaii sono sotto attacco missilistico. Cercate riparo immediato. Questa non è un'esercitazione". Questo messaggio è comparso sui cellulari degli americani, facendo immediatamente scattare l'allarme. Era un falso allarme

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Trump gode di una salute eccellente (ma fa poco sport)

Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.
AP

Troppi estremisti sui social: Facebook e Google al Senato Usa per spiegare cosa faranno

Nonostante le promesse e gli sforzi degli ultimi anni, sembra infatti che i colossi non riescano a eliminare queste posizioni radicali e radicalizzate dai loro siti.
iStock

Italia, Dbrs avverte: stabilità prossimo governo a rischio, non escluse nuove elezioni

L'agenzia canadese conferma il rating BBB (High) e l'outlook stabile. La ripresa continua. Debito pubblico e Npl ancora alti. Dalla chiamata alle urne del 4 marzo non si aspetta un vincitore. Ipotizza coalizione guidata da M5S