Salute mentale: Trump si paragona a Reagan (sbagliando)

The Ronald Reagan Presidential Foundation

Donald Trump ha iniziato la sua prima domenica del 2018 tornando ad attaccare, a colpi di tweet, il libro controverso sulla 'sua Casa Bianca', quello che lo ha portato a scomunicare una volta per tutte il suo ex stratega nonché direttore della fase finale della sua campagna elettorale del 2016. Lo ha fatto paragonando ancora una volta il trattamento ricevuto dai media a quello del 40esimo presidente americano Ronald Reagan.

Mentra il suo staff si preparava a presentarsi ai microfoni delle trasmissioni tv domenicali per screditare Steve Bannon, reo di avere rilasciato dichiarazioni poco lusinghiere all'autore del libro "Fire and Fury: Insiede the Trump White House", il 45esimo presidente americano ha scritto: "Ho dovuto fare i conti con le Fake News sin dal primo giorno in cui ho annunciato che avrei corso per la presidenza. Ora devo vedermela con un Fake Book, scritto da un autore totalmente screditato. Ronald Reagan ha avuto lo stesso problema e lo ha gestito bene. Lo farò anche io!".

La strategia della Casa Bianca, chiaramente, è continuare a ripetere che il libro è "pura fantasia" e pieno di falsità. Non a caso durante la trasmissione di Cnn "State of the Union", il consigliere presidenziale Stephen Miller ha attaccato Bannon definendolo "una persona arrabbiata e vendicativa" e dando del "grottesco" ai suoi commenti contenuti nel libro di Michael Wolff. Tralasciando il fatto che l'intervista di Miller si sia trasformata in un match con il giornalista Jake Tapper - cosa che ha portato Trump ad accusare nuovamente Cnn di diffondere "Fake News"  - è il paragone che Trump ha fatto di sé stesso con Reagan a sollevare altre polemiche.

Il miliardario di New York diventato leader Usa da sempre è un ammiratore del 40esimo inquilino della Casa Bianca. Quando, durante la campagna elettorale, promuoveva il motto "Make America Great Agaian", Trump disse che l'ultima volta in cui l'America era stata grandiosa  era durante la presidenza Reagan. L'attore diventato presidente americano è stato citato da Trump anche in merito alla riforma fiscale: quella approvata prima del Natale 2017 è stata la più grande da quella del 1986 voluta proprio da Reagan. Ma quando sabato 6 gennaio Trump è tornato a paragonarsi a Reagan, avrebbe forse dovuto pensarci due volte prima di farlo. Perché in quel caso lo ha fatto facendo riferimento a intelligenza e salute mentale. Secondo il 45esimo presidente, la cui adeguatezza mentale è messa in dubbio nel libro "Fire and Fury", i media stanno riutilizzando la loro strategia usata negli anni '80 (quando Reagan era presidente) per "gridare" mettendo in discussione la stabilità mentale dello stesso Trump.

E' vero che i media si sono interrogati sulla salute mentale del 40esimo presidente ma i loro dubbi risultarono poi giustificati dalla diagnosi di Alzheimer fatta nel 1994 e da dichiarazioni del figlio di Reagan del 2011, secondo cui il padre aveva mostrato sintomi della malattia mentre era nello Studio Ovale. Ecco perché per Trump, Reagan non è il paragone migliore a cui fare riferimento. Inoltre, i media non si interrogarono tanto sulla "stabilità e l'intelligenza" di Reagan quanto piuttosto sui suoi vuoti di memoria, spesso ovvii in pubblico. Quei lapsus portarono la rivista New Republic a chiedere all'America, attraverso la sua copertina, se Reagan soffrisse di demenza senile. E' il Washington Post stesso a ricordare che all'epoca il giornale si domandò in un articolo "cosa il presidente Reagan ha dimenticato e quando lo ha dimenticato?" in merito a scandali passati che travolsero Washington come la vendita di armi all'Iran nonostante un embargo in atto. Nel 1997 il New York Times tornò sull'argomento citando i medici della Casa Bianca, secondo cui la "competenza mentale" di Reagan durante la sua presidenza "non è mai stata messa in dubbio".

Sono parole che escono ripetutamente anche dalla Casa Bianca di Trump. Nel giorno dell'uscita anticipata del libro di Wolff, il segretario di Stato, Rex Tillerson, ha detto di non avere "alcuna ragione per mettere in dubbio la salute mentale" di Trump. Il giorno successivo il 45esimo Commander in chief si è vantato di essere un "genio", affermazione senza precedenti per un presidente Usa. Ventiquattro ore dopo il premier britannico Theresa May ha detto di non essere preoccupata dallo stato mentale di Trump; intervistata dalla Bbc, May ha detto che "quando ha a che fare con il presidente Trump, quello che vedo è qualcuno che è impegnato a garantire che le sue decisioni siano nel migliore interesse degli Stati Uniti". E' tutto da dimostrare quali siano i vantaggi di una valanga di tweet facilmente criticabili e che mettono a rischio la credibilità della prima economia e potenza al mondo.

Mentre May ha confermato che Trump nel 2018 andrà nel Regno Unito, non si è capito ancora se per una visita di stato e per una di rango più basso, la macchina da guerra anti-Bannon della Casa Bianca va avanti. E se Trump continua, stando ad Axios, a fare telefonate agli alleati chiedendo esplicitamente di scegliere tra lui e Bannon (i Mercer hanno scelto il primo), il presidente stesso e il suo staff dovrebbero studiare meglio il caso Reagan. Trump ha rubato a Reagan (per pochi mesi) il titolo di presidente eletto più anziano della storia americana. Per lui, usare il suo mito potrebbe essergli utile per dimostrare che anche se ha 71 anni, può essere un presidente capace di intendere e volere. Il paragone con Reagan tuttavia non aiuta a screditare la stampa interessata a capire se Trump sia mentalmente stabile.

 

Altri Servizi

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle.