Sanders conquista (di nuovo) i newyorchesi. Apprezza l'Italia e attacca Trump

Due giorni prima delle primarie nell'Empire State, comizio del candidato democratico a Brooklyn.In 27mila ad ascoltarlo. Il nostro Paese citato per il servizio sanitario nazionale

“Nessun presidente, né Bernie Sanders né nessun altro può farcela da solo. L’unico modo che abbiamo per cambiare veramente le cose è stare uniti”. Con queste parole, il candidato democratico, Bernie Sanders, si è rivolto a una folla di ventisettemila sostenitori, durante un comizio tenutosi domenica nel cuore di Prospect Park, a Brooklyn. Vari gli argomenti trattati: dalle critiche a Donald Trump alla citazione dell'Italia come modello da seguire in materia di organizzazione sanitaria.

La giornata è serena. Il cielo è terso, limpido. Il sole si fa sentire, nonostante un leggero venticello piacevole. E’ dalle 8 del mattino che diversi sostenitori sono in fila. La polizia dovrebbe iniziare a far passare da mezzogiorno. Gli attivisti sono molti e particolarmente indaffarati. Come sempre, raccolgono indirizzi, distribuiscono gadget ma soprattutto reclutano nuovi volontari: il 19 aprile si voterà infatti nell’Empire State. E i sondaggi danno al momento in testa Hillary Clinton di ben dodici punti percentuali. Occorre lo sforzo di tutti per farcela, mentre quella che la stampa locale ha già battezzato la “battaglia di New York” infuria più dura che mai. Sanders ce la sta mettendo tutta. A fine marzo è stato nel Bronx, la settimana scorsa due volte nella natia Brooklyn. Proprio a Brooklyn è tornato oggi, nel tentativo di compiere il miracolo. E il suo esercito è con lui. Perché sa che le elezioni del 19 costituiranno uno spartiacque: un’imprescindibile linea, che deciderà le sorti di queste primarie.

I presenti sono allegri: non vedono l’ora di ascoltare il proprio idolo. Qualcuno è arrabbiato con i media, considerati troppo vicini a Hillary Clinton. Qualcuno parla dei cambiamenti ambientali. Qualcun altro, un po’ tristemente, non si dice così ottimista su un’eventuale vittoria a New York: molti sostenitori non si sono registrati in tempo per votare e ciò prevedibilmente favorirà la candidata dell’establishment. Anche per questo non è infrequente imbattersi in critiche verso l’apparato del partito democratico, tacciato da molti di creare regole sterilmente complesse, al solo fine di imbrigliare la volontà popolare.

E’ mezzogiorno. Finalmente si passa. Come di consueto, i controlli della polizia risultano piuttosto rigidi. Il sevizio di sicurezza fa accedere in un ampio spiazzo, dove sorge il palchetto da cui parlerà Sanders. Di fronte, una tribuna per i giornalisti. Il resto al popolo.

La fila dei sostenitori si allunga. Diventa chilometrica, interminabile. Ne affiorano a frotte, mentre lo spiazzo va rapidamente riempiendosi. La folla è fitta ma disciplinata, collaborativa. Un anziano accusa un malore a causa del sole. E alcuni accorrono per aiutarlo. Nel mezzo della fiumana il caldo aumenta, intervallato appena dagli attimi di refrigerio, di un venticello intermittente. Le persone sono in fibrillazione. Si vedono bandiere e striscioni ovunque, con gli slogan più disparati. Uno tiene a rimarcare che “La via della libertà esclude quella dell’ambiguità” (riferimento a Hillary Clinton?). Un altro sostiene che Sanders sarebbe il genuino erede della storica tradizione democratica, da Franklin D. Roosevelt a Martin Luther King, passando per J. F. Kennedy. Una spilletta invece ritrae Papa Francesco a fianco di un Bernie Sanders vestito da San Francesco, mentre entrambi sostengono la colomba della pace. Si chiacchera, si fuma, si discute. Intanto le ore passano. E la folla continua a ingigantirsi.

Intorno alle 15,30 ha inizio l’evento. Alcuni artisti si avvicendano sul palco, cantando canzoni dedicate a Bernie Sanders e usando come ritornello lo slogan “Feel The Bern”. Il popolo gradisce, applaude, risponde. Poi, è la volta di Tulsi Gabbard, deputata democratica delle Hawaii: uno dei pochi superdelegati che al momento appoggia il senatore del Vermont. Gabbard ricorda di essere una veterana della guerra in Iraq e sostiene fermamente di vedere in Sanders il candidato migliore per affrontare le questioni di politica estera: “Sono convinta che ha il giudizio e l’intelligenza per prendere buone decisioni sulle fondamentali questioni della guerra e della pace”.

Il momento si avvicina. Sale sul palco l’attore Danny DeVito: “Sono felice di introdurvi oggi l’uomo che sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti! L’uomo che non guarda in faccia nessuno, se non il popolo. Noi voteremo e metteremo quest’uomo a Pennsylvania Avenue, alla Casa Bianca. Signore e signori, abbiamo qui un ragazzo di Brooklyn! Signore e signori, il prossimo presidente degli Stati Uniti: Bernie Sanders!”.

Al coro di “Bernie! Bernie!”, Sanders sale sul palco: blazer blu, camicia celeste, senza cravatta. Come al solito, il vento gli spettina i capelli, conferendogli tuttavia un’aria gagliarda, vigorosa, giovanile, da vero rivoluzionario. E’ il tripudio. La folla è in adorazione: cartelli, pugni chiusi e dita a V. Canti, coretti, urla isteriche. Sembra quasi un concerto rock. E un certo spirito alla Woodstock circola nell’aria.

Il tempo di ricevere l’ovazione e il senatore del Vermont parte subito all’attacco. Rivendica innanzitutto con orgoglio il successo della sua discesa in campo: “Questa è una campagna che ha coinvolto milioni di persone nel processo politico. I giovani e i lavoratori sono stufi marci della politica e dell’economia dell’establishment. Vogliamo un governo che rappresenti tutti noi e non soltanto l’1%”. Quindi prosegue: “Il popolo non sta solo scegliendo un nuovo presidente ma sta decidendo di trasformare l’America!”

Numerose critiche vanno poi alla rivale, Hillary Clinton, tacciata ancora una volta di essere una marionetta al soldo di Wall Street e dei Super PAC. “Abbiamo un sistema di finanziamento elettorale corrotto, manovrato dalle grandi banche e dai poteri forti”, tuona il senatore, mentre la folla applaude. Poi è la volta della politica estera: “Nel 2002 io e il Segretario Clinton eravamo insieme al Senato. Ascoltammo le stesse testimonianze da George Bush e Dick Cheney sulla necessità di un intervento in Iraq. Io ascoltai molto attentamente e non credetti alle loro parole. La senatrice Clinton votò invece a favore di quella guerra disastrosa”. Sanders quindi prosegue, attaccando l’avversaria sul fronte dell’interventismo bellico, rimproverandole il disastro della guerra in Libia. “Non ha pensato a che cosa sarebbe potuto accadere il giorno dopo!”.

Il senatore del Vermont va quindi avanti, attaccando quanti accusano la sua campagna di utopia e radicalismo: “E’ vero: stiamo facendo una cosa veramente radicale. Stiamo dicendo la verità”. Poi chiama a raccolta i suoi: “La Storia ci consegna una lezione. Nessun presidente, né Bernie Sanders né nessun altro può farcela da solo. L’unico modo che abbiamo per cambiare veramente le cose è stare uniti. I media e la grande finanza sono molto potenti. Nessun presidente da solo può fare quello che deve essere fatto. E quello che deve essere fatto ha bisogno del concorso di milioni di persone che pretendano dal governo di essere rappresentate”. Sono parole dure, decise, vigorose. Ma anche malinconiche. Non è una resa. Ma la consapevolezza semmai della difficoltà. E la potenza di marciare verso uno scontro all’ultimo sangue, apocalittico. Perché il suo popolo ha le idee chiare su queste elezioni: o lui o nessuno. E se anche il 19 aprile dovesse palesarsi la sconfitta, la lotta proseguirà. Senza paura.

Come nel Bronx tre settimane fa, anche oggi il senatore afferma che per vincere a New York occorrerà un’alta affluenza, invitando i presenti a coinvolgere quante più persone nel processo elettorale, per dare con successo la scalata a uno storico feudo dei Clinton. A un certo punto cita addirittura l’Italia (insieme ad altri paesi europei) come esempio di quel servizio sanitario per tutti che lui sta proponendo di istituire all’interno degli Stati Uniti. “La sanità è un diritto di tutti, non un privilegio. Le più grandi nazioni al mondo: Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Canada: tutte queste nazioni considerano la sanità un diritto per tutte le persone!”.

Passa quindi alla difesa delle minoranze, ricordando come molte conquiste civili recentemente ottenute risultassero mere fantasie utopistiche soltanto sino a pochi anni fa. Infine, affondo durissimo contro il front runner repubblicano Donald Trump (grande favorito per la vittoria delle primarie Gop il 19 aprile). “Donald Trump non sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti. Non sarà presidente, perché gli americani non sosterranno un candidato che insulta messicani e ispanici, che insulta i musulmani e gli islamici di tutto il mondo, che insulta le donne, che insulta i veterani, che insulta la comunità afroamericana. Non dimentichiamoci che in passato Trump è stato leader del movimento dei birther, che cercava di delegittimare il primo presidente afroamericano della Storia”. E conclude: “Donald Trump non sarà presidente, perché alla fine dei giochi gli americani capiranno che la nostra forza è nella diversità. Gli americani capiranno la lezione delle grandi religioni: Cristianesimo, Ebraismo, Islam, Buddhismo: che alla fine l’amore vince sull’odio”.

Tra l’acclamazione della folla, Sanders abbandona il palco. Lo scontro decisivo sarà tra pochissimi giorni. I sondaggi lo danno in svantaggio e l’establishment partitico e finanziario è contro di lui. La strada nell’Empire State sembra dunque in salita. E la battaglia di New York potrebbe alla fine perderla. Ma a giudicare dalle folle raccolte a Prospect, Flatbush, Washington Square e nel Bronx, una cosa è certa: la battaglia del popolo lui l’ha già vinta.

Altri Servizi

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

Wall Street, prosegue il momento positivo

Indici verso la migliore settimana in oltre un anno
iStock
AP

Non c'erano dubbi ma il 19enne che nel giorno di San Valentino ha aperto il fuoco e ucciso 17 persone nel suo ex liceo in Florida ha ammesso di essere lui l'autore di quella che è stata una delle peggiori sparatorie avvenute dentro un istituto scolastico della storia moderna americana. Dopo essere stato catturato, Nikolas Cruz ha detto agli agenti di polizia di avere "iniziato a sparare agli studenti che vedeva nei corridoi e intorno alla scuola" una volta arrivato sul posto. E' quanto è emerso dal rapporto del suo arresto, pubblicato ieri nel tardo pomeriggio americano.

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Quello di venerdì è stato il quinto rinvio a giudizio per cittadini o società russe accusate di aver influenzato le elezioni presidenziali americane del 2016. Tuttavia si tratta del primo del procuratore speciale, Robert Mueller, che dal maggio del 2017 sta indagando sul Russiagate e sulle possibili connessioni tra il Cremlino e alcuni membri del comitato elettorale di Donald Trump.

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

L'Iran sta costruendo e armando una rete sempre più potente di alleati che combattono 'per procura' in Medio Oriente contro i governo locali. Lo ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense, l'ammiraglio H.R. McMaster, intervenendo all'annuale Conferenza internazionale sulla sicurezza di Monaco di Baviera, in Germania. "Ciò che è particolarmente preoccupante è che questa rete sta diventando sempre più capace e l'Iran continua a seminare...armi distruttive tra questi network" ha detto McMaster. "Per questo è il momento, credo, di agire contro l'Iran".

Il piano infrastrutturale di Trump

Previsti progetti da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni ma il governo federale ce ne mette solo 200 miliardi. L'amministrazione Usa conta su stati, municipalità e privati
iStock

Lo aveva promesso sin dalla notte della sua vittoria elettorale nel novembre 2016. Oltre un anno dopo, il presidente americano Donald Trump ha finalmente presentato un piano per progetti infrastrutturali da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni, che rischia però di deludere. Il governo federale è pronto a impegnarsi a investire solo 200 miliardi di dollari. Inoltre, l'iniziativa ha di fronte a sé un futuro incerto al Congresso, che deve trovare i fondi per finanziarla e deve legiferare in materia.

Bridgewater sempre più pessimista sull'Europa. Scommesse contro l'azionario a 22 miliardi di dollari

Il più grande hedge fund al mondo ha iniziato le sue posizioni short dall'Italia, arrivate a 3 miliardi di dollari
Ray Dalio, Bridgewater AP

Il più grande hedge fund al mondo, quello che negli ultimi tre mesi ha triplicato le sue scommesse contro banche e gruppi assicurativi italiani in vista delle elezioni del 4 marzo, ha ulteriormente alzato le sue scommesse ribassiste contro le più grandi aziende europee.

Strage in Florida: Trump ancora una volta non parla di controllo delle armi

Il presidente americano ha proposto maggiore sicurezza nelle scuole e più impegno per la salute mentale dei cittadini americani. L'Fbi era stata avvertita della pericolosità di Cruz nel settembre del 2017

Ancora una volta Donald Trump non fa riferimento a leggi più severe sul controllo delle armi, commentando la strage avvenuta mercoledì in una scuola a Parkland, in Florida, in cui sono morte 17 persone. Il presidente americano ha parlato dell'importanza di nuove misure di sicurezza nelle scuole e dei problemi di salute mentale negli Stati Uniti. Un'ora prima, il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ha seguito la stessa linea, promettendo maggiori controlli, parlando di problemi mentali e infine incolpando le gang. 

Dimon (Jpm) è il banchiere meglio pagato per secondo anno di fila

Nel 2017, compensi per 29,5 milioni (+5%). Per Gorman (Morgan Stanley) +20% a 27 milioni. Per Blankfein (Goldman) +9% a 24 milioni di dollari. Per Corbat (Citigroup) +48% a 23 milioni
Wikimedia Commons

James Dimon, il numero uno di JP Morgan, si è confermato il banchiere meglio pagato a Wall Street per il secondo anno di fila: nel 2017 ha ricevuto compensi per 29,5 milioni di dollari , il 5% in più sul 2016.

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.