Sanità Usa, la riforma fiscale cancella l'obbligo di assicurarsi voluto da Obama

L'individual mandate considerato fondamentale per il successo dell'Affordable Care Act

La riforma fiscale degli Stati Uniti, che oggi otterrà il via libera definitivo della Camera, avrà un'importante ripercussione, dagli effetti non ancora calcolabili, sulla sanità: cancellerà infatti l'obbligo per i cittadini di stipulare una polizza assicurativa (individual mandate), pena il pagamento di una multa, che era stato uno dei punti centrali dell'Affordable Care Act, ovvero la riforma sanitaria del 2010 voluta dal presidente Barack Obama.

L'obbligo era stato per anni inutilmente contrastato dai repubblicani, incapaci di convincere la Corte Suprema ad abolirlo e di cancellarlo con le loro iniziative in Congresso. A causa della cancellazione dell'obbligo di avere una copertura assicurativa sanitaria, ci saranno 13 milioni di persone in più senza assicurazione nei prossimi dieci anni, per scelta o per incapacità a pagarla, secondo i calcoli del Congressional Budget Office. Infatti, secondo l'agenzia federale che fornisce dati economici al Congresso, il costo delle polizze sui mercati (marketplaces) creati dall'Obamacare per acquistare le assicurazioni aumenterà del 10 per cento.

L'obbligo individuale è "fondamentale" per il corretto funzionamento dei mercati assicurativi, ha detto Sam Berger, analista del Center for American Progress, al sito HealthDay, che si occupa di informazione sanitaria. L'obbligo, infatti, spinge più persone, soprattutto i più giovani e in salute, a comprare un'assicurazione, consentendo di tenere i costi più bassi per tutti. Ed Haislmaier, ricercatore del think tank conservatore The Heritage Foundation, ha invece detto che le persone staranno meglio senza l'obbligo, visto che si tratta di una tassa ingiustificata, mettendo poi in dubbio la sua efficacia nel convincere le persone ad assicurarsi.

Altri Servizi

Wall Street punta a nuovi record

Oggi trimestrale di Citigroup alle 8 (le 14 in Italia). Fiat Chrysler Automobiles presenta un nuovo Cherokee (Suv di Jeep) alle 8:30 (le 14:30 in Italia)
AP

Ferrari: Marchionne promette, saremo i primi a fare super car elettrica

Per il manager di Fca potrebbe già essere nel prossimo piano industriale

Sarà stato anche un "concetto quasi osceno", come aveva detto al salone dell'auto di Ginevra nel 2016, ma quasi due anni dopo una Ferrari elettrica non è più da escludere. Anzi. "Potrebbe essere nel piano" industriale prossimo. Parola di Sergio Marchionne. L'amministratore delegato e presidente del Cavallino Rampante sa bene che l'esperienza di guidare una Ferrari sta nel suono aggressivo prodotto dal motore ma "se si deve costruire una super car elettrica, Ferrari sarà la prima a farla. E' dovuto".

Fca scommette su Jeep e Ram. Marchionne, "non abbiamo bisogno di nessuno"

Il gruppo tira dritto da stand alone. Target 2017 e 2018 confermati. Dividendo? Meglio un buyback. Un futuro in politica? "Nemmeno di notte"
Fca

Detroit - Per avere più chiarezza sul futuro di Fiat Chrysler Automobiles in Italia bisognerà aspettare il nuovo piano industriale, che verrà presentato il primo giugno prossimo con ogni probabilità a Balocco. Ma la rotta del gruppo, specialmente in Usa, sembra comunque già tracciata e destinata a passare attraverso i veicoli che rendono di più: pickup truck e Suv. "L'azienda ci ha visto lungo spostando la sua attenzione dalle auto ai light truck in Usa", ha detto alla stampa Sergio Marchionne, confermando i target del 2017 e del 2018, anno in cui potrebbe esserci lo spinoff di Magneti Marelli con quotazione solo a Milano.

Wall Street chiusa per il Martin Luther King Day

Non sono in calendario dati e trimestrali, riflettori puntati sul salone dell'Auto di Detroit
AP

Trump all'attacco: non sono razzista, su immigrazione democratici mi ostacolano

Il presidente ha spiegato di voler concludere un accordo sull'immigrazione, ma di essere ostacolato dagli avversari democratici: "Noi siamo pronti, desiderosi e capaci di ottenere un accordo sui Daca", ha detto.
AP

"Non sono razzista. Sono la persona meno razzista che abbiate intervistato, questo lo posso dire per certo". Donald Trump, parlando dalla Florida, prova ancora a gettare acqua sul fuoco delle polemiche, come aveva già fatto venerdì, e a placare il vespaio scatenato da alcune sue presunte frasi molto poco "politically correct" su Paesi come Haiti riportate la settimana scorsa dal Washington Post.

Spotify vuole rivoluzionare le Ipo a Wall Street: per banche commissioni più basse

I tre adviser di Spotify, Goldman Sachs, Morgan Stanley e Allen & Co, si divideranno probabilmente commissioni per 30 milioni di dollari, cifra che potrebbe cambiare in base alle dimensioni della società al momento del debutto e al successo della quotazio
iStock

Spotify ha rivoluzionato il mondo della musica con il proprio servizio di streaming. Ora la società svedese si prepara a fare lo stesso anche con Wall Street: le banche che stanno lavorando alla quotazione del gruppo, che seguirà una procedura inconsueta, riceveranno commissioni molto più basse rispetto a quelle consuete.

Per Astaldi contratto da 108 milioni di dollari per costruire una tratta autostradale in Usa

È prevista la costruzione di 8 chilometri di nuova autostrada lungo il tracciato State Road 429–State Road 46 (Wekiva Parkway, Sezione 7A), compresi 12 ponti e tutte le opere connesse.

Contratto negli Stati Uniti per Astaldi. La società, uno dei principali contractor in Italia e tra i primi 25 a livello europeo nel settore delle costruzioni, si è aggiudicata un appalto da 108 milioni di dollari per la realizzazione di una tratta dell'autostrada Wekiva Parkway, in Florida.

La nipote di Martin Luther King difende Trump: "Non è razzista e le sue politiche aiutano gli afroamericani"

Nel giorno in cui si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, la figlia del fratello minore del premio Nobel per la Pace difende il presidente, che dice: "Il sogno di Martin Luther King è il nostro sogno, è il sogno americano".

La nipote di Martin Luther King difende Donald Trump. Alveda King, figlia del fratello minore del premio Nobel per la Pace, ex deputata democratica statale in Georgia e ora dichiaratamente repubblicana e collaboratrice di Fox News, ha preso le parti del presidente degli Stati Uniti, sottolineando le opportunità economiche che sta dando agli afroamericani.

General Electric: oneri 6,2 mld $ in IV trim. su revisione attività assicurative

Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).
General Electric

General Electric ha fatto sapere che la revisione di North American Life & Health, il portafoglio assicurativo in run-off di Ge Capital, porterà a oneri straordinari per 6,2 miliardi di dollari al netto delle tasse nel quarto trimestre. Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).

Fca: in Italia Marchionne chiede tempo, ci impegniamo come in Usa

La stretegia passa per Jeep e marchi premium Maserati e Alfa Romeo. Il Ceo su Renzi? Quello "che appoggiavo io non l'ho più visto da un po'"

Detroit - "Non lo so". Da Detroit, Sergio Marchionne non ha promesso che in Italia si arrivi ad avere una piena occupazione come previsto dal piano industriale al 2018. Ma mentre i sindacati come Fiom hanno interpretato quelle parole come conferma del fatto che gli stabilimenti italiani non sono al centro dell'attenzione di Fiat Chrysler Automobiles, il Ceo del gruppo ha lanciato un altro messaggio ai lavoratori italiani: "L'impegno, come lo abbiamo preso qui [in Usa], lo prendiamo anche in Italia".