Sawant, una socialista a Seattle

Originaria dell'India, è stata eletta al Consiglio cittadino con una campagna elettorale sui diritti dei lavoratori e sulla necessità di alzare a 15 dollari all'ora il salario minimo

Kshama Sawant ha 41 anni, una laurea in ingegneria informatica a Mumbai e un dottorato in economia alla North Carolina State University. E' immigrata dall'India negli anni '90, dal 2010 è cittadina degli Stati Uniti. E sarà la prima socialista a sedere al Consiglio cittadino di Seattle dal 1877.

Dopo aver conquistato un seggio alle ultime elezioni per il Consiglio cittadino, composto da nove membri, Sawant entrerà in carica dal primo gennaio come rappresentante del partito Alternativa socialista, diventando uno dei pochi socialisti in carica nelle istituzioni nazionali, in un Paese dove è raro associare a un politico l'ideale di uguaglianza.

Sawant ha sposato completamente la causa socialista, influenzata dal suo passato in India, dove ha vissuto le enormi disparità tra ricchi e poveri, e scioccata dall'aver trovato simili ineguaglianze negli Stati Uniti, dove ha abbandonato i suoi studi informatici per dedicarsi interamente all'economia. La vita in America ha rafforzato e radicalizzato le sue idee, tanto che la soluzione praticamente valida per ogni problema - ha fatto notare ironicamente il New York Times, che le ha dedicato un ritratto - è proprio il socialismo. Il socialismo porta alla democrazia reale, il socialismo protegge l'ambiente; il socialismo è la speranza per i giovani, in un'economia senza futuro come quella attuale. "Il messaggio da portare a casa per la sinistra in generale è che la gente sta cercando delle alternative. Se mi chiedete come socialista cosa meritano i lavoratori, vi rispondo che meritano il valore di quello che producono" ha detto in un'intervista dopo la vittoria alle elezioni di novembre.

A Seattle, la sua voce potrebbe essere ascoltata non solo da chi l'ha votata, ma anche dal sindaco Ed Murray, democratico, ex membro della Camera e del Senato dello Stato di Washington, che ha promosso la battaglia per il riconoscimento dei matrimoni tra persone dello stesso sesso e ha promesso il proprio sostegno per il progetto politico centrale nella campagna elettorale di Sawant: l'aumento del salario minimo in città a quindici dollari all'ora, uno stipendio senza eguali in tutto il Paese. In una recente intervista, il nuovo sindaco ha dichiarato che è arrivato il momento in tutti gli Stati Uniti di affrontare il problema dell'ineguaglianza salariale. Magari partendo proprio da Seattle, di cui gli storici ricordano le battaglie dei lavoratori, lo sciopero generale del 1919, il movimento anarchico che ancora oggi dà segni di vita, la presenza costante di una sinistra critica del capitalismo.

Sawant, prima di tentare l'ingresso nel Consiglio cittadino, aveva perso le elezioni per un seggio alla Camera dello Stato di Washington; ora, senza dubbio, molte attenzioni saranno rivolte a lei e al suo partito, che ha sostenuto Ralph Nader alla presidenza e che pubblicizza sul suo sito gli scritti di Leon Trotsky. Chi l'ha votata, semplicemente, "ne ha abbastanza" di questo sistema, ha spiegato Sawant. Pronta a fare leva sul malcontento della gente per costruire un'alternativa a democratici e repubblicani. Naturalmente socialista.

Altri Servizi

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.