Sawant, una socialista a Seattle

Originaria dell'India, è stata eletta al Consiglio cittadino con una campagna elettorale sui diritti dei lavoratori e sulla necessità di alzare a 15 dollari all'ora il salario minimo

Kshama Sawant ha 41 anni, una laurea in ingegneria informatica a Mumbai e un dottorato in economia alla North Carolina State University. E' immigrata dall'India negli anni '90, dal 2010 è cittadina degli Stati Uniti. E sarà la prima socialista a sedere al Consiglio cittadino di Seattle dal 1877.

Dopo aver conquistato un seggio alle ultime elezioni per il Consiglio cittadino, composto da nove membri, Sawant entrerà in carica dal primo gennaio come rappresentante del partito Alternativa socialista, diventando uno dei pochi socialisti in carica nelle istituzioni nazionali, in un Paese dove è raro associare a un politico l'ideale di uguaglianza.

Sawant ha sposato completamente la causa socialista, influenzata dal suo passato in India, dove ha vissuto le enormi disparità tra ricchi e poveri, e scioccata dall'aver trovato simili ineguaglianze negli Stati Uniti, dove ha abbandonato i suoi studi informatici per dedicarsi interamente all'economia. La vita in America ha rafforzato e radicalizzato le sue idee, tanto che la soluzione praticamente valida per ogni problema - ha fatto notare ironicamente il New York Times, che le ha dedicato un ritratto - è proprio il socialismo. Il socialismo porta alla democrazia reale, il socialismo protegge l'ambiente; il socialismo è la speranza per i giovani, in un'economia senza futuro come quella attuale. "Il messaggio da portare a casa per la sinistra in generale è che la gente sta cercando delle alternative. Se mi chiedete come socialista cosa meritano i lavoratori, vi rispondo che meritano il valore di quello che producono" ha detto in un'intervista dopo la vittoria alle elezioni di novembre.

A Seattle, la sua voce potrebbe essere ascoltata non solo da chi l'ha votata, ma anche dal sindaco Ed Murray, democratico, ex membro della Camera e del Senato dello Stato di Washington, che ha promosso la battaglia per il riconoscimento dei matrimoni tra persone dello stesso sesso e ha promesso il proprio sostegno per il progetto politico centrale nella campagna elettorale di Sawant: l'aumento del salario minimo in città a quindici dollari all'ora, uno stipendio senza eguali in tutto il Paese. In una recente intervista, il nuovo sindaco ha dichiarato che è arrivato il momento in tutti gli Stati Uniti di affrontare il problema dell'ineguaglianza salariale. Magari partendo proprio da Seattle, di cui gli storici ricordano le battaglie dei lavoratori, lo sciopero generale del 1919, il movimento anarchico che ancora oggi dà segni di vita, la presenza costante di una sinistra critica del capitalismo.

Sawant, prima di tentare l'ingresso nel Consiglio cittadino, aveva perso le elezioni per un seggio alla Camera dello Stato di Washington; ora, senza dubbio, molte attenzioni saranno rivolte a lei e al suo partito, che ha sostenuto Ralph Nader alla presidenza e che pubblicizza sul suo sito gli scritti di Leon Trotsky. Chi l'ha votata, semplicemente, "ne ha abbastanza" di questo sistema, ha spiegato Sawant. Pronta a fare leva sul malcontento della gente per costruire un'alternativa a democratici e repubblicani. Naturalmente socialista.

Altri Servizi

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

La Cina ignora le minacce di Trump, annuncia dazi da 60 mld di dollari contro gli Usa

Risposta alle tariffe doganali da 200 mld annunciare dal presidente americano. Pechino valuta se mandare o meno una delegazione a Washington per riprendere i negoziati. Cook (Apple) ottimista

Come aveva anticipato da tempo, la Cina ha deciso che adotterà dazi tra il 5 e il 10% contro importazioni americane aventi un valore annuo di 60 miliardi di dollari. Le tariffe doganali scatteranno il 24 settembre, lo stesso giorno in cui entreranno in vigore quelle del 10% annunciate ieri dagli Usa contro 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi; quei dazi saliranno al 25% dal primo gennaio prossimo.

Visa, Mastercard e alcune banche americane che emettono carte di credito hanno siglato il più grande patteggiamento legato a una class action e siglato nell'ambito di un caso antitrust. Esso riguarda le commissioni pagate dai commercianti - pari in Usa a oltre 90 miliardi di dollari l'anno - quando accettano pagamenti effettuati con carte di credito. Il valore dell'intesa è pari a 6,2 miliardi di dollari.

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.

La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda

Il numero due in comando in Cina ha ammesso che la nazione si trova a fare i conti con una serie di "difficoltà" ma Pechino si sente a suo agio, anche di fronte alle tensioni commerciali con gli Usa. Lo ha spiegato il premier cinese Li Keqiang.