Scandalo Weinstein: i media hanno insabbiato?

E' l'insinuazione di una ex giornalista del NY Times che nel 2004 stava indagando su Fabrizio Lombardo, ex numero uno di Miramax in Italia. Asia Argento "delusa" da reazioni nel nostro Paese

Le polemiche sul potente produttore Harvey Weinstein, accusato da più parti di molestie sessuali, hanno finito per travolgere anche i media. Hanno o no insabbiato storie che avrebbero potuto incastrarlo molto prima di un'inchiesta del New York Times pubblicata giovedì 5 ottobre? A sollevare la questione è una ex giornalista del quotidiano newyorchese, Sharon Waxman, convinta che il cosiddetto "Gray Lady" nel lontano 2004 abbia ceduto alle pressioni di Weinstein scegliendo di non pubblicare una storia sul suo conto; lei ha detto che stava inseguendo voci riguardati un dipendente della Weinstein Company in Italia (Fabrizio Lombardo, ex numero uno di Miramax nel nostro Paese) e secondo le quali era lui a reclutare donne per il magnate di Hollywood. Anche Nbc News è stata travolta da una simile accusa da parte di un team di suoi reporter. Sia il New York Times sia la controllata di Comcast hanno smentito.

Nel primo caso è stato Jonathan Landman, in passato parte degli alti ranghi del NY Times, ha rispondere duramente a Waxman, che lasciò il quotidiano nel 2007 e che due anni dopo fondò il sito The Wrap. "Sharon ha avuto più di un decennio per portare avanti la sua storia. Se aveva prove schiaccianti contro Weinstein nel 2004, perché non è stata capace o non ha voluto pubblicare qualcosa su The Wrap, di cui era responsabile? Forse perché non aveva prove allora né ora?".

Waxman aveva detto di avere viaggiato tra Roma e Londra; aveva sentito che Lombardo non aveva alcuna esperienza cinematografica e che il suo principale compito era appunto quello di "prendersi cura delle esigenze di Weinstein con le donne". E' sempre lei ad avere detto che gli attori Matt Damon e Russell Crowe la chiamarono "per dire che conoscevano quell'uomo, che avevano trascorso tempo con lui in Italia e che sembrava un bravo ragazzo". Travolto dal polverone, Damon ha negato di avere contribuito a insabbiare la storia. Lui si è limitato a 'difendere' il manager italiano su richiesta del produttore Usa senza sapere però cos'altro la storia della giornalista contenesse. "Se mi sono trovato a un evento in cui Harvey stava facendo quel tipo di cose [molestie] e io non le ho viste, allora sono profondamente pentito perché le avrei fermate".

Dal canto suo Nbc News si è difesa: "La storia incredibile che abbiamo letto [sul NY Times della settimana scorsa] non è quella che avevamo davanti mesi fa", ha spiegato Noah Oppenheim ai dipendenti del gruppo media rispondendo alle accuse del giornalista Ronan Farrow. "L'idea che abbiamo tentato di coprire una persona potente è profondamente offensivo per tutti".

Intanto è Asia Argento, una delle vittime del produttore insieme a Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie, a sentirsi offesa. Su Twitter ha scritto: "Ho denunciato uno stupro e per questo vengo considerata una troia #inItalia". Ancora prima aveva aggiunto: "Solo in Italia vengo considerata colpevole del mio stupro perché non ne parlai quando avevo 21 anni ed ero terrorizzata. Sono delusa, triste". Dalla sua l'attrice italiana ha almeno Hillary Clinton e l'ex first family Obama. La prima si è detta "scioccata" dalle rivelazioni sul produttore. Barack e Michelle si sono detti "disgustati" da colui che aveva finanziato le attività politiche dell'ex segretario di Stato e del 44esimo presidente Usa.

Altri Servizi

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

Facebook ha smentito quando riportato da un sito australiano, secondo cui al Ceo Mark Zuckerberg "non importa" nulla degli editori e che il social network li lascerebbe morire se non cooperano con il gigante tecnologico. Stando alle indiscrezioni del The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch - il manager responsabile delle partnership nel campo dell'informazione (Campbell Brown) avrebbe messo in guardia i gruppi editoriali che non vogliono lavorare con l'azienda californiana. Lo avrebbe fatto la settimana scorsa durante un incontro a Sidney: "Vi terrò per mano mentre il vostro business muore, come si fa in un hospice". Facebook ha reagito dicendo che i commenti "sono stati decontestualizzati".

Fox "resta impegnato" a comprare Sky: chiuso un anno con utili +49%

I conti dell'ultimo trimestre hanno superato le stime.
iStock

Nei tre mesi chiusi il 30 giugno scorso, 21st Century Fox ha registrato profitti e ricavi superiori alle previsioni degli analisti. Il colosso dell'intrattenimento parte della galassia Murdoch ha così archiviato l'intero anno fiscale con utili attribuibili ai soci di 4,48 miliardi, in rialzo del 49%, e ricavi per 30,4 miliardi (+7%).

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Trump vuole una Space Force, Pence: "Sarà la sesta forza armata Usa"

Il vicepresidente, parlando dal Pentagono: "Non vogliamo essere solo presenti nello spazio, ma dominare"

Anche lo spazio è un campo di battaglia e per questo è il momento di istituire un esercito spaziale statunitense. Lo ha annunciato il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, con un discorso tenuto al Pentagono per presentare il piano fortemente voluto dal presidente Donald Trump.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite a New York, l'ambasciatrice Mariangela Zappia, ha presentato oggi le lettere credenziali al segretario generale Antonio Guterres. Durante l’incontro con Guterres, Zappia ha evidenziato la priorità assegnata dall’Italia a un multilateralismo efficace, al ruolo del Palazzo di vetro per la pace e la sicurezza internazionali e quale pilastro di un sistema internazionale fondato sul diritto e sul rispetto della persona.

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Ripetutamente attaccata da Donald Trump come fonte di "fake news" e considerata sin dal suo primo giorno alla Casa Bianca una "nemica della gente", la stampa americana si prepara a unire le forze in un'operazione contro il presidente americano.

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock

I dazi voluti da Donald Trump per ridurre il deficit commerciale degli Usa - pari nel 2017 a 568,4 miliardi di dollari (il 2,9% del Pil) - sono pensati per ridurre le importazioni dell'America dal resto del mondo "ma non si può dare per scontato che il valore delle esportazioni resti invariato". Anzi. Stando a un'analisi pubblicata sul sito della Federal Reserve di New York da alcuni ricercatori, l'export americano di fatto "calerà, non solo per via delle tariffe doganali adottate da altri Paesi come ritorsione sulle esportazioni americane ma anche perché il costo per le aziende Usa di produrre beni per l'esportazione salirà rendendo l'export Usa meno competitivo nel mercato mondiale".

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.