Scandalo Weinstein: i media hanno insabbiato?

E' l'insinuazione di una ex giornalista del NY Times che nel 2004 stava indagando su Fabrizio Lombardo, ex numero uno di Miramax in Italia. Asia Argento "delusa" da reazioni nel nostro Paese

Le polemiche sul potente produttore Harvey Weinstein, accusato da più parti di molestie sessuali, hanno finito per travolgere anche i media. Hanno o no insabbiato storie che avrebbero potuto incastrarlo molto prima di un'inchiesta del New York Times pubblicata giovedì 5 ottobre? A sollevare la questione è una ex giornalista del quotidiano newyorchese, Sharon Waxman, convinta che il cosiddetto "Gray Lady" nel lontano 2004 abbia ceduto alle pressioni di Weinstein scegliendo di non pubblicare una storia sul suo conto; lei ha detto che stava inseguendo voci riguardati un dipendente della Weinstein Company in Italia (Fabrizio Lombardo, ex numero uno di Miramax nel nostro Paese) e secondo le quali era lui a reclutare donne per il magnate di Hollywood. Anche Nbc News è stata travolta da una simile accusa da parte di un team di suoi reporter. Sia il New York Times sia la controllata di Comcast hanno smentito.

Nel primo caso è stato Jonathan Landman, in passato parte degli alti ranghi del NY Times, ha rispondere duramente a Waxman, che lasciò il quotidiano nel 2007 e che due anni dopo fondò il sito The Wrap. "Sharon ha avuto più di un decennio per portare avanti la sua storia. Se aveva prove schiaccianti contro Weinstein nel 2004, perché non è stata capace o non ha voluto pubblicare qualcosa su The Wrap, di cui era responsabile? Forse perché non aveva prove allora né ora?".

Waxman aveva detto di avere viaggiato tra Roma e Londra; aveva sentito che Lombardo non aveva alcuna esperienza cinematografica e che il suo principale compito era appunto quello di "prendersi cura delle esigenze di Weinstein con le donne". E' sempre lei ad avere detto che gli attori Matt Damon e Russell Crowe la chiamarono "per dire che conoscevano quell'uomo, che avevano trascorso tempo con lui in Italia e che sembrava un bravo ragazzo". Travolto dal polverone, Damon ha negato di avere contribuito a insabbiare la storia. Lui si è limitato a 'difendere' il manager italiano su richiesta del produttore Usa senza sapere però cos'altro la storia della giornalista contenesse. "Se mi sono trovato a un evento in cui Harvey stava facendo quel tipo di cose [molestie] e io non le ho viste, allora sono profondamente pentito perché le avrei fermate".

Dal canto suo Nbc News si è difesa: "La storia incredibile che abbiamo letto [sul NY Times della settimana scorsa] non è quella che avevamo davanti mesi fa", ha spiegato Noah Oppenheim ai dipendenti del gruppo media rispondendo alle accuse del giornalista Ronan Farrow. "L'idea che abbiamo tentato di coprire una persona potente è profondamente offensivo per tutti".

Intanto è Asia Argento, una delle vittime del produttore insieme a Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie, a sentirsi offesa. Su Twitter ha scritto: "Ho denunciato uno stupro e per questo vengo considerata una troia #inItalia". Ancora prima aveva aggiunto: "Solo in Italia vengo considerata colpevole del mio stupro perché non ne parlai quando avevo 21 anni ed ero terrorizzata. Sono delusa, triste". Dalla sua l'attrice italiana ha almeno Hillary Clinton e l'ex first family Obama. La prima si è detta "scioccata" dalle rivelazioni sul produttore. Barack e Michelle si sono detti "disgustati" da colui che aveva finanziato le attività politiche dell'ex segretario di Stato e del 44esimo presidente Usa.

Altri Servizi

Campbell Soup e Hershey scommettono sugli snack

Il gruppo delle zuppe compra Snyder's-Lance per 6,1 miliardi di dollari in contanti, debito incluso. L'azienda specializzata in cioccolato acquisisce Amplify Snack Brands per 1,6 miliardi
Snyder's-Lance

Si intensifica l'attività di M&A nel settore alimentare, dove grandi gruppi intendono scommettere sulla categoria degli snack. Il motivo è semplice: il giro d'affari generato dai prodotti, specialmente quelli più salutari, con cui gli americani smorzano la fame tra i pasti e mentre si muovono da un luogo a un altro stanno crescendo a passo più rapido rispetto a dolciumi e zuppe in scatola.

Buffett festeggia, titolo Berkshire tocca i 300.000 dollari per prima volta

Nessuna azienda Usa vale così tanto. Il famoso investitore comprò le prime due mila azioni nel 1962 per 7,5 dollari l'una.
AP

Warren Buffett festeggia: l'oracolo di Omaha a capo di Berkshire Hathaway ha visto il titolo di Classe A della conglomerata americana raggiungere i 300.000 dollari per la prima volta. Nessuna altra azienda Usa vale così tanto, complice anche la reticenza del famoso investitore a effettuare uno split azionario. Il titolo si è spinto fino a 300.100 dollari e ora vale 299.890 (+1,22%).

Trump toglie il cambiamento climatico dalla strategia per la sicurezza nazionale

Il presidente svelerà il suo piano alle 14 (le 20 in Italia)
ap

Il cambiamento climatico non sarà più considerato un problema di sicurezza nazionale per gli Stati Uniti. Questa una delle novità della nuova strategia per la sicurezza nazionale (Nss), che oggi sarà presentata dal presidente Donald Trump, alle 14 (le 20 in Italia); era stato il presidente Barack Obama a inserire il cambiamento climatico tra le minacce alla sicurezza nazionale.

Esplosione a NY, l'attentatore voleva vendicare attacchi contro l'Isis

Negli Stati Uniti da sette anni, il 27enne Akayed Ullah si è ispirato agli atti di terrorismo contro i mercati di Natale in Europa
AP

Irritabile. Arrabiato. Scontento. Viene descritto così il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%
AP

I repubblicani della Camera e del Senato hanno raggiunto un accordo su un testo congiunto per la controversa riforma fiscale voluta dal presidente americano Donald Trump, che, tra le altre cose, riduce l'aliquota per le imprese dal 35 al 21%. A rendere possibile l'accordo, un testo da 500 pagine e 1.500 miliardi di dollari, è stato il via libera di due senatori che finora avevano espresso riserve, Marco Rubio e Bob Corker. Il testo prevede anche l'abolizione del cosiddetto "individual mandate", ovvero l'obbligo di assicurazione sanitaria per tutti previsto dall'Obamacare.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Usa Today attacca Trump: "Inadatto a pulire i bagni" di Obama

Ma anche a lucidare le scarpe di George W Bush. Per il quotidiano, il presidente ha un carattere "straordinariamente terribile" che ha fatto insinuazioni sessiste fuori luogo

Donald Trump si è sentito più volte dire che era inadatto alla presidenza degli Stati Uniti. Durante la campagna elettorale dello scorso anno, sia il presidente americano Barack Obama sia la candidata democratica alle elezioni Hillary Clinton lo avevano ripetuto in tutte le salse. Oltre un anno dopo la vittoria shock del miliardario di New York, è un quotidiano ampiamente diffuso in Usa a rispolverare quel concetto ma in termini decisamente pesanti.

iStock

Exxon Mobil cede al pressing degli investitori, che da tempo chiedono più trasparenza sugli effetti del cambiamento climatico e delle rispettive regolamentazioni sulle attività del colosso petrolifero americano.

Riforma fiscale: democratici chiedono al Gop posticipo del voto finale

Vogliono che si aspetti l'arrivo al Senato di Doug Jones, che ha vinto alle elezione speciali in Alabama

Forti di una inattesa vittoria alle elezioni speciali di ieri in Alabama, una duplice sconfitta per Donald Trump, i democratici premono affinché il voto finale sulla riforma fiscale messa a punto dai repubblicani che controllano il Congresso sia posticipato. La minoranza a Capitol Hill vuole che si aspetti l'insediamento di Doug Jones, il candidato democratico che ha sconfitto Roy Moore nel cosiddetto Yellowhammer State aggiudicandosi il seggio al Senato Usa lasciato libero da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia.