Scontro sugli immigrati, segretario alla Sicurezza interna Usa si dimetterà

Lo scrive il Washington Post; Duke avrebbe ricevuto pressioni per espellere migliaia di cittadini honduregni, ma lei ha deciso di rimandare la decisione di sei mesi
AP

Elaine Duke, che guida ad interim il dipartimento della Sicurezza interna degli Stati Uniti, sarebbe pronta a dimettersi dopo aver ricevuto, lunedì, le pressioni di John Kelly, capo di gabinetto del presidente Donald Trump, per espellere migliaia di immigrati honduregni. Lo rivela il Washington Post, citando fonti dell'amministrazione.

Duke ha deciso di rifiutarsi di cambiare la propria decisione e ha giudicato inammissibile il tentativo di intromissione di Kelly e del consigliere per la sicurezza interna, Tom Bossert, che a sua volta l'ha chiamata per parlare della questione. Il dipartimento della Sicurezza interna aveva tempo fino a luned" per prolungare o interrompere il Temporary Protected Status per 2.500 nicaraguensi e 57.0000 honduregni. Si tratta di un programma che garantisce una speciale protezione per gli immigrati, provenienti da alcuni Paesi, entrati illegalmente negli Stati Uniti. Circa 50.000 haitiani e 200.000 salvadoregni attendono di conoscere il loro destino, visto che i loro permessi scadranno il prossimo anno.

Duke ha deciso di porre fine alla protezione per i nicaraguensi, che dovranno lasciare il Paese o regolarizzare la propria posizione entro il 5 gennaio 2019, mentre ha esteso la protezione per gli honduregni per altri sei mesi, non avendo abbastanza informazioni per decidere del loro futuro. Secondo le fonti del quotidiano, Kelly avrebbe detto che la decisione di Duke danneggia gli obiettivi strategici della Casa Bianca sull'immigrazione. Per la Casa Bianca, sono proprio programmi come il Temporary Protected Status ad aver creato un'immigrazione senza controllo, trasformando permessi temporanei in visti a lungo termine, con rinnovi continui ogni 18 mesi, che stanno permettendo a decine di migliaia di persone entrate illegalmente di vivere negli Stati Uniti anche da più di 20 anni.

Il programma in questione fu approvato dal Congresso nel 1990 per proteggere gli stranieri, soprattutto provenienti dall'America Centrale, che emigravano per fuggire da guerre, disastri naturali e catastrofi. Elaine Duke guida ad interim il dipartimento della Sicurezza interna e avrebbe informato Kelly che si dimetterà quando Kirstjen Nielsen, nominata da Trump, sarà confermata dal Senato alla guida del dipartimento, nonostante il presidente le abbia pubblicamente chiesto di rimanere come vice.

Altri Servizi

Flynn, la Turchia e il piano per consegnare Gulen a Erdogan (legalmente o illegalmente)

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo dell'ex consigliere di Trump. Il suo avvocato smentisce, l'ambasciata turca a Washington definisce le insinuazioni "ridicole"

L'ambasciata turca a Washington ha definito "ridicole" le insinuazioni secondo le quali la Turchia avrebbe offerto diversi milioni di dollari all'ex consigliere di Trump, Michael Flynn, in cambio della consegna di Fethullah Gulen, il predicatore accusato da Ankara di aver ordito il fallito colpo di Stato dell'estate 2016, che risiede da molti anni in Pennsylvania, da dove guida il movimento conosciuto come Hizmet.

Vetro di Murano e cinture nere: Peter Marino per Venini

Presentata la collezione esclusiva dello storico marchio di vetreria

 Esistono due elementi che possano sembrare più lontani tra loro del vetro di Murano e delle cinture di pelle? Forse no, eppure da questo momento coesistono idealmente, in armonia, in una collezione di vasi creata dall'architetto newyorkese Peter Marino per Venini, storica azienda leader nel settore della vetreria. Presentata al Museum of Arts and Design di Columbus Circle, "Black Belt" è una collezione in edizione limitata che comprende 349 pezzi unici, nati dall'unione tra la sapienza dei vetrai veneziani e la creatività di questo architetto celebre - oltreché per il suo look fatto di pelle nera, cinture e cappello da poliziotto - per aver collaborato con i più grandi brand di moda, disegnando le boutique di stilisti come Calvin Klein, Giorgio Armani, Fendi, Dior, Chanel e Louis Vuitton.

Trump crede a Putin, o forse no. "Kim mi chiama vecchio? Io non gli direi mai che è basso e grasso"

Il presidente statunitense ha lasciato il Vietnam ed è arrivato nelle Filippine. Sulle interferenze russe nelle elezioni ha prima detto di credere all'omologo russo, poi di stare con le agenzie d'intelligence Usa, che accusano il Cremlino di ingerenze
AP

Donald Trump crede a Vladimir Putin, o forse no. Il presidente degli Stati Uniti, questa mattina, ha detto di essere "con" le agenzie d'intelligence statunitensi, che hanno affermato che la Russia ha interferito nelle elezioni presidenziali dello scorso anno; interferenze che il presidente russo, Vladimir Putin, ha più volte smentito, anche durante i colloqui con Trump.

Russiagate, gli ex capi dell'intelligence Usa contro Trump

Il comportamento del presidente "è vergognoso" ha detto Brennan, ex numero uno della Cia. Per Clapper, ex direttore dell'intelligence nazionale, "è sconcertante"
AP

Pace in Medio Oriente, Trump spera nei sauditi

Jared Kushner sta cercando di coinvolgere il principe Mohamed bin Salman; le tensioni con l'Iran potrebbero far saltare tutto, o spingere i sauditi a chiudere il fronte palestinese per concentrarsi su Teheran

Trump: Putin è sincero, nessuna interferenza nelle elezioni americane

Sull'Air Force One, il presidente Usa ha parlato con i reporter in viaggio con lui in Asia. La Cia non cambia posizione: Putin è colpevole. E poi tra i due spunta un accordo per la pace in Siria.
AP

Le Ivy League e il denaro nei paradisi fiscali

I Paradise Papers hanno rivelato un giro di miliardi off-shore per non pagare le tasse. E adesso il Congresso vuole iniziare a tassare anche le donazioni, dopo anni di opposizione da parte dei repubblicani
iStock

Una seconda ginnasta olimpionica denuncia gli abusi sessuali subiti

Aly Raisman, dopo McKayla Maroney, accusa l'ex medico della nazionale statunitense, Larry Nassar

Pirelli riparte da Alice nel Paese delle Meraviglie per tornare a farci sognare

Ventotto immagini di Tim Walker per raccontare la storia di Lewis Carroll solo con modelli, attori e artisti neri. Tronchetti Provera: “Vogliamo parlare di libertà di espressione e di libertà in ogni senso, portare questo messaggi"