E se anche Trump, da candidato, avesse incontrato russi a New York?

E' l'insinuazione fatta dall'ex stratega del presidente nonché direttore della fase finale della sua campagna in un libro. Casa Bianca e avvocatessa russa smentiscono

Nel pieno della campagna elettorale dello scorso, anche Donald Trump e non solo il suo staff potrebbe avere incontrato alla Trump Tower dei russi pronti a fornire informazioni compromettenti su Hillary Clinton, la sfidande democratica dell'allora candidato repubblicano nella corsa verso la Casa Bianca. E' quanto sembra avere insinuato Steve Bannon, l'ex stratega di ultra destra di Trump dal tre gennaio 2018 ufficialmente scomunicato dal miliardario di New York diventato leader Usa.

La Casa Bianca ha subito smentito ma il contenuto esplosivo di un libro di Michael Wolff - i cui dettagli sono emersi per la prima volta grazie al Guardian, che ne ha ottenuto per primo una copia - è destinato ad alimentare ulteriormente lo scontro tra un Trump "disgustato" e "furioso" e Bannon.

A Michael Wolff, l'autore de “Fire and Fury: Inside the Trump White House” (presto nelle librerie con l'editore Henry Holt), Bannon avrebbe detto che Donald Trump Jr (il figlio dell'attuale presidente Usa), Paul J. Manafort (l'ex direttore della campagna elettorale di Trump) e il suo genero Jared Kushner sono stati "sovversivi" e "antipatriottici" per avere incontrato dei russi alla Trump Tower nel giugno 2016.

"I tre ragazzi senior nella campagna hanno pensato che fosse una buona idea incontrare un governo straniero nella Trump Tower nella conference room al 25esimo piano senza avvocati", Bannon avrebbe detto nel libro, di cui anche Nbc News ha ottenuto una copia. "Anche se si pensava che quell'incontro non fosse sovversivo o antipatriottico...si doveva subito chiamare l'Fbi", ha continuato Bannon nel libro insinuando che il gruppo di russi fu portato a incontrare lo stesso Trump (cosa da quest'ultimo sempre negata). "Le probabilità che Don Jr non abbia accompagnato questi jumos su all'ufficio del padre al 26esimo piano sono pari a zero".

Sentita da Nbc News, la legale russa Natalia Veselnitskaya ha detto che né lei né i suoi concittadini hanno visto o incontrato Trump. "Non è assolutamente vero", ha dichiarato.

Intanto echeggia ancora l'attacco di Trump al suo ex stragega, silurato lo scorso agosto dopo i primi sette mesi difficili della presidenza Trump. Il suo addio, seguito da un ritorno al sito di ultra destra Breibart News, si verificò esattamente un anno dopo il suo arrivo alla guida della campagna elettorare del magnate del mattone. "Quando è stato licenziato, oltre il lavoro ha perso anche la testa", ha tuonato l'inquilino della Casa Bianca dicendo che Bannon "ha avuto poco a che fare con la nostra vittoria storica".

I rapporti tra i due - già incrinati dopo l'amara sconfitta alle elezioni speciali in Alabama del repubblicano Roy Moore, che Trump finì di appoggiare su suggerimento di Bannon - sono definitivamente interrotti. Quelli usati da Trump sono stati toni ben diversi da quelli dell'estate scorsa, quando dopo le violenze a Charlottesville dovute a suprematisti bianchi defin" Bannon, "un mio amico", un "buon uomo" che "non è razzista" e che era diventato target di una copertura mediatica "ingiusta". Intanto il suo autore ha ricevuto, nel bene o nel male, la pubblicità sperata: il suo libro è in testa nella classifica di Amazon (dove si possono fare pre-ordini in vista dell'uscita il 9 gennaio).

Altri Servizi

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

La Nfl e l'associazione dei giocatori del campionato di football americano hanno deciso di sospendere le nuove norme sull'inno nazionale per le prossime settimane, nel tentativo di negoziare e trovare una soluzione, evitando lo scontro in tribunale.

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock