E se anche Trump, da candidato, avesse incontrato russi a New York?

E' l'insinuazione fatta dall'ex stratega del presidente nonché direttore della fase finale della sua campagna in un libro. Casa Bianca e avvocatessa russa smentiscono

Nel pieno della campagna elettorale dello scorso, anche Donald Trump e non solo il suo staff potrebbe avere incontrato alla Trump Tower dei russi pronti a fornire informazioni compromettenti su Hillary Clinton, la sfidande democratica dell'allora candidato repubblicano nella corsa verso la Casa Bianca. E' quanto sembra avere insinuato Steve Bannon, l'ex stratega di ultra destra di Trump dal tre gennaio 2018 ufficialmente scomunicato dal miliardario di New York diventato leader Usa.

La Casa Bianca ha subito smentito ma il contenuto esplosivo di un libro di Michael Wolff - i cui dettagli sono emersi per la prima volta grazie al Guardian, che ne ha ottenuto per primo una copia - è destinato ad alimentare ulteriormente lo scontro tra un Trump "disgustato" e "furioso" e Bannon.

A Michael Wolff, l'autore de “Fire and Fury: Inside the Trump White House” (presto nelle librerie con l'editore Henry Holt), Bannon avrebbe detto che Donald Trump Jr (il figlio dell'attuale presidente Usa), Paul J. Manafort (l'ex direttore della campagna elettorale di Trump) e il suo genero Jared Kushner sono stati "sovversivi" e "antipatriottici" per avere incontrato dei russi alla Trump Tower nel giugno 2016.

"I tre ragazzi senior nella campagna hanno pensato che fosse una buona idea incontrare un governo straniero nella Trump Tower nella conference room al 25esimo piano senza avvocati", Bannon avrebbe detto nel libro, di cui anche Nbc News ha ottenuto una copia. "Anche se si pensava che quell'incontro non fosse sovversivo o antipatriottico...si doveva subito chiamare l'Fbi", ha continuato Bannon nel libro insinuando che il gruppo di russi fu portato a incontrare lo stesso Trump (cosa da quest'ultimo sempre negata). "Le probabilità che Don Jr non abbia accompagnato questi jumos su all'ufficio del padre al 26esimo piano sono pari a zero".

Sentita da Nbc News, la legale russa Natalia Veselnitskaya ha detto che né lei né i suoi concittadini hanno visto o incontrato Trump. "Non è assolutamente vero", ha dichiarato.

Intanto echeggia ancora l'attacco di Trump al suo ex stragega, silurato lo scorso agosto dopo i primi sette mesi difficili della presidenza Trump. Il suo addio, seguito da un ritorno al sito di ultra destra Breibart News, si verificò esattamente un anno dopo il suo arrivo alla guida della campagna elettorare del magnate del mattone. "Quando è stato licenziato, oltre il lavoro ha perso anche la testa", ha tuonato l'inquilino della Casa Bianca dicendo che Bannon "ha avuto poco a che fare con la nostra vittoria storica".

I rapporti tra i due - già incrinati dopo l'amara sconfitta alle elezioni speciali in Alabama del repubblicano Roy Moore, che Trump finì di appoggiare su suggerimento di Bannon - sono definitivamente interrotti. Quelli usati da Trump sono stati toni ben diversi da quelli dell'estate scorsa, quando dopo le violenze a Charlottesville dovute a suprematisti bianchi defin" Bannon, "un mio amico", un "buon uomo" che "non è razzista" e che era diventato target di una copertura mediatica "ingiusta". Intanto il suo autore ha ricevuto, nel bene o nel male, la pubblicità sperata: il suo libro è in testa nella classifica di Amazon (dove si possono fare pre-ordini in vista dell'uscita il 9 gennaio).

Altri Servizi

Senato Usa conferma nomina Powell, sarà il nuovo governatore Fed

Prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio
AP

E' ufficiale: Jerome Powell sarà il 16esimo governatore della Federal Reserve. Il già membro del board della banca centrale Usa dal 2012 prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio, quando il mandato triennale di lei scadrà.

Netanyahu, May e aziende europee: l'agenda di Trump a Davos

Il presidente americano mercoledì parte per il World Economic Forum. Sarà il primo presidente Usa da Bill Clinton a fare visita al forum. Parlerà di America First ma anche di investimenti negli Stati Uniti con alcune aziende europee
AP

Oggi Donald Trump partirà per Davos, in Svizzera, dove parteciperà al World Economic Forum. Sarà il primo presidente americano a visitare il forum dal 2000 quando ci fu l'intervento di Bill Clinton. La sua agenda è molto fitta e inizierà gioved": incontrerà il premier britannico Theresa May con la quale discuterà di lotta all'Isis, denuclearizzazione della Corea del Nord e dell'accordo sul nucleare con l'Iran. Lo stesso giorno Trump incontrerà il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, per discutere di sicurezza in Medio Oriente e di lotta all'espansione dell'Iran.

Continua l'esodo in Twitter: il direttore operativo lascia, diventa Ceo di SoFi

Anthony Noto - direttore operativo dal novembre 2016 ma nel gruppo dal 2014 - guiderà società specializzata nei prestiti online il cuo a.d. fu travolto da accuse di molestie

Continua l'esodo in Twitter. Il direttore operativo del sito di microblogging ha dato le sue dimissioni per accettare l'incarico - effettivo dal primo marzo - di amministratore delegato di Social Finance, azienda specializzata nei prestiti online il cui Ceo lo scorso anno fu costretto ad andarse per via di accuse di molestie. Si tratta di Anthony Noto, entrato in Twitter nel luglio 2014 come direttore finanziario e dal novembre 2016 a capo di attività che comprendono la generazione delle vendite dell'azienda.

Russiagate: Mueller vuole mettere sotto torchio Trump su Comey e Flynn

Il procuratore speciale vuole capire l'iter che portò alla cacciata del direttore dell'Fbi e del consigliere per la sicurezza nazionale
AP

Tesla: compensi del Ceo Musk legati a target ambiziosi

Il gruppo punta a una capitalizzazione di 650 miliardi di dollari
AP

Apple: dopo i ritardi, nei negozi arriva lo speaker intelligente HomePod

Dal 9 febbraio in Usa, Regno Unito e Australia. In primavera anche in Francia e Germania
Apple

Facebook rafforza i team dedicati a intelligenza artificiale e realtà virtuale

Ha reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della VR
Facebook

Fine dello shutdown, democratici contro Schumer: "Battaglia persa in partenza"

Critiche al leader della minoranza in Senato per la gestione dello scontro con i repubblicani, che non ha portato alcun risultato
AP

Il direttore dell'Fbi ha minacciato le dimissioni per le pressioni di Trump

Il presidente vorrebbe il licenziamento del vice di Chris Wray, ovvero Andrew McCabe, legato all'ex capo del Bureau, James Comey