Senato Usa, comincia la battaglia per la conferma della nomina di Gorsuch alla Corte Suprema

Il giudice otterrà una maggioranza qualificata? I democratici cercheranno di fare ostruzionismo? I media statunitensi attendono le decisioni dei senatori
AP

Cominciano le audizioni al Senato statunitense per la conferma della nomina alla Corte Suprema di Neil Gorsuch, il giudice scelto dal presidente Donald Trump per succedere ad Antonin Scalia, morto oltre un anno fa, e ristabilire l'equilibrio leggermente a favore di un'interpretazione conservatrice della legge. I repubblicani appoggiano in blocco Gorsuch, mentre i democratici non sembrano ancora aver scelto una linea comune sul grado di opposizione con cui cercare di bloccare la sua nomina, ha spiegato Politico in un recente articolo.

Gorsuch non dovrebbe avere problemi a ottenere la conferma, ma quello che i media statunitensi aspettano è di vedere come la otterrà: i democratici faranno ostruzionismo, rendendo necessario il voto di 60 senatori per fermare il dibattito in Aula, come ipotizzato da alcuni senatori, con in testa il leader della minoranza Chuck Schumer? Se questa sarà la strada che prenderanno i democratici, i repubblicani, che occupano 52 seggi, riusciranno a trovare otto democratici che pongano fine alla pratica dell'ostruzionismo? In caso contrario, il leader della maggioranza repubblicana, Mitch McConnell, cambierà le regole per permettere a Gorsuch di essere confermato con una maggioranza semplice, usando la cosiddetta 'opzione nucleare', come suggerito da Trump?

Domande a cui sarà possibile rispondere solo nei prossimi giorni. Nelle ultime settimane, intanto, Gorsuch non solo si è preparato con molta attenzione, ma ha anche incontrato 72 senatori. Il suo discorso di apertura sarà il momento più importante della giornata di oggi e si tratterà delle sue prime dichiarazioni pubbliche dalla sera della sua nomina.

Da quando i repubblicani si sono rifiutati persino d'incontrare, lo scorso anno, il giudice nominato dall'allora presidente Barack Obama, Merrick Garland, per sostituire Scalia, gli attivisti democratici aspettano la loro rivincita, ma non è chiaro cosa vogliano fare i senatori. Nominando un giudice qualificato come Gorsuch, Trump ha costretto i democratici a prendere in considerazione il tipo di ostruzionismo che, praticato dai repubblicani, hanno a lungo criticato; molti senatori democratici moderati, soprattutto quelli che devono essere rieletti in Stati conquistati da Trump, non sono convinti di voler combattere una battaglia istituzionale.

Trump, con le sue continue critiche ai giudici in merito ai suoi ordini esecutivi sul divieto d'ingresso per i cittadini di sei Paesi musulmani, non ha messo Gorsuch in una posizione facile; negli incontri con i senatori, il giudice avrebbe dichiarato di essere "demoralizzato" e "scoraggiato" per gli attacchi di Trump al sistema giudiziario, ma non è stata rilasciata alcuna dichiarazione pubblica.

In queste settimane, i democratici hanno studiato il passato da giudice di Gorsuch, per trovare degli elementi da mettere in evidenza contro di lui in Senato. Il New York Times racconta che ci sono almeno tre storie di cui si parlerà: il cosiddetto caso Hobby Lobby, in cui Gorsuch si schierò a favore della catena, contraria alle regole che impongono ai datori di lavoro di fornire ai dipendenti una copertura sanitaria che comprenda anche i metodi contraccettivi; la saga di un camionista, licenziato dopo aver abbandonato il suo carico per la sua sopravvivenza, a temperature sotto lo zero; per Gorsuch, l'azienda aveva il diritto di licenziarlo. Infine, la battaglia di una professoressa malata di cancro che perse il lavoro a causa della malattia, ma che non fu, secondo Gorsuch, discriminata.

Altri Servizi

La guerra commerciale con la Cina spaventa gli agricoltori americani

E sopratutto i candidati repubblicani che potrebbero rischiare di perdere le elezioni di Midterm in aree in cui il presidente Trump ha stravinto
iStock

Arizona e Texas schierano la Guardia nazionale lungo il confine

Sono i primi due stati ad aver accettato la richiesta di Donald Trump. Intanto il Pentagono ha fatto sapere di voler schierare tra i 2.000 e i 4.000 militari al confine
iStock

Robert Lighthizer, l'architetto della guerra commerciale contro la Cina

Crede che dopo decenni di negoziati è il momento di agire contro Pechino. E all'interno della Casa Bianca non ha nessun ostacolo.
AP

Pressing dei democratici (e di Kelly) su Trump: siluri Pruitt

In 64 deputati hanno scritto una lettera. Anche secondo il capo di gabinetto della Casa Bianca, il capo dell'Agenzia per la protezione ambientale dovrebbe dimettersi

Facebook verificherà l'identità di chi vuole fare pubblicità politiche sul social

Zuckerberg annuncia nuove misure all'insegna della trasparenza per prevenire interferenze in stile russo. Conto alla rovesca per la testimonianza del Ceo al Congresso Usa

Sell-off a Wall Street con venti di guerra commerciale tra Usa e Cina

Per Mnuchin, è una possibilità. Casa Bianca: Trump può "assolutamente" vincere lo scontro con Pechino, che ha un'arma da 1.200 miliardi di dollari: i Treasury in portafoglio
AP

Wall Street: sell-off con minacce commerciali di Trump alla Cina

Jerome Powell, governatore della Federal Reserve: le tariffe fanno alzare i prezzi ma presto per dire se cambieranno l'outlook
iStock

La missione segreta di Facebook: ottenere dagli ospedali dati sui pazienti

Sarebbero stati incrociati da quelli a disposizione del social network per capire chi ha bisogno di trattamenti speciali. Progetto sospeso dopo lo scandalo Cambridge Analytica