Senato Usa, comincia la battaglia per la conferma della nomina di Gorsuch alla Corte Suprema

Il giudice otterrà una maggioranza qualificata? I democratici cercheranno di fare ostruzionismo? I media statunitensi attendono le decisioni dei senatori
AP

Cominciano le audizioni al Senato statunitense per la conferma della nomina alla Corte Suprema di Neil Gorsuch, il giudice scelto dal presidente Donald Trump per succedere ad Antonin Scalia, morto oltre un anno fa, e ristabilire l'equilibrio leggermente a favore di un'interpretazione conservatrice della legge. I repubblicani appoggiano in blocco Gorsuch, mentre i democratici non sembrano ancora aver scelto una linea comune sul grado di opposizione con cui cercare di bloccare la sua nomina, ha spiegato Politico in un recente articolo.

Gorsuch non dovrebbe avere problemi a ottenere la conferma, ma quello che i media statunitensi aspettano è di vedere come la otterrà: i democratici faranno ostruzionismo, rendendo necessario il voto di 60 senatori per fermare il dibattito in Aula, come ipotizzato da alcuni senatori, con in testa il leader della minoranza Chuck Schumer? Se questa sarà la strada che prenderanno i democratici, i repubblicani, che occupano 52 seggi, riusciranno a trovare otto democratici che pongano fine alla pratica dell'ostruzionismo? In caso contrario, il leader della maggioranza repubblicana, Mitch McConnell, cambierà le regole per permettere a Gorsuch di essere confermato con una maggioranza semplice, usando la cosiddetta 'opzione nucleare', come suggerito da Trump?

Domande a cui sarà possibile rispondere solo nei prossimi giorni. Nelle ultime settimane, intanto, Gorsuch non solo si è preparato con molta attenzione, ma ha anche incontrato 72 senatori. Il suo discorso di apertura sarà il momento più importante della giornata di oggi e si tratterà delle sue prime dichiarazioni pubbliche dalla sera della sua nomina.

Da quando i repubblicani si sono rifiutati persino d'incontrare, lo scorso anno, il giudice nominato dall'allora presidente Barack Obama, Merrick Garland, per sostituire Scalia, gli attivisti democratici aspettano la loro rivincita, ma non è chiaro cosa vogliano fare i senatori. Nominando un giudice qualificato come Gorsuch, Trump ha costretto i democratici a prendere in considerazione il tipo di ostruzionismo che, praticato dai repubblicani, hanno a lungo criticato; molti senatori democratici moderati, soprattutto quelli che devono essere rieletti in Stati conquistati da Trump, non sono convinti di voler combattere una battaglia istituzionale.

Trump, con le sue continue critiche ai giudici in merito ai suoi ordini esecutivi sul divieto d'ingresso per i cittadini di sei Paesi musulmani, non ha messo Gorsuch in una posizione facile; negli incontri con i senatori, il giudice avrebbe dichiarato di essere "demoralizzato" e "scoraggiato" per gli attacchi di Trump al sistema giudiziario, ma non è stata rilasciata alcuna dichiarazione pubblica.

In queste settimane, i democratici hanno studiato il passato da giudice di Gorsuch, per trovare degli elementi da mettere in evidenza contro di lui in Senato. Il New York Times racconta che ci sono almeno tre storie di cui si parlerà: il cosiddetto caso Hobby Lobby, in cui Gorsuch si schierò a favore della catena, contraria alle regole che impongono ai datori di lavoro di fornire ai dipendenti una copertura sanitaria che comprenda anche i metodi contraccettivi; la saga di un camionista, licenziato dopo aver abbandonato il suo carico per la sua sopravvivenza, a temperature sotto lo zero; per Gorsuch, l'azienda aveva il diritto di licenziarlo. Infine, la battaglia di una professoressa malata di cancro che perse il lavoro a causa della malattia, ma che non fu, secondo Gorsuch, discriminata.

Altri Servizi

Alphabet: i conti tengono nonostante la fuga degli inserzionisti da YouTube

Utili in rialzo del 29% nel primo trimestre e ricavi in aumento del 22%. Il cost-per-clickè sceso del 21% sui siti Google
Shutterstock

Alphabet ha chiuso il suo primo trimestre fiscale con utili per 5,43 miliardi, in rialzo dai 4,2 miliardi dello stesso periodo del 2016 (+29%). Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono passati a 7,73 dollari da 6,02 dollari ma gli analisti si aspettavano quota 7,39 dollari. I ricavi sono aumentati del 22% a 24,75 miliardi, oltre le attese per 24,22 miliardi.

Amazon: nel primo trimestre, utili e ricavi cresciuti più delle stime

La divisione di cloud computing continua a premiare. Svelate per la prima volta le vendite associate alla logistica. Nuovo record per il titolo del gruppo
AP

Amazon ha chiuso il primo trimestre del 2017 con utili saliti annualmente del 41% e ricavi in aumento del 23% superando le stime degli analisti.

Trump promette taglio tasse corporate al 15%, resta nodo coperture. Mnuchin: riforma storica

Si rispolvera la teoria che l'economista Arthur Laffer aveva delineato nel 1974: i tagli delle tasse si "pagheranno" da soli con la crescita economica innescata dalla riduzione fiscale.

La tanto attesa proposta di Donald Trump sulla riforma fiscale americana sarà presentata oggi, attorno alle 19.30 italiane. Qualche dettaglio, confermato per altro dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin durante un evento a Washington, si sa già: il presidente proporrà un alleggerimento della tassazione dei profitti generati all'estero e una riduzione dell'aliquota corporate dal 35 al 15%, un taglio maggiore di quello al 28% ipotizzato, senza successo, da Barack Obama e di quello al 25% suggerito dai repubblicani nel 2014.

United: i bonus diventano legati all'esperienza dei passeggeri

Il Ceo non assumerà automaticamente il ruolo di presidente del cda nel 2018, come previsto. La compagnia aerea si riorganizza dopo le polemiche legate al passeggero prelevato violentemente da un aereo in overbooking
United

Bonus dei dipendenti legati all'esperienza dei passeggeri e niente promozione automatica dell'amministratore delegato. Sono queste le principali modifiche organizzative decise da United Airlines, la compagnia aerea travolta dalle polemiche dopo che la polizia aeroportuale di Chicago aveva prelevato di peso un passeggero da un aereo in overbooking della compagnia. Il risultato? L'uomo ultra sessantenne ha perso due denti, ha subito una concussione oltre a una frattura del naso. L'azienda ha rimborsato tutti i passeggeri di quel volo e ha dato il via a un'inchiesta interna.

Trump svela la "maggiore riforma fiscale dal 1986", ma mancano i dettagli

Proposto un taglio dell'aliquota aziendale al 15% dal 35%. Raddoppiato il livello di redditi non tassati per le famiglie. Eliminata la tassa di successione. Obiettivo: spingere crescita (per coprire le entrate che veranno a mancare)

Donald Trump l'ha definita "grandiosa". Il suo consigliere economico la considera "un'opportunità che capita una volta per generazione". Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l'occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare "migliaia di miliardi di dollari" di utili parcheggiati all'estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la "maggiore dal 1986" non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole s" promuovere "uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa" ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Dal muro con il Messico alla riforma fiscale: i primi 100 giorni di Trump

Un periodo trascorso tra promesse, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni. Tra i momenti più importanti, il record del Dow Jones, la bocciatura della riforma sanitaria alla Camera, gli screzi con gli alleati della Nato, i missili lanciati in Siria

O'Sullivan a Trump: senza Europa, niente America Great Again

L'ambasciatore Ue negli Stati Uniti, da New York, critica il focus dell'amministrazione Usa sugli accordi bilaterali e sui deficit commerciali. Il presidente americano non è cheerleader dell'integrazione Ue ma ha bisogno di Vecchio Continente prospero