Serena Williams nella Silicon Valley, entra nel Cda di SurveyMonkey

Prima esperienza in un Consiglio di amministrazione per la tennista statunitense, ora incinta
Ap

Serena Williams è entrata a far parte del Consiglio di amministrazione di SurveyMonkey, una società della Silicon Valley che realizza e pubblica indagini online. La tennista statunitense, 35 anni e 39 titoli del Grande Slam alle spalle, ora incinta, vuole aiutare la società e la Silicon Valley, in generale, ad assicurare parità di genere e di origini etniche tra i dipendenti, problema evidente nel settore.

Secondo Zander Lurie, amministratore delegato di SurveyMonkey, l'arrivo di Serena Williams nel Consiglio di amministrazione potrà rappresentare un "messaggio forte per la nostra società, gli investitori e l'industria". "Il mio obiettivo - ha aggiunto Lurie - è portare un elemento di cambiamento attorno al nostro tavolo, che possa farci aprire gli occhi".

"Sono un'imprenditrice e sono attratta dalle opportunità innovative. Più ho imparato a conoscere questa società, più ho sentito che i loro valori centrali erano vicini ai miei" ha commentato Williams, interessata anche a esplorare le opportunità di business offerte dall'industria hi-tech, a cui si è avvicinata grazie al fidanzato Alexis Ohanian, cofondatore del forum online Reddit. A portarla nel board di SurveyMonkey è stata la sua amica Sheryl Sandberg, direttrice operativa di Facebook, che fa parte del Cda della società; il marito di Sandberg, Dave Goldberg, è stato Ceo di SurveyMonkey prima di morire nel 2015.

Altri Servizi

La rivincita delle Crocs (anche a Wall Street)

Lo stilista Christopher Kane e Balenciaga hanno portato in passerella le ciabatte che sembravano passate di moda. Gli analisti di Stifel scommettono in un rilancio: comprare il titolo

Le calzature Crocs sono destinate a tornare di moda. Le ciabatte leggere e dai colori sgargianti, un tempo diffuse anche in Italia, sembra stiano tornando ad essere popolari. Per questo gli analisti di Stifel consigliano agli investitori di comprare il titolo e non di tenerlo semplicemente in portafoglio. La raccomandazione ha spinto l'azione sui massimi di oltre due anni a Wall Street, dove venerdì 15 dicembre ha vissuto un rally di oltre il 14% a 12,55 dollari.

Incertezza sulla riforma fiscale, investitori preoccupati

Marco Rubio, senatore repubblicano della Florida, chiede maggiori sgravi fiscali per l'infanzia.
Shutterstock

Si fa nuovamente in salita la strada verso l'approvazione della riforma fiscale, che soltanto ieri sembrava cosa ormai fatta. E gli investitori a Wall Street tornano a preoccuparsi: e infatti il Russell 2000 ha ampliato i cali arrivando a perdere l'1%; l'indice che raggruppa le società a piccola e media capitalizzazione è visto come maggiormente correlato alle prospettive della riforma perché queste aziende tendono a pagare aliquote più alte rispetto alle multinazionali.

Riforma fiscale sempre più vicina, Rubio voterà sì

Il senatore della Florida si aggiunge quello del Tennessee. La settimana prossima verrà messa al voto in Parlamento. Entro Natale, la firma di Trump (salvo sorprese)
AP

Bloomberg a Trump: la riforma fiscale è una "cantonata economicamente indifendibile"

Per l'ex sindaco di NY, dà alle grandi aziende tagli alle tasse di cui non hanno bisogno, abbassa le aliquote dei contribuenti più abbienti e per permette ai più ricchi di proteggere i loro patrimoni
iStock

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Fitch promuove Fiat Chrysler Automobiles

Il rating passa a BB da BB- con outlook positivo. Atteso un flusso di cassa positivo e sostenibile. In vista dell'addio di Marchionne, prevista una riorganizzazione aziendale

Wall Street, Dow e S&P 500 archiviano la quarta settimana di guadagni

Ritorna l'ottimismo sull'approvazione della riforma fiscale
AP

Onu: rara apparizione dell'ambasciatore nordcoreano

Ja Song Nam parteciperà a una riunione a livello ministeriale del consiglio di sicurezza del Palazzo di Vetro. Ci sarà anche Tillerson

Oracle: il cloud fa da traino ai conti ma agli analisti non basta

Utili trimestrali +10% a 2,2 miliardi di dollari. Ricavi +6% a 9,6 miliardi. Vendite cloud +44%. Il gruppo software sfida Amazon con un database "self-driving"

In America internet è meno libera

Stop alle regole sulla Net Neutrality volute da Barack Obama nel 2015 per garantire internet aperta e uguale per tutti. Netflix e i colossi della Silicon Valley contro: sarà una lunga battaglia