Shale gas, gli Stati Uniti investono e l'Europa? Eni si prepara

Mario Platero intervista il presidente di Eni Giuseppe Recchi (ascolta la puntata)

Ascolta la puntata di America 24 in onda tutti i giorni su Radio 24 alle 13.45.

Lo shale gas è metano intrappolato in giacimenti argillosi. Negli ultimi vent'anni la sua estrazione, basata sull'infiltrazione nel sottosuolo di potenti getti d'acqua, è diventata economicamente conveniente tanto che gli Stati Uniti sono oggi all'avanguardia in questo tipo di estrazione, con l'obiettivo di diventare autosufficienti dal punto di vista energetico grazie allo sfruttamento dei loro giacimenti nazionali.

L'America sta dunque facendo forti investimenti e l'Europa? Mario Platero lo ha chiesto a Giuseppe Recchi, presidente di Eni che è venuto negli Stati Uniti proprio per incontrare i rappresentati dei colossi petroliferi americani.

Platero: Perché l’America è avanti e noi siamo indietro? In teoria lo avremmo anche noi in Europa lo shale gas, cioè la possibilità di sfruttare giacimenti di gas attraverso queste nuove tecnologie.

Recchi: I pronostici dell’Europa sono in teoria molto positivi perché l’Europa siede su grandi riserve di shale gas, il tema è che ha delle condizioni diverse di sviluppo. Primo, il suo volume di fuoco: ci sono 50 oil rigs presenti in Europa rispetto ai 2000 che erano presenti negli Stati Uniti e che derivavano dall’industria del petrolio che stava diminuendo, che furono convertiti per l’estrazione dello shale gas. Quindi dovessimo anche cominciare domani ci metteremmo un po’ di più. Poi c’è un grande problema normativo: il diritto del sottosuolo in America è di proprietà del padrone del terreno e questo fa sì che il padrone del terreno sia il primo interessato a sviluppare la possibilità di estrarre il gas. In Europa non è così, per cui c’è un conflitto d’interesse nel padrone del terreno europeo che si vede quasi espropriato della sua attività per andare a prendere una cosa che non gli appartiene.

Platero: Ecco, ma ci sono anche delle altre ragioni strategiche, sono importanti per noi o no? Quali sono altri motivi?

Recchi: Un altro motivo è la differenza di difficoltà tecnologica dovuto alla geologia, ma il vero grande motivo è la differenza di percezione della sicurezza e indipendenza energetica. Per l’America è un fattore di estrema importanza, ci si gioca la sua geopolitica internazionale, per l’Europa meno. Siamo diversificati dal punto di vista delle fonti di approvvigionamento dei fornitori perché prendiamo gas dall’Algeria, dalla Norvegia, dalla Libia e dalla Russia. L’America era più isolata e prendeva le sue risorse petrolifere dall’Arabia Saudita e da paesi più complicati. Diciamo che c’è molto da fare, ci vorrà un po’ di più ma è un’occasione che non si può perdere. Le capacità di produzione domestica del tradizionale diminuiranno e per cui lo shale gas è una straordinaria opportunità per l’Europa di giocarsi la sua competitività industriale.

Platero: Quanto ci vorrà e che cosa si può fare per sensibilizzare non solo l’opinione pubblica europea ma anche i politici a cercare di accelerare?

Recchi: Come sempre è una questione di stabilire la propria strategia, sia industriale che energetica. Quello che ci si auspica è che ci sia un mercato quanto più integrato possibile, con prezzi quanto più livellati possibili. Oggi viviamo delle anomalie di mercato con prezzi del gas ‘spot’ e cioè prezzi al consumo, al mercato di Borsa che sono molto più bassi dei prezzi che vennero stabiliti tempo fa dei famosi contratti take-or-pay che sono prezzi legati al prezzo del petrolio, che vennero costruiti in quel modo proprio per garantire una remunerazione degli investimenti nelle infrastrutture che servono a muovere il gas che sono grandi investimenti che durano a lungo nel tempo. Per cui si fecero dei prezzi che si legassero al prezzo del petrolio in modo tale da non creare rischi sul ritorno di queste operazioni. Ma il tema vero europeo è diverso, il tema europeo è che non siamo un mercato omogeneo dal punto di vista legislativo e viviamo ancora, forse perché non abbiamo la percezione dell’importanza di questa risorsa, di una scarsa voglia di cogliere le opportunità. Le faccio un esempio, l’Italia oggi è un produttore di petrolio, produce circa 200 mila barili di petrolio, potrebbe raddoppiare questa produzione e invece non lo fa per una serie di problematiche legate alla sindrome NIMBY ‘not in my backyard’. Cosa perde l’Italia non facendolo? E le assicuro che si può fare in sicurezza e col rispetto dell’ambiente. Perde 2 miliardi e mezzo di royalties all’anno che potrebbe incassare, perde circa 15 miliardi in 4-5 anni di valore di investimenti per progetti, ci sono già 88 progetti pronti per l’esplorazione che sono fermi e perde soprattutto la capacità di creare posti di lavoro e di sfruttare risorse su cui siede. Allora mi chiedo se sono cose che ci si può permettere e non si può invece arrivare a costruire una volontà del fare che vale poi per tutti i settori industriali.

Altri Servizi

Gli Usa pronti al ritorno alla Guerra Fredda con Cuba, poi Trump ha scelto una linea moderata

L'amministrazione aveva preso in considerazione la possibilità di un ultimatum sui diritti umani e l'ipotesi di una rottura completa con L'Avana

L'amministrazione Trump aveva preso in considerazione la possibilità di troncare i rapporti con Cuba, scegliendo poi di adottare una linea più morbida, che non precluda i rapporti diplomatici e futuri rapporti economici tra i due Paesi. A scriverlo è The Hill, citando documenti ottenuti in esclusiva.

Trump pubblica la dichiarazione finanziaria 2016: il suo impero vale 1,4 miliardi di dollari

Il presidente ha incassato 597 milioni di dollari dalle sue aziende, nel periodo tra gennaio 2015 e aprile 2016. La sua dichiarazione dei redditi, però, resta segreta

Donald Trump continua a rifiutarsi di presentare la propria dichiarazione dei redditi, ma ha reso pubbliche le informazioni relative alla sua situazione finanziaria, contenute in un documento di 98 pagine.

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Facebook verso servizio di notizie a pagamento?

Potrebbe arrivare entro la fine dell'anno e prevedere un paywall che blocca Instant article dopo certo numero di articoli letti. I ricavi potrebbero andare tutti ai produttori di contenuti

Facebook potrebbe a breve lanciare un servizio di notizie a pagamento per i suoi utenti. Si tratterebbe di un importante cambiamento all'interno delle politiche del colosso della Silicon Valley, che finora ha fornito agli iscritti milioni di informazioni, spesso di ottima qualità, in altri casi aiutando la diffusione di fake news.

Fca: la West Virginia University trova discrepanze in test su emissioni

Monta la pressione sul gruppo, accusato dalle autorità Usa di avere violato gli standard con quasi 104.000 tra Ram e Grand Cherokee. L'azienda: risultati fuorvianti
Chrysler

I ricercatori della West Virginia University - la stessa istituzione che aiutò a scoprire lo scandalo dieselgate che colpì Volkswagen nel settembre 2015 - hanno trovato delle discrepanze nelle emissioni di vetture diesel di Fiat Chrysler Automobiles a seconda che siano misurate su strada o in laboratorio.

Caso Russia, Trump twitta e ammette: "Sono indagato"

Il presidente Usa accusa il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, di guidare la 'caccia alle streghe'
Ap

"Sono [stato messo] sotto indagine per aver licenziato il direttore dell'Fbi (James Comey, ndr) dall'uomo che mi ha detto di licenziare il direttore dll'Fbi (il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, ndr]! Caccia alle streghe". Questo l'ultimo tweet pubblicato dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sta già facendo particolarmente discutere i giornalisti statunitensi, visto che sembra confermare il fatto che sia indagato, come scritto per primo dal Washington Post; sembra inoltre che Rosenstein sia entrato nella lista delle persone da screditare, dopo essere stato l'uomo con cui Trump si era fatto scudo, affermando di aver licenziato Comey su raccomandazione del vicesegretario, salvo poi dichiarare in televisione che lo avrebbe comunque licenziato. Ora, invece, Trump lo considera la persona che guida la "caccia alle streghe".

Trump: "Cancelliamo" accordo Obama-Cuba ma è una mezza verità

Maggiori restrizioni su viaggi e business ma le relazioni diplomatiche restano aperte come le rispettive ambasciate

Donald Trump ha attaccato l'amministrazione precedente, quella democratica di Barack Obama, rea dal suo punto di vista di avere realizzato un disgelo con il regime cubano per la prima volta in mezzo secolo. Come suo solito il presidente Usa vuole dettare le sue condizioni rendendo più complicato per gli americani viaggiare sull'isola comunista e per le aziende fare business all'Avana. Ma anche se ha promesso di "cancellare completamente" le misure volute dal suo predecessore, alcune di loro restano in vigore.

Le cinque peggiori città dove andare a vivere negli Stati Uniti

Il sito 24/7 Wall St. ha preso in considerazione diversi parametri per determinare quali centri urbani sconsigliare: in testa, non ci sono sorprese

La qualità della vita in una città statunitense dipende spesso dal quartiere in cui si vive, visto che povertà e crimine possono spesso essere a pochi isolati dalla prosperità. Ci sono però città con problemi così estesi ed evidenti che riducono la qualità della vita di tutti i residenti.

L'ordine allo staff di Trump: conservare il materiale utile alle indagini sulla Russia

Per il Nyt, è un'altra prova che l'inchiesta del procuratore speciale, Robert Mueller, si è ampliata

I membri dello staff che ha gestito per Donald Trump il periodo di transizione, quello tra la vittoria alle presidenziali, a novembre, e l'entrata in carica più di due mesi dopo, hanno ricevuto l'ordine di conservare documenti e qualsiasi altro materiale che possa essere utile alle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni. Lo riferisce il New York Times, citando un documento ottenuto.

Wall Street, continuano a soffrire i titoli tech

Nuovo record per il Dow Jones, che archivia la quarta settimana di fila in rialzo
AP