Shale gas, gli Stati Uniti investono e l'Europa? Eni si prepara

Mario Platero intervista il presidente di Eni Giuseppe Recchi (ascolta la puntata)

Ascolta la puntata di America 24 in onda tutti i giorni su Radio 24 alle 13.45.

Lo shale gas è metano intrappolato in giacimenti argillosi. Negli ultimi vent'anni la sua estrazione, basata sull'infiltrazione nel sottosuolo di potenti getti d'acqua, è diventata economicamente conveniente tanto che gli Stati Uniti sono oggi all'avanguardia in questo tipo di estrazione, con l'obiettivo di diventare autosufficienti dal punto di vista energetico grazie allo sfruttamento dei loro giacimenti nazionali.

L'America sta dunque facendo forti investimenti e l'Europa? Mario Platero lo ha chiesto a Giuseppe Recchi, presidente di Eni che è venuto negli Stati Uniti proprio per incontrare i rappresentati dei colossi petroliferi americani.

Platero: Perché l’America è avanti e noi siamo indietro? In teoria lo avremmo anche noi in Europa lo shale gas, cioè la possibilità di sfruttare giacimenti di gas attraverso queste nuove tecnologie.

Recchi: I pronostici dell’Europa sono in teoria molto positivi perché l’Europa siede su grandi riserve di shale gas, il tema è che ha delle condizioni diverse di sviluppo. Primo, il suo volume di fuoco: ci sono 50 oil rigs presenti in Europa rispetto ai 2000 che erano presenti negli Stati Uniti e che derivavano dall’industria del petrolio che stava diminuendo, che furono convertiti per l’estrazione dello shale gas. Quindi dovessimo anche cominciare domani ci metteremmo un po’ di più. Poi c’è un grande problema normativo: il diritto del sottosuolo in America è di proprietà del padrone del terreno e questo fa sì che il padrone del terreno sia il primo interessato a sviluppare la possibilità di estrarre il gas. In Europa non è così, per cui c’è un conflitto d’interesse nel padrone del terreno europeo che si vede quasi espropriato della sua attività per andare a prendere una cosa che non gli appartiene.

Platero: Ecco, ma ci sono anche delle altre ragioni strategiche, sono importanti per noi o no? Quali sono altri motivi?

Recchi: Un altro motivo è la differenza di difficoltà tecnologica dovuto alla geologia, ma il vero grande motivo è la differenza di percezione della sicurezza e indipendenza energetica. Per l’America è un fattore di estrema importanza, ci si gioca la sua geopolitica internazionale, per l’Europa meno. Siamo diversificati dal punto di vista delle fonti di approvvigionamento dei fornitori perché prendiamo gas dall’Algeria, dalla Norvegia, dalla Libia e dalla Russia. L’America era più isolata e prendeva le sue risorse petrolifere dall’Arabia Saudita e da paesi più complicati. Diciamo che c’è molto da fare, ci vorrà un po’ di più ma è un’occasione che non si può perdere. Le capacità di produzione domestica del tradizionale diminuiranno e per cui lo shale gas è una straordinaria opportunità per l’Europa di giocarsi la sua competitività industriale.

Platero: Quanto ci vorrà e che cosa si può fare per sensibilizzare non solo l’opinione pubblica europea ma anche i politici a cercare di accelerare?

Recchi: Come sempre è una questione di stabilire la propria strategia, sia industriale che energetica. Quello che ci si auspica è che ci sia un mercato quanto più integrato possibile, con prezzi quanto più livellati possibili. Oggi viviamo delle anomalie di mercato con prezzi del gas ‘spot’ e cioè prezzi al consumo, al mercato di Borsa che sono molto più bassi dei prezzi che vennero stabiliti tempo fa dei famosi contratti take-or-pay che sono prezzi legati al prezzo del petrolio, che vennero costruiti in quel modo proprio per garantire una remunerazione degli investimenti nelle infrastrutture che servono a muovere il gas che sono grandi investimenti che durano a lungo nel tempo. Per cui si fecero dei prezzi che si legassero al prezzo del petrolio in modo tale da non creare rischi sul ritorno di queste operazioni. Ma il tema vero europeo è diverso, il tema europeo è che non siamo un mercato omogeneo dal punto di vista legislativo e viviamo ancora, forse perché non abbiamo la percezione dell’importanza di questa risorsa, di una scarsa voglia di cogliere le opportunità. Le faccio un esempio, l’Italia oggi è un produttore di petrolio, produce circa 200 mila barili di petrolio, potrebbe raddoppiare questa produzione e invece non lo fa per una serie di problematiche legate alla sindrome NIMBY ‘not in my backyard’. Cosa perde l’Italia non facendolo? E le assicuro che si può fare in sicurezza e col rispetto dell’ambiente. Perde 2 miliardi e mezzo di royalties all’anno che potrebbe incassare, perde circa 15 miliardi in 4-5 anni di valore di investimenti per progetti, ci sono già 88 progetti pronti per l’esplorazione che sono fermi e perde soprattutto la capacità di creare posti di lavoro e di sfruttare risorse su cui siede. Allora mi chiedo se sono cose che ci si può permettere e non si può invece arrivare a costruire una volontà del fare che vale poi per tutti i settori industriali.

Altri Servizi

Fmi pronto a migliorare le stime di crescita mondiale

Discorso del d.g. Lagarde. Bene Europa e Giappone. Cina e India restano forti. La ripresa non è però finita. Serve adottare ora le riforme e investire nell'istruzione. Perché il prossimo Mark Zuckerberg non deve venire da Harvard
America24

Il Fondo monetario internazionale si prepara a rivedere al rialzo le stime di crescita mondiale quando, martedì 10 ottobre, pubblicherà il suo nuovo World Economic Outlook. "A luglio, l'Fmi ha stimato una crescita globale del 3,5% nel 2017 e del 3,6% nel 2018. La settimana prossima pubblicheremo le stime aggiornate in vista degli Annual Meeting" che si svolgeranno a Washington dal 13 al 15 ottobre prossimi. Esse "saranno probabilmente ancora più ottimiste". Lo ha detto Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo, in un discorso pronunciato alla Harvard University.

Trump celebra Cristoforo Colombo. Ma senza gli accorgimenti di Obama

Lunedì 9 ottobre gli Usa ricordano l'esploratore genovese che nel 1492 arrivò nelle Americhe. Il presidente brinda alla sua "impresa coraggiosa"; il predecessore ne ricordò anche le conseguenze per i nativi. A NY la 72esima parata (con polemiche)
Columbus Citizens Foundation

Come aveva fatto il suo predecessore, anche Donald Trump ha invitato i suoi connazionali a celebrare Cristoforo Colombo proclamando il 9 ottobre del 2017 la giornata dedicata all'esploratore italiano. La commemorazione dello "storico viaggio" del nativo di Genova, che si verifica negli Stati Uniti ogni secondo lunedì del mese di ottobre, fu decisa nel 1934 dal Congresso americano; seguendo la tradizione, il presidente di turno ogni anno proclama "Columbus Day" il giorno in cui cade.

Google sfida Apple e Amazon con nuovi smartphone e casse intelligenti

Arrivano anche le prime cuffie wireless del gruppo e la fotocamera Clips che preoccupa GoPro
Pixel 2 XL Google

Google affila le armi contro la concorrenza, a cominciare da Apple e Amazon. Il gruppo parte di Alphabet ha presentato vari prodotti tra cui due nuovi smartphone chiamati Pixel 2 e Pixel 2 XL, due nuovi speaker per la casa (uno dalle dimensioni piccole, Google Home Mini, e un'altro di alta gamma, Google Home Max), un nuovo Chromebook chiamato Pixelbook, un nuovo visore per la realtà virtuale e le sue prime cuffie wireless battezzate Google Pixel Buds. Come se non bastasse, l'azienda di Mountain View (California) ha sorpreso il pubblico riunito per l'occasione a San Francisco lanciando Google Clips, una nuova macchina fotografica che sembra preoccupare GoPro: il titolo del produttore di dispositivi usati dagli amanti di sport estremi per scattare immagini e registrare video ha accelerato subito al ribasso con gli investitori che chiaramente temono la concorrenza del nuovo arrivato.

Chi tradì Anna Frank? Forse lo dirà l'intelligenza artificiale

Un team guidato da un ex agente Fbi prova a risolvere il caso

Chi tradì la famiglia di Anna Frank? A dare risposta a "uno dei maggiori casi irrisolti del ventesimo secolo" potrebbe essere l'intelligenza artificiale. Un ex agente dell'Fbi e una società di produzione olandese hanno messo insieme un team di venti persone (ricercatori, analisti informatici e storici) che, con l'aiuto di tecnologie di ultima generazione, proveranno a risolvere il mistero.

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Moody's ha lasciato invariato il suo giudizio sull'Italia (pari a Baa2) citando la stabilizzazione del settore bancario della nazione e una crescita dell'economia più forte. Resta però l'incertezza in vista delle prossime elezioni motivo per cui l'outlook è rimasto negativo.

La Compilation: cosa aspettarsi e non dal commercialista

Informazioni utili per redigere il documento, un vero e proprio biglietto da visita per un’azienda straniera interessata a investire negli Usa

Nel precedente articolo abbiamo messo in luce i motivi che rendono la Compilation un Attest Service fondamentale per un’azienda straniera interessata ad investire negli Usa.

Gli interni di lusso italiani in mostra a Miami

Seconda edizione di Italian Luxury Interiors. Più che triplicate le richieste di partecipazione. Il nostro è il primo Paese europeo fornitore di prodotti d’arredo negli Usa, che sono il quarto mercato estero per il settore
ICE Agenzia

A Fort Lauderdale (Florida) è iniziata la seconda edizione della Italian Luxury Interiors. L’iniziativa - promossa da ICE Agenzia in collaborazione con Confartigianato, Cna ed Universal Marketing (agente esclusivo dell’evento) - è dedicata alle migliori proposte dell’artigianato italiano per i settori dell’oggettistica da regalo, complemento d’arredo, illuminazione e tessile.

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Monsanto vira in utile nel IV trimestre, progressi verso nozze con Bayer

Il merito va alla diffusione delle ultime tecnologie legate ai semi di soia e al cotone così come all'adozione dei nuovi ibridi di mais nel mondo. Punta a risparmi annui di 500 milioni di dollari

Nei tre mesi chiusi in 31 agosto scorso, Monsanto ha messo a segno utili per 20 milioni di dollari contro una perdita di 191 milioni di dollari dello stesso periodo del 2016. In quello che per il colosso dell'agrochimica rappresenta il quarto trimestre fiscale, gli utili per azione sono stati di 5 centesimi contro la perdita di 44 centestimi di un anno prima. Al netto di voci straordinarie, il dato è stato di 20 centesimi contro i 7 centesimi del periodo giugno-agosto dello scorso anno, decisamente meglio delle stime degli analisti che si aspettavano un rosso di 41 centesimi per azione.

Autogrill festeggia in Usa il suo 40esimo anniversario, premiato Gilberto Benetton

Il Ceo Tondato ha partecipato a TechFest del New Yorker
Da sinista, Armando Varrichio (ambasciatore), Gilberto Benetton (presidente di Autogrill) e Lucio Caputo (Gei) Gei

Con due appuntamenti, il Gruppo Autogrill ha festeggiato in Usa il suo 40esimo anniversario. Per il primo operatore al mondo nei servizi della ristorazione per chi viaggia si tratta di un momento che il suo amministratore delegato ha definito un "nuovo inizio". Perché dopo essersi fatto strada in 31 Paesi nel mondo, forte di 4mila punti vendita e di un portafoglio di oltre 300 brand che servono un miliardo di clienti nel mondo ogni anno, Autogrill scommette sulla tecnologia e sulla sostenibilità per personalizzare sempre di più quanto offerto ai consumatori. E lo fa a cominciare dagli Stati Uniti, da dove arriva oltre il 50% del fatturato complessivo.