Shale gas, gli Stati Uniti investono e l'Europa? Eni si prepara

Mario Platero intervista il presidente di Eni Giuseppe Recchi (ascolta la puntata)

Ascolta la puntata di America 24 in onda tutti i giorni su Radio 24 alle 13.45.

Lo shale gas è metano intrappolato in giacimenti argillosi. Negli ultimi vent'anni la sua estrazione, basata sull'infiltrazione nel sottosuolo di potenti getti d'acqua, è diventata economicamente conveniente tanto che gli Stati Uniti sono oggi all'avanguardia in questo tipo di estrazione, con l'obiettivo di diventare autosufficienti dal punto di vista energetico grazie allo sfruttamento dei loro giacimenti nazionali.

L'America sta dunque facendo forti investimenti e l'Europa? Mario Platero lo ha chiesto a Giuseppe Recchi, presidente di Eni che è venuto negli Stati Uniti proprio per incontrare i rappresentati dei colossi petroliferi americani.

Platero: Perché l’America è avanti e noi siamo indietro? In teoria lo avremmo anche noi in Europa lo shale gas, cioè la possibilità di sfruttare giacimenti di gas attraverso queste nuove tecnologie.

Recchi: I pronostici dell’Europa sono in teoria molto positivi perché l’Europa siede su grandi riserve di shale gas, il tema è che ha delle condizioni diverse di sviluppo. Primo, il suo volume di fuoco: ci sono 50 oil rigs presenti in Europa rispetto ai 2000 che erano presenti negli Stati Uniti e che derivavano dall’industria del petrolio che stava diminuendo, che furono convertiti per l’estrazione dello shale gas. Quindi dovessimo anche cominciare domani ci metteremmo un po’ di più. Poi c’è un grande problema normativo: il diritto del sottosuolo in America è di proprietà del padrone del terreno e questo fa sì che il padrone del terreno sia il primo interessato a sviluppare la possibilità di estrarre il gas. In Europa non è così, per cui c’è un conflitto d’interesse nel padrone del terreno europeo che si vede quasi espropriato della sua attività per andare a prendere una cosa che non gli appartiene.

Platero: Ecco, ma ci sono anche delle altre ragioni strategiche, sono importanti per noi o no? Quali sono altri motivi?

Recchi: Un altro motivo è la differenza di difficoltà tecnologica dovuto alla geologia, ma il vero grande motivo è la differenza di percezione della sicurezza e indipendenza energetica. Per l’America è un fattore di estrema importanza, ci si gioca la sua geopolitica internazionale, per l’Europa meno. Siamo diversificati dal punto di vista delle fonti di approvvigionamento dei fornitori perché prendiamo gas dall’Algeria, dalla Norvegia, dalla Libia e dalla Russia. L’America era più isolata e prendeva le sue risorse petrolifere dall’Arabia Saudita e da paesi più complicati. Diciamo che c’è molto da fare, ci vorrà un po’ di più ma è un’occasione che non si può perdere. Le capacità di produzione domestica del tradizionale diminuiranno e per cui lo shale gas è una straordinaria opportunità per l’Europa di giocarsi la sua competitività industriale.

Platero: Quanto ci vorrà e che cosa si può fare per sensibilizzare non solo l’opinione pubblica europea ma anche i politici a cercare di accelerare?

Recchi: Come sempre è una questione di stabilire la propria strategia, sia industriale che energetica. Quello che ci si auspica è che ci sia un mercato quanto più integrato possibile, con prezzi quanto più livellati possibili. Oggi viviamo delle anomalie di mercato con prezzi del gas ‘spot’ e cioè prezzi al consumo, al mercato di Borsa che sono molto più bassi dei prezzi che vennero stabiliti tempo fa dei famosi contratti take-or-pay che sono prezzi legati al prezzo del petrolio, che vennero costruiti in quel modo proprio per garantire una remunerazione degli investimenti nelle infrastrutture che servono a muovere il gas che sono grandi investimenti che durano a lungo nel tempo. Per cui si fecero dei prezzi che si legassero al prezzo del petrolio in modo tale da non creare rischi sul ritorno di queste operazioni. Ma il tema vero europeo è diverso, il tema europeo è che non siamo un mercato omogeneo dal punto di vista legislativo e viviamo ancora, forse perché non abbiamo la percezione dell’importanza di questa risorsa, di una scarsa voglia di cogliere le opportunità. Le faccio un esempio, l’Italia oggi è un produttore di petrolio, produce circa 200 mila barili di petrolio, potrebbe raddoppiare questa produzione e invece non lo fa per una serie di problematiche legate alla sindrome NIMBY ‘not in my backyard’. Cosa perde l’Italia non facendolo? E le assicuro che si può fare in sicurezza e col rispetto dell’ambiente. Perde 2 miliardi e mezzo di royalties all’anno che potrebbe incassare, perde circa 15 miliardi in 4-5 anni di valore di investimenti per progetti, ci sono già 88 progetti pronti per l’esplorazione che sono fermi e perde soprattutto la capacità di creare posti di lavoro e di sfruttare risorse su cui siede. Allora mi chiedo se sono cose che ci si può permettere e non si può invece arrivare a costruire una volontà del fare che vale poi per tutti i settori industriali.

Altri Servizi

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Gli Stati Uniti sono pronti a sviluppare un nuovo missile da crociera capace di trasportare armi convenzionali o testate nucleari, visto che credono che la Russia stia violando l'accordo per l'eliminazione dei missili a raggio corto e intermedio, l'INF, firmato 30 anni fa dal presidente Ronald Reagan e dal segretario generale del Partito comunista sovietico, Mikhail Gorbachev.

Obama paragona Trump a Hitler

Invocando lo spettro della Germania nazista, il 44esimo presidente americano avverte i concittadini: non siate compiacenti
Ap

La democrazia americana è sempre più fragile e potrebbe fare la fine della Germania nazista degli anni '30 del secolo scorso se non si agisce. E' stato sostanzialmente questo il messaggio lanciato da Barack Obama ai suoi concittadini. Senza mai fare alcun nome, il 44esimo presidente statunitense ha di fatto paragonato il suo successore, Donald Trump, ad Adolf Hitler.

Bitcoin: in poche ore supera i 12.000 e i 13.000 dollari per la prima volta

Stephen Roach, ex economista di Morgan Stanley, avverte: è un "concetto tossico per gli investitori". Conto alla rovescia per il lancio di future

Il rally di Bitcoin non sembra conoscere sosta. La valuta virtuale ha prima superato i 12.000 dollari per la prima volta e poi si è spinto oltre i 13.000 dollari continuando a inanellare un record dietro l'altro. La soglia degli 11.000 punti era stata conquistata il 29 novembre, quella dei 10.000 dollari era stata raggiunta meno di 24 ore prima e soltanto a ottobre la criptovaluta valeva 5.000 dollari. Il 2017 era iniziato sotto i mille dollari.

La Casa Bianca cerca di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Trump sulle deduzioni

Gli Stati con tasse altre fanno pressing per non vedere ridotta o eliminata la possibilità di detrarre le imposte statali e locali nella dichiarazione dei redditi
AP

Il consigliere economico della Casa Bianca, Gary Cohn, ha tentato di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Donald Trump e gli Stati americani (soprattutto di orientamento democratico) preoccupati dall'eliminazione o riduzione di una deduzione fiscale che rischia di finire nella riforma fiscale su cui stanno lavorando i repubblicani al Congresso.

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto

A novembre le aziende americane hanno continuato ad assumere continuando la tendenza vista il mese precedente. Il rialzo del mese scorso segna l'86esimo mese di fila in cui i datori di lavoro hanno reclutato personale negli Stati Uniti.

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

Una divisione di Caterpillar ha ammesso di avere truffato clienti facendo manutenzione inutile sui loro vagoni ferroviari.

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Apple sta per acquistare Shazam, la app per riconoscere le canzoni. A sostenerlo è il sito TechCrunch: citando fonti anonime, il sito specializzato in tecnologia riferisce che il produttore dell'iPhone potrebbe pagare centinaia di migliaia di dollari per l'applicazione; se cos" fosse, Apple verserebbe meno del miliardo di dollari circa a cui Shazam fu valutata nel suo ultimo round di raccolta fondi risalente al 2015. Un'intesa potrebbe essere annunciata luned" 11 dicembre.

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Il senatore Franken si dimette, dopo le accuse di molestie. È il secondo parlamentare Usa a lasciare

Otto donne contro di lui; l'ex comico: "Alcune accuse sono non vere; per altre, ricordo i fatti diversamente. Ma sono un sostenitore delle donne". Due giorni prima di lui, l'annuncio del deputato Conyers

Al Franken, il senatore democratico statunitense accusato da otto donne di molestie sessuali, si dimetterà nelle prossime settimane. L'annuncio è stato dato in Aula, dopo che 33 colleghi del suo partito, ieri, avevano pubblicamente chiesto le sue dimissioni.

Da gennaio Trump tornerà a promuovere piano infrastrutturale

Prevede 200 miliardi di dollari di fondi federali e 800 miliardi di investimenti privati su scala statale e municipale
iStock

Non ha ancora portato a casa la riforma fiscale, che già Donald Trump pensa a rilanciare un piano infrastrutturale promesso ancora prima della sua vittoria alle elezioni presidenziali del novembre 2016. Lo riferisce la stampa americana citando funzionari della Casa Bianca; la proposta dovrebbe prevedere spese federali per 200 miliardi di dollari, pensate per innescare investimenti da parte del settore privato a livello statale e municipale per altri 800 miliardi di dollari. Il valore complessivo da mille miliardi di dollari è quello che Trump, già da candidato, disse che avrebbe realizzato nei suoi primi 100 giorni alla Casa Bianca. Così non è stato, visto che poi il Gop si è concentrato (inutilmente) sull'abrograzione della riforma sanitaria voluta da Barack Obama e ora è alle prese con una riforma fiscale che spera di realizzare entro Natale.