Si apre l'assemblea generale dell'Onu: ecco i temi più importanti

Corea del Nord, Myanmar, Iran, ma anche clima e ovviamente il debutto di Donald Trump

Questa settimana i leader mondiali si incontrano a New York per l'apertura della settantaduesima assemblea generale della Nazioni Unite. Il dibattito inizierà martedì, con l'intervento del presidente americano Donald Trump (il grande atteso di quest'anno) che arriverà per quarto, dopo quelli del segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, del presidente dell'assemblea, Miroslav Lajcak, e del presidente brasiliano, Michel Temer. Di seguito una lista dei principali temi che saranno al centro delle discussioni di quest'anno.

-Corea del Nord. È sicuramente uno dei temi più urgenti su cui i capi di stato mondiali discuteranno. Per ora sembra che Pyongyang non si voglia fermare: il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, il 15 settembre ha lanciato un nuovo missile, nonostante il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite avesse appena approvato nuove sanzioni contro il suo Paese. Intanto gli Stati Uniti hanno minacciato il regime che nonostante continuino a credere in una soluzione diplomatica, esiste anche la possibilità di un attacco militare. Giovedì 21 settembre è previsto un incontro tra Donald Trump, il primo ministro del Giappone, Shinzo Abe, e il presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in.

-Crisi in Myanmar. Ci sarà poi la questione delle persecuzioni contro la minoranza musulmana Rohingya in Myanmar, che Guterres ha definito un esempio di pulizia etnica. In questo momento in Bangladesh ci sono circa mezzo milione di rifugiati Rohingya e in Myanmar la giunta militare continua a uccidere i membri della minoranza. Ci si chiede quale sarà la reazione della comunità internazionale; il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite interverrà per porre fine alla questione, visto che finora non ha fatto molto. Il problema è legato alla Cina, principale alleato del Myanmar, che non vuole attaccare direttamente il Paese per le violenze.

-Tensioni con l'Iran sul nucleare. Sia Trump che l'ambasciatore Usa alle Nazioni Unite, Nikki Haley, hanno definito più volte l'Iran uno Paese che sostiene il terrorismo e hanno detto che gli Stati Uniti potrebbero abbandonare l'accordo sul nucleare raggiunto nel 2015 dall'amministrazione Obama. Per ora Trump - che dovrebbe mandare un messaggio anche a Teheran nel suo discorso - non ha preso alcuna azione pur descrivendo l'accordo come uno dei peggiori della storia. Gli altri Stati occidentali hanno definito le posizioni di Trump pericolose, sopratutto in un periodo di forti tensioni nucleari con la Corea del Nord.

-Riscaldamento globale. Gli Stati Uniti hanno annunciato il loro ritiro dall'accordo di Parigi sul clima ma, come spiegato dal ministro italiano dell'Ambiente, Galletti, ora c'è una maggiore consapevolezza sulle posizioni. Per lui Washington ha capito che Ue e Italia restano inamovibili: l'accordo non si cambia. L'assemblea generale si interrogherà sulle possibili soluzioni a l'aumento delle inondazioni, dei disastri naturali e delle siccità estreme. 

-Siria e Libia. Continuano gli sforzi della comunità internazionale per porre fine alla guerra civile in Siria. Il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, ne ha parlato in un incontro a cui è stata invitata anche l'Italia lunedì 18 settembre. Il giorno precedente l'ex Ceo di Exxon e il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, si erano incontrati sempre a New York per discutere sulla crisi siriana e sulla lotta all'Isis. Anche le tensioni in Libia continuano a essere al centro delle discussioni, soprattutto perché dal Paese - a causa della sua instabilità - partono la maggior parte delle imbarcazioni che portano i migranti africani verso le coste dell'Europa. Il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha fornito la sua posizione.

-L'effetto Trump. C'è infine grande attesa per Donald Trump, al suo primo intervento davanti alle Nazioni Unite. I media americani sostengono che il presidente Usa dovrebbe mantenere un profilo istituzionale, pronunciando un discorso incentrato sulla Corea del Nord e sulla lotta al terrorismo. Trump ha più volte minacciato tagli pesanti alle Nazioni Unite (gli Usa contribuisco a circa il 25% del budget annuale) e in passato il presidente aveva definito l'Onu come "un club in cui le persone si incontrano, parlano e si divertono". Il presidente non dovrebbe fare attacchi violenti su questo tema, ma in questi giorni sono previsti incontri sulla riforma dell'Onu, di cui Trump è promotore. Una vittoria per il segretario generale Antonio Guterres.

Altri Servizi
Unsplash /Oliver Cole

La polizia di New York ha confermato alla Nbc l'arresto di una persona, dopo l'esplosione avvenuta tra la 42esima Strada e l'ottava Avenue proprio nell'ora di punta nel terminal di Port Authority, la stazione centrale degli autobus, vicino a Times Square, a Manhattan.

Wall Street ottimista, la Fed pronta ad alzare i tassi

La decisione della Federal Reserve è attesa questa settimana
AP

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

Una divisione di Caterpillar ha ammesso di avere truffato clienti facendo manutenzione inutile sui loro vagoni ferroviari.

Haley (Onu): ascoltiamo le donne che dicono di essere state molestate da Trump

L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite in una intervista su CBS. Il suo parere è opposto a quello della Casa Bianca che invece ha definito i casi risolti
Ap

Nikki Haley, l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, domenica ha detto che le donne che hanno accusato il presidente Usa Donald Trump di averle molestate e toccate senza il loro consenso "dovrebbero essere ascoltate".

Gli Usa rispondono alla Russia: pronti a sviluppare nuovi missili nucleari

Trump in questo modo ricatta Mosca e spera che decida di tornare a rispettare il trattato sulla non proliferazione di missili di media gittata, firmato nel 1987. Questa settimana previsto un incontro bilaterale a Washington

Gli Stati Uniti hanno avvertito la Russia che inizieranno a sviluppare nuovi missili nucleari a meno che Mosca non ritorni a rispettare il trattato di non proliferazione che è accusata di aver violato.

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly US. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24

Dopo Hollywood, la Silicon Valley e Capitol Hill anche il mondo della ristorazione è stato colpito dallo scandalo di molestie sessuali. Quattro donne hanno accusato Mario Batali, uno degli chef più celebri di New York; famoso per i suoi capelli rossi e le Crocs arancioni ai piedi, è il cuoco che ha cucinato l'ultima cena di stato alla Casa Bianca dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ed è uno dei partner di Eataly US.

New York, tentato attacco terroristico: preso un uomo, ferito

Il nome dell'attentatore è Akayed Ullah, 27 anni. Ha fatto scoppiare un ordigno rudimentale poco prima delle 7:20, in un tunnel della metropolitana

Un consueto inizio di settimana si è trasformato, per molti newyorkesi, in quello che il governatore Andrew Cuomo ha definito "uno dei nostri peggiori incubi": un attentato nella metropolitana che, per fortuna, non ha avuto le conseguenze gravi che "si potevano temere inizialmente". "Questa è New York" ha ricordato il governatore, aggiungendo che la città è "un obiettivo per chi lotta contro la democrazia e la libertà. Chiunque oggi può andare su internet e costruire ordigni artigianali e dobbiamo convivere con questa realtà".

Alabama al voto per un seggio in Senato, il repubblicano Moore ce la farà?

Il candidato è accusato di molestie sessuali, ma è sostenuto dal presidente Trump ed è in vantaggio nei sondaggi, in uno Stato che non elegge un democratico in Senato dal 1992

Roy Moore, il controverso candidato repubblicano al seggio nel Senato statunitense lasciato libero da Jeff Sessions, divenuto segretario alla Giustizia, ha reso l'Alabama uno Stato inaspettatamente in bilico. Domani, i cittadini dello Yellowhammer State dovranno scegliere tra lui, uomo fortemente appoggiato dalla destra capeggiata da Steve Bannon, e il democratico Doug Jones.

Wall Street: occupazione Usa in primo piano

Creati più posti di lavoro del previsto ma i salari stentano a crescere. La Federal Reserve è pronta ad alzare i tassi la settimana prossima
AP

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Gli Stati Uniti sono pronti a sviluppare un nuovo missile da crociera capace di trasportare armi convenzionali o testate nucleari, visto che credono che la Russia stia violando l'accordo per l'eliminazione dei missili a raggio corto e intermedio, l'INF, firmato 30 anni fa dal presidente Ronald Reagan e dal segretario generale del Partito comunista sovietico, Mikhail Gorbachev.