Silurato da Apple, fornitore di chip si vende ai cinesi bloccati da Trump

Il gruppo britannico Imagination Technlogies ha siglato un accordo da 550 milioni di sterline con Canyon Bridge, fondo di private equity appoggiato da Pechino che tentò di acquisire l'americana Lattice Semiconductor

Una settimana dopo essersi sentito dire dagli Stati Uniti che non poteva acquisire un produttore americano di semiconduttori per motivi di sicurezza nazionale, un fondo di private equity appoggiato da Pechino ha siglato un accordo per comprare un'azienda britannica specializzata in processori grafici: si tratta di Imagination Technologies; a giugno si mise in vendita perché Apple, il suo cliente più grande nonché uno dei suoi principali soci, comunicò l'intenzione di usare sempre di meno la sua tecnologia in prodotti come l'iPhone. 

Nell'operazione che vede nelle vesti di compratore Canyon Bridge non rientra la divisione statunitense di Imagination (MIPS) che sta per essere rilevata da un gruppo di investimento della Silicon Valley (Tallwood Venture Capital) per 65 milioni di dollari. Quest'ultima operazione deve andare in porto affinché Canyon Bridge - che ha sede in California ma è appoggiato dal fondo statale cinese Yitai Capital - possa mettere le mani su Imagination.

Reduce dal no del presidente americano Donald Trump all'acquisto di Lattice Semiconductur per 1,3 miliardi di dollari, Canyon Bridge ha fornito rassicurazioni al governo di Theresa May, impegnato da un lato a presentarsi come aperto ai mercati globali ma come quello Usa attento a non perdere pezzi di settori cruciali per la propria economia.

"La strategia di investimento di Canyon Bridge non sta nel portare il business in Cina ma renderlo più competitivo in Cina offrendo acesso al mercato più grande al mondo", recita un comunicato stampa del fondo che ha promesso di non tagliare personale, di non trasferire in altri Paesi le attività e di continuare a investire nella ricerca di Imagination nel Regno Unito.

Mentre la nazione d'Oltremanica si prepara a dire addio a un altro produttore di chip dopo averlo fatto con Arm Holdings (ceduto nel 2016 alla giapponese SoftBank per 24 miliardi di dollari), Imagination festeggia. Secondo il suo Ceo Andrew Heath, la proposta di Canyon Bridge è un "risultato molto buono per i soci". Quanto messo sul piatto rappresenta un premio del 42% rispetto al prezzo del titolo Imagination alla fine degli scambi della seduta di venerdì 22 settembre. Va ricordato tuttavia che è inferiore al valore delle azioni prima della rottura con Apple in aprile (che coincise con un tonfo giornaliero del 60% del titolo Imagination).

Nel documento depositato presso le autorità di Borsa, sia Heath sia il cda del gruppo britannico non hanno mancato di bacchettare Apple; quest'ultima ha sviluppato in casa i processori grafici e li ha messi nei suoi ultimi iPhone presentati il 12 settembre. I cosiddetti GPU sono cruciali per permettere il funzionamento di videogiochi e di modalità di intelligenza artificiale e realtà virtuale sugli smartphone.

"Imagination ha fatto progressi eccellenti sia dal punto di vista operativo sia da quello finanziario negli ultimi 18 mesi fino a quando le asserzioni prive di fondamento di Apple e la conseguente disputa ci hanno costretto a cambiare corso", ha detto in una nota il Ceo. Il cda dell'azienda britannica ha aggiunto di credere che l'acquisizione proposta "fornisce certezza ai soci di Imagination in un momento in cui il futuro del business è stato colpito negativamente dalle azioni di Apple".

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft