Silurato da Apple, fornitore di chip si vende ai cinesi bloccati da Trump

Il gruppo britannico Imagination Technlogies ha siglato un accordo da 550 milioni di sterline con Canyon Bridge, fondo di private equity appoggiato da Pechino che tentò di acquisire l'americana Lattice Semiconductor

Una settimana dopo essersi sentito dire dagli Stati Uniti che non poteva acquisire un produttore americano di semiconduttori per motivi di sicurezza nazionale, un fondo di private equity appoggiato da Pechino ha siglato un accordo per comprare un'azienda britannica specializzata in processori grafici: si tratta di Imagination Technologies; a giugno si mise in vendita perché Apple, il suo cliente più grande nonché uno dei suoi principali soci, comunicò l'intenzione di usare sempre di meno la sua tecnologia in prodotti come l'iPhone. 

Nell'operazione che vede nelle vesti di compratore Canyon Bridge non rientra la divisione statunitense di Imagination (MIPS) che sta per essere rilevata da un gruppo di investimento della Silicon Valley (Tallwood Venture Capital) per 65 milioni di dollari. Quest'ultima operazione deve andare in porto affinché Canyon Bridge - che ha sede in California ma è appoggiato dal fondo statale cinese Yitai Capital - possa mettere le mani su Imagination.

Reduce dal no del presidente americano Donald Trump all'acquisto di Lattice Semiconductur per 1,3 miliardi di dollari, Canyon Bridge ha fornito rassicurazioni al governo di Theresa May, impegnato da un lato a presentarsi come aperto ai mercati globali ma come quello Usa attento a non perdere pezzi di settori cruciali per la propria economia.

"La strategia di investimento di Canyon Bridge non sta nel portare il business in Cina ma renderlo più competitivo in Cina offrendo acesso al mercato più grande al mondo", recita un comunicato stampa del fondo che ha promesso di non tagliare personale, di non trasferire in altri Paesi le attività e di continuare a investire nella ricerca di Imagination nel Regno Unito.

Mentre la nazione d'Oltremanica si prepara a dire addio a un altro produttore di chip dopo averlo fatto con Arm Holdings (ceduto nel 2016 alla giapponese SoftBank per 24 miliardi di dollari), Imagination festeggia. Secondo il suo Ceo Andrew Heath, la proposta di Canyon Bridge è un "risultato molto buono per i soci". Quanto messo sul piatto rappresenta un premio del 42% rispetto al prezzo del titolo Imagination alla fine degli scambi della seduta di venerdì 22 settembre. Va ricordato tuttavia che è inferiore al valore delle azioni prima della rottura con Apple in aprile (che coincise con un tonfo giornaliero del 60% del titolo Imagination).

Nel documento depositato presso le autorità di Borsa, sia Heath sia il cda del gruppo britannico non hanno mancato di bacchettare Apple; quest'ultima ha sviluppato in casa i processori grafici e li ha messi nei suoi ultimi iPhone presentati il 12 settembre. I cosiddetti GPU sono cruciali per permettere il funzionamento di videogiochi e di modalità di intelligenza artificiale e realtà virtuale sugli smartphone.

"Imagination ha fatto progressi eccellenti sia dal punto di vista operativo sia da quello finanziario negli ultimi 18 mesi fino a quando le asserzioni prive di fondamento di Apple e la conseguente disputa ci hanno costretto a cambiare corso", ha detto in una nota il Ceo. Il cda dell'azienda britannica ha aggiunto di credere che l'acquisizione proposta "fornisce certezza ai soci di Imagination in un momento in cui il futuro del business è stato colpito negativamente dalle azioni di Apple".

Altri Servizi

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento