Siria, il presidente Trump: "Ora di tornare a casa, basta guerra senza fine"

Gli Usa danno il via libera all'attacco turco contro i curdi. "Ora ci pensi l'Europa" ha aggiunto il capo di Stato Usa

"Gli Stati Uniti dovevano restare in Siria per 30 giorni, questo molti anni fa. Siamo rimasti e siamo andati sempre più a fondo a una battaglia senza obiettivi all'orizzonte. Quando sono arrivato a Washington, l'Isis dilagava incontrollato nell'area. Abbiamo sconfitto rapidamente il 100% del califfato dell'Isis [...] I curdi hanno combattuto con noi, ma sono stati pagati con soldi e armi per farlo. Combattono i turchi da decenni. Mi sono tenuto a distanza da questa battaglia per quasi 3 anni, ma è ora per noi di uscire da queste ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali, e di riportare a casa i nostri soldati". Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per spiegare la decisione di lasciare il Nord della Siria, dove la Turchia ha intenzione di attaccare i curdi.

"Abbiamo catturato migliaia di combattenti dell'Isis, di cui la maggior parte proveniente dall'Europa. Ma l'Europa non li rivoleva, ci hanno detto di tenerli negli Stati Uniti! Ho detto 'no', vi abbiamo fatto un grosso favore e ora volete che li teniamo nelle prigioni statunitensi con enormi costi" ha aggiunto Trump. Poi, il presidente ha scritto che "come sempre, pensano che gli Stati Uniti siano 'gli stupidi', come sulla Nato, sul commercio, su tutto". "Combatteremo dove sarà a nostro beneficio e solo per vincere. Turchia, Europa, Siria, Iran, Iraq, Russia e i curdi dovranno ora risolvere la situazione e pensare a cosa vogliono fare con i combattenti dell'Isis catturati dalle loro parti".

Ieri, la Casa Bianca ha annunciato che il presidente Trump ha dato il suo appoggio per un'operazione militare turca contro le forze curde presenti in Siria, vicino al confine con la Turchia. Ankara considera come "terroristi" le forze curde che hanno combattuto con gli Stati Uniti contro l'Isis nel nord della Siria. La decisione di Trump, scrive il New York Times, va contro tutte le raccomandazioni fatte dai massimi funzionari dei dipartimenti di Stato e Difesa, che volevano continuare a tenere un numero ridotto di soldati statunitensi nell'area. La Casa Bianca ha comunicato che "la Turchia comincerà presto la sua operazione, da tempo pianificata, nel Nord della Siria". "Le forze armate statunitensi non sosterranno e non saranno coinvolte nell'operazione e le forze statunitensi, che hanno sconfitto il 'califfato' dell'Isis, non resteranno più nell'area".

 

In Congresso

Il repubblicano Lindsey Graham e il democratico Chris Van Hollen presenteranno in Senato una proposta bipartisan che prevede sanzioni contro la Turchia, se Ankara invaderà la Siria. Graham ha poi dichiarato che chiederanno anche la sospensione dalla Nato della Turchia, in caso di un suo attacco contro i curdi. Graham, uno dei parlamentari che più hanno difeso Trump in questi anni, è stato molto critico con la decisione dell'amministrazione di ritirare le truppe dal Nord della Siria, definita "un disastro in lavorazione"; decisione che lascia campo libero per un'operazione turca contro i curdi.

 

La 'rassicurazione' di Trump

"Se la Turchia farà qualcosa che io, nella mia grande e ineguagliata saggezza, considererò oltre i limiti, distruggerò totalmente l'economia della Turchia (l'ho già fatto!)". Così il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha provato a 'rassicurare' i tanti critici, anche negli Stati Uniti, che considerano sbagliata la sua decisione di lasciare il Nord della Siria, dove la Turchia ha intenzione di attaccare i curdi.

La Turchia "insieme all'Europa e ad altri, deve tenere d'occhio i combattenti dell'Isis e le loro famiglie. Gli Stati Uniti hanno fatto molto di più di quello che chiunque potesse mai aspettarsi, inclusa la conquista del 100% del califfato dell'Isis. Ora è il momento che gli altri nella regione, alcuni molto ricchi, proteggano i loro stessi territori. Gli Stati Uniti sono grandi!" ha concluso Trump.


Il comunicato del Pentagono

"Gli Stati Uniti non appoggiano un'operazione turca nel Nord della Siria". Lo ha reso noto il Pentagono, commentando la decisione dell'amministrazione di ritirare le truppe da quell'area, dove sono state attive contro l'Isis insieme ai curdi. L'operazione dei turchi avrebbe come obiettivo proprio i curdi, considerati "terroristi".

"Il dipartimento della Difesa ha chiarito alla Turchia - come ha fatto il presidente - che non appoggiamo un'operazione turca nel Nord della Siria. Le forze armate statunitensi non sosterranno e non saranno coinvolte in una tale operazione" si legge in un comunicato del Pentagono. "Abbiamo costantemente sottolineato con le forze militari turche che il coordinamento e la cooperazione sono la strada migliore per la sicurezza nell'area" e le autorità statunitensi hanno "ribadito che le azioni unilaterali creano rischi per la Turchia". "Lavoreremo con gli altri alleati della Nato e con i partner della coalizione per ribadire alla Turchia le possibili conseguenze destabilizzanti di potenziali azioni per la Turchia, per la regione e oltre".

Altri Servizi

Media: la Cina pronta a discutere un "accordo parziale" con gli Usa

Per Bloomberg e Ft, Pechino offre l'acquisto di più prodotti agricoli
Ap

La Cina è pronta a discutere "un accordo parziale" con gli Stati Uniti. Secondo Bloomberg, che cita una fonte con conoscenze dirette dei negoziati, Pechino è pronta a un possibile accordo, a condizione che il presidente Donald Trump non imponga più dazi sui prodotti cinesi, nemmeno quelli già programmati per questo mese e per dicembre. Secondo la stessa fonte, Pechino ha intenzione di offrire alcune concessioni, come l'aumento dell'acquisto di prodotti agricoli statunitensi, che però non riguardano il fulcro della contesa tra le due maggiori potenze mondiali. 

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Hunter Biden lascerà il board di un fondo di investimento cinese

Il figlio del candidato democratico si dimetterà da BHR e non lavorerà per nessuna società straniera in caso di elezione del padre alla Casa Bianca
Ap

Hunter Biden, il figlio dell’ex vicepresidente americano e candidato alle primarie democratiche Joe Biden, lascerà il suo posto nel Consiglio di Amministrazione di BHR, fondo di investimento cinese. Lo ha dichiarato il suo avvocato, George Mesires, in una nota nella quale ha specificato che Biden Junior non farà parte di alcun board di società straniere, né continuerà a lavorare per loro, qualora il padre dovesse vincere le presidenziali.

Ucrainagate, l’ambasciatore americano nell'Ue parlerà al Congresso: "Ho avuto rassicurazioni da Trump"

Secondo il Washington Post Gordon Sondland dichiarerà che il Tycoon lo rassicurò sul fatto che non c’erano legami tra gli aiuti a Kiev e la richiesta di indagare Biden
AP

Negli Stati Uniti continua a tenere banco l’Ucrainagate. L'ambasciatore americano nell’Unione Europea, Gordon Sondland, dopo un primo divieto da parte di Donald Trump, parlerà al Congresso e dirà che il presidente americano gli assicurò personalmente in una telefonata che non c'era nessun "quid pro quo" fra gli aiuti all'Ucraina e la richiesta di aprire un'indagine su Joe Biden.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino apre a "un accordo parziale", secondo Bloomberg e Ft
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Caso Ucraina, arrestati due soci di Giuliani per fondi elettorali illegali

Avrebbero violato le leggi contro l'influenza straniera nelle elezioni

Due persone vicine a Rudy Giuliani, l'avvocato personale del presidente Donald Trump, sono state arrestate ieri sera in Virginia, con l'accusa di aver violato le leggi sui finanziamenti delle campagne elettorali. Lo scrive il Washington Post.

Wall Street, si guarda ai negoziati Usa-Cina

Indizi contrastanti sul possibile esito delle trattative, che ripartono oggi a Washington
AP

Warren: "Se vinco le primarie, sfido Trump senza i grandi donatori"

La senatrice è salita in testa alla media dei sondaggi nazionali di Real Clear Politics: è lei la preferita dei democratici per sfidare Trump
AP

La senatrice statunitense Elizabeth Warren, che sta affrontando la campagna elettorale per le primarie senza l'aiuto dei grandi donatori, ha detto che se otterrà la nomination democratica continuerà a rinunciare alle somme dei grandi finanziatori; si tratta di un cambio di strategia, visto che in passato aveva detto di voler rinunciare alle grandi donazioni solo per le primarie. A febbraio, alla Msnbc, aveva detto: "Non credo al disarmo unilaterale", riferendosi alle grandi donazioni di cui potrà disporre il presidente Donald Trump per le presidenziali del prossimo anno.