Siria, il presidente Trump: "Ora di tornare a casa, basta guerra senza fine"

Gli Usa danno il via libera all'attacco turco contro i curdi. "Ora ci pensi l'Europa" ha aggiunto il capo di Stato Usa

"Gli Stati Uniti dovevano restare in Siria per 30 giorni, questo molti anni fa. Siamo rimasti e siamo andati sempre più a fondo a una battaglia senza obiettivi all'orizzonte. Quando sono arrivato a Washington, l'Isis dilagava incontrollato nell'area. Abbiamo sconfitto rapidamente il 100% del califfato dell'Isis [...] I curdi hanno combattuto con noi, ma sono stati pagati con soldi e armi per farlo. Combattono i turchi da decenni. Mi sono tenuto a distanza da questa battaglia per quasi 3 anni, ma è ora per noi di uscire da queste ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali, e di riportare a casa i nostri soldati". Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per spiegare la decisione di lasciare il Nord della Siria, dove la Turchia ha intenzione di attaccare i curdi.

"Abbiamo catturato migliaia di combattenti dell'Isis, di cui la maggior parte proveniente dall'Europa. Ma l'Europa non li rivoleva, ci hanno detto di tenerli negli Stati Uniti! Ho detto 'no', vi abbiamo fatto un grosso favore e ora volete che li teniamo nelle prigioni statunitensi con enormi costi" ha aggiunto Trump. Poi, il presidente ha scritto che "come sempre, pensano che gli Stati Uniti siano 'gli stupidi', come sulla Nato, sul commercio, su tutto". "Combatteremo dove sarà a nostro beneficio e solo per vincere. Turchia, Europa, Siria, Iran, Iraq, Russia e i curdi dovranno ora risolvere la situazione e pensare a cosa vogliono fare con i combattenti dell'Isis catturati dalle loro parti".

Ieri, la Casa Bianca ha annunciato che il presidente Trump ha dato il suo appoggio per un'operazione militare turca contro le forze curde presenti in Siria, vicino al confine con la Turchia. Ankara considera come "terroristi" le forze curde che hanno combattuto con gli Stati Uniti contro l'Isis nel nord della Siria. La decisione di Trump, scrive il New York Times, va contro tutte le raccomandazioni fatte dai massimi funzionari dei dipartimenti di Stato e Difesa, che volevano continuare a tenere un numero ridotto di soldati statunitensi nell'area. La Casa Bianca ha comunicato che "la Turchia comincerà presto la sua operazione, da tempo pianificata, nel Nord della Siria". "Le forze armate statunitensi non sosterranno e non saranno coinvolte nell'operazione e le forze statunitensi, che hanno sconfitto il 'califfato' dell'Isis, non resteranno più nell'area".

 

In Congresso

Il repubblicano Lindsey Graham e il democratico Chris Van Hollen presenteranno in Senato una proposta bipartisan che prevede sanzioni contro la Turchia, se Ankara invaderà la Siria. Graham ha poi dichiarato che chiederanno anche la sospensione dalla Nato della Turchia, in caso di un suo attacco contro i curdi. Graham, uno dei parlamentari che più hanno difeso Trump in questi anni, è stato molto critico con la decisione dell'amministrazione di ritirare le truppe dal Nord della Siria, definita "un disastro in lavorazione"; decisione che lascia campo libero per un'operazione turca contro i curdi.

 

La 'rassicurazione' di Trump

"Se la Turchia farà qualcosa che io, nella mia grande e ineguagliata saggezza, considererò oltre i limiti, distruggerò totalmente l'economia della Turchia (l'ho già fatto!)". Così il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha provato a 'rassicurare' i tanti critici, anche negli Stati Uniti, che considerano sbagliata la sua decisione di lasciare il Nord della Siria, dove la Turchia ha intenzione di attaccare i curdi.

La Turchia "insieme all'Europa e ad altri, deve tenere d'occhio i combattenti dell'Isis e le loro famiglie. Gli Stati Uniti hanno fatto molto di più di quello che chiunque potesse mai aspettarsi, inclusa la conquista del 100% del califfato dell'Isis. Ora è il momento che gli altri nella regione, alcuni molto ricchi, proteggano i loro stessi territori. Gli Stati Uniti sono grandi!" ha concluso Trump.


Il comunicato del Pentagono

"Gli Stati Uniti non appoggiano un'operazione turca nel Nord della Siria". Lo ha reso noto il Pentagono, commentando la decisione dell'amministrazione di ritirare le truppe da quell'area, dove sono state attive contro l'Isis insieme ai curdi. L'operazione dei turchi avrebbe come obiettivo proprio i curdi, considerati "terroristi".

"Il dipartimento della Difesa ha chiarito alla Turchia - come ha fatto il presidente - che non appoggiamo un'operazione turca nel Nord della Siria. Le forze armate statunitensi non sosterranno e non saranno coinvolte in una tale operazione" si legge in un comunicato del Pentagono. "Abbiamo costantemente sottolineato con le forze militari turche che il coordinamento e la cooperazione sono la strada migliore per la sicurezza nell'area" e le autorità statunitensi hanno "ribadito che le azioni unilaterali creano rischi per la Turchia". "Lavoreremo con gli altri alleati della Nato e con i partner della coalizione per ribadire alla Turchia le possibili conseguenze destabilizzanti di potenziali azioni per la Turchia, per la regione e oltre".

Altri Servizi

Americano rilasciato, Trump ringrazia l'Iran: "Vedete, possiamo fare un accordo"

Un cittadino statunitense rilasciato dopo oltre tre anni di carcere, dove era finito perché condannato per spionaggio. Liberato uno scienziato iraniano accusato da Washington di aver violato le sanzioni Usa contro Teheran

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ringraziato l'Iran per il rilascio di un cittadino statunitense che deteneva da oltre tre anni, avvenuto nell'ambito di uno scambio. "Preso durante l'amministrazione Obama, tornato durante l'amministrazione Trump" ha scritto su Twitter. "Grazie all'Iran per una negoziazione molto equa. Vedete, possiamo fare un accordo insieme!".

L'occupazione dà slancio a Wall Street, indici vicini ai record

Grazie ai rialzi di venerdì, la settimana si è chiusa con leggeri ribassi solo di Dow e Nasdaq; lo S&P 500 distante lo 0,3% dal suo primato. L'attenzione resta sui negoziati Usa-Cina, su cui sono arrivati segnali contrastanti
AP

Grazie a un rapporto sull'occupazione che ha ampiamente superato le attese degli analisti, gli indici a Wall Street hanno chiuso in forte rialzo la seduta di venerdì 6 dicembre. Il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato 337,27 punti, l'1,2%, salendo a 28.015,06; si è trattato della migliore performance dell'indice dal 4 ottobre, quando guadagnò l'1,4%. Lo S&P 500 ha chiuso in rialzo dello 0,9% a 3.145,91, registrando la migliore giornata dal 15 ottobre; il Nasdaq, infine, ha guadagnato l'1% a 8.656,53 punti.

Audizione per l'impeachment di Trump, tre costituzionalisti su quattro a favore

Quattro esperti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deciderà se procedere con la messa in stato d'accusa del presidente Usa
Ap

In base a prove e testimonianze, il presidente statunitense Donald Trump ha commesso reati passibili di impeachment. Lo ha detto Noah Feldman, professore di Harvard, primo dei quattro costituzionalisti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deve decidere sull'impeachment di Trump. 

Impeachment, chi sono i senatori repubblicani che potrebbero votare per la rimozione di Trump

Un ristretto gruppo di membri del Gop potrebbe prendere in considerazione un voto contro il presidente, il cui destino in Senato appare comunque blindato

L'impresa è forse oltre i limiti dell'impossibile: convincere un numero sufficiente di senatori repubblicani per condannare e rimuovere dalla Casa Bianca il presidente Donald Trump. Con l'impeachment ormai all'orizzonte (il voto alla Camera sulla messa in stato d'accusa dovrebbe arrivare prima di Natale), il partito democratico è al lavoro anche per comprendere quante possibilità ci siano di arrivare poi alla condanna durante il 'processo' in Senato.

Ripartono i negoziati di pace tra Stati Uniti e talebani

L'inviato del presidente Trump in Qatar per incontrare i ribelli; tre mesi fa, la Casa Bianca aveva bloccato le trattative dopo un attentato
U.S. Department of Defense

Gli Stati Uniti e i talebani hanno riaperto i negoziati di pace in Qatar, tre mesi dopo la decisione del presidente Donald Trump di fermarli, in seguito a un attentato compiuto dai ribelli in Afghanistan in cui è morto anche un soldato statunitense.

Trump: "Dem antipatriottici". Oggi il rapporto sulle indagini per l'impeachment

I democratici vogliono un voto alla Camera entro Natale; in questo caso, a gennaio partirebbe il processo in Senato
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha definito i democratici "molto antipatriottici" perché vogliono metterlo in stato d'accusa, mentre la commissione Intelligence della Camera si prepara a rendere noto il proprio rapporto sulle prove e le testimonianze raccolte nel corso delle ultime settimane; in base a questo rapporto, la commissione Giustizia deciderà se e quali articoli di impeachment redigere e far votare alla Camera. In settimana, la commissione darà il via alle proprie audizioni e ha invitato Trump a partecipare.

Usa 2020, Biden: il partito democratico non si è spostato a sinistra

"Media e rivali sbagliano a leggere la realtà"
Ap

Il partito democratico statunitense non si è spostato a 'sinistra'. Ne è convinto l'ex vicepresidente statunitense, Joe Biden, che ha detto che i media e i suoi rivali alle primarie sbagliano a leggere la realtà, pensando che Alexandria Ocasio-Cortez, la neodeputata più famosa del Paese, rappresenti la direzione intrapresa dal partito.

Pelosi: "Procediamo con gli articoli di impeachment per Trump"

La speaker della Camera chiede alla commissione Giustizia di redigere le accuse. Trump: "Impeachment? Fatelo in fretta, così poi torniamo al lavoro"
Ap

La speaker Nancy Pelosi ha annunciato che la Camera statunitense comincerà a redigere gli articoli per l'impeachment di Donald Trump, in un discorso durato meno di sei minuti in cui ha dichiarato che è ormai chiaro, dopo due mesi di indagini, che il presidente ha violato il suo giuramento, facendo pressioni su una potenza straniera per ricevere aiuto per le elezioni del 2020. "La nostra democrazia è in gioco. Il presidente non ci lascia altra scelta che agire, perché sta cercando di manipolare, ancora una volta, le elezioni a suo vantaggio".

Digital tax, la Francia sfida gli Usa: "Pronti ad andare al Wto"

Washington minaccia rappresaglie, "ma la tassa colpisce le aziende Usa, Ue, francesi o cinesi allo stesso modo. Non è discriminatoria"
Ap