Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

L'udienza riprenderà quando in Italia saranno le 19 e si concentrerà su chi sarebbe responsabile delle azioni della 46enne nel caso il rilascio su cauzione fosse concesso mentre viene deciso se estradarla o meno in Usa (potrebbero passare mesi, se non anni, prima che l'estradizione si realizzi). Washington vuole la 'principessa' dell'high tech cinese sul suo territorio per processarla: è accusata di avere mascherato violazioni di sanzioni Usa legate all'Iran e di avere fuorviato le banche internazionali sul controllo di un'azienda (Skycom) usata per effettuare transazioni da milioni di dollari con Teheran. Per gli inquirenti statunitensi Skycom non era altro che Huawei ma per Meng il gruppo di Hong Kong era un'entità separata con cui lei aveva tagliato i ponti nel 2009; dunque lei non è responsabile delle violazioni commesse tra il 2010 e il 2014. Gran parte della battaglia legale si concentrerà sul dimostrare chi controllava Skycom dopo il 2009 e per farlo servirà gettare luce sulla struttura tutt'altro che trasparente.

Prima ancora, però, serve decidere se Meng può uscire dal centro di detenzione nella provincia canadese della British Columbia (dove Vancouver si trova) come lei vorrebbe (ha detto che soffre di grave ipertensione e che teme per la sua salute). Ieri l'avvocato della donna, David Martin, non sembra avere convinto il giudice con le sue proposte: il reclutamento di un gruppo di sorveglianza, pagato da Meng, e in grado di arrestarla nel caso tentasse di fuggire; una garanzia di 15 milioni di dollari canadesi (1 milione in contanti e il resto in proprietà immobiliari che Meng vanta a Vancouver); l'offerta del marito come garante. Sia il giudice sia la procura canadese (che non vuole il rilascio su cauzione di Meng) sono scettici del ruolo proposto per il marito visto che non è residente della British Columbia e non sarebbe intaccato dalla eventuale violazione delle condizioni del rilascio da parte della moglie. A un certo punto il giudice ha chiesto a Meng se non abbia viaggiato in Usa dal 2017 per evitare un arresto. Lei ha citato un clima "ostile" nei confronti di Huawei. Il colosso delle tlc - convinto di avere agito nel giusto -continua a sperare che "i sistemi giudiziari di Canada e Usa giungano a una conclusione giusta". Intanto a Meng sono stati tolti i due passaporti che ha impedendole di salire su un aereo commerciale. La sua unica via di fuga sarebbe via terra in Usa, il Paese che vuole la sua estradizione.

Altri Servizi

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.

Tesla: Musk difende suoi tweet e attacca Sec, "ha oltrepassato il limite"

Secondo l'autorità di borsa Usa, il Ceo del produttore di auto elettriche ha violato il patteggiamento siglato a settembre
AP

Elon Musk, il Ceo di Tesla, è tornato ad attaccare l'autorità di borsa americana sostenendo che "ha oltrepassato ogni limite in modo senza precedenti".