Snapchat crolla a Wall Street: la prima trimestrale da gruppo quotato delude

Nei primi tre mesi del 2017, perdita di oltre 2 miliardi: il debutto in borsa è costato caro. Ricavi quasi triplicati ma gli analisti volevano di più. Crescita degli utenti nella media. La app risente della concorrenza di Instagram (Facebook)

La dimostrazione di come Snap risenta della conconcorrenza di Facebook è arrivata nella sua prima trimestrale da azienda quotata. Il gruppo che controlla la app Snapchat ha visto lievitare la sua perdita, le vendite sono quasi triplicate ma gli analisti si aspettavano di più e la crescita degli utenti non ha soddisfatto. Come se non bastasse, Snap non ha fornito alcun commento ai conti. Tutti questi fattori hanno fatto crollare il titolo scambiato dal 2 marzo scorso al New York Stock Exchange, dove ieri nel dopo mercato ha perso oltre il 23% circa riavvicinandosi pericolosamente al prezzo di collocamento pari a 17 dollari. Tutto ciò dimostra come il più grande social network al mondo ci abbia visto lungo nel fornire sulla sua app Instagram sempre più funzioni ispirate proprio a Snapchat.

Nella prima trimestrale da gruppo quotato, Snap ha registrato una perdita di 2,21 miliardi di dollari contro quella da 104,6 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. A pesare sono stati costi associati all'Ipo per circa 2 miliardi.

Nei tre mesi chiusi il 31 marzo scorso, i ricavi sono saliti del 286% a 149,65 milioni di dollari ma gli analisti si aspettavano 158 milioni; il risultato raggiunto è per altro inferiore a quello del trimestre precedente, quando il fatturato era stato di 165,7 milioni.

Gli utenti che usano Snapchat ogni giorno sono stati 166 milioni, in rialzo del 36% sul primo trimestre 2016 ma solo del 5% rispetto al periodo ottobre-dicembre 2016. Le vendite generate da ogni utente sono salite del 181% rispetto a inizio 2016 ma sono calate del 14% sui tre mesi prima a 90 centesimi.

Resta da capire come Snapchat intenda crescere e magari cambiare le sue caratteristiche chiave pur di attrarre inserzioni pubblicitarie, il fattore trainante dei ricavi di Facebook. In una call con gli analisti, l'amministratore delegato Evan Spiegel ha riso quando gli è stato chiesto se teme il gruppo guidato da Mark Zuckerberg. "Solo perché Yahoo ha un campo per la ricerca, non significa che sia come Google", ha detto aggiungendo: "Siamo lusingati che qualcuno ci copi".

In attesa dei conti, giunti ieri a mercati Usa chiusi, Snap aveva perso l'1,46% a 22,98 dollari. Gli scambi in borsa iniziarono a 24 dollari e all'indomani del debutto al Nyse  il titolo arrivò a quota 29 dollari per poi scendere in area 19 dollari nelle settimane successive salvo risollevarsi successivamente.

Altri Servizi

Stephen Colbert annuncia dalla Russia: "Mi candido per Usa 2020"

Ospite di Evening Urgant, un late show russo, il presentatore e comico americano ha colto tutti di sorpresa con l’inaspettata dichiarazione

Sono passati poco più di sette mesi dalle elezioni che hanno consegnato a Donald Trump la presidenza degli Stati Uniti e c’è già chi sta pensando alla corsa alla Casa Bianca del 2020. Non stiamo parlando di Hillary Clinton o di qualche noto politico americano bensì di Stephen Colbert, comico e presentatore del Late Show, il famoso programma in onda in seconda serata su Cbs.

Come aprire una Corporation: un'introduzione

Focus sul metodo di tassazione e sulle forme societarie statunitensi
Unsplash

Come abbiamo visto nella nostra guida ad aprire una filiale italiana, l’impresa straniera che vuole investire produttivamente negli Stati Uniti e beneficiare al massimo delle opportunità che offre il mercato americano deve muovere una serie di passi ben definiti e avere ben chiare determinate nozioni.

Oracle da record a Wall Street: torna a valere 200 miliardi di dollari

Utili e ricavi sopra le stime per il colosso del software, che raggiunge una capitalizzazione che non toccava dalla bolla tech. E' il primo gruppo di questo genere ad arrivare a un simile traguardo
iStock

Utili e ricavi trimestrali oltre le stime, grazie alle attività cloud. Questo spiega il rally nel dopo mercato a Wall Street del titolo Oracle, arrivato a guadagnare oltre il 10% e spingendosi sopra quota 51 dollari per la prima volta. La capitalizzazione del gruppo fondato da Larry Ellison (nella foto) è così balzata sopra i 200 miliardi di dollari per la prima volta dalla bolla tech di fine anni '90. E' la prima azienda che vende quasi esclusivamente a grandi gruppi e alla pubblica amministrazione ad avere raggiunto un tale valore. E' la dimostrazione di come il mercato inizi a credere nella transizione di Oracle verso il cloud computing.

Dennis Rodman difende Kim Jong Un: "Avete un’opinione sbagliata su di lui"

L’ex stella Nba, di ritorno dal viaggio in Corea del Nord è intervenuto a Good Morning America su Abc

L’ex stella Nba dei Chicago Bulls, Dennis Rodman, è tornato in America dal suo tanto pubblicizzato viaggio in Corea del Nord. Si tratta della quinta visita del campione di basket al suo amico Kim Jong Un, la prima da quando Donald Trump si è insediato alla presidenza degli Stati Uniti. Eppure quest’ultimo viaggio è molto diverso dagli altri quattro, non solo per via del cambio alla presidenza degli Stati Uniti

Riforma sanitaria a rischio dopo il quinto "no" di un senatore repubblicano

Dean Heller, repubblicano del Nevada, è l’ultimo in ordine di tempo ad esprimersi contro la versione che dovrebbe sostituire l’Obamacare

Donald Trump e i suoi alleati stanno prodigandosi il più possibile per aiutare i leader del Gop a far passare il testo della riforma sanitaria attualmente al vaglio del Senato statunitense. Per il tycoon newyorchese potrebbe essere una boccata d’ossigeno per rilanciare una presidenza sotto torchio per via dello scandalo sulla Russia e per rilanciare un’indice di popolarità ai minimi.

La settimana economica e politica in America

Lunedì ci sarà l'attesissimo incontro alla Casa Bianca tra Donald Trump e alcuni amministratore della Silicon Valley. E poi ci sono i dati sulle case e ancora i discorsi di due presidenti della Fed
AP

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi a assumere funzionari per le posizioni più strategiche (ne abbiamo parlato qui), lunedì ci sarà un appuntamento fondamentale. Alla Casa Bianca infatti si incontreranno gli amministratori delegati delle aziende tecnologiche che per la seconda volta cercheranno di discutere con il presidente americano le politiche che potrebbe adottare nei prossimi mesi.

È morto il cittadino americano detenuto 17 mesi in Corea del Nord

Otto Warmbier era stato liberato il 13 giugno e si trovava in coma, forse da più di un anno. Pyongyang detiene altri tre cittadini americani

È morto Otto Warmbier, il cittadino americano di 22 anni liberato la settimana scorsa dal regime della Corea del Nord. Si trovava in coma dal marzo del 2016 secondo quando ha fatto sapere il regime di Pyongyang. La famiglia - che ha diffuso la notizia - aveva detto che aveva gravi danni neurologici. Warmbier, 22 anni, era stato liberato la settimana scorsa dopo 17 mesi di detenzione: si trovava in Corea del Nord come turista quando era stato arrestato il 2 gennaio 2016 e poi condannato a 15 anni di lavori forzati per aver cercato di rubare un cartellone della propaganda del regime in un albergo. Il giovane, dopo un processo per direttissima di solo un'ora, era stato condannato con l'accusa di "atto ostile contro lo stato".

Google non leggerà più le nostre mail per scopi pubblicitari

La decisione segue la volontà di Mountain View di attrarre più clienti business
Shutterstock

Alphabet Inc, la controllante di Google, ha annunciato l’interruzione della scansione delle singole email a cui vengono sottoposti gli utenti di Gmail per scopi pubblicitari. Si tratta di una pratica introdotta nel 2014 e con la quale Mountain View ha sempre "analizzato" il contenuto delle email così da inserire messaggi promozionali appropriati ai gusti degli utenti all’interno della loro interfaccia.

Johnny Depp allude all'omicidio di Trump e poi si scusa

Frasi "preoccupanti" per la Casa Bianca mentre l’attore americano ha spiegato che non c’era malizia nelle sue parole

Tutte le "bugie di Donald Trump"

Il New York Times ha creato un'antologia unica in cui le menzogne del tycoon vengono analizzate dettagliatamente attraverso contraddittori, schede e grafici
AP