Snapchat spopola tra i millennial anche in borsa

L’età media degli utenti è 29 anni, quella degli investitore nel giorno dell’Ipo è di 26

Snapchat, la popolare app di messaggistica usa e getta di proprietà della Snap Inc, va molto di moda tra i millennials. È infatti diventata in breve uno dei social network maggiormente in voga nella fascia d’età compresa tra i 18 e i 34 anni (158 milioni di utenti quotidiani compresi in questa fascia nel periodo ottobre - dicembre 2016 stando agli ultimi dati pubblicati dalla società).

Il debutto in borsa, avvenuto lo scorso 2 marzo, è stato un vero e proprio boom per la società californiana creata da Evan Spiegel, che in poche ore ha visto schizzare il proprio valore a 33 miliardi di dollari. Si tratta di un evento che come ricorda il Wall Street Journal rappresenta il secondo sbarco tecnologico in Borsa per dimensioni da quello del 2014 di Alibaba, il colosso cinese dell’e-commerce. E proprio la sua quotazione pubblica è stata un ulteriore conferma di quanto Snap sia amata dagli under 35.

In un articolo apparso sempre sul giornale economico di New York si mette infatti in risalto un particolare aspetto della quotazione di Snap. Stando ai dati registrati da Robinhood, piattaforma di brokeraggio online le cui attività sono cresciute del 43% giovedì scorso proprio in relazione allo sbarco a Wall Street dell’app del "fantasmino", l’età media di coloro che hanno investito nelle azioni di Snap è di 26 anni. Di tre anni inferiore a quella dei suoi utenti che si attesta invece sui 29 anni.

Tra coloro che hanno comprato le sue azioni c’è Rebecca Shoenthal, studentessa 22enne di giornalismo alla University of North Carolina di Chapel Hill intervistata dal Wsj a cui ha raccontato di aver comprato azioni per circa 24 dollari l’una con l’idea di spendere massimo 40 dollari per azione. Giovedì titolo era stato collocato a 17 dollari partendo però attorno ai 25 dollari; nella seduta di venerd" invece era schizzato fino a quota 29 dollari per azione per poi chiudere a 27,09 dollari. "Ho voluto sondare il terreno, giocando con dei soldi che se dovessi perdere non ucciderebbero le mie finanze", ha detto la giovane Shoenthal che ha poi dichiarato di non voler vendere le proprie azioni per almeno un paio di anni".

L’investimento in Snap da parte di questa ragazza non è casuale. Come lei stessa ha affermato al giornale americano, dopo aver seguito negli ultimi mesi alcuni corsi di finanza all’università, ha iniziato a guardare con maggiore attenzione l’andamento dei mercati. In aggiunta, essendo un’utente quotidiana di Snapchat, è sicura che il futuro della compagnia sia più che roseo soprattutto in considerazione del fatto che sta cambiando totalmente il modo in cui i giovani accedono alle notizie.

Particolare attenzione a come i giovani avrebbero reagito all’Ipo di Snap è stata posta anche da StockTwits, piattaforma social su cui gli utenti si scambiano idee di trading. Il 40% dei suoi utenti ha un età compresa tra 18 e 34 anni così come il 60% di coloro che si sono scambiati idee o hanno seguito il flusso di messaggi circa la quotazione della società di Spiegel giovedì scorso.

Tra i giovani investitori c’è anche Kaleana Markley, consulente di benessere 29enne che vive a San Francisco e che ha acquistato 100 dollari di azioni Snap. Si tratta di un acquisto moderato ma che è frutto della grande attenzione posta nei confronti dell’app verso cui lei, come molti altri millennial, nutre "grandi speranze".

Altri Servizi

La settimana economica e politica in America

Lunedì ci sarà l'attesissimo incontro alla Casa Bianca tra Donald Trump e alcuni amministratore della Silicon Valley. E poi ci sono i dati sulle case e ancora i discorsi di due presidenti della Fed
AP

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi a assumere funzionari per le posizioni più strategiche (ne abbiamo parlato qui), lunedì ci sarà un appuntamento fondamentale. Alla Casa Bianca infatti si incontreranno gli amministratori delegati delle aziende tecnologiche che per la seconda volta cercheranno di discutere con il presidente americano le politiche che potrebbe adottare nei prossimi mesi.

Scontro tra navi in Giappone, morti sette militari americani

Una nave cargo filippina ha travolto la USS Fitzgerald. I membri della Marina stavano dormendo

Una scontro con una nave da carico ha distrutto la cabina del capitano di un cacciatorpediniere americano provocando sette morti. I marinai stavano dormendo per questo non hanno avuto il tempo per salvarsi. È successo in Giappone dove la nave cargo ACX Crystal, battente bandiera filippina, ha travolto la Uss Fitzgerald. 

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

È morto il cittadino americano detenuto 17 mesi in Corea del Nord

Otto Warmbier era stato liberato il 13 giugno e si trovava in coma, forse da più di un anno. Pyongyang detiene altri tre cittadini americani

È morto Otto Warmbier, il cittadino americano di 22 anni liberato la settimana scorsa dal regime della Corea del Nord. Si trovava in coma dal marzo del 2016 secondo quando ha fatto sapere il regime di Pyongyang. La famiglia - che ha diffuso la notizia - aveva detto che aveva gravi danni neurologici. Warmbier, 22 anni, era stato liberato la settimana scorsa dopo 17 mesi di detenzione: si trovava in Corea del Nord come turista quando era stato arrestato il 2 gennaio 2016 e poi condannato a 15 anni di lavori forzati per aver cercato di rubare un cartellone della propaganda del regime in un albergo. Il giovane, dopo un processo per direttissima di solo un'ora, era stato condannato con l'accusa di "atto ostile contro lo stato".

Incontro Trump-Silicon Valley, tra segnali di pace e una possibile guerra

Oggi alla Casa Bianca la riunione con gli amministratori delegati dei colossi tecnologici: da una parte si discuterà di modernizzazione del governo, dall'altra di visti per stranieri e di capitali all'estero (quasi 600 miliardi di dollari)

Usa, Georgia al voto: spese record per un test su Trump

Elezioni speciali per un seggio alla Camera, attenzione nazionale. Spesi oltre 50 milioni di dollari: una cifra senza precedenti per un seggio a Capitol Hill
Ap

Wall Street da record

Nessun dato macroeconomico in agenda. Il presidente Donald Trump incontra gli amministratori delegati della Silicon Valley
AP

Afghanistan, la Casa Bianca non ha una strategia chiara

Donald Trump ha dato pieni poteri al Pentagono che vorrebbe inviare 3.000-5.000 nuovi militari nel Paese
AP

Nessuno vuole lavorare per l'amministrazione Trump

Il risultato è che in quasi cinque mesi di governo ci sono ancora centinaia di posti vacanti e a Washington si vive in un senso di immobilità
AP

Incontri segreti tra Corea del Nord e Usa per liberare prigionieri e aprire un canale diplomatico

Si sarebbero intensificati con l'elezione di Donald Trump. Poi la notizia delle condizioni del cittadino Usa Otto Warmbier li hanno bloccati
AP